Rajas of the Ganges: anteprima Essen 2017

Rajas Of The Ganges copertina
W. Eric Martin, BGG, R&R Games, HUCH!

"Rajas of the Ganges" è il titolo di punta per questa Essen Spiel dell'editore tedesco "Huch!". Nella terra delle tigri del Bengala e dei pavoni ingioiellati la lotta per diventare uno dei leggendari governatori dell'India è serrata.

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Rajas of the Ganges

La seguente anteprima è basata sulla sola lettura delle regole ed in nessun modo ha valore di recensione

Qui trovate il regolamento.

Rajas of the Ganges, della coppia Inka e Markus Brand (freschi vincitori del Kennerspiel des Jahres con la serie di escape room in scatola Exit: The Game) è un gestionale di peso medio da due a quattro giocatori, tempo stimato di gioco di 45-75 minuti. Si fonda sulle meccaniche di piazzamento lavoratori e gestione risorse.
Rajas Of The Ganges componenti
Rajas Of The Ganges Componenti

Il gioco

Il gioco si struttura come un classico piazzamento lavoratori su tabellone; lo scopo è quello di riuscire a far avanzare i due tracciati paralleli sull'esterno del tabellone, il tracciato fama e quello del denaro, in modo tale che i segnapunti si intersechino tra loro, facendo scattare la fine della partita. Quando si acquisisce fama il segnalino corrispondente si muove in senso orario, all'opposto nel caso del denaro.

Durante il proprio turno il giocatore piazzerà uno dei suoi lavoratori su uno dei quattro spazi produzione sul tabellone usualmente pagando dei costi in monete o risorse:

  • la cava permette di ingrandire la propria provincia con tessere edificio prese da una riserva comune - sono il motore con cui generare denaro e fama;
  • il mercato permette di attivare gli edifici sulla nostra provincia e vendere le risorse presenti sulle tessere ed è il modo principale per ricevere denaro;
  • il palazzo è separato in due macro aree: nella prima permette di ricevere le risorse del gioco, mentre nella seconda le stesse possono essere spese per avere dei benefici, come ad esempio diventare primo giocatore oppure aumentare il proprio karma;
  • il porto permette di spendere una risorsa per avanzare nel tracciato del fiume, che garantisce dei bonus una tantum.
Rajas Of The Ganges Tabellone
Tabellone
Fino ad ora ho parlato di risorse in maniera molto generale, ma queste sono una delle particolarità di Rajas of the Ganges, in quanto sono rappresentate da dadi di diversi colori. Quando il giocatore ne riceve una, prende il dado del colore scelto, lo tira e lo piazza in una delle dieci mani della dea Kali, che solo a verderla nel regolamento è già entrata nella mia personale classifica dei componenti più inutili della storia, che funge da riserva personale del giocatore.

Molti spazi azione del tabellone richiedono la spesa di un dado risorsa con un numero specifico. Ma il gioco non ci lascia in balia del caso, con la spesa di punti karma potremo modificare il valore dei nostri dadi in modo che siano più utili alla nostra strategia.

Infine val la pena notare la presenza di alcune varianti per rendere il gioco, a parere dei designer, più adatto anche a giocatori più scafati. Principalmente abbassando il numero massimo di dadi che è possibile conservare nella propria riserva e dando la possibilità di personalizzare le tessere provincia e il tracciato del fiume.

Prime considerazioni

La lettura del regolamento ha acceso in me un piccola scintilla di interesse per questo gioco, principalmente perché sono un appassionato di piazzamento lavoratori, ma sopratutto in quanto la gestione delle risorse in forma di dadi mi intriga.

Le regole sulla gestione dei lavoratori sono snelle e classiche quindi quasi sicuramente di facile apprendimento anche per un giocatore con poca esperienza. Il successo, o il fallimento, di questo titolo a mio avviso deriverà principalmente da quanto funzionerà il meccanismo di acquisizione delle risorse. Sicuramente prono ad un'alta dose di fortuna, che usualmente stona in titoli del genere; ma ci sono molti modi per mitigarla tra punti karma e possibilità di ritirare i dadi in alcuni spazi azione. Altro punto a favore del gioco è la sua intrinseca natura di corsa, che usualmente porta ad aumentare la tensione al tavolo e l'urgenza di chiudere la partita prima degli altri, mantenendo potenzialmente alto l'interesse dei giocatori al tavolo.

Per quanto riguarda dei possibili aspetti negativi il gioco mi dà la sensazione di avere ben poca interazione e sicuramente solamente indiretta: gli spazi azione sul tabellone sono molti e difficilmente esclusivi. Infine la presenza di molte varianti mi dà sempre una sensazione di incertezza nel design, anche se in questo caso sembrano essere state inserite per aumentare la longevità e l'appeal per il giocatore più esperto.

Killa_Priest Hype-O-Meter: per il gioco 7 - per la Dea Kali 10++

Rajas Of The Ganges Lavoratori
Lavoratori e Dadi

Commenti

interessante, ma per ora passo. Lo proverò se ne avrò occasione. 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Una prova è sicura.

Ricordiamo che lo vedremo in Italia con dv giochi. 

 

ottima notizia, posso aspettare per procurarmelo :)

Letto così mi dice poco: le limitazioni date dai dadi alle banalità dei sistemi di gioco (come il classico piazzamento lavoratori) cominciano a stufarmi (hanno han già finito di farlo). Quando uscirà in italiano vedrò di provarlo.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

che solo a verderla nel regolamento è già entrata nella mia personale classifica dei componenti più inutili della storia

Dovrò provarlo solo per questo! (anche se l'influenza dei dadi mi spaventa un po') 

Detta così com'è descritta, sembra in effeti un tradizionale piazzamento lavoratori che si sia appoggiato a meccaniche di casualità per introdurre un elemento di incertezza; è possibile che con le risorse tradizionali il sistema diventasse ripetitivo? Il fatto che esistano varianti "per esperti" potrebbe benissimo essere interpretato "al contrario", ossia con l'autore che ha proposto il gioco in una versione ma l'editore ha richiesto una semplificazione per allargare il bacino d'utenza (non sarebbe sicuramente la prima volta: pensate al Draft di Terraforming Mars).
Detto questo, in generale non sembra malaccio e l'ambientazione è carina (Kali inutile? Certo, ma fa molta scena, e sinché c'è spazio in fustella, perché no?).

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare