Lord of the Rings: Friends & Foes

Voto recensore: 
7,1

La prima attesissima espansione di Lord of the Rings introduce molte nuove componenti e varia sensibilmente il gioco base, meritando quindi una recensione a sé stante. A parte i due nuovi scenari con le relative carte Feature e le nuove Carte Gandalf, ora gli Hobbit hanno ciascuno una carta Abilità Speciale fin dall'inizio del gioco, che può essere utilizzata una volta nel corso della partita, aumentando le loro possibilità.

Ma la vera novità importante di quest'espansione sono le Carte Nemici. D'ora in avanti, infatti, la Compagnia potrà essere costretta ad affrontare pericolosi avversari che metteranno a repentaglio il buon esito della missione, e il modo di affrontare tali nemici potrà influire sensibilmente sul proseguimento del viaggio.

D'ora in poi, quando il dado presenterà la faccia con le carte (o quando questo simbolo compare in un evento), i giocatori non dovranno più scartare dalla propria mano: questo simbolo indicherà infatti adesso che un nuovo nemico è comparso (uno per ogni simbolo di carta). I nemici vengono disposti in vista e costituiscono una fila di carte che si costruisce da destra verso sinistra, in modo che sia sempre chiaro qual'è l'ultimo arrivato.In aggiunta, ogni volta che un giocatore rivela come prima tessera evento una tessera con un simbolo di attività, questo comporterà la comparsa di un ulteriore nemico.

I nemici possono essere combattuti in vari modi dalla Compagnia. Innanzitutto, quando un giocatore decide di non giocare carte nel suo turno, ha una nuova scelta che è quella di eliminare l'ultimo nemico entrato in gioco. Altrimenti, nel proprio turno, un giocatore può sempre eliminare l'ultimo nemico (e anche più d'uno allo stesso modo), scartandole carte, gli scudi o i segnalini vita indicati sulla carta Nemico stessa. Infine, alcune nuove carte Feature, consentono di eliminare i Nemici in un terzo modo.

L'effetto dei Nemici nel gioco è importante. Infatti, la partita è immediatamente persa non appena vi siano otto o più nemici contemporaneamente in campo, mentre si ha una vittoria immediata qualora si riesca a eliminare tutti i 30 Nemici previsti. Inoltre, il percorso stesso del viaggio può variare a secondo dei nemici presenti; se ad esempio non vi sono nemici in campo alla fine di Rivendell non vi sono Nemici in gioco, la Compagnia potrà saltare sia Moria che Lothlorien (si ricevono comunque 4 carte Feature) e procedere direttamente a Isengard; analogamente, se alla fine di Isengard non vi sono Nemici in campo, la Compagnia potrà saltare Helm's Deep e procedere direttamente a Shelob's Lair.

Pro: 

L'introduzione dei nemici e dei nuovi scenari, con la possibilità di saltarne alcuni in determinate condizioni aggiunge molto al gioco base. Ora i giocatori hanno più controllo e devono fare molte più scelte, riducendo di molto le critiche relative all'eccessiva meccanicità di Lord of the Rings.

I componenti sono di eccellente qualità e perfettamente integrati con quelli del gioco base. Se avete apprezzato Lord of the Rings non potete assolutamente perdere Friends & Foes.

Contro: 

Certamente il gioco diventa un po' più lungo e complesso, inoltre l'introduzione dei nemici non risolve i problemi legati alla generale casualità del sistema che molti hanno criticato. Se il fattore fortuna era per voi il principale motivo di critica di Lord of the Rings, è bene sapere che questa espansione non lo risolve...

Autore: 
the_goblin