Witch of Salem

Anno di pubblicazione: 
2008
Min giocatori: 
2
Game designers: 
Categoria: 
Durata del gioco: 
60
Max giocatori: 
4

Commenti

Capricornus Mar, 21 Ott 2014 - 01:22

Ė il titolo giusto per iniziare a muovere i passi verso eldritch e arkham.Meccaniche ridotte all osso e investigatori tutti uguale.Nel complesso un gioco divertente,ma troppo troppo difficile vincere.il voto basso ė dovuto al fatto che tutto il gioco ė gestito dal fattore fortuna,senza poter dar la possibilità di bilanciare con una buona strategia dei giocatori.si perde quasi sempre,se non sempre XD

midnight Lun, 21 Nov 2016 - 13:55

Voto: 7
Materiali: 2 tabellone solido e carte robuste (consiglio però di comprare delle bustine, per le carte).
Regolamento: 1 sono 4 pagine di regolamento, molto semplice per iniziare.
Originalità: 1 è il fratello minore di Arkham Horror, ma non ha bisogno di essere giocato con espansioni.
Longevità: 1 alla lunga il gioco è sempre lo stesso.
Divertimento: 2 è molto difficile vincere perchè il tempo non è dalla tua parte, la cosa a me piace.

antonio81 Mer, 07 Ago 2013 - 19:46

[voto 7] - Prima partita ieri sera, 4 persone.

Facile da spiegare, un po' fortunoso (ma non troppo), richiede un minimo di pianificazione tra i giocatori sulle mosse da eseguire. Giocato con alcune varianti: oggetti scartati o usati tornano subito nel sacchetto (è più difficile pescare i sigilli), solo i giocatori che si incontrano in uno stesso luogo possono scambiarsi informazioni sui portali (poco prima della fine avviene che tutti sanno dove sono i portali aperti: inoltre se esce la carta Robert Craven e si torna tutti alla Miskatonic si può parlare liberamente), il primo giocatore varia di turno in turno andando in senso orario.

Risultato? Abbiamo vinto con Necron a due caselle dalla fine del suo tracciato, grandi pacche sulle spalle e soddisfazione alle stelle, anche se sappiamo di essere stati fortunati.

PS: mai visto un gioco con divisore interno addirittura sovrabbondante e con tessere portale di scorta! (perchè proprio quelle, poi? gli occhietti della sanità mentale sono più piccoli e in numero preciso, uno in più non avrebbe fatto male)

NaraKu Sab, 02 Feb 2013 - 17:33

[voto 9] - Non male, semplice nelle meccaniche, ma stimolante quando si gioca perchè vincere non è una cosa così scontata. Bel cooperativo, lo consiglio a tutti coloro che amano i giochi cthuloidi :)

Svattolo Mer, 16 Gen 2013 - 17:33

[voto 8] - 7,5 sarà fortuna o con oggetti "discutibili" si fanno fuori "boss" ;o) ...cmq come gioco è a suo modo piacevole

SVATTOLO

theMan80 Ven, 28 Set 2012 - 14:55

[voto 8] - Gioco interessante nelle dinamiche. E' vero, potrebbe essere giocato tranquillamente con un'ambientazione astratta. ma se si conosce lovecraft lo si apprezza comunqu. Materiali molto belli
MEccaniche semplici ma intriganti. Adatto quindi anche a chi on cerca cose troppo impegnative. Ci ho giocato una decina di volte, in 2 e in 4. Non e' poi cosi' facile vincere. Consigliato

solo coloro che sono abbastanza folli
da pensare di poter cambiare il mondo
lo cambiano davvero.
(Dario Fo)

malmi Mar, 25 Set 2012 - 01:20

[voto 5] - "Lo stregone di Salem" è un gioco cooperativo che mi ha deluso non poco. Il colpo d'occhio è senza ombra di dubbio degno di nota, il tabellone evocativo così come i materiali sono davvero di ottima fattura. Una volta preparato il gioco e letto il regolamento, però, le cose cominciano a non quadrare granché. Prima di tutto, i personaggi non sono minimamente caratterizzati l'un l'altro, non godono né di poteri né di abilità personalizzate e questo certo non giova all'ambientazione complessiva del gioco; inoltre, le azioni che si possono svolgere sono praticamente sempre le solite e predisporre un minimo di strategia non serve a molto dal momento che la componente "fortuna" è fin troppo imperante. La cooperazione tra i giocatori deve essere perfetta se si vuol avere una sola chance di vittoria, ma ahimè spesso non basta: la pesca casuale delle carte "creatura" (elemento aleatorio che ha, però, anche il pregio di generare tensione) così come quella delle tessere-oggetto e delle carte evento rendono lo svolgimento della partita quasi totalmente imprevedibile, azzerando di conseguenza la componente strategico-logistica. In più, come già detto, le azioni sono poche e sfortunatamente troppo ripetitive: in breve, ci si sposta, si lancia il dado per scoprire quali oggetti si perderanno e, se si possiedono quelli indicati sulla carta creatura, ci si sbarazza di quest'ultima in un lampo. Tutto eccessivamente lineare e rapido, il fulcro del gioco diventa la semplice ricerca degli oggetti e il loro utilizzo randomico: già perché può capitare che si perda tre turni per prendere un oggetto e lo si smarrisca per un lancio del dado prima di poterlo utilizzare. Anche la storia e, dunque, l'atmosfera sono appena sufficienti: il grande antico da esorcizzare (ma si può sapere perché siamo obbligati a doverne scoprire l'identità prima che Necron raggiunga una certa casella? A me sembra solo un pretesto poiché sapere chi sarà il mostro finale non influisce più di tanto nella meccanica di gioco), così come le creature che compaiono in città sono troppo sterili e senza spessore per interessare: si tratta letteralmente di carte con su scritto gli effetti negativi e i punti deboli, che possono essere distrutte in un batter d'occhio e non modificano mai lo svolgimento della partita. A volte sembra di giocare al gioco dell'Oca, di spostarsi tra le caselle del tabellone tanto per fare qualche azione (spesso, infatti, per puro capriccio di fortuna è possibile solo effettuare una o due azioni) e tornare poi a pescare l'ennesima carta nefasta che scatenerà il finimondo. Come detto, l'interazione tra i giocatori non è eccessiva, complice il divieto di parlare dei portali... ma che senso ha?? Inoltre, l'eccessiva difficoltà del gioco unita alla frustrazione di girovagare a vuoto per le zone della città rendono la partita piatta, riducendola ad una mera serie di turni per lo più identici tra loro. Insomma, non si ha la sensazione di far parte di una storia, non si entra mai del tutto dentro allo spirito che il gioco vorrebbe creare; il motivo, a parer mio e del gruppo al quale l'ho fatto più volte provare, è che si tratta semplicemente di un "giochino" travestito da "giocone" e che il setting così come le meccaniche presentate siano solo dei pretesti per ingigantire l'effettiva poca sostanza alla base. Lontano anni luce da giochi quali Shadows over Camelot, "Lo stregone di Salem" può interessare per un paio di partite al massimo dal momento che, dopotutto, il regolamento è facilmente spiegabile e la durata del gioco abbastanza contenuta. Il problema non è tanto la difficoltà (è davvero arduo vincere), anzi ben vengano giochi impegnativi!, quanto l'eccessiva casualità del tutto, il nonsense che si respira tra un turno e l'altro così come la piattezza delle dinamiche e l'ambientazione non molto sentita. Peccato, si poteva moooooolto di più. Non sufficiente. Voto: 4/5.

peppone Gio, 23 Ago 2012 - 10:07

[voto 8] - Molto divertente; piace anche a mia moglie che di solito non ama i giochi tedeschi. L'ambientazione si sente, grazie anche al fantastico tabellone; la tensione accompagna quasi ogni decisione e anche la casualità della pesca di carte e tessere trova una sua logica nel creare momenti di suspense che ben si adattano al tema horror. Ci si diverte anche quando si perde!

punkrockstyle Ven, 03 Ago 2012 - 14:52

[voto 8] - Un bel cooperativo per passare un'oretta di gioco senza impazzire troppo per ricordare regolamenti e meccaniche complicate.La grafica e accattivante,i materiali di buona fattura ma ciò che la fa da padrone e la possibilità di interazione tra i giocatori e il fascino dell'ambientazione Lovcraftiana.Consigliato per neofiti e amanti dei cooperativi.

Chunid Ven, 06 Apr 2012 - 16:42

[voto 8] - Gioco ben fatto nel quale la vittoria non è per niente scontata: il fattore fortuna sicuramente incide, ma non lo trovo preponderante sulla strategia.
A mio parare scala bene sia in 2 che in 4.
Materiali migliorabili, specialmente le carte luoghi, piccole e delicate.
Ma questo è un problema comune a molti giochi.
voto finale un bel 8 pieno!!!!!

GreenGrin Sab, 21 Apr 2012 - 17:39

[voto 8] - Questo gioco è sottovalutato.
Graficamente stupendo, è veramente difficile da battere, ma quando ci riuscite (perchè con molto impegno e un po' di fortuna ci riuscite) è una festa!
L'ambientazione si sente eccome, demoni che ad ogni turno rischiano di mandarvi all'aria i piani, colori cupi, alle volte si rende necessario il sacrificio di oggetti o di un personaggio stesso.
Insomma, preso con lo spirito giusto è fantastico! Serve molto spirito di adattamento...
Ovvio che non è Arkham Horror, ma i due, come già detto, non possono essere paragonati, sono due cose diverse. E' un gioco senza pretese e che non bada tanto ai dettagli (gli oggetti che potete usare e la loro giustificazione sono effettivamente un po' ridicoli).
Se siete alla ricerca di un gioco molto profondo e che ponga di fronte a molte scelte strategiche e siete di quelli che il caso proprio non possono sopportarlo, non è per voi.
Al contrario, se volete qualcosa di leggero, ma che richieda un'accurata pianificazione strategica e siete disposti ad accettare il fatto che una carta sbagliata potrebbe mandare all'aria i vostri piani (che se non siete stati troppo avventati potrete comunque riadattare), da giocare in un'oretta e mezza e ogni tanto siete in vena di giocare solo per giocare e non per vincere, allora fateci un pensiero.

nautsuba Dom, 03 Lug 2011 - 12:48

[voto 8] - L'8 e' raggiunto grazie alla bellissima grafica del tabellone e delle carte
Il gioco in se e' un cooperativo che puo' oscillare troppo facilmente da una prtita lineare e noiosa (in quattro capita), a un corri corri per cercare di sopravvivere.
Nonostante questo ho trovato la meccanica del risolvere tutto con le combinazioni di oggetti piuttosto ridicola per un gioco di questo genere e con questa ambientazione

Pickwick Dom, 19 Giu 2011 - 17:09

[voto 9] - Sicuramente il gioco più bello della mia collezione.
Infinitamente superiore al "fratellone" Arkham Horror, che ho rivenduto dopo poche partite.
E' un acquisto obbligato se siete amanti dei cooperativi: le meccaniche sono semplici e si spiegano in poco tempo, la durata non è eccessiva, l'ambientazione si sente tutta, il tabellone "apparecchiato" è uno spettacolo per gli occhi: un trionfo di colori e di immagini evocative. La regola che impone di non parlare dei portali visti contribuisce ad aumentare il senso di misterioso e di occulto, facendo gravare su ogni giocatore la "responsabilità" di una locazione a partire dal momento in cui ne ha guardato la tessera. Difficoltà ben calibrata, il gioco scala bene con qualsiasi numero di giocatori. La componente fortuna c'è, ma quando vi ritroverete a perdere una partita vi renderete conto che la colpa non è altro che vostra, che avete sottovalutato un qualche pericolo. Dopo una decina di partite, la voglia di rigiocarlo è ancora tanta. Se proprio vogliamo trovargli dei difetti (cercando il proverbiale pelo nell'uovo): avrei preferito una pedina di legno sagomato anche per Necron oltre che per lo stregone e i personaggi (anziché il dischetto con l'immagine stampata), la mancanza di espansioni, il range ristretto di giocatori (da 2 a 4). Per questi lievi difetti assegno un 9 anziché un 10, che altrimenti Lo Stregone di Salem meriterebbe pienamente.

Kieriko Lun, 13 Giu 2011 - 18:51

[voto 8] - Ottimo collaborativo dalle meccaniche snelle ed efficaci, il gioco risulta essere molto intrigante e coinvolgente, la lotta contro le forze del male è sul filo del rasoio mentre si cercano i portali da chiudere...la grafica del tabellone come del resto quella delle carte è meravigliosa!
Il regolamento di sole 4 pagine è chiarissimo e non lascia spazio a dubbi...questi tedeschi sono davvero in gamba!
Non è paragonabile ad Arkham Horror ma di certo è un buon sostituto se non si hanno a disposizione 4-5 ore libere!!!
Da tenere in considerazione come gateway per introdurre neofiti nel mondo dei cooperativi!
Su 5 partite fatte non abbiamo ancora vinto, il gioco non è assolutamente facile da battere!!!

"And as the lion slaughters men, I am the wolf and you are the lamb."

merlock Lun, 09 Mag 2011 - 13:29

[voto 7] - Sette pieno, anche 7,5 per quanto riguardo questo buon titolo. Componentistica buona, regole semplici, grafica superlativa. Collaborativo di buon spessore, neanche tanto semplice da giocare (vincere) e ti tiene sul filo fino alla fine.

Novembre Mer, 04 Mag 2011 - 11:00

[voto 8] - Dall'autore di Cuba

Buon cooperativo, adatto a tutti, ricrea un'atmosfera horror, anche se Lovecraft è difficile da simulare su Gdt.

Carina l'idea dello stregone che ti da una mano

A mio avviso il piu' bel tabellone di gioco su cui i miei occhi si siano posati; il bello non sta nella praticità, ma nella grafica, un vero quadro!

Ottime anche le altre illustrazioni, tranne il box, che fa veramente schifo

Ho sostituito Pandemic con questo titolo per le mie serate con donne e ignari pellegrini capitati nella mia magione

Il mio 8 è dato considerando la versatilità del titolo, nelle varie occasioni in cui l'ho presentato; fa parte del mio "coltellino svizzero ludico"

-- Paolo

Kenoby Lun, 18 Apr 2011 - 01:55

[voto 7] - Davvero ingegnoso e abbastanza impegnativo. L'atmosfera si apprezza e il tabellone è davvero meraviglioso, le meccaniche sono intriganti e padroneggiare il gioco è abbastanza complicato. Molto bello, ma giocateci con moderazione.

7,5

gabmac Lun, 14 Mar 2011 - 13:38

[voto 7] - Sarebbe un 6,5 ma la bella grafica e il fatto che sia stato tradotto mi fanno alzare il voto di mezzo punto...comunque è divertente e accessibile a tutti.

HungryGhost Ven, 04 Feb 2011 - 22:58

[voto 7] - Nessun commento

http://www.ludoteca-itinerante.it/
-------------------------------------------------------------
Se ci sono i puzzilli non ci gioco!!

MarcoC Gio, 13 Gen 2011 - 22:24

[voto 7] - Longevità (2), Regolamento (1), Divertimento (2), Materiali (1) e Originalità(1) => 7

Ci sono molte variabili che rendono le partite mai uguali. Se pur semplice il regolamento lascia alcune cose all'interpretazione e le carte sono troppo delicate, ma visto il prezzo può andare....

linfo Gio, 30 Dic 2010 - 12:49

[voto 5] - Me lo hanno regalato e devo dire che non mi appassiona per nulla... nemmeno l'ambientazione si fa sentire molto... in poche parole non un gran chè

thunder Lun, 06 Dic 2010 - 15:51

[voto 6] - In realtà un 6 e mezzo.
Manca un po' di ambientazione dovuta, tra l'altro, alla mancata caratterizzazione dei quattro personaggi (tutti uguali) e dalla loro rappresentazione senza figure o miniature (semplici piolini), anche se il pathos generato dall'esigenza di muoversi in fretta per svolgere le diverse azioni, si avverte e come. Piacevole collaborativo.

iori Dom, 28 Nov 2010 - 17:51

[voto 7] - dopo diverse partite posso votare questo gioco, il tabellone è graficamente bello , le carte sono ben disegnate ed il gioco semplice da apprendere ma difficile da battere, se non per una serie di incastri favorevoli, a volte la sfortuna regna sovrana ma comunque è un gioco godibile. I personaggi potevano caratterizzarsi invece di essere tutti uguali.è un 7,5 non arrotondabile ad 8.

Joystert Dom, 17 Ott 2010 - 13:17

[voto 9] - Mi piace da morire, anche se ancora non sono riuscito a vincerlo una volta..... mi spiegate come fate a dire che le regole sono sbilanciate dalla parte del bene?

Sandy Ven, 20 Ago 2010 - 12:14

[voto 7] - Gioco molto piacevole.Quando dicono che l'ambientazione non è molto sentita non sò cosa intendono di preciso?Vogliono un mostro di cthulhu in carne ed ossa sul tabellone?Vogliono sentire echi di pazzi evocatori di mostri oltremondo?Boh...per quanto mi riguarda è fatta bene,sia sul tabellone che sulle carte...La longevità dipende,a mio parere, dal tipo di strategia che si adotterà di volta in volta,di compiti che ogni giocatore si assumerà...neanche questa cosa l'ho capita bene....forse coloro HARD PLAYER si aspettano di cambiare tabellone di partita in partita?Di trasformare il gioco ad un certo punto della medesima e rivoluzionare il tutto?Ma che pretendete?Giocate ad AH e lasciate questo piccolo gioiellino a giocatori meno pretenziosi che tra l'altro sono i piu' facili da trovare...Preferisco questo che un hard table game da infognati...

Un vincente trova sempre una strada.
Un perdente trova sempre una scusa.

tramadol Ven, 20 Ago 2010 - 09:24

[voto 8] - Sono rimasto molto positivamente colpito da questo gioco. Bel collaborativo, per niente facile da dominare. Veloce e scorrevole. Grafica e materiali allo stato dell'arte. Ottima la versione italiana.

Mdk7 Gio, 12 Ago 2010 - 08:50

[voto 7] - Gioco collaborativo fratello minore di Arkham horror.
L'ho trovato molto piacevole da giocare e abbastanza veloce. Ho qualche dubbio sulla longevità. Da provare

..:: BLoOd Is My AvAtaR ::..

ivronne Sab, 15 Giu 2013 - 11:59

[voto 9] - Molto appassionante, almeno nelle prime partite. L'idea di un gioco cooperativo è originale ed efficace, le meccaniche sono semplici e veloci e le fasi del gioco si susseguono con suspence e senza tempi morti.
La grafica è molto ben curata, l'unico dubbio che ho è sulla longevità.
EDIT: rigiocato tantissime volte, rimane appassionante e divertente anche dopo averlo giocato molte volte; i miei dubbi sulla longevità erano assolutamente infondati!

ArbaalAndElrien Lun, 22 Mar 2010 - 10:24

[voto 7] - Forse perchè non ho AH, che tra l'altro non ho trovato così entusiasmante, anzi piuttosto esasperante, trovo Lo stregone di Salem un'ottima alternativa, scorre veloce (forse alla lunga ripetitivo, ho solo 3 partite all'attivo), ansiomatico (sempre col dubbio di non farcela), del tutto simile come "target" a chi piace Ghost Stories.

Quenya Ven, 19 Mar 2010 - 16:38

[voto 6] - Il gioco è abbastanza carino e a mio avviso un buon cooperativo. Io mi aspettavo qualche lancio di dati contro i nemici, in stile Arkham Horror. Quindi un po' deluso dalla meccanica. Ma tutto sommato non mi è dispiaciuto.

Giocare è una cosa seria...

hobbes85 Ven, 19 Mar 2010 - 10:18

[voto 4] - Giocato due partite durante Play 2010 per essere sicuro della mia valutazione e devo dire che ho trovato questo gioco noioso, brutto e ripetitivo. Raramente non vedo l'ora che una partita finisca per poter scappare dal tavolo e questo è stato uno di questi rari casi.

chris Mer, 17 Mar 2010 - 15:30

[voto 7] - 7.5 direi.

Un buon gioco, semplice e con un regolamento chiaro (complimenti al traduttore che ha fatto secondo me un ottimo lavoro), leggero e discretamente veloce che può essere preso in considerazione da chi cerca un cooperativo 'vero'; mi ricorda Ghost Stories per certi versi, anche se quest'ultimo mi appare più vario e completo e mette a disposizione dei giocatori scelte maggiormente cruciali.
In ogni caso lo consiglierei anche a chi non ha tempo per giocare Arkham Horror o non sopporta i regolamenti troppo articolati ma è affascinato dall'ambientazione lovecraftiana. Le uniche pecche riguardano la tematica, un po' troppo 'tedescosa' (leggi: freddina) e forse la longevità: la semplicità del gioco rischia di ritorcersi ben presto contro il gioco stesso e dopo un po' di partite potrebbe cadere nella ripetitività. Fortunatamente non è facile vincere e questo aiuta.

franz2486 Mer, 17 Mar 2010 - 14:02

[voto 8] - Se non lo si va a paragonare ad Arkham Horror è un 8 pieno... Nel momento in cui lo si compara... Beh... Scende ad un 5 pieno... Ma io sto votando il gioco in sè... Quindi 8

Potifar Mer, 17 Mar 2010 - 10:50

[voto 4] - L'unica considerazione positiva è riguardo ai materiali (bella la mappa) ma per il resto lo trovo un gioco piatto che non ha molto senso quando sul mercato ci sono prodotti come Arkham Horror.
Spendete i soldi altrove.

belegnar Mer, 17 Mar 2010 - 10:44

[voto 5] - Il fratellino leggero di Arkham. Scialbo, noiosetto, cooperativo ma insufficiente. Consiglio: passate al fratello maggiore, vi divertirete di più.

Grifis Mar, 16 Mar 2010 - 19:10

[voto 6] - Un gioco cooperativo divertente e ben congegnato. Sconta una longevità bassa, soprattutto se si tende a giocare con un gruppo di persone sempre uguale. Dalla sua ha un regolamento molto chiaro e semplice che non spaventa i neofiti.

mxm89 Mar, 16 Mar 2010 - 17:34

[voto 7] - Cooperativo carino ma che ha il grande limite di esaurirsi molto presto, dopo poche partite non si ha più nessuna voglia di riprovarlo.