Recensioni su Roll Through the Ages: The Bronze Age Indice ↑

Articoli che parlano di Roll Through the Ages: The Bronze Age Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Roll Through the Ages: The Bronze Age Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti Roll Through the Ages: The Bronze Age Indice ↑

Per questo gioco non ci sono video, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un tuo video.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Roll Through the Ages: The Bronze Age: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
13705
Voti su BGG:
12133
Posizione in classifica BGG:
946
Media voti su BGG:
6,85
Media bayesiana voti su BGG:
6,64

Voti e commenti per Roll Through the Ages: The Bronze Age

7

Un buon gioco da farsi in tempi limitati e con un set-up nullo.
Trovo però che ci si stufi presto delle possibilità proposte.

7

Nessun commento

7

Premetto che non ho mai testato il fratello maggiore Through The Ages e non so se ha qualcosa in comune. Comunque trovo che questo gioco di dadi sia ben congegnato ed alternativo. I materiali sono ottimi, la durata adeguata per il tipo di gioco che è. Un punticino in più se giocato con le regole THE LATE BRONZE AGE (scaricabili dal sito ufficiale), che lo rendono decisamente più vario e leggermente più lungo. Rimane comunque un gioco di dadi dove la fortuna ha un ruolo fondamentale, ma la si può comunque in qualche modo e in parte guidare.

7

Ottimo sistema di gioco, divertente e non troppo legato alla fortuna/sfortuna. Si vede che l'autore riesce a creare con poco delle atmosfere veramente interessanti, anche per Pandemic, sebbene a me non piaccia, devo ammettere che la resa dell'ambientazione è eccellente.

Sebbene il nome sia legato al "through the ages" di Chvátil per questioni, diciamo, editoriali, con questo gioco non ha niente in comune. Secondo me, invece, il gioco ha dei punti in comune con il vecchio Civilization di Tresham.

Ovviamente i 2 giochi sono diversissimi per tante cose, ma provate a fare un parallelo:
-più città ho più carte risorse prendo (Civilization) -> più città ho, più dadi tiro (RTTA)
-Cercare di aumentare le risorse attraverso il commercio può portare dei rischi (Civilization)
->Aumentare le risorse cercando di prendere i dadi con due anfore comporta anche collezionare teschi (RTTA)
-Per molte sfighe c'è qualche progresso tecnologico che ne allevia gli effetti (lo stesso in Civilization e RTTA)

9

SEMPLICEMENTE GENIALE!
complesso nella sua semplicità
è un gioco di dadi, la fortuna conta eppure tante sono le scelte che devi fare e i gli "antisfiga" che puoi costruirti che nessuno nel mio gruppo l'ha sentita come un peso
componentistica ok
il voto alto è per il rapporto durata profondità!
trpvatemi un gioco da 20-30 minuti che vi facci aprendere tante decisioni condensate in poco tempo!!
interessnte l'idea della variante che lo allunga
la proveremo

5

A me ha lasciato veramente pochino, mentre tiravo la mia barellata di dadi, gli altri facevano i fatti loro...pensa un po' che divertimento!!

8

Non credevo che potesse piacermi così tanto (è vero anche che di solito compero i giochi solo dopo averli studiati per un certo tempo ed averne letto i commenti - quindi vado sul sicuro).
Semplice nei materiali, i dadi della prima edizione non sono il massimo perché pallidi, ma per niente banale.
La componente fortuna non è così importante come si potrebbe pensare vista la presenza dei dadi

8

Uno dei giochi leggeri di dadi preferiti. Senz'altro meglio del gioco di dadi di Coloni, di quello di Alhambra e di Alla Corte del Re. I rapporti durata/complessità e impegno/fortuna sono ottimali anche se io preferisco sempre giocare con la variante che fa terminare la partita quando entrambe le condizioni sono soddisfatte (tutti i monumenti costruiti e 5 sviluppi).

Dopo le prime partite temevo esistesse una strategia killer con degli sviluppi obbligatori ma in realtà non è vero ed è possibile vincere utilizzando diverse strade (ovviamente aiutati dalla fortuna, essendo un gioco di dadi).

Si tende a sottovalutare il mantenimento delle città mentre non di rado capita che le penalità siano un fattore decisivo nella determinazione della vittoria.

Davvero un gioco ben riuscito e secondo me un motore che funziona che spero verrà esportato e/o ampliato.

Commento basato su tante (più di 20) partite

5

L'ho provato solamente in due giocatori e non capisco perché dovrei preferirlo a Yahtzee. Le partite durano pochissimo (quindici minuti circa), talmente poco che non ti accorgi nemmeno di aver giocato...

8

Veramente carino questo fillerino! Devo dire che nonostante una durata contenutissima (in 2 15 minuti circa) riesce a ricreare abbastanza bene l'evolversi della civiltà. La fortuna ovviamente conta come in qualsiasi gioco di dadi, però molto meno che in altri (come Yahtzee da cui è ispirato). Non concordo sulla ripetitività delle partite, la strategia non è una sola, anzi vista la semplicità del gioco direi che è piuttosto vario, considerando che il gioco finisce a 5 sviluppi e che nel gioco ce ne sono una quindicina, si possono creare diverse strategie. Molto bella la grafica e soprattutto le basi di legno.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare