aldous huxley e " brave new world "

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Eithereven, Dera

aldous huxley e " brave new world "

Messaggioda eddie » 8 set 2005, 20:41

una positiva sorpresa dei libri da leggere per l'estate....voi l'avete letto? che cosa ne pensate?
Ultima modifica di eddie il 9 set 2005, 19:04, modificato 1 volta in totale.
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Re: aldous huxley e " new brave world "

Messaggioda Mikimush » 9 set 2005, 11:12

eddie ha scritto:una positiva sorpresa dei libri da leggere per l'estate....voi l'avete letto? che cosa ne pensate?

sarebbe "il mondo nuovo" in italiano?
se sì allora l'ho letto purtroppo è passato molto tempo e non sono in grado di affrontare l'argomento se non in maniera superficiale, ma ricordo che mi era piaciuto molto.
al giorno d'oggi il tema potrebbe non apparire più molto originale, ma collocato nel suo periodo huxley risulta decisamente un precursore...

a proposito del libro mi ricordo solo un particolare specifico, cioè la mia domanda "ma che accidenti di colore è il kaki?" :grin:
Offline Mikimush
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
Top Author 2 Star
 
Messaggi: 1455
Iscritto il: 09 novembre 2004
Goblons: 2,450.00
Località: Torino
Utente Bgg: mikimush
Board Game Arena: mikimush
Yucata: mikimush
Mercatino: Mikimush

Messaggioda Falcon » 9 set 2005, 11:47

Il color kaki è un mistero anche per me. L'ho ritrovato in diversi libri (non il suddetto, illustrato da eddie che non ho letto) e non mi è ancora chiaro. Credo (ma sicuramente sbaglio) si una specie di "beige" (non so se si scrive così, ma spero si capisca ;) ).

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

Offline Falcon
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 5488
Iscritto il: 09 gennaio 2005
Goblons: 3,384.00
Località: Senigallia (An)
Mercatino: Falcon
Sono stato alla Gobcon 2015 Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Ventennale Goblin

Messaggioda lesya » 9 set 2005, 12:22

1) google a sempre una risposta per tutto... questo è uno dei primi risultati cercando "colore kaki" ;)

Immagine

"positiva" huxley?

cioè, dai, è MOLTO sminuente, Huxley è un genio, un profetizzatore, uno che aveva delle VALIDE e INNOVATIVE idee per quello che riguardava la società e il futuro che l'attendeva...

"sorpresa"... scusa in che senso?
nel senso che non te lo aspettavi? o nel senso che ti giungeva nuovo?

il tono di questo mio reply a rileggerlo mi sembra un tantino polemico e giuro di non voler semprare tale, solo che a volte ti sale in gola un nonsoché quando in giro leggi tanta mondezza e poi scopri che alcuni capisaldi vengono ignorati
Offline lesya
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 26 ottobre 2004
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: lesya

Messaggioda Aiyvann » 9 set 2005, 12:44

Commercialmente viene fatto passare per un beige tendente all'arancio, ma nella realtà sarebbe più verso il colore dell'omonimo frutto qualche giorno prima dell'inizio maturazione, ovvero un arancio -appena- sbiadito...
si sa che la moda stravolge sempre tutto ;)
L'esperienza è l'insegnante più difficile: prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione!
Offline Aiyvann
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 3650
Iscritto il: 24 luglio 2004
Goblons: 330.00
Località: Ferrara
Mercatino: Aiyvann

Messaggioda eddie » 9 set 2005, 17:40

lesya ha scritto:1) google a sempre una risposta per tutto... questo è uno dei primi risultati cercando "colore kaki" ;)

Immagine

"positiva" huxley?

cioè, dai, è MOLTO sminuente, Huxley è un genio, un profetizzatore, uno che aveva delle VALIDE e INNOVATIVE idee per quello che riguardava la società e il futuro che l'attendeva...

"sorpresa"... scusa in che senso?
nel senso che non te lo aspettavi? o nel senso che ti giungeva nuovo?

il tono di questo mio reply a rileggerlo mi sembra un tantino polemico e giuro di non voler semprare tale, solo che a volte ti sale in gola un nonsoché quando in giro leggi tanta mondezza e poi scopri che alcuni capisaldi vengono ignorati

anche tu hai ragione...mi sono espresso male......
ho detto "positiva" solo perchè ho letto il libro ma non conosco nei dettagli l'importanza storica dell'autore(voglio dire ci hanno detto :"leggetelo per le vacanze che al ritorno ve lo spiego")
"sorpresa" perchè mi giungeva nuovo

p.s. che intendi per capisaldi?
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Messaggioda lesya » 9 set 2005, 17:59

per quanto riguarda il colore... credo proprio che Huxley si riferisse a quello che ho postato... ma potrei anche sbagliarmi...

per capisaldi intendo alcuni autori di fantascienza che sono... alla BASE della fantaascienza... è chiaro che poi alla fine è tutto SOGGETTIVO, ma credo che un lettore del succitato genere dovrebbe aver letto cose come Huxley, Wells, Dick, Asimov, Gibson, Sterling, Bradbury, Adams, Heinlein e questi sono veramente solo alcuni... però NECESSARI ;)
Offline lesya
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 26 ottobre 2004
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: lesya

Messaggioda Balder » 9 set 2005, 18:42

Ragazzi, questo 3ad è veramente molto huxleyano (con riferimento al suo interesse per le droghe altamente psicotrope)!
Infatti, non solo nel titolo si nomina un libro che evidentemente è il gemello speculare mai pubblicato di Brave new world (e questo è molto dickiano - con riferimento alla Svastica sul sole), ma la discussione è completamente incentrata sul color kaki!!! :lol:
Mamma mia, quanto siamo scimmiati noi goblin... ;)

Cmq ascoltate lesya, quello che dice lui è sacrosanto:
lesya ha scritto:Huxley, Wells, Dick, Asimov, Gibson, Sterling, Bradbury, Adams, Heinlein e questi sono veramente solo alcuni... però NECESSARI ;)

Ma non dimentichiamo Lem, Vonnegut, Herbert (padre)... Per non parlare di Luciano di Samosata, Calvino, Katsura, etc. :grin:
"'Cause WHAT YOU SEE YOU MIGHT NOT GET
And we can bet so don't you get souped yet
You're scheming on a thing that's a mirage
I'm trying to tell you now it's sabotage"

Beastie Boys (evidentemente riferendosi agli editor WYSIWYG)
Offline Balder
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 507
Iscritto il: 13 maggio 2004
Goblons: 10.00
Località: Roma
Mercatino: Balder

Messaggioda eddie » 9 set 2005, 19:05

Balder ha scritto:Ragazzi, questo 3ad è veramente molto huxleyano (con riferimento al suo interesse per le droghe altamente psicotrope)!
Infatti, non solo nel titolo si nomina un libro che evidentemente è il gemello speculare mai pubblicato di Brave new world

hai ragione balder...ehm...scusatemi...ora ho corretto il titolo :oops: :oops:
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Messaggioda Athafil » 9 set 2005, 23:39

Brave new world è un libro molto illuminante. E ancora più interessante è RItorno al Mondo Nuovo.

Sono quei libri che ti fanno pensare molto al pensiero umano e fin dove può arrivare il nostro condizionamento....

(e poi c'è molto sesso :-)

Until swords part... Athafil Oakleaf - Principe degli elfi Ambasciatore Elfico "Potrei sapere come si fa ad uscire di qui?" "Dipende in gran parte da dove tu vuoi andare"  FFFF ha ragione...

Offline Athafil
Elven Ambassador
Elven Ambassador

Avatar utente
 
Messaggi: 2320
Iscritto il: 07 aprile 2004
Goblons: 260.00
Località: Veduggio (MI)
Mercatino: Athafil

Messaggioda Necros » 11 set 2005, 17:28

Insomma; da leggere!
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros

bene

Messaggioda noctua_cojuntas » 11 set 2005, 18:29

Bene grazie Goblins allora me lo procuro e lo leggo

Brave new Word è citato nel capitolo finale delle città invisibili come città infermane ed era da un pazzo che avevo intenzione di leggerla

L'atlante del Gran Kan contiene anche le carte delle terre promesse visitate nel pensiero ma non ancora scoperte o fondate: la Nuova Atlantide, Utopia, la Città del Sole, Oceana, Tamoé, Armonia, New-Lanark, Icaria. Chiese a Marco Kublai:- Tu che esplori intorno e vedi i segni, saprai dirmi verso quali di questi futuri ci spingono i venti propizi. - Per questi porti non saprei tracciare la rotta sulla carta né fissare la data dell'approdo. Alle volte mi basta uno scorcio che s'apre nel bel mezzo d'un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s'incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lí metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, fatta di frammenti mescolati col resto, d'istanti separati da intervalli, di segnali che uno manda e non sa chi li raccoglie. Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora piú rada ora piú densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla. Forse mentre noi parliamo sta affiorando sparsa entro i confini del tuo impero; puoi rintracciarla, ma a quel modo che t'ho detto. Già il Gran Kan stava sfogliando nel suo atlante le carte della città che minacciano negli incubi e nelle maledizioni: Enoch, Babilonia, Yahoo, Butua, Brave New World. Dice:- Tutto è inutile, se l'ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre piú stretta, ci risucchia la corrente. E Polo:- L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo piú. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.
Offline noctua_cojuntas
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 250
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 480.00
Località: Roma
Twitter: @noctuacojuntas
Mercatino: noctua_cojuntas

Messaggioda eddie » 11 set 2005, 18:54

Di questo libro ,personalmente, mi ha colpito non tanto il lato fantscentifico" in se per se ma la subordinazione o meglio lo stretto rapporto di essa con il carattere prettamente "utopistico" della società huxleiana.....voglio dire....per me la grandezza di huxley non è tanto nel predire tecniche scientifiche come la boskanovificazione(ovvero la moderna clonazione) che negli anni trenta erano sconosciute ma l'importanza che queste tecniche potrebbero assumere nella nostra vita, arrivando a condizionarla....in questo modo huxley osserva da una diversa angolazione l' "utopia" come perfetta organizzazione sociale al contrario di tommaso moro e platone facendoci arrivare a darle un giudizio negativo(almeno io glielo do) sottolineando appunto il valore ribassato che al suo interno caratterizza il singolo, che non è più un "io" ragionente ma una semplice cellula di un organismo più grande, la società appunto
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Messaggioda Necros » 11 set 2005, 21:03

Questo libro già mi piace..è di una complicatezza affascinante..lo terrò sulla lista delle cose da leggere.
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros


Torna a Tempo Libero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti