Rank
103

Bora Bora

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 63 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2013 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 120 minuti
Autori:
Stefan Feld
Categorie gioco:
Dice
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Bora Bora Indice ↑

Articoli che parlano di Bora Bora Indice ↑

Eventi riguardanti Bora Bora Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti Bora Bora Indice ↑

Per questo gioco non ci sono video, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un tuo video.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Bora Bora: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
11876
Voti su BGG:
9058
Posizione in classifica BGG:
203
Media voti su BGG:
7,56
Media bayesiana voti su BGG:
7,26

Voti e commenti per Bora Bora

9

Come già detto da molti più tattico che strategico , con molti modi di fare punti. Però il gioco è divertente e mi appaga molto riuscire a tirare fuori le migliori mosse dal mio tiro di dadi e dalla situazione del momento ( perché di questo so tratta ) con in più la sfida di riuscire a fare un obiettivo finale che da 6 punti. Per esempio una donna 'scesa' a giro dovrebbe garantire un gioiello a giro.

8

Nessun commento

9

(Voto dopo una partita) Gran bel gioco, in cui la fortuna nel lancio dei dadi non sembra avere un peso determinante, molto tattico, un pò meno strategico a lungo termine. L'interazione c'è (mi pare molto più incisiva che in Burgundy). Set-up infinito ma partita appagante (da considerare un paio d'ore in 4 giocatori).

9

Gioco complesso, con tantissime opzioni da realizzare, con un setup molto elaborato e millemila tesserine, ma con altissimi livelli di sfida ed interazione. L'alea è contenuta, ma ha un ruolo nella sfida ed i lanci di dadi ti condizionano abbastanza a livello tattico. Nel complesso veramente un gran bel gioco!

6

mmmmh... ma qui il problema non sta nel visto o non visto o rivisto... il vero problema di Bora Bora è che è onusto di roba. Stracarico di un'ineleganza diffusa, meglio sì di Trajan ma comunque assai poco ergonomico. Il gioco che più mi ha ricordato è die burgen von burgund che però gli preferisco... In Bora Bora il caso non si sente sui dadi, ma più sull'uscita degli obiettivi verdi (troppi!!!)

Troppa troppa roba il gioco poteva essere semplificato e risultare più godibile di come è ora.

Sono sempre più convinto che Feld si sia arenato su Im jahr des drachen che è un capolavoro e non riesca più a ritrovare la medesima ispirazione per un gioco che sia sì impegnativo ma non un coacervo di ammenicoli e orpelli inutili.

8

Nessun commento

7

meccaniche: gestionale con un modo bello e intelligente di usare i dadi. soffre di A/P
regolamento: nonostante sia cavilloso, lascia poche perplessità
interazione: per essere un Feld, l'interazione spicca abbastanza!
scalabilità: ottimo da 2 a 4
durata: aggiungete almeno una mezzora ai tempi dichiarati.
componenti: meglio dei soliti Feld editi Alea, ma peggio di trajan. una via di mezzo molto colorata!
ambientazione: secondo me uno dei giochi di Feld in cui l'ambientazione si sente maggiormente
fattore fortuna: ci sono i dadi!! ma gli dei aiutano..ma gli dei sono carte da pescare..non ne va bene una!!
originalità: niente di nuovo: tanti modi di fare punti. sicuramente è originale l'uso dei dadi per scegliere le azioni
dipendenza dalla lingua: nessuna
longevità: alta, se il gioco piace è praticamente infinito date le cosi tante variabili e i modi di vincere. ma potrebbe risultare ugualmente ripetitivo
conclusioni personali: un ottimo primo impatto e il divertimento che mi ha dato alle prime partite, me l'aveva fatto mettere ai livelli di burgundy.. ma poi ho dovuto ricredermi..burgundy rimane per me il miglior feld per quanto riguarda divertimento e longevità. bora bora è sicuramente divertente, ma molto confusionario, in alcuni punti frustrante. i dadi sono usati in un modo molto originale, ma lo scegliere tra le stesse azioni (5-7 a seconda dei giocatori), lo rende ripetitivo. gli obiettivi di completamento sono frustranti, sembra di non poter mai perseguire una strategia e ottimizzarla, ma si ha la sensazione di giocare a casaccio cercando di farne uscire qualcosa. è sicuramente quasi unicamente tattico, ma cosi è troppo! per me mantiene la sufficienza, ma non è il capolavoro che tutti decantavano come il titolo definitivo di Feld.

7

Mille strade per la vittoria, mille tesserine per accendere (nel senso di "infuocare") i vostri cervelli. Molto molto bello, ma se vi piacciono i giochi leggeri statene alla larga!
Forse per i miei gusti troppa roba, ma è comunque ben amalgamata.

7

Altro bel gioco di Feld che però metto sotto a Trajan e Burgund. Belli i materiali, imparecchiato offre un buon colpo d'occhio.

7

Nessun commento

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare