Master Labyrinth

Giochi collegati:
Master Labyrinth
Voto recensore:
7,1
Ambientazione
Nel sotterraneo di un vecchio castello esiste un labirinto magico dove i percorsi cambiano in continuazione. Qui si sono dati convegno i grandi maestri della magia, per determinare chi di loro fosse il migliore. Tra vecchi alambicchi ed attrezzi da alchimista, i grandi Maestri si apprestano a cercare gli ingredienti necessari per i loro filtri magici.

Il Gioco
Lo scopo del gioco è quello di totalizzare più punti degli altri cercando di raccogliere gli “ingredienti misteriosi” che sono sparsi dentro il labirinto. La partita termina quando viene raccolto l’ultimo ingrediente: il vischio, che vale ben 25 punti.
Prima di iniziare bisogna porre tutte le “tessere mobili del labirinto” nel “piano di gioco” e questo procedimento dovrà essere fatto senza guardarle, poi i giocatori mettono le proprie pedine colorate nella tessera avente il simbolo con lo stesso colore ed infine si piazzano all’interno del labirinto gli “ingredienti misteriosi”.
Ogni “gettone illustrato” è numerato da 1 a 25 e i giocatori, nel corso della partita, dovranno raccoglierli in ordine numerico; quindi si può raccogliere solo quello col valore numerico più basso.
Inoltre ognuno avrà a disposizione una “carta ricetta” che non dovrà far vedere e 3 bastoncini di legno che rappresentano i suoi “desideri”. Quest'ultimi vi permetteranno effettuare un turno in più per un totale massimo di due turni in uno. I concorrenti decidono chi inizia per primo, dopo di che si procederà in senso orario.

Giunto al proprio turno, ogni giocatore ha diritto a tre mosse:

1. Per prima cosa, dovrà obbligatoriamente modificare il labirinto inserendo la “tessera mobile”. Questa può essere reinserita ovunque, tranne che nel punto dal quale era fuoriuscita.
2. Sposta la propria pedina, se lo vuole, fin dove gli conviene.
3. Se può, il giocatore raccoglie il gettone dove si è posizionato.

I maestri del Labirinto si basa sullo spostamento e modifica del labirinto e l'ordine delle mosse devono sempre essere rispettate. Infatti un giocatore non può spostare la pedina e poi prendere un gettone, se non ha modificato il labirinto.
Altra cosa importante: se si fa uscire una tessera mobile con sopra almeno una pedina questa riapparirà magicamente in quella che avete inserito; la stessa cosa vale anche per gli "ingredienti misteriosi". Questa mossa (nel corso delle partite che ho fatto) si è dimostrata una buona arma, ma spesso risulta favorevole anche a qualche altro giocatore.
Un altro aspetto interessante del gioco sta nei consigli che gli avversari possono dare ad un concorrente che si trova in difficoltà nel piazzamernto della tessera. E' ovvio che i consigli non sono mai gratuiti, ma si devono pagare; questo da spazio a dei possibili scambi tra i vari giocatori di oggetti come: bastoncini di legno (desideri) oppure "ingredienti misteriosi". Non si è obbligati ad eseguire il suggerimento dell'avversario e quindi se il giocatore fa un'altra mossa non dovrà pagare nulla.
Appena un qualsiasi giocatore raccoglie il vischio la partita finisce e dovrete contare i vostri punti. Ovviamente si dovranno sommare i valori scritti sopra i gettoni e per ogni gettone posseduto dal giocatore e che viene rappresentato nella "carta ricetta" si otterrà un bonus di 20 punti in più. Al totale ottenuto si somma 3 punti per ogni "desiderio" non giocato e si otterà il punteggio finale.

Considerazioni
Nonostante che I maestri del Labirinto sia stato concepito per le famiglie si dimostra molto interessante anche per i giocatori più assidui e maliziosi. Ovviamente la meccanice e le regole di gioco si imparano subito, ma col tempo vi accorgerete che non basta sapere solo le regole per poter vincere e dovrete ragionare molto bene nelle mosse che volete fare. Inoltre si è dimostrato interessante anche quello di poter consigliare le mosse agli avversari per ottenere in cambio qualcosa; questo magari lascia spazio ai giocatori di interferire l'uno con l'altro con qualche suggerimento avente un doppio fine.
Ravensburger in questo caso ha pensato anche ai più piccoli, che di sicuro riusciranno ad imparare bene i meccanismi, ma non ci metteranno quella malizia che rende I maestri del Labirinto più intrigante.
Il gioco tende un po all'astrattezza, ma i disegni del labirinto e l'idea di inserire, nelle ultime pagine del libretto di istruzioni, il significato di ogni ingrediente e dei bastoncini rendono il gioco un po più immersivo. Sempre che li abbiate letti.
Pro:
Buona struttura di gioco.
Si impara subito.
"Fortuna" presente solo nei primi turni della partita, dopo di che svanisce lasciando spazio solo al ragionamento.
Grafica divertente e molto curata.
Il gioco rende bene anche in due.
Contro:
Tende troppo ad essere astratto, ma di per se non è proprio un difetto così grave. Comunque a qualcuno potrebbe non piacere.
I più piccoli non riusciranno ad apprezare fino in fondo questo gioco.
Le "carte ricetta", a volte, influiscono notevolmente sulla vittoria di un giocatore.