HeroCard Orc Wars

Giochi collegati: 
HeroCard Orc Wars
Voto recensore: 
0,0

Come tutti i giochi della serie HeroCard, Orc Wars riprende il meccanismo dei combattimenti utilizzando carte azione, ambientando il gioco in un mondo fantasy: un solitario paladino elfo affronta decine di orchi appartenenti a 5 clan diversi.

Ogni scenario definisce gli obiettivi per le due fazioni e le posizioni iniziali delle parti. Il gioco è fortemente asimmetrico: da un lato il paladino elfo, il cui scopo è generalmente rubare tesori o uccidere il re degli orchi; dall'altro diverse fazioni di orchi, che devono cercare di fermarlo. Gli orchi sono organizzati in gruppi la cui forza è variabile e viene mostrata solo quando il giocatore orco decide di "attivare" la squadra per muoverla o rinforzarla.

Sia gli orchi che il paladino hanno 3 attributi numerici: "Body", "Mind" e “X”. Nel paladino e nel re degli orchi questi attributi sono fissi, mentre per le squadre di orchi variano in funzione del numero e del tipo di orchi presenti (il guerriero garantirà punti Body, il tattico punti Mind e lo sciamano punti X).
Questi attributi regolano il massimo numero di carte giocabili dal giocatore: ogni carta azione avrà infatti un costo espresso in un punteggio da 2 a 6, riferito ad uno dei tre attributi. Le carte sono di tipo "Fast" (da giocare quando si vuole), "Restricted" (da giocare nel proprio turno) ed "Exclusive" (da giocare nel proprio turno con un limite massimo di una).

I giocatori giocano a turni alterni. Il turno si compone di:
- Pescare nuove carte.
- Rimuovere dal tavolo fino a 3 azioni precedentemente giocate (che continuano a "consumare" i punti attributo, impedendo nuove azioni).
-Agire: muovere sulla mappa, attaccare, raccogliere un tesoro (solo elfi).
In più, gli orchi hanno una fase di mobilitazione nella quale possono attivare nuove squadre o incrementare quelle presenti.

I combattimenti avvengono quando sulla mappa le fazioni arrivano in esagoni adiacenti, e si svolgono con le carte: l'attaccante gioca un attacco "base" (generalmente una carta Exclusive, per cui sarà possibile un attacco per turno per l'elfo e uno per ogni clan degli orchi), il difensore risponde con una difesa "base" (carta Fast, per poter essere giocata nel turno avversario) e alternativamente le parti giocano modificatori dell'attacco o della difesa per superare il valore dell'avversario, fino a quando hanno punti attributo sufficienti per giocarne. Se l'attaccante supera il valore del difensore, questi è ucciso (se si tratta di orchi) o ferito (se si tratta del paladino).

Impressioni

Regolamento: In lingua inglese, ben scritto ed illustrato, è diviso in due sezioni: la prima sul sistema generale di HeroCard (si ha infatti la possibilità di usare anche i mazzi degli altri giochi della serie; ma che senso ha inserire un mazzo sui supereroi o sulle navi spaziali in questo contesto fantasy? per me è un mistero...) e la seconda sul regolamento specifico di Orc Wars. In appendice, infine, i 5 scenari, un po' pochini a dire il vero.

Materiali: Di qualità decisamente buona, accettando però il fatto che per gli orchi non siano presenti miniature ma cartoncini plastificati da montare su basette, per contenere i costi.

Combattimenti: Divertenti e vari all'inizio, dopo alcune partite però diventa evidente che ci sono delle sequenze di carte praticamente "imbattili" e si cercherà di riproporre sempre quelle combinazioni, togliendo un po' di interesse al gioco.

Bilanciamento: Le parti sono alquanto sbilanciate. L'autore menziona nel manuale la più difficile gestione tattica degli orchi e per sopperire a questa mancanza introduce un certo numero di carte "Dirty tricks", azioni speciali particolarmente potenti, da dare all'inizio del gioco al giocatore orco in base alla differenza di bravura stimata tra i due giocatori...

Pro: 

- Regolamento ben scritto e meccaniche chiare
- Possibilità di creare e giocare scenari diversi
- Personaggi e carte ben illustrate

Contro: 

- I combattimenti a lungo andare diventano ripetitivi
- Il gioco è decisamente sbilanciato. L'uso di carte speciali migliora questo aspetto, anche se lo fa "forzando" un po' la struttura del gioco

Autore: 
Prometeo