Rank
219

World Without End

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 60 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2009 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su World Without End Indice ↑

Articoli che parlano di World Without End Indice ↑

  • Approfondimenti
    | 9 commenti
    Avete sempre desiderato vestire i panni di un cavaliere medievale? Immergervi nelle cupe atmosfere di un misterioso monastero? Essere un potente feudatario o perfino il Papa? Ecco i giochi che vi permettono di farlo.
    Autore:
    Agzaroth

Eventi riguardanti World Without End Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti World Without End Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

World Without End: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
6926
Voti su BGG:
4581
Posizione in classifica BGG:
574
Media voti su BGG:
7,26
Media bayesiana voti su BGG:
6,80

Voti e commenti per World Without End

6

Aggiornamento dopo circa 10 partite

Abbasso il voto di due punti.. c'è qualcosa che non mi convince in questo titolo. La casualità delle carte (e la bastardaggine di alcune) possono vanificare ogni strategia di gioco. Per lo più si tratta di un gioco in cui i giocatori sono "passivi".. si prendono le risorse scelte dagli altri giocatori per gran parte della partita, e parte delle (poche) azioni viene usato in modo forzato, per assicurarsi la sopravvivenza per la fine del turno.

Nonostante questi lati negativi devo dire che comunque lo gioco ancora volentieri..

-------------

Mondo senza fine mi è piaciuto molto, a differenza di "Pilastri della Terra", che reputo un gioco davvero mediocre.

Di questo titolo ho gradito tantissimo alcune meccaniche, prima tra tutte la rotazione della carta che decreta le risorse da dare ad ogni giocatore ed al movimento della ruota.

Buona anche l'idea di dover per forza effettuare una doppia scelta ad ogni azione (che azione fare ed a quale rinunciare).

Davvero consigliato.

8

Sarebbe 8,5.
E' una spanna sopra i pilastri, mi sembta piu vario piu tattico e con un meccanismo veramente originale. Bello

8

Gran bel gioco; Lo trovo più coinvolgende di pilastri.

Regolamento semplice e durante la prima partita toglie subito i pochi dubbi che sorgono.
La meccannica è ben studiata, ottima la carta evento da posizionare sul municipio e anche ottima l'idea delle carte azione 12 in totale, giochi una scarti l'altra per un totale di 6 azioni,se non si sta attenti ci si morde le mani da soli :)

consiglio l'acquisto a chi sia piaciuto I pilastri della terra ed anche a chi vuole un gioco :Semplice ed Entusiasmante

voto finale 8,5
ciao

5

Seguendo il consiglio del negoziante (errore, mai farlo), ho acquistato Mondo senza Fine, un gioco da tavolo che può contare sulla licenza dell'omonimo libro di Ken Follett, libro che non ho avuto occasione di leggere.
Il gioco riprende, da quel che ho leggiucchiato in giro, i temi principali del libro: la peste, il commercio della lana, la costruzione dei monumenti del paese.

Anzitutto il materiale contenuto nella scatola: è composto da un tabellone grande molto ben illustrato rappresentante la città di Kingsbridge, diverse sagome di cartone per i monumenti e gli edifici della città, il tassello del primo giocatore, le carte del turno di gioco e diversi segnalini in legno colorato per identificare gli elementi del gioco (punteggio, lana, tessuto, materiali, grano, etc.).
Il materiale è ottimo, resistente ed efficiente per lo scopo per cui è stato adottato.

Veniamo ora al gioco.

Ci sono quattro turni corrispondenti ad altrettanti capitoli del libro, ed ogni turno è composto da 6 fasi (o paragrafi), quindi un totale di 24 fasi;
durante ogni fase il primo giocatore decide come piazzare la carta del paragrafo (un quadrato diviso in quattro che riporta quattro diverse rendite, una frase del libro ed un'eventualità ), determinando:

1) cio che percepiranno tutti i giocatori durante quella fase (il quadrato, a seconda di come viene collocato, fa percepire le diverse rendite ai giocatori);
2) il movimento di un elemento secondario che garantirà soltanto al primo giocatore un vantaggio o uno svantaggio;
3) un eventuale modifica parziale di regolamento che rimarrà attiva fino a fine turno (es: ogni lana venduta rende 1 soldo anzichè 2 soldi) - ci possono essere massimo due modifiche attive per turno, la più recente sostituisce la più vecchia.
oppure
4) un eventuale piazzamento di un monumento da costruire - ogni monumento ha bisogno di un tot di materiali da costruzione per essere completato - tutti i giocatori possono partecipare alla costruzione piazzando materiali.

Ci sono una decina di carte paragrafo per ogni capitolo, che portano elementi e rendite diverse, ma ne vengono usate solo sei per cui c'è una certa varietà ad ogni partita, di capitolo in capitolo.

Finita la fase delle rendite, ogni giocatore può giocare la sua carta azione (recuperare materiale da costruzione, costruire un monumento, percepire rendite secondarie, vendere la lana, costruire case, dimostrare la propria religiosità, etc.).
Ci sono 12 carte azione giocabili per turno, ma le fasi sono solo sei: questo significa che il giocatore può compiere solo sei (su dodici) azioni, per cui deve decidere bene cosa fare e come impostare la sua strategia.
A fine fase il tassello del primo giocatore passa al giocatore a sinistra, ed inizia una nuova fase.

Finite le sei fasi si considera concluso un capitolo del libro e si riprendono tutte le 12 carte azione, si piazza un elemento di costruzione sui monumenti a terra, ma soprattutto c'è una serie di balzelli da pagare in termini di produzione di cibo, di tasse in oro e di comportamento pio.
Qualora non si sopperisca a questi balzelli, si avranno degli svantaggi - decisamente pesanti - durante la prima fase del capitolo successivo, diversi a seconda di quale balzello non si è pagato.
Tra il secondo ed il terzo capitolo si piazza il campanile sul tabellone ed inizia a fare la comparsa la peste per gli ultimi due capitoli.

I punti si guadagnano:
- costruendo monumenti
- curando gli ammalati di peste
- attraverso alcune rendite particolari delle case
- finanziando la costruzione di un monumento (si pagano due soldi e si mette il proprio sigillo su quel monumento, a fine costruzione si percepisce un bonus diverso a seconda del monumento)

Chi fa più punti ovviamente vince.
Questo è quanto, ora tiriamo le somme:

ASPETTI POSITIVI
- Il materiale è ottimo e finemente illustrato;
- se correttamente impostata, la propria strategia da soddisfazioni;
- può essere bello vedere gli altri giocatori soffrire;

ASPETTI NEGATIVI
- sono presenti troppi diversi materiali (legno, pietra, grano, lana, tessuto, oro) e variabili (fedeltà, religiosità, medicina) per quello a cui effettivamente servono, in pratica un sacco di roba che però viene usata limitatamente a uno-due scopi al massimo (in particolare il grano che serve praticamente solo per le tasse a fine turno);
- le strategie che si possono attuare sono molto limitate;
- le strategie soffrono troppo della casualità determinata dalla scelta del primo giocatore su come piazzare la carta della fase;
- le tasse a fine turno determinano troppo pesantemente alcune scelte delle carte azione da giocare;
- l'interazione tra i giocatori è praticamente assente;
- dopo poche partite diventa ripetitivo;
- costicchia;

GIUDIZIO FINALE
Se siete fan del libro probabilmente lo adorerete, ma l'impressione che si ha è per riprendere gli elementi del libro che si sia voluta mettere troppa carne al fuoco e sia mancato un playtest accurato per farne un prodotto equilibrato ed effettivamente interessante.
Le carte paragrafo randomiche determinano una certa varietà nel gioco, ma questa apparente randomicità in effetti è limitata e dopo poche partite si ha un senso di già vissuto e di ripetitività.
La componente della fortuna è troppo alta - potenzialmente si può vincere anche senza impostare una strategia! - e le tasse a fine turno rendono praticamente obbligatorie alcune decisioni nella partita, inoltre sono decisamente frustranti.
Sostanzialmente è un gioco votato al massacro dei giocatori, che sfrutta male una licenza (probabilmente ben pagata) e che avrebbe potuto essere nettamente migliore se ci fosse stata più accortezza nelle prove di gioco - nello specifico: bastava snellirlo di un paio di risorse e far si che quelle presenti avessero un uso più variegato.
Insomma, sconsigliato.
Gli do 5 in virtù del materiale veramente ottimo, ma il gioco di per se non merita più di 3.

8

Nessun commento

6

Non mi ha convinto proprio per nulla. il difetto fondamentale per me è quello della presenza di troppe risorse diverse (legno, pietra, grano, segnalini lealtà, segnalini devozione, segnalini conoscenza medica, lana, tessuto, oltre ovviamente al denaro...), molte delle quali aventi un unico scopo o quasi: grano e devozione per il pagamento a fine capitolo, lealtà per evitare le penitenze, conoscenza medica per curare i malati, lana e tessuti per vendere al mercato e guadagnare denaro... lo stesso denaro non è che poi servisse a molto più che pagare le tasse alla fine dei capitoli... in poche parole molte delle 6 azioni a disposizione in ogni capitolo sono quasi obbligate (raccolta grano, prendere segnalino devozione, vendere, se possibile, lana o tessuto) per non subire la perdita dei punti a fine capitolo. In questo modo lo spazio per poter sviluppare una propria strategia rimane molto limitato... quello per cambiarla, poi, addirittura inesistente... in alcuni aspetti mi ricorda Agricola, in cui se non hai qualche buona combo che ti faccia guadagnare facilmente il cibo, devi spendere buona parte delle azioni proprio per ottenere il cibo per i tuoi lavoratori prima che arrivi la fase "raccolto"...
credo che "accorpare" alcune risorse (p. es. segnalini lealtà e devozione o evitare di introdurre lana e tessuti, dando la possibilità di rivendere al mercato direttamente legno e pietre) avrebbe un po' snellito il gioco, rendendolo più divertente. gli do comunque la sufficienza in considerazione del bellissimo tabellone e di una componentistica veramente molto bella

7

7,5 per la precisione.
Il gioco è gradevole, interessante la meccanica di come posizionare la carta per ricevere le risorse. Ho qualche dubbio sul peso della fortuna, mi è sembrato che in alcune occasioni a seconda della carta pescata un giocatore può essere molto avvantaggiato rispetto agli altri.
Ribadisco comunque il giudizio positivo.

8

Molto bello, materiali e contenuti ottimi, grafica splendida, regolamento veloce e conciso, meccanica..."macchinosa" ma di facile apprendimento, scelte strategiche multiple.
Un apprezzabilissimo seguito de "I Pilastri della Terra".

8

Un gioco che piacerà a chi -come me- ha apprezzato i Pilastri della Terra. Dinamiche simili, ma con più scelte strategiche possibili. L'immancabile pesca degli eventi conduce a partite sempre diverse. Splendida come sempre la grafica di Menzel.

8

Nessun commento

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare