Kraby

Giochi collegati: 
Kraby
Voto recensore: 
6,5

Ambientazione
Al largo di una bianca spiaggia tropicale, pescatori di granchi competono per individuare i gruppi di crostacei più pregiati.

Il Gioco
Kraby è il terzo gioco della Granna ad arrivare in Italia grazie alla Red Glove ed anche qui abbiamo a che fare con un astratto a cui è stato legato un tema. I componenti del gioco aiutano molto a calarsi, appunto, nel tema scelto.
Kraby è essenzialmente un gioco di piazzamento tessere che in questo caso sono rappresentate da granchi colorati.
Lo scopo del gioco è quello di fare più punti possibili alla fine del gioco, puntando però solo su determinati colori di granchi.

Andiamo quindi a vedere la dotazione del gioco. La scatola è nel formato Granna/Red Glove, quindi quadrata, ma più piccola delle scatole quadrate a cui ci hanno abituato altre case. All'interno troviamo il libretto delle istruzioni a colori in italiano, con numerosi esempi, dato che le regole del gioco di per sè sono semplicissime. Il tabellone in cartone rigido rappresenta una generica area di mare con un'isoletta al centro, e la grafica è allegra e colorata. Attorno al campo di gioco principale, quadrettato, troviamo un segnapunti (che include pure i negativi, dopo vedremo perchè), e un riepilogo del valore delle varie combinazioni dei granchi.
Ed arriviamo dunque ai granchi, il tema di questo gioco. Abbiamo 120 tessere, 24 per ogni colore e per 5 colori (giallo, verde, fucsia, azzurro, arancione); queste tessere sono alloggiate in un sacchetto di tessuto blu acceso col simbolo GRANNA stampato sopra. In più ci sono 4 tesserine segnapunti, ciascuna con un simbolo diverso, e 5 tesserine granchio più piccole, che serviranno a segnare quanti punti vale ciascun colore dei granchi a fine partita. Ci sono anche copie in più di tutte le tesserine segnapunti.
Abbiamo poi quattro schermi per i giocatori, su cui è rappresentata una nave, ed ogni nave ha naturalmente delle vele di diverso colore e simbologia, riportate anche sulle tesserine segnapunti.
Infine, come in ogni gioco Granna, abbiamo animaletti in plastica. Stavolta si tratta di 15 granchietti di plastica, tre per ogni colore presente nel gioco.

Le regole del gioco sono semplicissime: ciascun giocatore pesca 6 tessere granchio, le pone nascoste dietro al proprio schermo, e poi inizia il gioco (usualmente col giocatore più giovane come primo giocatore). Nel proprio turno, un giocatore esegue le seguenti azioni:
1) piazza una tessera granchio. Le tessere possono essere piazzate sulla mappa a patto che la tessera piazzata sia adiacente (orizzontalmente o verticalmente) ad un'altra tessera o all'isola centrale. Le tessere vengono fatte "scivolare" dal bordo del tabellone al loro punto di arrivo, e non possono descrivre curve o angoli, ma possono muoversi solo dritte;
2) pesca una tessera granchio dal sacchetto;
3) può caricare un granchio di plastica nella stiva. Ogni nave ha tre stive (marcate x1, x2 e x3), che fungono appunto da moltiplicatori. Ogni stiva può contenere un solo granchio ed inoltre quel granchio non può essere sullo stesso moltiplicatore di quello di un altro giocatore. Per esempio, se un giocatore ha messo il granchio verde sulla sua stiva x2, nessun altro giocatore potrà mettere granchi verdi nella propria stiva x2, ma potrà metterli nelle altre stive. Il moltiplicatore scelto indica quanti punti il giocatore riceverà da quel colore di granchi alla fine della partita. Nelle partite a 4 giocatori si usano solo 2 su 3 stive.

I granchi andranno ad accumularsi, formando gruppi. I granchi formano gruppi solo in verticale ed orizzontale, mai in diagonale. A seconda del numero di granchi presenti nei gruppi, ogni colore di granchi a fine partita varrà un determinato punteggio. In base ai moltiplicatori "caricati nelle stive", i giocatori riceveranno il punteggio corrispondente. Per esempio, se io ho piazzato il granchio verde nella mia stiva x2, ed i verdi a fine partita valgono 10 punti, io ricevo 20 punti (10 x 2). Notare che alcuni gruppi di granchi possono anche valere punti negativi, e quindi il mio moltiplicatore ne risente. Se p.es. i verdi hanno valore di -5, io riceverò -10 a fine partita (ecco perchè il segnapunti ha anche valore negativo).
Il giocatore che ha più punti a fine partita è il vincitore. Semplice.

Considerazioni
Ancora una volta mi son trovato davanti un gioco di piazzamento ed ancora una volta, nonostante la mia poca affezione verso questo tipo di giochi, mi sono divertito. Kraby è piuttosto "normale" come gioco di piazzamento: tu piazzi la tua tessera cercando di non favorire gli altri e favorire te, ma nel contempo il fatto di poter fare punti solo con 3 colori su 5 (o nelle partite a 4 solo con 2 colori) rende la partita molto combattuta. Inoltre il gioco è veloce, per cui non hai il tempo di annoiarti perchè devi continuamente pensare come bloccare gli altri e favorirti coi granchi che ti sono usciti. Nemmeno il teamwork paga necessariamente perchè, anche se un altro giocatore ha i tuoi colori, li avrà messi con moltiplicatori diversi e quindi tenderà a favorire il colore in cui tu prendi meno punti (perchè lui ne prende di più).
Insomma, Kraby presenta una bella sfida per gli amanti dei giochi di piazzamento, ma funziona benissimo pure per un pubblico più giovane e meno smaliziato ed è un altro validissimo gioco per introdurre i novizi al mondo dei boardgames "beyond Monopoly". La qualità dei componenti è, come sempre per la Red Glove, elevatissima.

I granchi di plastica sono uno spettacolo da vedere ed ammetto che sono stati una delle ragioni per cui ho preso il gioco a scatola chiusa. L'altra ragione è l'accoppiata Granna/Red Glove che continua a non deludermi. Insomma, è un titolo che consiglio a tutti, persino ai giocatori che amano passare le serate a scervellarsi. Non ha dadi, la componente fortuna è limitata alla pesca delle tessere ed il tema -per quanto tenue- rende il gioco più simpatico. Da parte mia merita più che la sufficienza piena.

Pro: 

Materiali eccellenti.
Durata contenuta per un gioco di piazzamento.
Non ripetitivo e semplicissimo nelle regole.

Contro: 

Francamente non ne trovo, a meno che non si cerchi l'assoluta assenza di fattore fortuna.

Autore: 
Normanno