Ticket to Ride: Märklin Edition

Giochi collegati:
Ticket to Ride: Märklin
Voto recensore:
7,7

Ambientazione
Il gioco prende l’ossatura dal progenitore "Ticket to Ride" e la arricchisce con una grafica accattivante e l'inserimento dei passeggeri.
Le poche differenze sono sostanziali e lo rendono il migliore della serie.

Il Gioco
Ogni giocatore a inizio partita sceglie 4 carte destinazione nella combinazione che preferisce tra “lunghe” e “brevi”. E’ obbligato a tenerne almeno 2. Ogni giocatore inizia con 4 carte carrozza.
Si scoprono 5 carte carrozza.

Il turno di gioco consiste in 1 e una sola delle seguenti azioni:

a- Pescare carte carrozza. E’ possibile pescare 2 carte coperte o 2 scoperte (appena pescata una carta carrozza scoperta questa deve essere rimpiazzata con una nuova carta sempre scoperta) oppure una e una. Questo non vale nel caso si peschi una carte locomotiva tra quelle scoperte. Quando tra le carte scoperte ci sono o 3 carte locomotiva o 3 carte passeggero simultaneamente bisogna scartare tutte le carte carrozza scoperte e sostituirle con delle nuove.
b- Completare un tragitto pagando il corrispettivo numero di carte carrozza (ovvero lo stesso colore e numero richiesto dalla mappa). Si segnano i punti relativi alla lunghezza della tratta conquistata. E’ possibile in questo momento piazzare una delle proprie miniature viaggiatore ancora inutilizzate in una delle due località appena collegate.
c- Pescare nuove destinazioni. Si pescano 4 carte destinazione nella combinazione che si preferisce tra “lunghe” e “brevi”. Si è obbligati a tenerne almeno una.
d- Far muovere i propri viaggiatori. Ogni città è caratterizzata da specifici segnalini merce a seconda dell’importanza commerciale della rotta ferroviaria corrispondente. I propri passeggeri si possono muovere lungo le tratte collegate nella mappa: il movimento lungo le proprie tratte è gratuito mentre per passare attraverso tratte altrui è necessario pagare una carta carrozza “passeggero” per poter continuare il movimento. Non si può passare due volte sulla stessa tratta. Lungo il movimento si raccolgono i segnalini merce presenti nelle città toccate (tranne la stazione di partenza). A fine tragitto la miniatura passeggero è eliminata dal gioco.

Quando un giocatore resta con 1 o 2 vagoni viene chiamato l’ultimo giro.

A fine partita si sommano ai punti ottenuti dalle tratte chiuse sia i punteggi delle carte destinazione (si sommano le destinazioni completate e si sottraggono quelle fallite) che il totale dei segnalini merce eventualmente ottenuti durante la partita. E’ previsto un bonus di 10 punti per chi ha completato il maggior numero di carte destinazione.

Confronto a TTR e "TTR Europa"
Rispetto a TTR è stato eliminato il bonus per la tratta più lunga, introdotto il bonus del maggior numero di destinazioni completate e implementato il concetto di valore merci grazie ai passeggeri.
Inoltre le destinazioni sono state razionalizzate rendendo meno aleatoria la loro assegnazione sia all’inizio del gioco che durante la partita.

Rispetto a "TTR Europa" sono state eliminate le Stazioni, i tunnel e i traghetti. E’ stato eliminato il bonus per la tratta più lunga, introdotto il bonus del maggior numero di destinazioni completate e implementato il concetto di valore merci grazie ai passeggeri. E’ stato ritoccato in meglio il bilanciamento delle destinazioni in modo da minimizzare la fortuna.

Considerazioni
TTR Marklin è ad ora la migliore versione del sistema di gioco TTR.

E’ immune ai limiti di TTR, ovvero il vantaggio di possedere destinazioni lunghe (di solito “orizzontali”, mentre quelle brevi sono “verticali”) possibilmente contigue.

E’ meno aleatorio di "TTR Europa", afflitto da forzature casuali quali tunnel e traghetti. La mappa TTR Europa avvantaggia le tratte dell’Est, più lunghe e quindi più redditizie di quelle occidentali, senza un adeguato bilanciamento. Le penalizzazioni di sovraffollamento delle destinazioni occidentali di TTR Europa erano in parte corrette dalle Stazioni, un meccanismo che non mi ha mai davvero convinto.

Rispetto a entrambi la mappa di TTR Marklin è concepita in modo da non penalizzare le aree caratterizzate da tratte corte grazie al maggior numero di segnalini merci ivi presenti.

In TTR Marklin i nuovi obiettivi bilanciati, l’eliminazione del bonus del tragitto più lungo nonché l’introduzione del bonus del maggior numero di destinazioni completate incentiva a pescare nuove destinazioni.
Inoltre il sistema dei segnalini merce porta ad avere un adeguato tornaconto ad ostacolare gli altri giocatori: una sapiente opera di disturbo unito all’uso dei passeggeri può portare a guadagnare non pochi punti. In questo modo si risolve uno dei principali limiti del sistema TTR: il giocare praticamente in solitaria, sperando nelle proprie destinazioni e nel tragitto più lungo.

Il grado di interazione è notevole, la profondità di gioco squisita: avendo a disposizione molte strategie, che vanno del puntare a realizzare il maggior numero di destinazioni al pianificare sapientemente i tragitti passeggeri più redditizi senza l’affanno per il tragitto più lungo si è migliorato in modo significativo l’ormai mitico TTR.

In breve TTR Marklin non può che essere sopra ai suoi predecessori: valutazione 8.

Materiali: 2 (la DOW è ormai al top)
Originalità: 1 (è una continuazione della serie TTR che non rivoluziona ma migliora notevolmente)
Divertimento: 2 (molto entusiasmante)
Longevità: 1 (resta pur sempre TTR)
Regolamento: 2 (chiaro e ineccepibile)

Pro:
Materiali al top .
Regolamento chiaro, semplice, profondo.
Il meno aleatorio della serie senza essere per nulla “pesante” anche per i neofiti.
Risolte tutte le pecche dei predecessori.
Concetto di segnalini merce, passeggeri, mappa bilanciata e destinazioni razionalizzate.
Contro:
Davvero nessuno.