Impressioni Endure, survival rpg.

Krell

The Mastah
Registrato
3 Novembre 2005
Messaggi
893
Località
Genova
Sito Web
www.facebook.com
Goblons
23
Ciao a tutti,

vi volevo segnalare Endure, gdr adatto a ambientazioni "survival".

Si tratta di un manualetto di 16 pagine, il cui regolamento è tutto improntato sulla leggerezza e sull'immediatezza di risoluzione.
L'ambientazione viene decisa dai giocatori e dal "giudice" (il master) seguendo pochi e semplici passi: si decide che tipo di crisi affrontare (Invasione Aliena, Guerra, Zombi, etc), le minacce che andremo ad in contrare (omini verdi, omini col fucile, omini in decomposizione, etc). Il tutto è molto astratto perchè, come qualsiasi ostacolo nel gioco, è rappresentato da un unico "livello di difficoltà", un numero che dovremo battere con i nostri dadi.
I PG, sempre all'insegna della semplicità, sono definiti dalla Resistenza, un valore che racchiude in un unico numero la perseveranza, la volontà e lo stato di salute fisico/mentale del nostro alter-ego, un valore di equipaggiamento e alcuni tratti (Un tratto "background", un tratto "asset", cosa sono bravo a fare, e un tratto "trouble", uno svantaggio) che influenzeranno le azioni.

I PG, va detto, sono persone normalissime in una situazione eccezionale. Non si andranno a creare eroi e il rischio di morire è elevato (altrimenti che survival sarebbe).

Il sistema in soldoni è un tira-sopra lanciando 2d6. Il Master decide una soglia di difficoltà (Facile: 8, Media 10, Difficile 12) e il giocatore decide quanti punti di Resistenza spendere. Tira 2d6 e aggiunge la Resistenza spesa. Se ho un vantaggio (un oggetto utile, un tratto positivo che entra in gioco) tiro 1d6 in più e tengo sommo i due valori più alti. Se ho uno svantaggio (per esempio se sono "ferito" o entra in gioco il mio tratto "trouble"), tiro 1d6 in più e sommo i valori più bassi.

Nel manualetto ci sono anche alcune regole particolari per recuperare velocemente qualcosa dallo zaino, un generatore di oggetti utili che si possono trovare e una meccanica per recuperare risorse.

Recuperare le ferite è difficile, sopravvivere lo è ancora di più.
A parte una gran responsabilità che grava sul master (né più né meno che in un qualsiasi PbtA, a mio avviso), il gioco mi sembra ben focalizzato, discretamente narrativo e molto leggero.
Ovviamente ci vorrebbe una prova su strada per un giudizio più profondo.

Lo trovate su itch.io (o su drivethru) ed è un pay-what-you-want: https://vonbednar.itch.io/endure (solo in inglese, però).

Ciaociao
--Krell
 
Alto