Kaigan

Giochi collegati: 
Kaigan
Voto recensore: 
0,0

Ambientazione
Nel 1800, all’età di 55 anni, Tadataka Ino inizia a lavorare alla mappatura in scala del Jappone (Kaigan), lavoro che finirà solo dopo 21 anni di dedizione e fatica.
In questo titolo impersoniamo un team di geometri che competono per la realizzazione della mappatura delle coste giapponesi.
Si tratta di una riedizione della neonata casa Ascora Games di un gioco (Inotaizu) uscito nel 2009.
L’ambientazione, abbastanza posticcia, è comunque evocativa e i materiali molto “Jappo” possiedono un appeal non indifferente, soprattutto per chi ama il paese del Sol levante.

Il Gioco
Il gioco si svolge in 5 round, ognuno suddiviso in 6 fasi (fase carte azione/blocco riga; fase svolgimento delle azioni; fase cubi neutrali; fase conteggio regioni complete; fase rendite; fase degli onori (solo 2 e 4).
Al termine del 5 round chi avrà fatto più punti sarà il vincitore.

Il motore del gioco sono le carte azione. Ogni giocatore ha un set di sei carte azione uguale a quello degli altri giocatori. Durante la prima fase i giocatori dovranno posizionare una carta azione sul tabellone delle azioni che altro non è che una griglia di 5 colonne e 4 righe che contiene già un’azione pre-stampata per ognuna delle 4 righe tranne la prima che ne contiene due (diventare primo giocatore e prendere 5 soldi; avanzare sulla track governativa; avanzare sulla track artistica; 2 punti vittoria). Nei rimanenti spazi i giocatori posizionano le loro carte azione. In alternativa possono bloccare una riga e dichiarare, quindi, che svolgeranno le azioni in essa presenti. Tale regola è molto intrigante poiché la tensione sarà sempre alta dato che si sarà sempre incerti se mettere una nuova azione sulla riga che si vuole bloccare (rischiando però che la blocchi prima un altro giocatore) o accontentarsi di bloccare subito la riga desiderata magari rinunciando a fare tutte le azioni che si vuole.

Le sei carte azione sono:
- Avanzi sulla track governativa;
- Avanzi sulla track artistica;
- Prendi 3 soldi (ryo) o paghi tre e avanzi su una delle tre track o paghi 8 soldi e fai 4 punti vittoria;
- Paghi 5 soldi e metti/sposti due omini in due regioni diverse o paghi 8 e metti/sposti tre omini;
- Paghi 2 soldi e metti un cubo in una regione che contiene un tuo omino o paghi 6 e metti due cubi;
- Paghi 3/6/9 soldi e metti un cubo in 1/2/3 regioni dove hai omini o paghi 10/20/30 soldi e metti due cubi in 1/2/3 regioni dove hai omini.

Inoltre ogni carta può essere usata con l’azione (uguale per tutte) stampata sul retro che permette di pagare 2 soldi e mettere/spostare un omino su una regione.

Finita la fase delle carte si svolgeranno le azioni della riga bloccata ma anche qui c’è un interessante meccanismo per cui la risoluzione avverrà per colonna partendo dal primo riquadro in alto a sinistra della griglia e proseguendo in basso verso destra.
Porre cubi sulle sezioni di mappa è fondamentale ed è importante anche quando decidere di farlo poiché ogni sezione di mappa può contenere un numero limitato di cubi (da 2 a 4 massimo) raggiunto il quale non si potranno più aggiungere cubi e si procederà al conteggio dei punti della sezione.
Dopo la fase delle azioni c’è una fase di posizionamento casuale (con il lancio dei dadi) di cubi neutrali sulla mappa che contribuiscono alla chiusura delle varie regioni.
Le regioni della mappa sono di tre tipi corrispondenti alle tre track dove i giocatori avanzeranno durante la partita. Anzitutto ogni sezione della mappa da punti per il numero di cubi che poteva contenere a tutti i giocatori che vi hanno posto almeno un cubo. Inoltre, a seconda del tipo di track rappresentata i giocatori avanzano di tanti spazi su tale track quanti cubi vi avevano posto (solo sulla track dei viaggi oltre ad avanzare si prende anche un punto aggiuntivo per ogni cubo messo).
Terminata la fase di posizionamento dei cubi neutrali verranno conteggiate le porzioni di mappa complete ed i giocatori guadagneranno punti e avanzeranno sulle track per ogni sezione conteggiata dove avevano almeno un cubo. Al termine della fase di scoring verrano guadagnati soldi a seconda della posizione sulle track governativa e artistica (tranne nell’ultimo round).
Nelle fasi dell’onore (solo round 2 e 4): la track governativa (che assegna più soldi) viene azzerata ma da anche 2 punti vittoria a chi è più avanti ed uno al secondo. La track artistica invece, nei medesimi round, da sia soldi che punti (a seconda di quanto si è avanzato su di essa).
Alla fine del gioco (5° round) si prenderanno anche 8/5/2 punti per il posizionamento sulla track dei viaggi, 5punti a chi è più ricco e -3 punti a chi lo è meno. Inoltre il primo giocatore fa un punto e ogni omino e/o due cubi ancora sulla mappa (in regioni non chiuse) danno un punto ulteriore.

Considerazioni
Il gioco è semplice nelle regole ma molto strategico nello svolgimento. Le scelte sono sempre sofferte e i soldi non bastano mai creando tensioni costanti. Interessantissimo e ben congegnato il meccanismo del posizionamento delle carte azione/ blocco delle righe che regala sempre momenti di tensione e difficili scelte strategiche. L’alea è presente per il posizionamento randomico dei cubi neutrali che possono far chiudere una regione piuttosto che un'altra, ma difficilmente una partita verrà decisa da ciò.
La durata è abbastanza ridotta e la rigiocabilità alta per l’ampia interazione fra i giocatori.

Pro: 

Ottima longevità e durata limitata.
Meccaniche interessanti ed originali.
Ambientazione evocativa e particolare.

Contro: 

Materiali non all’altezza del prezzo (i soldi sono di carta e si confondono i due tagli e uno dei tabelloni è un foglio di carta invece che essere cartonato).
Gioco sostanzialmente astratto.
Presenza dell’alea (anche se limitata) che può non piacere.

Autore: 
pennuto77