Gustav Adolf the Great: With God and Victorious Arms

Voto recensore: 
0,0

Ambientazione
Gustav Adolf the Great: With God and Victorious Arms è il quarto volume della serie Musket and Pike pubblicato da GMT.
Il gioco simula a livello tattico 3 battaglie della Guerra dei Trent'Anni più 2 tratte dalle campagne di re Gustavo Adolfo contro i polacchi. La serie dedica grande enfasi alle problematiche relative al controllo, comando ed attivazione delle forze in campo.

Il Gioco
Già ai suoi esordi, nei primi anni novanta, GMT ha dedicato cura ed attenzione alla pubblicazione di giochi tattici che si sono imposti all'attenzione degli appassionati per la grande cura e dettaglio storico, la qualità delle componenti, la solidità del regolamento.
Ciascuna battaglia di Gustav Adolf the Great viene giocata su una delle cinque mappe storiche incluse nella confezione. Le mappe sono stampate fronte-retro su fogli formato A1. Le forze in campo riproducono gli schieramenti storici impegnati negli scontri, ricostruiti attraverso una attenta ricerca e consultazione di fonti storiche e documenti dell'epoca.
La serie Musket and Pike impiega due tipologie di pedine: le pedine unità (leader e formazioni combattenti) e gli indicatori di gioco.

I materiali
Le mappe, non montate e multicolori, sono funzionali alle esigenze del gioco.
Le pedine sono coloratissime e graficamente pregevoli. Oltre alle tradizionali pedine quadrate della dimensione di 15x15 mm vengono usate pedine rettangolari (30x15 mm).
Il manuale in bianco e nero espone le regole in maniera chiara, esaustiva ed esemplificata.
Il libretto scenari in bianco e nero raccoglie i set-up storici più le varianti ipotetiche per allestire le diverse battaglie. Una compendio di notazioni storiche arricchisce e completa il volume.
Le schede a supporto dei giocatori sono stampate in bianco e nero su cartoncino formato A4; contengono le numerose tabelle di risoluzione delle attività di gioco, tabelle riepilogative varie e la sequenza delle fasi di gioco.

La manualistica e le regole
Le regole piuttosto complesse della serie Musket & Pike gestiscono tutti quegli aspetti utili alla simulazione di una battaglia del XVII secolo.
- Le mappe devono essere lette in tre dimensioni; ondulazioni ed elevazioni del terreno, altezza di ostacoli naturali ed artificiali, ostruzione alla visuale ed alla linea di tiro costituita dalle unità sono fattori importanti che intervengono nel gioco.
- L'orientamento delle unità (fronte, fianchi e terga) influisce sulla capacità di movimento, sulla vulnerabilità al fuoco nemico, sulla capacità di far fuoco e di impegnarsi nel corpo a corpo.
- Le variazioni del morale e coesione dei ranghi, il tipo di formazione adottata dalle unità (colonna, linea, formazione di marcia), le perdite degli effettivi che assottigliano i ranghi vengono registrati mediante impiego di apposite pedine.
- Il problema della catena di comando, della trasmissione ed esecuzione degli ordini e degli effetti della leadership sulla prestazione delle unità combattenti viene accuratamente simulato.
- Rispetto alla manualistica base, questo volume aggiunge nuove regole per simulare le peculiarità proprie delle forze polacche.

Le dinamiche e il turno di gioco
La serie Musket and Pike enfatizza l'importanza della catena di comando ai fini della attivazione delle forze. Ogni armata è divisa ed organizzata in più formazioni, generalmente da 3 a 4, comandata da un ufficiale superiore subordinato al comandante in capo dell'armata. Ad ogni formazione è assegnato un ordine che limita fortemente le azioni delle unità che ne fanno parte. I giocatori potranno iniziare la partita assegnando ad ogni formazione ordini storici oppure assegnare segretamente e liberamente uno degli ordini disponibili nel regolamento.
Le capacità di comando dei leader influiscono sulle dinamiche di attivazione della formazione comandata (sequenza di attivazione delle formazioni) e sulla capacità di cambiare l'ordine assegnato alla formazione durante la battaglia.

Ciascun turno di gioco inizia con la determinazione dell'iniziativa, calcolata sulla base degli ordini al momento assegnati alle formazioni controllate dai giocatori. Il giocatore cui viene attribuita l'iniziativa potrà quindi attivare una propria formazione, oppure passare. L'avversario potrà inoltre cercare di anticipare l'attivazione di una formazione nemica, attivandone una propria.

Quando una formazione viene attivata, è possibile provare a cambiare l'ordine assegnato a questa; quindi i leader e le unità che ne fanno parte potranno muovere, impegnare il nemico in varie forme di combattimento e riorganizzare le forze recuperando coesione. Le attività che le unità possono compiere sono sempre limitate e condizionate dall'ordine assegnato alla formazione di cui fanno parte.

Ciascuna formazione può essere attivata per tre cicli consecutivi, superando un test di continuazione dell'attivazione ed i tentativi dell'avversario di anticiparne l'attivazione altrimenti viene dichiarata esaurita per il turno corrente. Quando una formazione viene dichiarata esaurita, i giocatori attiveranno una diversa formazione. Una volta che tutte le formazioni hanno completato il proprio ciclo di attivazione, si risolve il movimento forzato delle unità in rotta e si rimuovono le numerose pedine impiegate per marcare le formazioni già attivate. Viene verificato quindi se si sono attivate le condizioni di vittoria previste per lo scenario giocato; questo completa il turno di gioco.

Il numero di turni necessario a completare uno scenario è variabile in funzione delle condizioni di vittoria previste. L'eliminazione di unità e leader nemici e l'occupazione di aree chiave del campo di battaglia consente ai giocatori di accumulare punti vittoria fino ad un valore che decreta il successo, simulando il collasso o la rotta dell'armata avversaria.

Le Battaglie: scenari
Gustav Adolf the Great consente di giocare 5 battaglie nelle quali Gustavo Adolfo comandò le truppe svedesi contro forze polacche ed imperiali. Il titolo fornisce una panoramica esaustiva del genio militare e delle capacità di leadership di Gustavo Adolfo, il re-soldato svedese già considerato un geniale comandante da Federico il Grande di Prussia e da Napoleone.

Dirschau, 1627
La battaglia fu combattuta durante la prima campagna di Gustavo Adolfo contro i polacchi comandati dal generale Koniecpolski.

Honigfelde - Trzciano, 1629
Gustavo Adolfo affronta la temibile cavalleria polacca in campo aperto. La battaglia su un formidabile scontro tra le opposte cavallerie.

Breitenfeld, 1631
Gli Svedesi, comandati dal proprio sovrano, affrontano e sconfiggono le forze imperiali guidate da Wallenstein. Questa fu la più famosa battaglia della Guerra dei Trent'Anni e consacrò il genio militare di Gustavo Adolfo.

Alte Veste, 1632
Gli svedesi lanciano un attacco destinato a fallire contro il quartier generale imperiale di Alte Veste.

Lützen, 1632
Con l'inverno alle porte, Gustavo Adolfo compie un ultimo tentativo per ingaggiare ed annientare le truppe imperiali in Sassonia. Gli svedesi sorprendono le forze imperiali di Wallenstein presso Lutzen. La battaglia, combattuta nonostante la densa nebbia, fu uno scontro caotico nel quale gli svedesi subirono perdite superiori agli imperiali che però cedettero ed abbandonarono il campo. Gustavo Adolfo fu mortalmente ferito nelle prime fasi della battaglia.

Considerazioni
La fortuna della serie Musket and Pike, testimoniata dalla pubblicazione di 4 volumi (il quinto è in fase di preparazione) è indice della elevata qualità di questi prodotti. Accuratezza storica, attenzione al dettaglio e solidità delle regole sono pregi inconfutabili della serie Musket and Pike.
La fluidità nella attivazione delle formazioni in campo, che rende ciascun turno di gioco imprevedibile ed avvincente, esalta la giocabilità e la longevità.
Ammirevole il lavoro di ricerca storica dell'autore per ricreare gli ordini di battaglia delle forze impegnate in scontri spesso ignorati dai più.

Pro: 

Solidissimo e collaudato sistema di regole.
Grande attenzione alla riproduzione del dettaglio storico.
Elevata giocabilità con possibilità di scelta tra condizioni storiche e competitive.

Contro: 

Complessità elevata.

Autore: 
LEF64