Warangel Graal

Mostra Recensione

Voto Recensore: 
7

Dopo i numerosi riconoscimenti ottenuti sia da Warangel 2000 che dal Warangel Card Game, il prolifico amico Angelo Porazzi ha dato alla luce un nuovo gioco che, pur nella medesima ed ormai collaudata ambientazione, non mancherà di uguagliare il successo dei titoli precedenti. Anche Warangel Graal può essere giocato in due modalità diverse, una è quella base, mentre la seconda si chiama Colonization.

Nella versione standard di Warangel Graal, viene usata una singola mappa che riproduce, guarda caso, un'isola dalla sagoma di una croce templare con un vulcano al centro. Ognuno dei giocatori avrà a disposizione una delle razze di Warangel, ma controllerà all'inizio solo il dominante, mentre gli altri guerrieri saranno mescolati tutti assieme con le pedine rappresentanti gli oggetti (fra cui il Graal), che saranno disposti inizialmente coperti, a caso, sulla mappa.

Nel corso del proprio turno, ogni giocatore muove il suo dominante e, quando passa in una casella contenente un'altra pedina, la rivela. Se si tratta di uno dei propri guerrieri, esso viene attivato e da quel momento avrà a disposizione un pezzo in più da muovere. Se si tratta di un guerriero di un altro giocatore, potrà invece decidere di lasciarlo dov'è, di attaccarlo, o anche di fargli un favore, attivandolo direttamente. Se infine si tratta di un oggetto, lo raccoglie e potrà utilizzarlo; gli oggetti hanno dei bonus che si sommano alle caratteristiche del guerriero (Potenza, Vitalità, Movimento e Valore) e, naturalmente, il Graal è il più potente di tutti! Ovviamente, le pedine speciali possono essere trasferite da un guerriero all'altro, conquistate combattendo, o anche scambiate fra i giocatori, ma vi sono dei limiti al numero e tipo di oggetti utilizzabili da uno stesso guerriero.

Dopo che ogni giocatore ha effettuato il proprio turno di gioco, muovono ed attaccano i Wardaemon, prelevati a caso da un contenitore, secondo un meccanismo automatico, complicando ulteriormente la ricerca dei giocatori. E l'obiettivo del gioco è proprio liberarsi dalla piaga costituita da queste nefande creature; il vincitore sarà infatti il primo che riuscirà a portare il proprio dominante, in possesso del Graal, sul vulcano al centro della mappa: egli verserà il contenuto nella bocca dell'inferno, e bloccherà per sempre i Wardaemon sconfiggendo la guerra stessa!

La modalità di gioco Colonization, infine, consente di usare alcune regole ed i componenti di Warangel 2000 per colonizzare l'isola del Graal. In questo caso, lo svolgimento del gioco è praticamente lo stesso, ma in questo caso i giocatori possono costruire le fortezze (ponendovi sotto i punti risorsa), che producono ulteriori guerrieri nei turni seguenti, in base al valore totale dei punti risorsa assegnati. Si tratta in pratica di una versione ancora più strategica del gioco.

Collegamento alla Scheda del Gioco: 
Score: 
0.00
Hits: 
4 328
Pro: 

Warangel Graal gode di tutti i pregi del suo progenitore Warangel 2000: i bei disegni opera dell'autore, la profondità dell'ambientazione, la solidità del regolamento, la possibilità di giocare a vari livelli di complessità, l'eccellente qualità dei materiali (soprattutto se usate le fantastiche basette in legno), sono tutte doti eccezionali che fanno anche di questo gioco un piccolo gioiello. Ma in Warangel Graal c'è di più. Ora il semplice wargame diventa a tutti gli effetti un'avventura fantasy vera e propria che offre numerosi spunti per elaborare innumerevoli scenari di espansione futuri ai quali l'autore avrà certamente già pensato!

Inoltre, la modalità Colonization approfondisce ulteriormente il gioco, dandogli una ancor più marcata connotazione strategica, coinvolgente, appassionante e in grado di convincere anche i giocatori più esperti ed esigenti, che si troveranno continuamente a fronteggiare numerose scelte, pur sempre con l'imprevisto rappresentato dagli incontrollabili WarDaemon.

In conclusione, ritengo che non solo Warangel Graal appassionerà tutti coloro che già amavano Warangel, ma credo che non mancherà di attrarre anche tutti quei giocatori che amano l'aspetto avventuroso di un gioco che non è più un puro wargame strategico.

Contro: 

Considerato che la base è costituita dal sistema di Warangel 2000, che non fa altro che riscuotere riconoscimenti anche oltre oceano, è difficile parlare di difetti. Ovviamente, se siete amanti del puro wargame strategico, l'aggiunta della componente avventurosa vi sembrerà superflua e inutile...

Contenuto: 

1 grande mappa di gioco plastificata (sul retro vi sono 2 mappe omaggio per Warangel), pedine cartonate, fustellate e plastificate per le 9 razze guerriere di Warangel, i WarDaemon e le pedine Speciali degli oggetti, scehde di riferimento per le razze, gli oggetti ed il costo di movimento dei terreni, regolamento. A richiesta, sono anche disponibili delle ottime basette in legno per incollarvi le pedine.

  • su
    50%
  • down
    50%

Commenti

[voto 9] - Ha tutti gli aspetti positivi del gioco madre Warangel. L'unica perplessità è dovuta al fatto che utilizzando le pedine in legno, queste non si possono personalizzare con i colori della razza in quanto per giocare alla modalità base i propri guerrieri non devono essere riconosciblili da quelli avversari e dagli oggetti quando le pedine sono girate. Se si vogliono avere tutte le razze disponibili a giocare in qualsiasi modalità conviene dipingere le basette con un colore neutro (io le sto dipingendo tutte in argento). Il problema non si pone per la modalità avanzata Colonization.

Ritratto di Raziel

[voto 8] - Nessun commento

Colui che sogna ad occhi aperti sa di molte cose che sfuggono a quanti sognano solo dormendo.
E.A. Poe

[voto 4] - Nessun commento

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

[voto 5] - Il gioco di per sè è abbastanza poca cosa, diciamo da 6 meno meno. I materiali a dir poco scadenti abbassano ulteriormente il voto.

Roberto Gianotto / A&A player