Manila

Giochi collegati: 
Manila
Voto recensore: 
7,0

Siamo nelle Filippine quando ancora si trovano sotto il dominio spagnolo, che controllano tutto, o almeno quasi tutto. Infatti il nostro compito è quello di far fiorire il commercio illegale delle merci nel porto di Manila, ma molte insidie si nascondono in questi viaggi: le tempeste, i pirati ed il vento non sempre favorevole.

La grafica della mappa è accattivante e ben descritta, i componenti sono di altissima qualità, le monete sono veramente delle monete con tanto di incisione in rilievo, le barche sono in legno solido, i “complici” anch’essi in legno solido, ed infine le carte con i dadi e le merci completano la dotazione, che fa godere l’occhio.

La dotazione di ogni giocatore comprende: 30 pesos, 2 carte azioni merci date a caso e 3 “complici” (4 in tre giocatori).
Il turno inizia con un'asta per diventare il capo del porto: i compiti di questo personaggio virtuale sono di scegliere le merci da far partire per Manila; essendo quattro le merci e tre le barche, risulta subito chiaro che una di loro rimarrà a terra!

Inoltre il capo del porto può scegliere di acquistare una azione merce tra quelle rimaste; il prezzo di vendita dell’azione è indicato dalla tabella del mercato nero sulla mappa. Poi, altro privilegio importante, è il poter scegliere di mettere in mare le barche; infine, è il primo a piazzare uno dei suoi complici sulle barche.

Le barche vanno posizionate sulle onde numerate, raffigurate sulla mappa; l’unica regola da seguire nel piazzamento è che il totale delle barche deve essere sempre “9” ed al massimo possono partire dall’onda numero 5.

Una volta piazzate le barche ed il primo complice, tocca agli altri giocatori in senso orario piazzare il loro complice sulle barche, ma i giocatori prima di piazzarli hanno altre alternative:
a) possono piazzarlo su uno dei moli nel porto: in questo caso, se la barca arriva sul molo il giocatore prende i soldi, altrimenti no;
b) possono piazzarlo nell’area di carenaggio: qui il giocatore prende i soldi soltanto se la barca ci arriva dopo un naufragio;
c) possono piazzarlo come assicuratore: qui prende immediatamente 10 pesos come compenso, ma se arrivano le barche nella zona di carenaggio sarà costretto a rifondere i proprietari delle barche per i danni subiti, e se sono tutte e tre le barche sono dolori!
d) possono piazzarlo come capitano o vice capitano: questi essenzialmente servono per far avanzare/indietreggiare le barche di 1 oppure 2 punti movimento (a seconda del personaggio scelto) sulla rotta e non prendono assolutamente soldi;
e) infine possono piazzarlo come pirata: in questo caso se alla fine del secondo turno di movimento le navi si fermano sull’onda numero 13, i pirati possono assalire la/le navi; se invece restano sull’onda 13 alla fine del terzo turno di movimento possono saccheggiarle.

Cosa importante da ricordare: sulle barche, a seconda del tipo di merce caricata, ci sono dai 3 ai 4 spazi per posizionare i propri complici: se arrivano a destinazione, i guadagni sono divisi fra i complici presenti sulla barca.

Quando tutti i giocatori hanno piazzato i loro complici (non è comunque obbligatorio piazzarli tutti), le barche partono per il loro viaggio; il compito di far muovere le barche con il tiro dei dadi spetta al capo del porto. I dadi hanno dei colori che corrispondono al colore delle merci, quindi quando si tira il dado si muove la nave corrispondente al colore. Dopo tre turni di movimento si verifica quale nave è arrivata in porto e quale no.

Nel caso che una o più navi siano rimaste sull’onda 13 alla fine dei movimenti, se non ci sono pirati presenti, le barche raggiungono il porto comunque.
Le merci arrivate a destinazione fanno salire il prezzo nella classifica del mercato nero sulla mappa: acquistare queste azioni diventerà dunque sempre più caro.

È possibile anche rimanere senza soldi e vedersi costretti a chiedere un prestito alla banca: per fare questo si ipotecano una o più azioni, per 12 pesos ognuna, mentre se si vuole riscattare un'azione ipotecata la banca pretende 15 pesos ognuna; alla fine della partita se ci sono azioni ancora ipotecate, il giocatore/i deve riscattare le ipoteche.

Calcolati i guadagni si riparte per un nuovo turno di gioco e si ripete l’intero procedimento. Il gioco termina quando una merce arriva alla quotazione di 30 pesos; a questo punto le azioni che ogni giocatore ha vengono convertite in pesos a seconda del valore raggiunto nel mercato nero.
Il giocatore con più pesos vince.

Pro: 

Il gioco offre molti spunti per sviluppare strategie e tattiche. Ogni volta il giocatore è messo di fronte ad una pletora di opzioni, e non sempre si sceglie quella giusta. Il tutto risulta divertente ed intenso, con qualche spunto originale.
La qualità in generale dei componenti e della mappa è altissima. La durata è nella media.

Contro: 

È un gioco essenzialmente d’azzardo: in pratica si scommette su chi arriva al porto, anche se un po’ si limita con l’uso dei capitani per correggere eventuali sfortune. I dadi, ovviamente, regnano sovrani.
Occorre la password per accedere al sito del produttore.

Autore: 
Morpheus