Il Castello

Giochi collegati: 
A Castle for All Seasons
Voto recensore: 
7,1

Ambientazione
In A Castle for All seasons ogni giocare veste i panni di un costruttore che ha come compito quello di erigere un castello con l’aiuto dei propri aiutanti e dei propri specialisti.
Il gioco dura da un minimo di 12 turni ad un massimo di 15 (a seconda del numero di giocatori).

Il Gioco
Durante il turno ogni giocatore sceglie una carta e la pone coperta davanti a se; dopo che tutti hanno scelto la propria carta queste vengono scoperte contemporaneamente e in base ad un ordine prestabilito ogni giocatore effettua l’azione del personaggio giocato. Le carte giocate non tornano nella mano del giocatore ma vengono messe da parte.
L’ordine delle carte è il seguente (in caso di parità ha la precedenza chi è più vicino al primo di turno):
1 Messaggero
2 Commerciante
3 Muratore
4 Scalpellino
5 Lavoratore
6 Capo Mastro

1) Messaggero: permette al giocatore di guadagnare immediatamente 8 talleri.

2) Commerciante: piazzate un aiutante vicino ad un carro di risorse (il cavaliere può essere scelto solo se tutti i carri risorse hanno un aiutante).
Inoltre tutti i giocatori presenti sui carri prendono le risorse indicate e ne pagano una alla torre.

3) Muratore: chi sceglie il muratore può prendere un tipo di risorsa (tutte le unità ma di un solo tipo) dalla torre, può costruire fino a 2 edifici (che gli valgono punti vittoria) e può pagare per piazzare fino a 2 aiutanti all'interno del castello.

4) Scalpellino: consente comprare le risorse dai Lavoratori avversari, può erigere fino a 2 edifici (che gli valgono talleri in base alle risorse impiegate) e può pagare per mettere fino a 2 aiutanti nel castello.

5) Lavoratore: appena un giocatore gira la propria carta Lavoratore prende le risorse indicate e le mette sulla carta; se le risorse non vengono comprate da altri giocatori in quel turno, vengono guadagnate dai rispettivi giocatori.
In fine i Lavoratori possono costruire fino a 2 edifici (guadagnando però, solo la metà dei punti vittoria).

6) Capo Mastro: permette al giocatore di riprendere in mano tutte le carte giocate fino a quel turno (se non sono ancora state giocate carte da quel giocatore non si può scegliere il Capo Mastro); inoltre se in quel turno vengono eretti degli edifici dagli avversari, il giocatore guadagna 5 punti vittoria per ogni costruzione.

Ogni risorsa vale un determinato numero di “Punti Costruzione” (1 per la sabbia, 2 per il legno ecc...) ed ogni edificio necessita di una determinata quantità di “Punti Costruzione” per venire eretto; il valore delle risorse deve essere uguale al costo dell’edificio e devono essere usate almeno 3 risorse differenti per poter costruire.
Gli aiutanti vengono piazzati sulle caselle libere degli edifici costruiti all’interno del castello e una volta messi non si possono più spostare; faranno guadagnare punti in base al potere dell’edificio alla fine della partita (ci sono edifici che fanno guadagnare punti vittoria in base al numero di case costruite, in base al numero di torri costruite, in base a quanti spazi per gli aiutanti sono rimasti vuoti ecc...).
Il giocatore con più punti vittoria è il vincitore.

Considerazioni
Tralasciando gli elogi per la grafica eccezionale, il gioco è molto bello e piacevole con una meccanica vincente (già collaudata ma resa molto bene). Il regolamento non è chiarissimo, ma ciò non toglie che sia un bel gioco con un’elevata interattività che richiede una buona dose di intuito.
In più c'è una variante che rende il gioco più impegnativo... cosa vogliamo di più?

Pro: 

Gioco veloce da giocare e da imparare con una meccanica fluida e vincente.
Grafica e componentistica eccellenti.
Ottima interazione trai i giocatori.
Buona dose di intuizione e di memoria.
Variante molto interessante che aggiunge longevità al gioco base.

Contro: 

Regolamento non troppo chiaro.
Risulta difficile recuperare se si viene lasciati indietro.

Autore: 
CapitanBarbossa