Gods

Giochi collegati:
Gods
Voto recensore:
0,0
Sul Web è possibile trovare dei giochi gratuiti da scaricare sotto forma di file e, con un po’ di pazienza, realizzare. Per quanto mi riguarda, ho provato tre di questi giochi: quello qui recensito, Dschunke das Legespiel (dello stesso Schacht) e Cronberg della Kronberger.

Gods è scaricabile dal sito dell’editore (http://spiele-aus-timbuktu.de sotto forma di vari file .jpg che vanno stampati (volendo incollati su cartoncino rigido) e ritagliati. Ogni giocatore riceve le tessere tempio del proprio colore, due gettoni Energia e le sue 15 tessere Religione. Le altre tessere esagonali vanno mischiate ed impilate con la tessera Catastrofe fra le ultime cinque. Si girano le prime due tessere e si può iniziare.

Prima di tutto ogni giocatore piazza uno dei suoi Templi al centro del tavolo, vicino a quelli avversari. Al proprio turno un giocatore verifica che vi siano due tessere scoperte accanto alla pila (altrimenti ne gira di nuove), prende dalla riserva tre gettoni Energia (si possono averne al max 12) e poi DEVE compiere due azioni. L’azione più comune è quella di prendere una delle tessere scoperte e aggiungerla al territorio che si va formando. Una tessera Popolazione costa 1 gettone Energia per ogni tessera adiacente. Un Deserto fa invece guadagnare un’Energia. L’Intervento Divino permette, in seguito, di effettuare una terza azione ed un Vortice permette di spostare gratuitamente un Deserto.

Altre possibilità sono: spostare un Deserto al costo di 2 Energie, piazzare una delle proprie tessere Tempio, ma al costo di ben 3 Energie per ogni tessera adiacente (!) o infine, scartare una delle tessere accanto alla pila coperta. Questa azione serve ad eliminare una tessera a noi inutile, ma pericolosa se giocata dall’avversario che ci segue.

Una tessera Popolazione “prende” la religione delle tessere Popolazione adiacenti (ma solo se tutte hanno la stessa religione, altrimenti rimane “atea”). Una tessera Tempio “converte” tutte le Popolazioni vicine alla propria religione. I Deserti servono a proteggere le tessere con la nostra religione, rendendo di fatto più costoso per gli avversari convertirle. Non appena vi sono tre tessere Popolazione dello stesso colore, anche non adiacenti, praticanti la stessa religione, il giocatore corrispondente riceve sia un gettone da “3 PV” del colore della Popolazione (che però può essergli tolto da un avversario in seguito) sia un gettone da “2 PV” che gli rimarrà fino a fine partita.

Un giocatore che, alla fine del proprio turno, possiede tre gettoni “3 PV” in tre colori diversi oppure quattro in qualsiasi combinazione di colori, PUO’ decidere di far finire la partita. Altrimenti essa termina quando viene girata la tessera Catastrofe. Ognuno somma i punti vittoria dei gettoni che possiede in quel momento e il/i giocatore/i che hanno piazzato il maggior numero di proprie tessere tempio detraggono 4 PV dal totale.

Versione Gold Edition
Qualche tempo dopo la mia recensione, ho acquistato la Gold Edition di questo gioco dal sito di AdamSpielt che, chiudendo l'attività, aveva iniziato una svendita totale. Il prezzo originario di 19.90 € era stato ribassato a 10.15 € che ritengo più che consono al prodotto.

Cosa troviamo ora nella scatola?
La grafica è rimasta immutata, ma le tessere sono ora stampate sul classico cartone piuttosto spesso e pretagliate in modo da staccarle senza alcun problema.

Le piccolissime tessere religione sono state sostituite dai classici cubetti in legno.

I 'cristalli di energia' non ci sono più: al loro posto una mini-plancia personale con caselle numerate da 0 a 12 e su cui muovere un segnalino.

Leggermente modificato il mix delle tessere.

Il regolamento ha subito qualche modifica: le tessere ora si pescano da un sacchetto (fornito), le tessere 'Catastrofe' sono più di una ed hanno un altro uso. E' sparito il malus per chi ha piazzato il maggior numero di templi. Leggermente modificata anche l'assegnazione dei punti.

Il regolamento è solo in tedesco ma sul sito dell'editore trovate una traduzione in inglese dello stesso Schacht.

Tutto sommato sono lieto di possedere il gioco in versione commerciale e il mio giudizio non cambia più di tanto. Il risultato rimane un gioco adatto a 2-3 persone, un pochino migliorato dalle modifiche al regolamento, ma rimane comunque un gioco tattico, decisamente leggero e non adatto a sessioni impegnative.
Pro:
I tre giochi citati all’inizio fanno parte della stessa categoria e cioè giochi di piazzamento tattico molto “leggero” dal punto di vista dell’impegno richiesto ai partecipanti. Comunque, dei tre, questo è il mio preferito. Come dice lo stesso regolamento funziona meglio in due o tre persone, probabilmente (non l’ho mai provato in quattro) perché risulta più tattico e meno caotico. Graficamente molto bello, non sfigurerebbe se commercializzato in scatola vera e propria (ad un prezzo onesto, però).
Contro:
Comunque dipendente dalla fortuna e sicuramente non troppo soddisfacente a chi ama solo giochi molto “cerebrali”. Dovendo ritagliare tessere esagonali, la fase realizzativa è sicuramente più lunga, soprattutto se avete incollato i fogli su cartoncino rigido. I gettoni Energia triangolari sono scomodi. Al loro posto io utilizzo delle gemme di vetro azzurre.