Taboo Body Language

Giochi collegati:
Tabu Body Talk
Voto recensore:
0,0

Introduzione
Taboo Body Language è un party game basato sulle parole e sul mimo. Deriva dal famoso gioco di parole Taboo.

Il Gioco
Prima di iniziare la partita i giocatori si suddividono in squadre di almeno due giocatori, che si alterneranno nel gioco.
Ad ogni turno una delle due squadre (quella che inizia) sceglie il Mimiurgo questi sceglierà tra i componenti della squadra avversaria il Manichino Umano, e uno dei componenti della squadra avversaria verrà scelto come Spia.

Ad ogni turno la Spia pesca una carta e la mostra al Mimiurgo, questi deve muovere il manichino in modo da descrivere ai propri compagni la persona, l'azione o l'oggetto indicati dalla carta, senza pronunciare parole e senza fare eseguire al Manichino l'azione Taboo che è indicata sulla carta (così ad esempio nella carta l'azione da far indovinare può essere affogare e nell'area Taboo l'azione è nuotare). É invece consentito al Mimiurgo fare delle smorfie con la faccia. Non ci sono limiti ai tentativi che possono effettuare i compagni del Mimiurgo per indovinare la persona, l'azione o l'oggetto.

In ogni carta sono presenti due (non necessariamente dello stesso tipo) persone o azioni o oggetti da indovinare, una, più semplice, che assegnerà un punto, ed una, più complicata, che assegnerà due punti.
Appena viene indovinata la prima persona o azione o oggetto da un punto, il giocatore passa alla seconda persona o azione o oggetto da due punti, qualora venisse indovinata anche questa la Spia fornirà al Mimiurgo un'altra carta e così via finché rimarrà tempo disponibile segnalato dalla clessidra. La Spia (come viene consigliato dalle regole del gioco) od uno dei componenti della squadra avversaria preme il buzz (in questo caso un simpatico pupazzetto viola di gomma) qualora il Mimiurgo contravvenga alle azioni proibite.

La squadra fa uno o due punti per ogni azione indovinata, come indicato dalla carta. E' possibile passare se non si riesca a far indovinare l'azione, ma ogni rinuncia a far indovinare la persona o l'azione o l'oggetto successiva alla prima concede un punto alla squadra avversaria così come ogni errore (buzz) concede un punto alla squadra avversari. I punti vengono assegnati muovendo una pedina su un tabellone punti. Vince la squadra che arriva per prima a 25 punti.

Considerazioni
Il gioco è sicuramente divertente (ho visto un Mimiurgo prendere come Manichino Umano la moglie e capovolgerla con la gonna a testa in giù per farle assumere la posizione del pipistrello), come tutti i party game discretamente riusciti, piuttosto rumoroso, e coinvolgente soprattutto per il Mimiurgo e il Manichino Umano, e in un qualche modo anche per la Spia, poco coinvolgente, invece per i compagni della Spia, ma nel compenso un buon party game. Penso, comunque, che il gioco non raggiunga i livelli di divertimento del suo più illustre fratello.
Molto più interessante il sistema di punteggio rispetto al Taboo classico.

Pro:

In ogni carta sono presenti due azioni da indovinare per ogni lato della carta, ci sono quindi circa 1000 azioni che rendono il gioco molto longevo.

Contro:

Come in Taboo classico ci sono carte un po' sbilanciate con azioni quasi impossibili, ma forse anche questo è il bello del gioco.