Sobek

Giochi collegati:
Sobek
Voto recensore:
7,2
Ambientazione
La costruzione del tempio dedicato a Sobek è in pieno svolgimento. Un’intera economia è sorta accanto al cantiere: c'è un nuovo mercato, e le feluche veleggiano su e giù per il Nilo portando senza sosta merci di ogni genere. La concorrenza tra i commercianti è naturalmente feroce e alcuni sono disposti a cedere alla corruzione pur di accumulare gloria e ricchezze. Più le ricchezze, in realtà... Anche voi siete parte della corporazione dei commercianti locali, e siete pronti a tutto pur di battere i vostri avversari... Avete 3 round per accumulare più soldi dei vostri avversari, ma cercate di non diventare troppo corrotti!

Il Gioco
La partita si svolge su 3 round, ognuno dei quali composto da 6 (o 5 nelle partite a due giocatori) turni/spedizioni. In ogni turno vengono disposte a fianco del tabellone (lungo il fiume Nilo) 9 carte: le carte merce (dorso beige) scoperte, quelle personaggio (che hanno vari tipi di poteri speciali – dorso arancione) coperte. I giocatori possono a turno fare una di queste 3 azioni:
- prendere una carta tra quelle lungo il Nilo;
- giocare un set di carte (minimo 3) davanti a loro: questo darà punti a fine round;
- giocare una carta personaggio ed applicarne immediatamente gli effetti (che vanno dal pescare carte extra, al togliere carte agli avversari, ecc.).

Quando si prende la prima carta verso sinistra tutto ok, ma quando se ne prende una più avanti si devono raccogliere anche quelle “saltate” e metterle sotto la propria tessera corruzione. Il giocatore con più corruzione al termine di un round perde dei punti (in media stimerei un 50%) guadagnati in quel round.

Il punteggio viene assegnato in base ai set di merce giocati: ogni carta riporta un valore di scarabei che va da 0 a 3; per ogni set, a fine round, si moltiplica il numero degli scarabei per il numero di carte di cui quel set è composto. Alla fine del round, pescate tutte le carte, è ancora possibile giocare set, anche se questi daranno molti meno punti. Tutte le carte che non si riescono a giocare finiscono invece nella pila corruzione.

Chi per primo gioca un set ha la possibilità di prendere 5 segnalini evento (scelti a caso ad inizio round tra i 12 presenti nella scatola), sceglierne uno e rimettere gli altri 4 nascosti vicino al tabellone (a disposizione di chi giocherà i prossimi set), quindi applicarne l’effetto: ce ne sono di vario tipo, come guadagnare punti facendone perdere ai vostri avversari, o eliminare carte dalla propria pila corruzione, aggiungere 2 scarabei ad un set di carte già giocato, caricare la pila corruzione di un avversario, giocare un altro turno, ecc. Insomma va ben calcolato se si preferisce tenere carte in mano per giocare set più grandi o limitarsi a set di 3 carte ma approfittare dei bonus.

Considerazioni
Sono un fan di Bruno Cathala e anche dell’illustratore Mathieu Beaulieu (che già avevo apprezzato su Pony Express di Faidutti), quindi questo gioco è stato per me un acquisto obbligato. I materiali si presentano davvero bene: la grafica fumettosa è magnifica, e anche la scatola è una piccola opera d’arte (peccato si dimentichino sempre di chi ama imbustare le carte, ritagliando gli spazi giusti al millimetro). Tutto è molto colorato e accattivante.

Il gioco è un filler carino e si spiega velocemente (anche se, visti i molti poteri speciali di carte e tessere, all’inizio serve avere un riepilogo sottomano), ma bisogna ammettere che tutto sommato il gameplay risulta un po’ senza infamia né gloria. Insomma, a ben cercare in giro c’è di meglio, ma Sobek resta comunque un titolo gradevole, e se tutti i giocatori lo conoscono bene le sfide possono anche diventare divertenti e ricche di colpi bassi. Nel voto ho tenuto presenti i materiali, ma se per voi l’occhio NON vuole la sua parte scalate pure mezzo punto.
Pro:
Grafica e materiali bellissimi.
Un filler semplice ma con una buona quantità di elementi da tenere in considerazione per guadagnare punti (carte speciali, corruzione, segnalini evento, ecc.).
Contro:
Nessuno in particolare.