Chronicles of Crime: anteprima Essen 2018

Chronicles of Crime: copertina
Lucky Duck Games

Un investigativo cooperativo che utilizza componenti fisici, un'app e occhiali 3D per partite sempre differenti.

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Chronicles of Crime

La seguente anteprima è basata sulla sola lettura delle regole e in nessun modo ha valore di recensione.

Per 1-4 giocatori, durata tra i 60 e i 90 minuti, destinato ad un pubblico di giocatori esperti (14+), Chronicles of Crime ci mette nei panni di investigatori della polizia di Londra intenti a risolvere diversi casi, sfruttando meccaniche di tempo reale e... punta e clicca. 

Chronicles of Crime: caso in corso
Chronicles of Crime: caso in corso

Riassunto di gioco

Il cuore di questo gioco non sono né le carte indizio, né quelle personaggio, né le tessere luogo, né quelle collaboratore, peraltro tutte dotate di un codice QR, bensì l'app e gli occhiali 3D da collegare direttamente al proprio cellulare. 

Tramite l'app si sceglie un caso da seguire, avremo una breve introduzione ai fatti e poi potremo scegliere quale pista seguire, andando in un particolare luogo e interrogando le persone trovate. In questi interrogatori è possibile anche scegliere su cosa investigare il nostro soggetto, sempre inquadrando il codice QR di indizi o altri personaggi incontrati in precedenza. 

Anche il tempo gioca la sua parte: ogni spostamento e ogni interrogatorio consumano una carta quantità di tempo, che andrà così ad incidere sul punteggio finale. 

In alcuni luoghi il gioco ci avvertirà che è possibile reperire indizi. Entrano così in gioco gli occhiali 3D, che si collegano al cellulare e che, muovendo la testa, mostrano diverse porzioni dell'ambiente esplorato, esattamente come si farebbe muovendo la leva per la visuale in un videogame. 

Gli aiutanti – medico legale, hacker, profiler e tecnico di laboratorio, sempre dotati di personale QR, aiutano nella raccolta e nell'analisi delle varie informazioni ed indizi. 

Quando si ritiene di aver risolto il caso, si può accedere a una serie di domande finali a cui dare una risposta e l'accuratezza delle nostre indagini, incrociata col tempo consumato, ci fornirà il punteggio ottenuto. 

Chronicles of Crime: app e occhiali 3D
Chronicles of Crime: app e occhiali 3D

Prime impressioni

La frontiera tra gioco da tavolo e videogioco si fa sempre più labile e questo Chronicles of Crime fa un ulteriore passo nella direzione video. L'app non è solo un ausilio, ma uno strumento fondamentale, con cui leggere i codici QR e interagire col gioco. E poi ci sono gli occhiali 3D da attaccare al cellulare, con i quali visionare le stanze.

La parte materiale del gioco mai come in questo caso è solo un supporto, laddove supporto non significa aiuto ma direi piuttosto impiccio: se avessimo le stesse cose su uno schermo e potessimo cliccare rapidamente su ognuna di esse, sarebbe molto più pratico che non dover ogni volta scansionare i QR.

La parte collaborativa si fa interessante solo nel momento della visione 3D, dato che un solo giocatore avrà accesso agli occhiali e potrebbe notare (o non notare) cose che ad altri sfuggirebbero. Per il resto il rischio di giocatore alpha è forte. 

Personalmente questa commistione non mi attira per nulla, ma se pensate sia il vostro genere e se magari cercate un investigativo da fare in solitario, potrebbe fare al caso vostro. 

Chronicles of Crime: materiali di gioco
Chronicles of Crime: materiali di gioco

Commenti

boh.. cioè se sarebbe più pratico da giocare in veste di videogioco davvero mi sfugge il senso di farne un boardgame.. 

Niconiglio sarebbe meglio far tutto PRESENTE il tuo commento...😉

Giocare fa bene!

Ho giocato lo scenario introduttivo e confermo che scansionare tutti quei codici QR risulta davvero un bell'impiccio...tanto che lo si potrebbe percepire un po' come una forzatura, una continua interruzione del flusso di gioco (allo stesso modo della ricerca dei paragrafi da leggere in Sherlock Holmes Consulente Investigativo)

D'altro canto la possibilità di disporre ordinatamente sul tavolo tutte le carte di indiziati, indizi, location e aiutanti, necessari a dipanare il bandalo della matassa...per me è fondamentale. Ciò permette una visione sinottica delle informazioni, immediata e di grande utilità per tutta la squadra di investigatori.

Perciò credo che i materiali del gioco da tavolo aiutino molto più di un qualsiasi videogioco in cui al contrario bisognerebbe passare da una schermata ad un'altra per visualizzare tutto e ciò metterebbe i giocatori in competizione sul focus da scegliere.

Io e la mia ragazza amiamo i giochi investigativi e questo è stato un acquisto must have, soprattutto perché spero molto nel software di creazione degli scenari, che dovrebbe rendere la rigiocabilità praticamente infinita se la community ci prende la mano...

Le regole sono fatte per essere ... modificate!

Sono già previste due espansioni che cambiano il modo di giocare.
La prima, ambientata negli anni 50, ricalca le atmosfere di un romanzo hard boiled e sarà possibili effetture azioni tipo corrompere o minacciare.
La seconda stile Scooby Doo che sembra essere più giocoruolistica, con personaggi da interpretare e un  dado almeno da tirare.
E poi sperabilmente ci saranno nuovi casi fan made...

The basic tool for the manipulation of reality is the manipulation of words. If you can control the meaning of words, you can control the people who must use the words.
(How To Build A Universe That Doesn't Fall Apart Two Days Later, 1978)

Ciao ragazzi io venerdì faccio l'ordine del gioco , mi consigliate di prendere subito e ' espansione o meglio provare prima il base e prenderle in un secondo momento?qualcuno che lo ha provato sa dirmi qualcosa in più sul gioco?

Mi consigli pi prenderle subito le espansioni o provo prima il base?

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare