Lighting: North Africa

Giochi collegati:
Lightning: North Africa
Voto recensore:
0,0
Ambientazione
Lightning North Africa è il quarto gioco della serie "Lightning" della DGV (dopo Lightning:Midway, Lightning:D-Day e Lightning:War on Terror), ed è stato seguito, nel 2008, da "Lightning:Poland".

In Lightning North Africa i due giocatori si sfideranno in un rapido susseguirsi di battaglie che avranno come sfondo l'Africa settentrionale durante la Seconda Guerra Mondiale utilizzando ovviamente le truppe dell'Asse o degli Alleati.

Tale scenario sarà riprodotto attraverso un set up fisso che vede poste fin dall'inizio sul tavolo alcune carte che riproducono città e territori nord africani: Algeria, Tripoli/Tunisia, Benghazi, Tobruk, Western Desert, Cairo nonchè alcune "Force Card" raffiguranti divisioni operanti su quel fronte (3 per l'Asse e 4 per gli Alleati). Ogni giocatore inizierà con una mano di carte pescate a caso dal proprio mazzo.

Il Gioco
La partita si svolgerà poi attraverso una successione di turni, alternati fra i due giocatori,composti dai seguenti "Steps":
-Pesca di una carta
-Azioni
-Battaglie
-Controllo rifornimenti
-Scarto
-Pesca di due carte

Senza entrare nello specifico delle regole di gioco possiamo altresì dire che in ogni proprio turno il giocatore potrà schierare nuove truppe, muoverle, riorganizzarle e, sopratutto, giocare carte con effetto immediato sulle proprie o altrui truppe e portare un attacco nella speranza di conquistare territori e di annientare le forze avversarie.
La meccanica forse più interessante del gioco è quella che prevede la scelta segreta dell'attaccante di uno fra i piani d'attacco disponibili (la disponibilità dei piani può e deve essere ridotta da precedenti contromosse effettuate dal difensore), il difensore dovrà poi tentare d'indovinare quale piano d'attacco è stato scelto dall'avversario, la riuscita o meno di questa operazione determinerà l'esito dello scontro.
Considerando che ogni piano d'attacco, se riuscito ( se il difensore cioè non lo ha indovinato) determinerà anche ulteriori ferite alle truppe nemiche fino alla distruzione di esse, possiamo affermare che tale meccanica inserisce un elemento di bluff nel gioco vivacizzandolo e rendendolo meno meccanico.
La partita terminerà allorquando verranno esaudite le condizioni di vittoria di una delle due parti belligeranti(diverse per le due fazioni).

Considerazioni
Le carte sono esteticamente gradevoli, tutte illustrate con fotografie d'epoca e riproducono nominalmente con fedeltà le divisioni storicamente impegnate sul fronte africano.

Il prodotto si propone quindi ad un pubblico di giocatori non necessariamente esperti, interessati al periodo storico e allo specifico teatro di guerra che non vogliano cimentarsi con un vero e proprio wargame, avendo magari poco tempo a disposizione o non volendo affrontare un corposo regolamento proprio di giochi maggiormente simulativi.
Offre partite veloci ed intense e la possibilità di una certa pianificazione strategica, fermo restando il limite oggettivo dato dalla casualità della pesca delle carte.
Pro:
E' un modo rapido e decisamente accessibile di sfidarsi sullo sfondo dello scenario in questione.
Possiede elementi di bluff che rendono vivace il gioco.
Mantiene un minimo di possibilità di pianificazione strategica.
La veste grafica e le foto dìepoca sono decisamente affascinanti.
Contro:
La casualità nella pesca delle carte rimane elemento decisivo anche se si può cercare di ottimizzare la funzionalità della propria mano.
Presenta un grave errore storico-iconografico: le truppe italiane presentano la bandiera della R.S.I. piuttosto che quella del Regno d'Italia.
Non economico per la fascia di prodotto in cui si colloca.