Tempus

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6 su 10 - Basato su 46 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2006 • Num. giocatori: 3-5 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Tempus Indice ↑

Articoli che parlano di Tempus Indice ↑

Eventi riguardanti Tempus Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti Tempus Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Tempus: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
2944
Voti su BGG:
2526
Posizione in classifica BGG:
1926
Media voti su BGG:
6,49
Media bayesiana voti su BGG:
6,12

Voti e commenti per Tempus

8

Nessun commento

9

bel gioco, rapido e comunque abbastanza profondo nei meccanismi.

7

Astratto ed abbastanza scontato. non mi ha per niente entusiasmato dopo un paio di partite. Magari cambierò idea in futuro, ma le scelte sono spesso scontatissime ed il gioco si "gioca da sè" dopo il piazzamento iniziale. Il peso della pesca delle carte è poi notevole per un gioco del genere. In definitiva, non è divertente, anche se le meccaniche sono eleganti e curate.

8

La nostra prima impressione (non è plurale maye statis, parlavo anche dell'impressione dei miei amici) è molto positiva per come il gioco scorre via bene e le possibilità che ci vengono poste davanti.
Noi comunque ABBIAMO sforato le due ore con le spiegazioni :-D nonostante le rassicurazioni di Galdor e giocando in 4. Non dubito però che si possano giocare partite anche mooooolto più veloci una volta assimilate le strategie di base.
Mi è piaciuta molto la gestione delle città, quando e dove costruirle, che è il vero fulcro del gioco: possono essere usate per ostruire posizioni di "approdo", per difendere meglio (scegliere il terreno dello scontro vuol dire molto in uno scontro), per far punti progresso e per far restare sotto il 3 il numero di esagoni occupati dalle tue pedine ed evitare quindi di essere attaccato. Alcuni contestano il fatto che quest'ultima tattica venga permessa ma, a parer mio, ha vantaggi e svantaggi e quindi non squilibra il gioco ma aggiunge una possibilità in più.
Costruiscile però una città nel punto sbagliato e ti darai mazzate sui maroni per tutto il resto della partita.

Forti note di demerito, invece, per quanto riguarda la funzionalità dell'apparato grafico.
Esteticamente è gradevolissimo ma a livello di finzionalità lascia a desiderare.
A parte le pedine viola scuro che si confondono con le nere abbiamo i riferimenti ai terreni nella tabella dei progressi che necessitano di molta fantasia: il giallo dei campi è così scuro che a taluni può ricordare le colline, il verde dei prati è scuro come quello delle foreste (che si distinguono solo per i minuscoli alberelli) e il tassello delle colline è castano/verde così si confonde pure lui con boschi e prati. Quel che è peggio è che gli stessi fondini sono usati sulle carte e spesso ti trovi a contare di usare una carta per le colline e poi ti accorgi che rappresenta un prato!
Non ci voleva molto a fare i prati verdi chiaro e le colline marroni come in qualsiasi altro gioco!

8

Proprio niente male questo gioco che offre 2 ore di godibile strategia. Come punti di forza segnalerei la plancia sempre diversa e le carte idea, molto ben bilanciate, che aggiungono dinamismo e un po' di qf che per me non guasta mai.
Mi ricorda molto Evo anche se è decisamente meno influenzato dal qf ed onestamente molto più bilanciato nelle carte.
I materiali, specialmente la tabella giocatore di difficile lettura anche per un madrelingua, sono il vero punto debole.

6

Gioco carino, ma fin troppo astratto (non necessariamente un problema) e un pò meccanico (troppo spesso le mosse da fare sono così scontate da rendere le partite lineari). Gli esagoni che compongono la mappa sono un tantino "sbilanciati" e si vengono a formare aree molto avvantaggiate. Il combattimento è davvero troppo aleatorio grazie ai bonus sulle carte (davvero molto elevati e non prevedibili), per cui parte della strategia può essere vanificata. Un gioco ibrido che si presenta bene ma che non riesce ad esprimere il suo potenziale: dopo averlo aspettato tutto 'sto tempo sarebbe stato lecito attendersi qualcosa di più massiccio anziché un board-game di piazzamento così banale. Rispetto alla "triade" di Wallace (Princes Of Reinassance, Age Of Steam, Struggle Of Empires) sta decisamente sotto. Per tutti quei soldi si trova decisamente di meglio in giro (giudizio basato su 2 sole partite, aggiornerò in futuro)

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare