Age of Conan: The Strategy Board Game

Anno di pubblicazione: 
2009
Min giocatori: 
2

Commenti

midnight Lun, 07 Nov 2016 - 08:09

Voto: 9
Materiali: 2 molto buoni
Regolamento: 1 scritto veramente male, per fortuna dopo un paio di partite si capisce come si gioca.
Originalità: 2 è il war game che preferisco
Longevità: 2 hai 4 fazioni da scegliere tutte bilanciate e divertenti da giocare
Divertimento: 2 fantastico molto più bello della guerra dell'anello. Bilanciato in due e in quattro, mentre in tre se hai al tavolo un giocatore stupido guerrafondaio, si rischia di rovinare la partita.

NaraKu Ven, 31 Mag 2013 - 12:24

[voto 8] - Un bel gioco anche perchè ha molte varianti e la vittoria è sempre incerta fino alla terza era. Secondo me si può giocare anche in due (rende meglio in 4), lo sconsiglio invece per tre persone perchè è poco equilibrato. Come strategico guerresco è tra i miei preferiti e i materiali sono ottimi, complimenti agli autori hanno confezionato l'ennesimo capolavoro.

Longevità, 1
Regolamento, 1
Divertimento, 2
Materiali, 2
Originalità, 2

Dipalfilsaggio Sab, 23 Feb 2013 - 21:03

[voto 7] - 7 e mezzo.
Il gioco è lungo e a volte può risultare noioso, soprattutto nelle prime fasi. Ma se si ama il mondo creato da Howard e si gioca con il mood giusto, regala grandi momenti. Le regole sono eleganti e mostrano una grande cura da parte degli autori (noti appassionati delle storie del cimmero) nel cogliere gli elementi salienti dell'era Hyboriana. Tristemente sottovalutato

baalraf Mer, 10 Ott 2012 - 10:19

[voto 8] - Affettivamente sarebbe 10, ma cerchiamo di essere obiettivi.
Il gioco unisce diverse sottomeccaniche, non necessariamente collegate nel miglior modo, ma del tutto funzionali all'ambientazione.
La strategia necessita costante adattamento, imponendo scelte dolorose.
E' un gioco american-style, quindi le critiche sull'aleatorietà non hanno senso d'esistere.
Il fatto che vi sia un pool di dadi comune però con relativa scelta dell'azione permettono una gestione
tutt'altro che casuale e, giustamente, impongono una certa flessibilità.
L'aggressività paga, è sconsigliabile permettere agli avversari di fare i loro solitari, specialmente a Stygia e Aquilonia (per motivi differenti).
La stoltezza invece, non paga, guerreggiarsi a tempo perso sbilancia l'equilibrio.
Quindi c'è un buon equilibrio che non avvantaggia un certo tipo di giocatore rispetto ad un altro.
La fortuna incide il giusto.
Il regolamento poteva essere leggermente più chiaro.
I materiali sono più che discreti.

Jake-Kast Ven, 13 Lug 2012 - 10:46

[voto 8] - Longevità: 1 (Tre ere sono troppo poche per completare il gioco)
Regolamento: 1
Divertimento: 2 (Soprattutto quando Conan si trova in mezzo alla mischia)
Materiali: 2 (Plancia di gioco, pedine e carte di ottima qualità)
Originalità: 2

Pisosoft Ven, 06 Lug 2012 - 11:18

[voto 7] - Bel gioco, anche se il ruolo di Conan è un po' in disparte e non si avverte , a mio parare, così tanto l'ambientazione...mappa asimmetrica no perfetta!
Galletto

qeno Lun, 28 Mag 2012 - 12:28

[voto 6] - AoC non è un brutto gioco, ma di certo gli manca molto per essere un buon wargame.

Il problema principale del gioco è che per quasi la totalità della partita si deve combattere contro il gioco, conquistando territori neutrali, e solo in minima parte si combatte contro gli altri giocatori.
Io personalmente avrei eliminato i combattimenti contro i territori neutrali, magari conquistandoli solo giocando una combinazione di carte con i simboli territorio corretto, senza inutili lanci di dadi.

Durante la prima era ogni giocatore espande il proprio regno conquistando territori neutrali e giocando sostanzialmente in "solitario" contro il gioco. La partita sarebbe enormemente più corta e bilanciata introducendo un Setup iniziale in cui ogni giocatore partisse con 4/5 territori già conquistati e si iniziasse direttamente dall'inizio della seconda era.

Altro problema non da poco è il manuale. Non ho mai visto in vita mia un manuale scritto così male. Concetti e argomenti incompleti, frammentati, scritti un po' qua e un po' là. Difficilissimo da consultare durante la partita. Le schede riassuntive inoltre, che dovrebbero riassumere le fasi del gioco e le azioni, sono incomplete, perchè omettono concetti fondamentali per il gioco, e pertanto sono inutili.

Ci sono infine alcune meccaniche di gioco migliorabili. Una su tutte la gestione di Conan. A mio avviso questo dovrebbe muoversi per conto suo, seguendo la missione ed, eventualmente, intervenire a favore o contro un giocatore solo in cambio di tesori o monete.

Aspetto ancora, e in vano, l'espansione che migliori la meccanica di gioco, che ha delle potenzialità ma non le esprime. Sarebbe un 5,5 che arrotondo a 6 sulla fiducia.

pikkolomondano Gio, 22 Mar 2012 - 11:57

[voto 7] - Idee e materiali da ottimo titolo (8).
Purtroppo l'incidenza aleatoria (dadi e carte) seppur talvolta controllabile è definitivamente presente (6). il problema è che il gioco spesso si dilunga più del dovuto.
Un buon titolo senz'altro, ma non eccelle nel genere.

Rambler Mer, 23 Nov 2011 - 19:12

[voto 8] - Ho comprato il gioco dopo molta indecisione e aver letto molti pareri discordanti... e sono entusiasta del mio acquisto.
Il gioco si presenta come uno strategico (o meglio uno strategico light se paragonato a giochi come shogun, axis and allies, age empire), con scelta di azioni ( puro stile puerto rico, age of mytology, agricola). Un bel mix di due generi piuttosto differenti. A queste meccaniche si aggiunge Conan e il suo percorso che è una meccanica nuova o vista solo nel gioco del signore degli anelli.
Uno strategico light, con fase menageriale, e aste/manipolazione.
Valuto gli aspetti suggeriti per la recensione
-Longevità: 1,5 un bel gioco. Con giocatori che conoscono il gioco le partite durano due ore, se ci sono dei novizi si può arrivare anche alle tre ore. Personalmente mi lascia sempre la voglia di rigiocarlo, e cosa importante il popolo che scegliete cambia sostanzialmente la vostra strategia di gioco. Ogni popolo parte con territorio e mazzo eserciti personalizzati
Regolamento: 1 macchinoso alle prime partite poi si impara e si gestisce serenamente. Nota di demerito per la confusione e frammentarietà nell'esposizione delle regole. Dovrete fare 3 o 4 partite per padroneggiarlo, e a parere mio, ne vale assolutamente la pena. Il gioco va giocato in 4, numero massimo in cui rende. Se si è solo in 3 consiglio di passare ad altro gioco.
Divertimento: 1,5 sul tavolo ci sono bei soldatoni grossi di plastica colorata che soddisfano l'occhio, si invadono territori, si spodestano e annientano eseciti amici. A parere mio divertente
Materiali: 2 la componentistica è stata la cosa che mi ha convinto al comprarlo. Tantissimi soldati, emissari, diversi da un esercito all'atrlo. Miniature di forti, e torri, conan e carte colorate con i disegni tratti dai fumetti. Componentistica tranquillamente sopra la media visto anche il prezzo che si aggira sui 52euro
Originalità: 1,5 idea interessante per il percorso di conan, sistema di combattimento innovativo.
Voto di 7,5 che non potendo attribuire arrotondo per eccesso visto l'entusiasmo che ha suscitato anche nel mio gruppo di gioco.
CONSIGLIATO.

Brx Dom, 17 Nov 2013 - 12:58

[voto 8] - Ottimo wargame leggero che sfrutta l'ambientazione di Conan il Barbaro.
materiali superlativi: mappa, miniature, carte, segnalini tutti di ottima fattura.
da il meglio in tre o quattro giocatori secondo me. la meccanica principale è quella riguardante l'utilizzo di dadi presi uno alla volta da un pool comune.
partite sempre molto emozionanti. per me voto 8.

Joker1997 Dom, 09 Ott 2011 - 02:34

[voto 3] - Noioso e macchinoso...impossibile fare un minimo di strategia dato che gli "omini" che si riesce a "produrre" sono pochissimi e muoiono con una facilità allarmante,non solo in battaglia,(che per il 99% sono fatte contro il gioco e non contro gli altri giocatori),ma anche per altre cose che ignoro il motivo della loro incontro prematuro con Crom (leggi Morte),fuori fare una città?vuoi marciare?ecco ti costa un'omino,dato che in media si possiedono 4-5 omini per fazione in media,va da se capire che basta una battaglia andata male epr restare fuori dai giochi fin da subito visto la difficoltà di rimettere truppe fresche...il pensiero che sono gli stessi autori dell'ottimo " la guerra dell'anello" mi fa pensare molto...a volte licenze miliardarie non bastano a fare un prodotto, un bel prodotto... pollice giu

(\_/)
(°_°)
(> <)
Questo è Bunny.Copia Bunny nella tua firma per aiutarlo a dominare il mondo.

tigrez Gio, 21 Mar 2013 - 15:31

[voto 6] - A mio modo di vedere un'occasione persa. L'idea era veramente buona, ma le dinamiche del gioco non mi sono sembrate all'altezza dell'aspettativa. Ogni volta che ci gioco, arrivo in fondo con la senzazione che mi sia mancato qualcosa, che ci sia qualcosa che non giri a dovere. Da giocarsi unicamente in 4.

decio Mer, 29 Giu 2011 - 22:47

[voto 8] - Ottimi componenti, strategie interessanti e poco fattore fortuna, l'unica pecca è che c'è poca interazione tra i giocatori nelle prime fasi del gioco

Dicono che sia una persona terribile.
Non è vero ho il cuore di un ragazzino,
in un barattolo sulla scrivania.

merlock Gio, 01 Set 2011 - 13:53

[voto 7] - Componentistica buona, grafica eccellente.
Regolamento corposo...appena riesco me lo studio e lo si prova. Per ora dò 7 sulla fiducia.
Giocato e piaciuto...abbastanza. Troppo lungo per i miei gusti, ma stretegicamente molto valido, anche se la guerra la fa da padrona.
Voto 7 pieno.

Casull Lun, 20 Giu 2011 - 11:44

[voto 7] - Giocato 3 Volte, voto: 7
per il momento l'ho sempre giocato in 3, perciò prima di commentarlo come si deve, aspetto la prova a 4 giocatori. per ora, impressini positive.

Stern Mar, 07 Giu 2011 - 11:27

[voto 8] - Concordo con il recensore: da giocare in 4 per goderselo in pieno e gli Stygiani con una posizione di sicuro vantaggio.
Per il resto lo trovo davvero bello: ci si può fare gli affari propri oppure ingaggiare battaglia con gli altri giocatori e si può scegliere la dose di guerra/diplomazia che si ritiene più opportuna.
Non può mancare nella ludoteca degli amanti del personaggio e dell'amientazione.

"Krom conta i morti!"

Ritratto di dante_sol dante_sol Mar, 05 Apr 2011 - 23:07

[voto 8] - Bel gioco, divertente, molto interessante e dai componenti suntuosi.
Tutte e tre le partite che ho fatto, sono state piuttosto impegnative, tuttavia, per via della necessità di tornare spesso sul Regolamento.... tra l'altro non chiarissimo.
Perché il mio voto é un 8? Proprio per quanto scritto or ora.

Vincenzo Sab, 11 Dic 2010 - 19:40

[voto 6] - Belli i componenti e le pedine; il materiale in effetti è di pregio. L'ho trovato un po' troppo macchinoso e da fare obbligatoriamente in 4 giocatori. Il sistema dei dadi, simile a La Guerra dell'Anello, è consolidato e richiede di fare delle scelte ponderate.

Ommariuolo Lun, 01 Nov 2010 - 11:39

[voto 7] - Gran bel gioco, ma un pò troppo di "posizione" nelle prime ere; chi si aggiudica conan davvero molto avvantaggiato, ma non irraggiungibile.
non è per chi cerca un gioco veloce.

SirAstra Ven, 15 Ott 2010 - 14:27

[voto 7] - Conan, già si sa subito di che tipo di ambientazione si sta parlando. Materiale molto grazioso, forse regole non proprio intuitive. Giocato poco ma sempre divertente.

trollino Ven, 01 Apr 2011 - 10:17

[voto 8] - Molto bello e delle giusta durata. Un gioco che unisce vari aspetti, all'apparenza sembra un wargame, ma racchiude tante meccaniche che permettono di vincere, senza troppo combattere. Ho trovato questo gioco da tavolo ben ambientato. Le prime partite possono lasciare un po' disorientati, più lo si gioca e più piace. Materiale bello e di buona fatura per un'impatto grafico accattivante!

verdonzolo Dom, 22 Ago 2010 - 03:29

[voto 9] - bello. imponente. componentistica spettacolare, regolamento corposo.
il gioco è sempre vario e differente, buono il bilanciamento anche se ho un leggero sospetto che aquilonia risulti un pochino avvantaggiata quanto ad obiettici e stygia quanto a geografia. l'interazione è totale e la caratterizzazione dei regni notevoli (lo stile di gioco è decisamente influenzato dal regno scelto) . il regolamente non è di facile consultazione ed il gioco, le regole non sono immediate ne risente quant a durata. in definitiva un ottimo titolo.

decaxd Sab, 15 Mag 2010 - 12:31

[voto 6] - Il gioco è abbastanza veloce, si ha sempre il tempo di pianificare una mossa in più turni, quindi si può pensare ad una strategia che può anch'essa essere influenzata dagli obbiettivi. Un gioco abbastanza tattico e che tiene conto di una componente fortuna che si può "gestire" giocando carte, ritirando dadi, usando segnalini etc etc ...
La pecca più grossa del gioco è il suo volerlo per forza collegare a Conan. Di conan il gioco a parte la miniatura non ha nulla, senza tutte le regole collegate a conan si potrebbe benissimo giocare e velocizzare il tutto, è abbastanza inutile, spesso è un disturbatore del gioco (segnalini razzia), diciamo che nessuno se ne preoccupa mai più di tanto. Il gioco poteva benissimo essere ambientato anche nello spazio, non cambiava nulla.
A mio parere solo per 4 giocatori. inutile giocato in 2 o in 3

lupaus Lun, 03 Mag 2010 - 17:01

[voto 8] - Commento basato su 5 partite.

Bel gioco di battaglie, scorre in maniera piacevole senza essere banale.

La durata media delle partite effettuate è stata di due ore-due ore e mezza nonostante la presenza di giocatori alla prima partita, un tempo ragionevole per un gioco di questo tipo.

Il vantaggio di Stigia è facilmente bilanciato se il giocatore di Turan si muove bene, per cui risulta rilevante solo alla prima partita. in realtà in nessuna delle partite lo stigiano è risultato il vincitore finale.

L'unico neo importante (motivo per il quale do solo 8) è che per gustarlo bene bisogna per forza giocarlo in quattro.

CaLeb Dom, 02 Mag 2010 - 11:18

[voto 7] - Nessun commento

Cosa vuol dire essere il prescelto? spero che nessuno di voi mai lo sappia...
Vivo nella furia, nella devastazione e nella cerebrolesaggine psichica.
Il resto è tutto risolvible a cannonate!

cosarara Lun, 12 Apr 2010 - 18:03

[voto 8] - Un passo avanti rispetto al già intrigante La Guerra dell'Anello: ottima componentistica, quattro fazioni ben bilanciate, meno rigidezza nel dipanarsi delle partite rispetto ad altri giochi con setup fisso (La Guerra dell'Anello, Il Trono di Spade). Bella l'idea della doppia tipologia di "conquista" (militare e diplomatica), che apre tutta una serie di opzioni strategiche non indifferenti. Bella anche l'implementazione di Conan, che svolge un ruolo decisamente pesante sull'economia della partita. Notevole.

Lobo Mer, 24 Mar 2010 - 09:46

[voto 8] - Gioco molto profondo e divertente, ma con una meccanica non certo immediata. La diversità dei popoli e il meccanismo di Conan sono uno dei suoi punti di forza. Sicuramente occorre giocare diverse partite prima di poter apprezzare il titolo pienamente.

Commento basato su diverse (oltre 5) partite

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

rolf Ven, 12 Mar 2010 - 13:15

[voto 6] - Meccanica interessante, ma per me il trio Maggi, Nepitello, Di Maggio ha fatto di meglio.... Ambientazione azzeccata ma gioco troppo lungo per quello che offre.

mechvigiak Sab, 16 Gen 2010 - 00:01

[voto 7] - Il gioco non è male, però mi aspettavo davvero molto molto di più sia per l'ambientazione per la casa editrice che lo ha prodotto. Il sistema gir anche se è infarcito con una serie di meccanismi aleatori che lo inceppano un po troppo spesso.

Ma il vero problema a parte uan durata imbarazzante è il bilanciamento. Stigia è più forte nulla da dire, Aquilonia in mezzo rischia sempre grosso e poi la condizione di fine partita alla terza era sconcerta per aleatorietà e scompiglio se non riesce...

Bella l'idea di Conan assoldato ma non pare essere decisivo come dovrebbe.

Occasione sprecata, straconsiglio la Guerra dell'Anello anche se è solo per 2 giocatori, quello è davvero un bel gioco. Questo è un giochillo, costoso che così com'è non vale il prezzo.

peperone72 Dom, 27 Dic 2009 - 22:59

[voto 6] - Io l'ho trovato un gioco senza infamia n'e` lode. E` un tedesco con ambientazione appiccicata. Belle le miniature e i palazzi. regolamento eccessivamento complesso per il tipo di gioco. Gioco tattico, il tipo di meccanica non permette pianificazione. Per il tipo di gioco e il coinvolgimento che da' lo trovo appena sufficiente.

cacco Mar, 24 Nov 2009 - 18:37

[voto 3] - Il Giocatore Mascherato fa flessioni con scatole così pesanti. Urghhh. Ok vediamo chi ha fatto i compiti a casa. Conan, il Cimmero. Il barbaro più famoso del mondo. Nato dalla texana penna di Robert Howard, principale autore della Eroic Fantasy. Bello. Il libro intendo. Nemmeno se Howard stesso provasse questo gioco, capirebbe di stare giocando ad un prodotto basato sul suo mondo. Il sistema di aste a cui ci si aggiudica Conan avrebbe avuto senso con i soldi (dato che il cimmero è un mercenario), non con degli aleatori segnalini di dubbia foggia.Si perde la magia dell'era Hyboriana, con una specie di risiko. I giochi su licenza raramente fanno centro. E io preferisco far saltare due pulci a Micro Mutant, vero Nepitiello-Maggi?

maurydoc Mar, 14 Feb 2012 - 10:52

[voto 7] - Bel gioco, ben calibrato, ambientazione resa a regola d'arte... unica pecca le carte avventura di Conan, l'ordine di uscita può influire "forse" eccessivamente sul corso del gioco. Ma d'altronde Conan ribalta veramente le sorti del mondo in questa ambientazione.
Materiali eccellenti.

mxm89 Lun, 26 Ott 2009 - 19:21

[voto 8] - Bel gioco che unisce due tipologie di meccaniche e degli ottimi materiali ad una buona profondità strategica anche se con l'alea fortemente presente.
Ho fatto una sola partita ma voglio riprovarlo al più presto....

Jillian Mer, 29 Lug 2009 - 12:32

[voto 7] - Nessun commento

E' arrivato l'Arrotino! Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto.
Donne, è arrivato l'arrotino e l'ombrellaio!!

goldenboy79 Lun, 20 Lug 2009 - 13:35

[voto 8] - Purtroppo ci ho fatto per adesso una sola partita; però mi sono molto divertito l'ambientazione viene resa bene, le fazioni sono particolareggiate con ciascuno il proprio mazzo.
Forse un po' troppo macchinosa è la conquista militare, effettivamente il giocatore stigiano nel sud ha mano libera, ma si può rimediare con una coalizione o affidandosi a Conan.

smog Mar, 26 Mag 2009 - 16:17

[voto 7] - Ho tutto sommato trovato ingiuste tante critiche piovute su questo gioco, e l'ho trovato meglio di quanto mi aspettassi. Sono daccordo però sul fatto che forse dura un po' troppo per quello che "lascia" alla fine, e anche le regole - pur non essendo difficili - sono un po' macchinose e servono almeno 2-3 partite per ingranare e cominciare a giocare davvero. In generale lo trovo comunque un buon titolo.

ilmagogasndalf Gio, 03 Set 2009 - 14:59

[voto 6] - - [FAIR-VOTE] Commento basato su 1 sola partita

La prima partita si è fermata alla fine della prima era.
Da riprovare con molto più tempo a disposizione.

MECCANICA 0,9
STRATEGIA 1,6
AMBIENTAZIONE 1,5
COMPONENTI 1,7
LONGEVITA' 0,8

Aloisius Gio, 09 Apr 2009 - 13:56

[voto 8] - Un buon lavoro. Meccaniche solide, resa del mondo tutto sommato accettabile, durata in linea con questa tipologia di giochi. Non è vero che i 4 popoli non siano personalizzati perchè il mazzo di carte loro dedicate suggerisce stili e strategie di gioco diversificate.

Dà il meglio, credo, in 4 giocatori (forse questo è un piccolo limite). Rimane ovviamente un gioco per gli appassionati del genere e/o dell'ambientazione. Rispetto al "cugino" GdA è un filo meno innovativo, il che giustifica il voto leggermente inferiore (avrei voluto dare 7,5).

falco_999 Mer, 08 Apr 2009 - 13:19

[voto 7] - War game bon fatto a mio parere!
Così come ben pensata è l'azione di Conan che vaga per i reami e funge anche da "tracker" per i periodi del gioco.
Le posizioni di partenza sono abbastanza bilanciate e ogni regno può impostare la propria strategia come meglio crede!
L'unica cosa che poteva essere pensata più a lungo sono le quest di Conan...poteva, mentre faceva una missione, interagire maggiormente coi giocatori rendendo le quest più varie!
Le carte regno, meno utili di quanto possano sembrare, sono ben fatte così come il resto del gioco che appare "epico" alla vista.

dex Mer, 30 Dic 2009 - 15:41

[voto 9] - Sono un pò perplesso su questo gran bel titolo, sicuramente un prodotto fatto bene e con molti pregi.
Preciso che ho potuto giocarci poco, nonostante lo abbia in collezione da quasi un anno.
Questo boardgame è epico ed affascinante nel tema (che conosco poco ma che mi pare sia reso molto bene);ad ogni modo la suggestione dell'atmosfera fantasy si sente benissimo e prepotentemente.
Il materiale che lo compone è superlativo! Le miniature sono ben scolpite, le illustrazioni sono splendide, la mappa è proprio bella. Credo si possa accennare ad una critica solamente parlando dei colori delle fazioni, che sono un pò forti. Ma questa è pura pignoleria........
Parlando del gioco: secondo me ci sono delle situazioni di sbilanciamento e parecchipunti oscuri del regolamento. Questo è il vero e proprio neo del gioco: perchè -a me personalmente- è stata necessaria più di una lettura del testo prima di riuscire a fare un paio di partite di prova......... cosa che non mi capita spesso.
Senza dire che, poi, i dubbi a me sono rimasti e che, durante la partita, devo continuamente consultare il regolamento per cercare di risolverli. Mah!....
Durata relativamente accettabile: serve una serata "luuuuuunga" od un pomeriggio intero per giocare veramente.
Per me, comunque, è un nove e mezzo.
Ne consiglio caldamente l'acquisto!
- [Autore del commento: MPAC]

sarahprinz Lun, 23 Mar 2009 - 18:33

[voto 7] - Questo sarà sicuramente uno dei voti che rivedrò in futuro, ma per ora preferisco restare moderato nonostante, e lo ammetto senza problemi, il gioco mi sia piaciuto molto!
Non mi perdo nel sottolineare cose dette da altri, anche a me sembra un po' poco la carta bonus per Conan, soprattutto perché troppo dipendente dalla pesca delle carte strategia, ma è anche vero che gli artefatti non sono poi così definitivi... salvo il Cuore... ecco, forse quello è un po' troppo potente rispetto al resto e fa sembrare la carta bonus poca roba...

Per aggiungere qualcosa a quanto detto in precedenza, non trovo particolari difetti di astrazione né di integrazione di meccaniche che sicuramente non sono particolarmente innovative, ma non per questo criticabili. Per quanto mi riguarda Conan *è* pilotabile, se si sa quando è bene prenderlo e quando no. Non è detto che la partita si vinca *solo* coi segnalini e decidere di sfruttare il cimmero per muovere guerra o piazzare razzie non è un aspetto da sottovalutare.

Ciò che non mi convince fino in fondo in questo gioco è l'aspetto delle avventure. Non perché sia astratto, ma perché manca completamente di varietà. Il problema principale dei giocatori è solo *dove* andrà Conan perché le avventure si riducono *solo* a quello. Dopo un paio di partite già non si legge più il testo, ma si guarda solo la destinazione ed il numero dei segnalini e credo che questo sia grave in un gioco che fa dell'ambientazione il suo cavallo di battaglia.
Possibile che non sia stata pensata qualche avventura del tipo "Va lì e fa quello"... Anche rifiutare per una volta il movimento al giocatore Conan, restare fermo, andare in due posti, addirittura attaccare un colore o un territorio particolare, a costo di sbilanciare il gioco, lo avrei apprezzato perché avrebbe reso il tutto più vario e meno piatto.

A parte quanto sopra, comunque, lo considero davvero un buon gioco da provare. Peccato che, ma forse sarà solo una brutta abitudine mia, ho trovato molto più organico e di facile consultazione il manuale inglese della Fantasy Flight rispetto al nostro italiano.

zebulon Dom, 22 Mar 2009 - 22:37

[voto 7] - Sono d'accordo con la recensione, non mi sento di aggiungere molto altro a dire il vero. Le avventure di Conan, sono purtroppo, un meccanismo astratto, che personalmente sento più astratto di alcune altre astrazioni del gioco. In combattimento, però, il buon cimmero fa la sua porca differenza.
Onestamente a me ha ricordato di più Marvel Heroes, de La Guerra dell'Anello, se togliamo i dadi del fato.
Ci rigiocherò molto volentieri però.

<IMG src=http://img201.imageshack.us/img201/9776/avatar1160430980kp5.jpg>

marzullo Sab, 21 Mar 2009 - 00:44

[voto 9] - bello,bello,bello!finalmente un bel giocone strategico che non fa massaggiare le tempie dopo averlo giocato.è vero che si tirano dadi,ma è anche vero che poi bisogna sfruttare al meglio le molteplici azioni che questi offrono,quindi io direi che la fortuna è abbastanza limitata.i materiali sono favolosi e l'ambientazione rende alla grande.le meccaniche di gioco anche se non spiccano di originalita,'scorrono fluide e senza intoppi.personalmente non sono mai stato un grande appassionato dell'eroe cimmero,ma questo gioco mi diverte dall'inizio alla fine.secondo me,è uno dei migliori giochi degli ultimi tempi.

BernieLomax Gio, 19 Mar 2009 - 21:14

[voto 7] - Che dire...è stato il gioco che maggiormente ho atteso e ora dopo alcune partite sono ancora incerto sul giudizio complessivo da dargli. La sensazione provata alla fine di ogni partita è che ci sarebbero state miriadi di cose da fare che non si è riusciti a concludere....eppure ripensandoci anche le cose fatte sono parecchie come dimostrato dal bel colpo d'occhio che immancabilmente offre il campo a fine partita. La voglia di rigiocare sorge indubbiamente spontanea.
Nessun problema di bilanciamento riscontrato, le carte regno permettono di differenziare le strategie implementabili dai diversi popoli, cosi come gli artefatti, pur riuscendo a non dare vantaggi decisivi. La gestione del cimmero offre a sua volta dei buoni spunti, potendo utilizzare sia come ariete che come minaccia oltre che per le sue avventure, anche se è effettivamente molto soggetta alla dea bendata anche per chi non ha problemi a riconoscere il peso che indiscutibilmente gioca il fato in tutti gli aspetti del creato.
Occhio alla durata delle partite che in 4 supera ampiamente i tempi indicati....sempre che non si abbia la mania di voler incoronare Conan alla prima occasione...personalmente io preferisco rimanere saldamente sul trono del mio Regno!

NandoFerrari Mer, 18 Mar 2009 - 22:31

[voto 5] - Una grossa delusione.

L'ambientazione di Conan sarebbe stata una bella idea, ma sfruttata male...

Regolamento di gioco orribile, tocca leggerlo diverse volte per comprendere a pieno tutte le meccaniche e comunque rimangono sempre dei dubbi.

La mappa è bruttina e probabilmente il numero limite delle unità piazzabili in una provincia dipende proprio dal fatto che più di 5 sopra non c'entrano fisicamente, e 5 oserei dire che in alcuni punti della mappa sono già troppo abbondanti.

Le "magie" sono semplicemente dei re-roll che non servono nemmeno più di tanto poiché fanno ritirare tutti i dadi piuttosto che conservare solo quelli utili, il gioco scorre molto lentamente e vi è un'ostentazione del caso veramente esagerata, il gioco nasce come strategico, ma tutto quel caso lo rende esclusivamente fortunoso.

Anche per le avventure tutto dipende dalla sorte, infatti può succedere che un'avventura duri appena 2 turni perché se l'obiettivo di Conan è a due passi da lui è molto probabile che finisca immediatamente.

Il gioco è lungo e purtroppo non divertente.

Nel complesso una delusione da un gioco così atteso.

Grifis Ven, 30 Dic 2011 - 22:17

[voto 9] - Dopo avere giocato parecchie partite (e ancora nessuna in 4) il mio giudizioè largamente positivo. Sono un fan sfegatato di Conan e ho letto tutto quanto ha scritto Howard. Questo gioco è un gioiello che rende onore al mitico autore americano. Regolamento complesso ma facile da gestire. derivato da La Guerra dell'Anello ma migliorato in giocabilità (pure se chi scrive adora anche la GdA), materiali stupefacenti. Certo, non si tratta di un gioco per gicatori occasionali ma è un "must". Se devo trovare proprio un difetto è la durata. 90 mnuti sono davvero pochi, in relatà ne occorrono molti di più per concludere una partita... ma è davvero un difetto passare 2-3 ore attorno a un tavolo di gioco :-)

Shadilnano Mar, 17 Mar 2009 - 13:51

[voto 7] - Non ho riscontrato difetti particolari se non la poca incisività di vari aspetti del gioco, che semplicemente non sono niente di nuovo o di particolarmente azzeccato e caratterizzato (come potevano essere la caccia e la corruzione, gli assedi e i personaggi della GdA). Le avventure di Conan in particolare sono troppo astratte e tutte uguali.

Resta comunque divertente: ha il pregio di riempire una serata senza sforare le 2 ore, è uno strategico ben confezionato con turni veloci e poco downtime, in cui si può influenzare il risultato finale in vari modi oltre al combattimento, che rimane comunque fondamentale.
Un po' ripetitivo, forse.

Shad il nano taccagno
Amministratore del sito
La Taverna - GdR & Fantasy
www.latavernagdr.it

Emerych Mar, 17 Mar 2009 - 12:08

[voto 8] - Io ho avuto modo di provarlo e se ha alcuni difetti ( non tutto il materiale nella scatola è allo stesso livello qualitativo ) è pur vero che ha dei pregi:
1) Il gioco non ha una durata eccessiva ( anche se questo dipende molto dallo svolgimento delle avventure di Conan ).
2) La presenza del Cimmero sulla plancia e il fatto che con l’esclusione del primo giocatore nessun altro è certo dell’azione che potrà effettuare durante il suo turno di gioco rendono le paritite decisamente imprevedibili.
3) Per raggiungere la vittoria i giocatori hanno a disposizione parecchie opzioni e fino alla fine della partita il risultato è sempre in discussione.
4) Il sistema di risoluzione dei conflitti è davvero semplice.

Forse si poteva fare di più dal punto di vista dell’ambientazione.Forse.Ma a mio parere anche questo aspetto è curato a dovere.

Insomma.L’impressione che ho avuto è stata molto positiva e aspetto solo di giocarci di nuovo.E se qualcuno della Tana di Milano è in ascolto batta un colpo che ci organizziamo.

Arnobio Mar, 17 Mar 2009 - 11:00

[voto 5] - Una grossa delusione. Il gioco non è nulla di quanto promette(va).

L'ambientazione è pessima. Conan è una gran bella ambientazione, ma qui è sfruttata solo superficialmente...i nomi e la mappa, e poco più. Non esistono differenze significative che caratterizzino le 4 popolazioni, le differenze sulle carte sono minori e a malapena si notano, e il gioco è potentemente astratto: una gran quantità di elementi, che potevano - anzi, dovevano - creare ambientazione, sono semplicemente tristi espedienti per ricoprire meccaniche del tutto insipide: la "magia" è ridicola, le avventure di Conan sono tutte uguali nella loro piattezza (sposti l'obelisco e peschi dei tesori a caso), l'asta per conan è allucinante (credo sia una delle scelte d regole più astratte che abbia mai visto, con quei brutti segnalini che non vogliono dire assolutamente NIENTE), l'asta per i tesori è buggata, il limite delle truppe non ha un senso se non quello (di nuovo, astratto) di porre un limite oltre il quale il brutto sistema di gestione degli scontri andrebbe in palla.

Il regolamento è brutto e poco organico, va a mescolare un gioco di piazzamento (ambasciatori) con una specie di tombola, yahtzee e briscola (pesca di segnalini, dadi, carte a palate). Questi ultimi elementi creano un gioco mostruosamente dominato dal caso: il dado, le carte, la pesca dei segnalini, la pesca delle avventure, la pesca degli obiettivi, il tutto è davvero troppo.

Ciliegina sulla torta: la possibilità di chiudere alla 3° era con una sculata. Che senso ha? Se funziona accorci il gioco (quindi probabilmente serve a spacciarlo come gioco da 90 minuti), se non funziona ti ritrovi senza un giocatore e crei una dinamica assurda da gioco ad eliminazione, che di nuovo non c'entra niente. Ridicola.
Chiudo come sempre con la veste grafica/componentistica: mediocre, in media. La maggior parte delle miniature sono molto belle, è vero. Ma la grafica è molto sotto questo livello, le carte sono modeste, la mappa è bruttina (e riesce pure ad essere poco chiara!), l'immagine sulla scatola poi fa venir voglia di piangere.

Davvero una triste sorpresa. Un prodotto poco organico e inutilmente appesantito da scelte di regolamento assai poco ispirate. Non aggiunge nulla di utile al panorama ludico attuale, in compenso pasticcia e rovina una licenza che poteva avere potenzialità ben più alte.

Materiali: 1,5 - e sono buono, perchè certi pupazzi sono proprio belli..meriterebbe 1
Regolamento: 0,5 - astratto, sgangherato, brutto
Originalità: 1 - se l'ambientazione effettivamente fosse presente, sarebbe 2
Longevità: 1 - non mi sembra offra molta profondità
Divertimento: 1 - dipende dai giocatori, più che dal gioco in sè

L' importante è restare vivi.
Se sei ancora vivo il tuo nemico deve ancora temerti.
La sopravvivenza è l' unica vittoria.
N.

gabmac Mar, 17 Mar 2009 - 09:26

[voto 9] - Bello! Molte strategie da gestire....unica annotazione avrei inserito qualche avventura in più di valore 5 (Solo una!)

Chilavert Mar, 17 Mar 2009 - 08:35

[voto 9] - Ho già avuto modo di dire come ho visto il gioco nella mia preview di novembre 2008. Da allora posso dire di aver cambiato poco il mio modo di vederlo. Comincio dai difetti, perchè secondo me sono quelli che ti fanno veramente apprezzare il gioco.

La grafica in generale è bella, ma dove le miniature sono fatte bene le carte sono un po' carenti. Nonostante il regolamento chiaro, molte persone si confondono con le sezioni delle carte strategia. Inoltre la scelta di fare i territori di colore simile a quello delle capitali porta qualche altra confusione anche a livello di scelte tattiche (l'istinto del giocatore del Risiko, che è in quasi tutti noi).
L'accusa che probabilmente verrà mossa di più al gioco è il fatto che non c'è abbastanza atmosfera, ma io personalmente l'ho trovato invece abbastanza calzante. Certo, a guardare bene uno può dire che il tema è slegato dal gioco in quasi qualsiasi boardgame, basta cercare bene.
Il meccanismo dei dadi fato: nella Guerra dell'Anello io l'ho trovato orribile, invece qui in Conan funziona decisamente bene. Altri hanno detto che la mappa è squilibrata, ma sinceramente dopo una quarantina di partite questo forse è proprio il difetto che non ho trovato più di tanto.
Il meccanismo delle avventure di Conan: da quello che ho visto in troppi lo sottovalutano e si può creare una situazione spiacevole per la quale chi ha "creduto" in Conan si trova con un vantaggio consistente in termini di segnalini avventura. Tuttavia questa è una cosa che non accade spesso.
Infine i combattimenti: si usano i dadi, quindi coloro che odiano questi simpatici cubetti possono anche stare alla larga (ma in generale essendo questo un gioco "all'americana" se ne saranno allontanati già prima di leggere la recensione). Forse il maggior difetto che ho trovato personalmente sta nel meccanismo dei combattimenti militari tra giocatori, che è un po' troppo macchinoso per i miei gusti.
Ah, quasi dimenticavo: è possibile che si soffrirà un po' di "sindrome di A&A", nel senso che alcune mosse iniziali da parte delle quattro potenze iboriane sono quasi obbligate.

I pregi: il gioco è totalmente libero, si può fare esattamente quello che si desidera fare. I meccanismi da tenere in considerazione sono quei tanti che bastano da rendere il gioco interessante. Persino la scelta tra attacco diplomatico e militare diventa importante fin dalle prime fasi del gioco. Il gioco è anche molto divertente ed ha pochissimo downtime (a meno che, ovviamente, non giochiate con persone davvero lente nel decidere, ma in quel caso persino il Monopoli diventa eterno... o forse lo è già?). Le diverse possibilità di fare punti rendono inoltre la partita piuttosto avvincente, e tutto sommato anche la scelta di non poter perdere la capitale mi è sembrata valida perchè almeno non si creano grossi handicap.
L'interazione tra i giocatori è notevole, anche se può essere vero (ed è ovvio, peraltro) che si tende a conquistare prima le province neutrali. Però già nelle primissime fasi si possono vedere i primi scontri (di solito intrighi) tra giocatori. Infine la durata: in quattro giocatori, una volta imparate le regole, due ore dovrebbero essere sufficienti per una buona partita.

In breve: per me questo gioco è un passo avanti enorme rispetto alla GdA, e mi è tanto piaciuto quanto mi ha deluso GdA, tanto è vero che dopo quattro giorni consecutivi di gioco per quasi 12 ore al giorno, SEMPRE a Age of Conan, non vedevo l'ora di rigiocarci.
Come al solito però il consiglio che mi sento di dare è: provatelo. Sono sicuro che piacerà moltissimo ai fans di GdA, ma anche a moltissimi altri giocatori; tuttavia sono altrettanto sicuro che non si possa gridare al capolavoro del XXI secolo (e non solo perchè siamo appena nel 2009). Per me Age of Conan resta un gran bel gioco, divertente da giocare e bello da vedere. Consigliato.

IMAGE(http://goo.gl/AoQicf)
IMAGE(http://lolsigs.com/Chilavert82IT_euw_254_0.png)