Twilight Imperium: Armada

Giochi collegati:
Twilight Imperium: Armada
Voto recensore:
0,0
Ormai fuori produzione (ma eBay torna sempre comodo), Twilight Imperium Armada (TIA) si presenta come un wargame sci-fi piuttosto atipico: non sfrutta né esagoni né misurazioni millimetriche, si può usare un normale tavolo o un pavimento e gli spostamenti si misurano in RIBALTAMENTI. Eh, già perché ogni astronave/torpedo è un disco di cartoncino con 2 lati dritti, ergo per spostare la nave "flippi" il disco dal lato piatto, ripetendo la cosa fino ad arrivare al numero di spostamenti da fare.
Questo permette, pur con qualche imperfezione, di velocizzare enormemente la fase di spostamento, combinando assieme la comodità degli esagoni con la libertà di movimento dei wargame senza esagoni.
Altro aspetto divertente, ogni turno di gioco è diviso in 3 fasi uguali e distinte, per ognuna delle quali bisogna scegliere l'ordine da dare alle proprie navi all'inizio del turno... e tale ordine resta nascosto agli altri giocatori fino a che non viene messo in pratica. Quindi c'è spazio per mosse a sorpresa e pianificazione a medio termine.

Ovviamente non ci sono solo dischi Astronavi, ma anche dischi Equipaggio e dischi Tecnologia, due cose che potenziano le astronavi ma che richiedono soldi o meglio punti flotta, oltre che spazio all'interno dell'astronave (alcune sono più customizzabili di altre). Completano il quadro le Squadriglie (Caccia e Bombardieri) e i Torpedo, con caratteristiche diverse per fazione.

Nota dolente, la scatola di base rappresenta sì tutto il necessario per giocare con una fazione (e ovviamente l'avversario - o gli avversari - deve avere un'altra scatola base) ma c'è solo una plancia di controllo a scatola, ovvero la parte per segnare lo status della nave (velocità, scudi e scafo): questo implica che senza espansioni (ergo $) si può giocare solo con una astronave per volta, riducendo il divertimento. L'elemento randomico e collezionabile, poi, è un problema in quanto il gioco è fuori produzione. Io personalmente ho preso 4 scatole base (1 per fazione) e mi sono ritrovato 2 fazioni sprovviste di carrier.
L'alternativa vincente è stamparsi "amatorialmente" astronavi, tecnologie ed equipaggio, dato che su internet è possibile trovare delle tabelle con tutti i dati... bisogna solo smazzarsi con la grafica, e fare qualche stampa da mettere su cartoncino.

Mie considerazioni finali sul gioco:

  • Longevità: 1.5
    E' possibile usare scenari preparati dalla FFG (meglio quelli da scaricare) o far partite alla "last man standing" scegliendo i punti totali di ogni flotta... il classico dei wargame insomma

  • Regolamento: 1.5
    Qualche lieve errorino, ma piuttosto chiaro... gli squadroni sono sgravati ma con l'espansione Incursion diventano controllabili

  • Divertimento: 2
    All'inizio è la sagra dell'astroscontro, ma una volta presa la patente il gioco diventa molto stimolante!

  • Materiali: 0.5
    Cartoncino colorato... disegni carini per l'equipaggio, quasi assenti per le tecnologie, pessimi per le astronavi... però il vantaggio è che tutto è facilmente riproducibile!

  • Originalità: 2
    In realtà riprende i regolamenti di Star Trek: Red Alert, ma parliamo comunque di roba antica e al momento non conosco giochi simili

VOTO FINALE: 7.5, approssimato per difetto vista la necessità di completare le flotte con la cara vecchia stampante.
Pro:
- Praticamente tascabile (basta una scatolina a giocatore)
- Start up piuttosto rapido
- Possibilità di riconfigurare la propria flotta, le scelte sono molte e ogni partita è diversa
- Divertente da giocare, fattore fortuna presente ma non eccessivo
- Talvolta compare su eBay a prezzi stracciati
Contro:
- Collezionabile, ergo un solo acquisto basta a giocare ma non a giocare bene
- Disegni migliorabili, astronavi in grafica 3D del 2001 (e all'epoca c'era di MOLTO meglio)
- Gioco base troppo sbilanciato verso le squadriglie
- Una sola plancia per scatola base
- Fuori produzione, o si aspetta l'offerta su eBay o si procede di grafica e stampante