Rank
252

Domaine

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 138 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2003 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 60 minuti
Autori:
Klaus Teuber
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Domaine Indice ↑

Articoli che parlano di Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Domaine: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Video riguardanti Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Domaine: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
5008
Voti su BGG:
4247
Posizione in classifica BGG:
847
Media voti su BGG:
7,00
Media bayesiana voti su BGG:
6,59

Voti e commenti per Domaine

7

Un buong gioco.
Credo che l'equilibrio migliore si trovi in tre giocatori.
Per ora non mi è mai capitato di finire la partita per fine delle carte.
Non ho neanche avuto problemi con le pietre di confine, basta sfruttare al meglio i confini naturali esterni e della regione del re.
La cosa interessante è che il terreno è sempre diverso.
Div 1 (non può cmq competere con il trono di spade)
Reg 2 (le regole sono chiare e semplici)
Lon 2 (partite sempre diverse)
Mat 1
Ori 1
Purtroppo non conosco Lowenhertz...

8

In 2 o 3 giocatori perde un po' per via della poca interezione iniziale tra i domini. Infatti, l'unica pecca che io darei a questo bel giochino sta nel fatto che i primi 10 turni servono solo a creare a propri domini e solo dopo inizia la vera guerra. Di conseguenza il gioco non dura abbastanza per pianificare una corretta espansione in ogni direzione, ma bisogna solo scegliere i punti deboli degli avversari. Comunque è un bel gioco in cui le scelte sono sempre difficili e diversificate ad ogni turno. Da avere

7

I punti di forza:
- abbastanza semplice da spiegare a un novizio, ma non banale nell'esecuzione
- ottimi materiali (anche se le carte potevano essere un po' piu' resistenti)
- un tabellone modulare che rende sempre nuovo lo scenario
- possibilità di adottare strategie a lungo termine (magari conservando qualche carta in mano da usare al momento giusto).

Le pecche :
- come in tutti i giochi in cui si pesca, se proprio la carta che serve non esce... non c'e' niente da fare
e la cosa può essere stressante...
- la partita finisce praticamente sempre per esaurimento del mazzo

Nel complesso un bel giochino.

8

Sono stato particolarmente colpito da Domaine. Bel gioco di buona valenza strategica ma allo stesso tempo di immediatezza e lunghezza non eccessiva. Ovvio, in questa sua edizione "light" è un po limitato, però a questo punto ho bisogno di provare Lowenherz!

7

Non conosco il gioco da cui deriva questo. A me è piaciuto. Sicuramente un buon gioco.

7

Non si può rieditare un gioco e farlo peggiore togliendo regole e stravolgendo il meccanismo. Non lo si può fare solo per aggiungere miniature e renderlo più accattivante per vendere meglio.

Il voto è solo per onestà sul sistema del suo illustrissimo predecessore.

6

Ho comprato il gioco spinto dalla grafica e ambientazione interessanti e dopo diverse partite le mie impressioni sono le seguenti:
- Le carte sono TROPPO poche! Tralasciando il loro costo (secondo me) un pochino elevato si fa appena in tempo a chiudere i propri domini e il mazzo finisce! Tutta quella fase di espansione/guerra coi vicini è molto rimpicciolita rispetto a ciò che dovrebbe essere per rendere il gioco veramente competitivo alzando l'interazione.
- L'idea di raggiungere il re è (perdonatemi) una ca**ta! Ho giocato una decina di partite cambiando più volte il numero di giocatori: non abbiamo MAI raggiunto il re, la partita è sempre terminata per fine delle carte. Ormai gioco ignorando il re e terminando la partita per fine del mazzo (e quindi ai punti): rende il gioco + competitivo e + strategico.
- Per essere uno strategico la pesca delle carte riveste troppa importanza: spesso ti trovi senza carte x giocare i bordi e sei costretto a fare altro x diversi turni non potendo chiudere i domini e rimanendo quindi indietro nella partita.
- Ritengo il gioco bilanciato solo in 3. E' bruttino in 2 (con quel dummy player veramente inutile) e troppo di c..o nella pesca delle carte in 4.
Da quel che leggo di Lowenherz non sembra che questa riedizione sia stata un miglioramento: ha reso il gioco effettivamente più semplice e breve, ma anche + sbilanciato e di fortuna.
In conclusione è un titolo simpatico (con dei bei materiali!) se dovete passare un'oretta con uno strategico che non sia troppo impegnativo.

8

Credo che il recensore abbia dato un punto di meno a questo bel gioco!
Oltre all'alta reperibilità e l'ottima fattura della componentistica, Domain si segnala come un gioco che ha un ottimo equilibrio fra l'aspetto strategico e la durata della partita; l'ambientazione è sufficentemente affascinante; interessante anche l'interazione fra giocatori che si possono avvantaggiare più o meno consapevolmente.
Le partite possono decidersi a tavolino, all'ultimo, turno attraverso un meccanismo di boicottaggio collettivo che non sono pinamente sicuro di condividere.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare