Deathwing

Voto recensore:
0,0

Descrizione
Deathwing è la prima espansione della prima edizione di "Space Hulk".
In effetti definirla espansione è quasi "riduttivo" data la quantità di materiale che aggiunge al base, ma vediamo di esaminarlo tutto con calma.

Il Gioco
Armi
La prima cosa che salta all'occhio di Deathwing sono le nuove armi a disposizone dei Marines e tra queste la più importante è sicuramente il "Cannone d'Assalto": uno spettacolare "fucile a canne rotanti" che promette di falciare senza pietà i Genestealer almeno fino a dopo la ricarica quando, se la fortuna non è dalla vostra, esploderà inesorabilmente trascinandosi dietro il povero Marine e chiunque gli stia vicino.
Le altre armi includono il Lancia Granate, la Spada Potenziata, il Maglio a Catena, il Martello del Tuono in coppia con lo Scudo della Tempesta, gli Artigli del Fulmine e l'Ascia ad Energia.
Come si può vedere sono tante e tutte con regole apposite, troppe da poter scrivere qui.

Generatore di missioni e gioco in solitario
La seconda aggiunta "di peso" dell'espansione sono le regole per la generazione casuale delle missioni e per il gioco in solitario.
Le prima non solo prevede una tabella con degli obbiettivi casuali per i Marines (tra i più comuni come resistere un tot. di turni, incendiare un particolare stanza, arrivare in un punto, ecc.) ma introduce le "Geotessere". Queste sono dei particolari tasselli numerati fino a 10 che rappresentano una sezione dell'Hulk, ovvero un insieme di diversi pezzi di mappa. Pescando e collegando queste tessere a turno fra i giocatori è possibile una sorta di generazione casuale della mappa ed ovviamente dei punti di ingresso.
Il "Solitario" invece è un piccolo insieme di regole che permettono di simulare in modo basilare, ma relativamente efficace, una sorta di rudimentale intelligenza artificiale dei Genestealer consentendo, appunto, di giocare da solo con i Marines.

Personaggi e squadre
Altra aggiunta sono i Capitani Marine, più forti dei Sergenti sia in corpo a corpo che nella parte timer/punti comando ed i Bibliotecari che portano con loro un set di regole abbastanza basilare per i poteri psichici che verranno poi estesi e dettagliati nella successiva espansione "Genestaler".
Le "Squadre" sono invece un tentativo di inserire un pezzo di "Warhammer 40K" in "Space Hulk". Questa sezione del regolamento consente infatti di costruire la/e propria/e squadra/e di marine secondo un sistema di punti in classico stile "Codex" dando ovviamente opzioni per diverse personalizzazioni più "pesanti", più "leggere" o addirittura più da "corpo a corpo".

Multilivelli, paratie e altro
Deathwing porta la battaglia su più livelli aggiungendo non solo le scale, ma anche buche in cui i Marine possono cadere o gettarsi volontariamente! Ovviamente sia le prime che le seconde sono tutte a vantaggio dei Genestaler in quanto le ingombranti e rigide armature Terminator sono ben poco adatte a qualsiasi movimento all'infuori del camminare.
Le paratie sono porte rinforzate che una volta chiuse non possono più essere aperte, nemmeno dagli alieni, ma solo distrutte da armi particolarmente potenti quali il Cannone d'Assalto, il Maglio a Catena o simili.
Oltre a questo l'espansione aggiunge diversi pezzi di mappa particolari, "ostacoli" ed "oggetti scenici" tra cui casse, rifiuti e capsule criogeniche e altre regole per le imboscate (con appositi segnalini) ed il teletrasporto nonché, ovviamente, una nuova campagna di 6 missioni.

Considerazioni finali
Sarebbe sciocco negare che Deathwing è davvero una grossa espansione che aggiunge letteralmente una palata di materiale a "Space Hulk" rendendolo molto più vario, completo e complesso del base, ma ad onor del vero bisogna dire che poco di quanto è contenuto è "nuovo". La maggior parte delle regole incluse, infatti, era già apparsa su White Dwarf rendendo Deathwing una sorta di "raccolta di materiale" anche se, sempre per essere onesti, diverse cose sono state cambiate, bilanciate ed ovviamente rifinite in una veste tutta nuova per questa espansione.
Il lavoro fatto per migliorare un capolavoro è quindi evidente tant'è che la maggior parte di quanto sopra è poi diventata parte integrante della terza edizione.
Se avete Space Hulk 1° o 2°edizione, e lo amate, questa è l'Espansione (con le "E" maiuscola) da avere assolutamente!

Pro:
Aggiunge moltissime novità ed opzioni ampliando di molto il gioco base.
Le nuove regole aumentano le complessità tattico-strategiche del gioco per ambo le parti.
La possibilità di generazione casuale della mappa e delle missioni rende potenzialmente infinita la longevità.
Contro:
Molte delle regole erano già apparse su White Dwarf ed alcune, come le squadre, sono abbastanza sbilanciate in favore dei Marine.
Le miniature dei Marine Terminator sono di scarsa qualità rispetto a quelle per "Warhammer 40K" dell'epoca.