Lupus in Tabula

Giochi collegati:
Lupus in Tabula
Voto recensore:
7,3
Ambientazione
E’ bene subito chiarire che questo gioco deriva da una serie di giochi popolari o di idee già diffusi nel mondoil cui più noto progenitore è sicuramente “Mafia”. Si tratta essenzialmente di individuare all’interno di un gruppo di persone due o più elementi “perturbatori” ed eliminarli, nella fattispecie dei licantropi in un villaggio di stampo rurale/medioevale.

Il Gioco
Veniamo al Lupus in Tabula vero e proprio.
A ciascun giocatore viene distribuita una carta “ruolo”, su cui è riportato un tipo di personaggio che rimane segreto. Essenzialmente potrete essere o un umano o un lupo mannaro.
Il gioco si svolge in due fasi: "giorno" e "notte"; durante la notte i lupi mannari si accordano e “sbranano” (ovvero eliminano) un umano, quindi durante il giorno (periodo in cui i lupi mannari sono in tutto e per tutto umani e quindi irriconoscibili) tutti i giocatori devono decidere, attraverso una votazione che viene influenzata da qualsiasi tipo di chiacchiera o diceria, di linciare un possibile licantropo. Inutile dire che il giocatore linciato viene eliminato, ma non può assolutamente svelare se era umano o meno e quindi ci si muove in un clima di costante incertezza.
Se in un qualsiasi momento i lupi mannari ancora vivi sono pari agli umani vincono, altrimenti gli umani vincono se uccidono tutti i lupi mannari.

Per dare maggio interesse e profondità al gioco gli umani si dividono in varie tipologie. La stragrande maggioranza sono “villici” senza alcuna abilità, però nel gruppo c’è sempre un “veggente” in grado in ogni turno notturno di individuare se una determinata persona è un lupo mannaro o un umano; inoltre, maggiore è il numero dei partecipanti, maggiore sarà la presenza di personaggi particolari, come il “medium” -in grado di determinare la reale natura dei “linciati”- o la “guardia del corpo” -che può proteggere uno specifico giocatore- o l’“indemoniato” che di fatto è un traditore.


Considerazioni
Si tratta di un gioco divertente in cui bisogna sapersi barcamenare con abilità senza svelare troppo di se stessi, sia per non diventare una vittima dei lupi, sia per evitare che vi credano un licantropo. Tenete presente che il veggente sarà sempre una delle vittime predestinate, quindi…
La presenza di un moderatore è essenziale per la gestione delle varie fasi e nelle prime partite può essere preferibile assegnare i ruoli in modo specifico piuttosto che casualmente per garantire una certa vivacità. Infatti è essenziale l’aspetto della comunicazione tra le persone se si vuole passare una bella serata.

Una piccola nota, si consiglia di battere le mani sul tavolo durante la “notte” per mascherare eventuali rumori: questa pratica vi garantirà la sicura amicizia di tutto il vicinato.

Aggiornamento
E' uscita una "new release" del gioco con una scatola più grande e robusta. Il gioco è sostanzialemente lo stesso con delle piccole modifiche.
La votazione dei linciati si svolge ora in due parti: nella prima viene assegnata una carta "Folla inferocita" ai giocatori votati (una per ogni voto ricevuto); nella seconda le due persone che hanno ricevuto più voti, faranno un turno di ballottaggio.
Inoltre ora chi viene linciato, può restare al tavolo come "fantasma". Il fantasma non può parlare, ma può partecipare al primo giro di votazioni, ovvero alle nominations, ma non al ballottaggio; questo escamotage permette di non far annoiare troppo i giocatori che escono nelle prime fasi della partita.

Si intende che tutte le seguenti modifiche regolamentari sono disponibili - come di consueto - sul sito daVinci.
Pro:
Sicuramente la possibilità di giocare con un così gran numero di persone lo rende un “must” per grandi serate.
Contro:
Il sistema ad eliminazione è molto pesante, specialmente per chi esce tra i primi anche se l'inserimento della nuova regola sui "fantasmi" mitiga il problema.