Alle donne piace più l'interazione indiretta?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo

Alle donne piace più l'interazione indiretta?

Messaggioda Gurgugnao » 24 gen 2009, 16:36

Mi chiedevo, visto che di frequente mi imbatto in post del genere e che effettivamente pensando alla mia ragazza la situazione trova riscontro, perchè alle donne piacciono particolarmente i giochi con poca interazione o con interazione indiretta.
Che siano meno guerrafondaie, ok ci sta. Ma parliamo pur sempre di giochi e del divertimento nella simulazione di certe situazioni di competizione, che si traducono nel gioco in piccole bastardate atte all'ostacolare il prosperare dell'altrui orticello.
E' prerogativa dei maschietti l'apprezzare questo tipo di divertimento?
Forse il gentil sesso è più portato per creare ordine e il maleducat sesso è più votato al caos?
Non mi pare che le donne siano meno competitive, anzi...
In più se mi date ragione devo dedurre che il German Style sia pensato per un pubblico femminile e noi siamo tutti effemminati in un certo senso! 8-O

Vabbè vaccate ne ho dette, ma che ne pensate?
Offline Gurgugnao
Su Goblin Sadru - Filologus
Su Goblin Sadru - Filologus

 
Messaggi: 1777
Iscritto il: 16 febbraio 2005
Goblons: 270.00
Località: Mantova
Mercatino: Gurgugnao

Re: Alle donne piace più l'interazione indiretta?

Messaggioda mocs » 24 gen 2009, 16:59

Rufio ha scritto:Mi chiedevo, visto che di frequente mi imbatto in post del genere e che effettivamente pensando alla mia ragazza la situazione trova riscontro, perchè alle donne piacciono particolarmente i giochi con poca interazione o con interazione indiretta.
Che siano meno guerrafondaie, ok ci sta. Ma parliamo pur sempre di giochi e del divertimento nella simulazione di certe situazioni di competizione, che si traducono nel gioco in piccole bastardate atte all'ostacolare il prosperare dell'altrui orticello.
E' prerogativa dei maschietti l'apprezzare questo tipo di divertimento?
Forse il gentil sesso è più portato per creare ordine e il maleducat sesso è più votato al caos?
Non mi pare che le donne siano meno competitive, anzi...
In più se mi date ragione devo dedurre che il German Style sia pensato per un pubblico femminile e noi siamo tutti effemminati in un certo senso! 8-O

Vabbè vaccate ne ho dette, ma che ne pensate?


No no, nessuna vaccata, anzi direi che da mia esperienza, se l'interazione non c'è per nulla il gioco è ancora più apprezzato.
In quanti a effeminati, bè ho tagliato barba e baffi una settimana fa... uhm...meglio che li faccio ricrescere subito! :lol:
Offline mocs
Goblin Artisticus
Goblin Artisticus

Avatar utente
Top Uploader
Game Illustrator
 
Messaggi: 1033
Iscritto il: 26 giugno 2008
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: mocs

Messaggioda Sol_Invictus » 24 gen 2009, 17:26

A me pare - e le relazioni interpersonali spesso lo confermano - che in verità le donne siano *più* competitive degli uomini. Anche senza cadere nei luoghi comuni, ce ne sono parecchi esempi. Questo genera facilmente attrito e situazione di contrasto.
Cosa ben peggiore, mi pare che molte donne tendano a prendere sul personale qualsiasi tipo di contrasto, anche quello ludico, con risultati opposti a quelli del presunto divertimento. Insomma, se le mie armate attaccano il giocatore medio, è dura che se la prenda. Se attaccano la giocatrice media, è più facile.

Di conseguenza, siccome le donne - ahinoi - sono e si sentono una minoranza nell'ambito dei giochi (non solo quantitativa, ma a volte anche "qualitativa", perchè molte sono decisamente negate tanto quante alcune sono prodigiose), preferiscono quelli con scarsa interazione perchè più protetti, meno in grado di scatenare quello che loro vedono come un conflitto personale che non sono poi così sicure di vincere.

Dal nostro (maschile) punto di vista il tutto magari suona abbastanza ridicolo, ma da quello che vedo funziona così..alcune lo hanno anche confermato loro stesse, più o meno.

Alla faccia delle pari opportunità, ricordiamo per un attimo che noi maschi siamo grezzi e ci piace applicare processi mentali degni di un bambino di 6 anni anche ai problemi adulti, così riequilibriamo la bilancia :rolleyeZ:
S'i' fosse fuoco, arderei 'l mondo;
s'i' fosse vento, lo tempestarei;
s'i' fosse acqua, i' l'annegherei;
s'i' fosse Dio, mandereil' en profondo;
Offline Sol_Invictus
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1706
Iscritto il: 16 novembre 2006
Goblons: 30.00
Località: Londra / Ravenna
Mercatino: Sol_Invictus

Messaggioda Lupin_III » 24 gen 2009, 18:08

si dice pure che il gioco a volte è metafora della vita ......

allora a chi piacciono di più i "preliminari"?

;)



.
Offline Lupin_III
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 243
Iscritto il: 25 novembre 2007
Goblons: 0.00
Località: Romagna
Mercatino: Lupin_III

Messaggioda Futuroinfinito » 24 gen 2009, 18:17

Mi sembra che alle donne piacciano mediamente giochi di relazione, meglio se di squadra (come nei party game). La competitività è blanda o altissima, non c'è via di mezzo. Lo scontro ed in generale il conflitto non appartengono all'immaginario legato all'identità femminile, che cerca in ogni modo di evitarlo. I conflitti femminili sono sempre reali ed insormontabili, in qualche modo irrisolvibili. Il modo comune di risolvere un conflitto è quello di ignorarlo, e laddove vi sia invece positività e rilassatezza, il conflitto in se stesso è per la donna-tipo in ogni caso inaccettabile, invivibile.
Il gruppo viene concepito come un tutto coeso, e le differenze interne sono quasi sempre solo gerarchiche, quasi mai ruolistiche.
In generale la finzione ludica non è un ambito molto praticato dall'animo femminile, laddove la si intenda come un mondo del tutto estraneo alle emozioni reali: il gioco femminile è sempre liminare, ha chiaramente a che vedere con la realtà, molto spesso si basa sull'ambiguità, sulla doppiezza del confine vero-falso.
Sono queste riflessioni (quasi) estemporanee e decisamente esprimenti un punto di vista maschile: mi piacerebbe sentire cos'hanno da dire le donne della Tana su se stesse e sul modo maschile di vivere il conflitto ludico! Proporrei un sondaggio...

Nemo NemoN (il mio parametro per i giochi è nascondino, cui do 10, per quelli da tavolo è Puerto Rico cui do 8)

Offline Futuroinfinito
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 210
Iscritto il: 26 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Torino
Mercatino: Futuroinfinito

Messaggioda manhunter72 » 24 gen 2009, 21:24

A parte che questo sessismo addirittura nel titolo di un thread mi sembra eccessivo. :roll:

Comunque, per abbozzare una risposta direi dipende...

In linea generale questa affermazione risulta falsa se al gioco partecipo anch'io :lol:
Offline manhunter72
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 16 settembre 2005
Goblons: 0.00
Località: lido di camaiore
Mercatino: manhunter72

Messaggioda Gurgugnao » 24 gen 2009, 22:12

manhunter72 ha scritto:A parte che questo sessismo addirittura nel titolo di un thread mi sembra eccessivo. :roll:


Sempre polemiche qui eh! :grin:
Va bene, dai, ce la faccio.
Un respiro profondo.
Mi scuso per gli eccessi sessisti di cui mi sono macchiato e se qualcuno venisse in qualche modo urtato dall'infelice frase usata per il titolo della discussione. Non era mia intenzione, davvero. Volevo solo parlare un po e con un po di ironia. Ma mi pento.
Offline Gurgugnao
Su Goblin Sadru - Filologus
Su Goblin Sadru - Filologus

 
Messaggi: 1777
Iscritto il: 16 febbraio 2005
Goblons: 270.00
Località: Mantova
Mercatino: Gurgugnao

Messaggioda Izraphael » 25 gen 2009, 1:02

Marò, ragazzi, adesso basta.
Non mi pare che Rufio abbia fatto nè del sessimo nè sia stato maleducato, quindi polemizzare è assolutamente fuori luogo.

Parlare del tipo d'interazione ludica preferita dal gentil sesso mi pare del tutto legittimo e assolutamente non offensivo.

Prima che intervenga il moderatore della sezione, direi di continuare tranquillamente come fatto finora senza creare polemiche inutili (come ahimè troppo spesso succede ultimamente).
Ad ogni modo, se anche ci fosse qualcosa che non va in un post, sarebbe meglio contattare un moderatore prima di scatenare eventuali flames che non giovano a nessuno.
Marco Valtriani
Lead Designer
Red Glove Edizioni & Distribuzioni
Offline Izraphael
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
Top Reviewer
Game Inventor
 
Messaggi: 3981
Iscritto il: 05 marzo 2007
Goblons: 1,040.00
Località: Pisa
Mercatino: Izraphael

Messaggioda tika » 25 gen 2009, 14:51

Io ovviamente sono d'accordo, che centra il sessismo proprio nn lo so -_-'.
Comunque in generale ho notato due tendenze, la prima è che effettivamente alcune sono soggette al personalismo, cioè un' "attacco" o "mossa" contro di loro la prendono spesso come una mossa dettata da malanimo nei loro confronti.

Però esiste anche una seconda motivazione, secondo me, che è presente quasi in tutte le ragazze che conosco, e cioè che non sanno pensare alle mosse "cattive". Probabilmente ne è in qualche modo legata, forse hanno paura che la loro mossa sia presa sul personale, ma non credo che in definitiva sia proprio quello il punto. Manca in sostanza lo spirito "distruttivo". L'obbiettivo di un gioco è crearsi l'orticello (la tribù, la citta, la società quello che volete) più sviluppato possibile, per cui non riescono proprio ad entrare nello spirito di qualcosa che distrugge questo, neppure se va a loro vantaggio.
Offline tika
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2217
Iscritto il: 29 agosto 2008
Goblons: 240.00
Località: Trento
Mercatino: tika

Messaggioda linx » 26 gen 2009, 11:51

tika ha scritto:Però esiste anche una seconda motivazione, secondo me, che è presente quasi in tutte le ragazze che conosco, e cioè che non sanno pensare alle mosse "cattive". Probabilmente ne è in qualche modo legata, forse hanno paura che la loro mossa sia presa sul personale, ma non credo che in definitiva sia proprio quello il punto. Manca in sostanza lo spirito "distruttivo".

Ti farei giocare a Tikal con mia moglie per provare il contrario.

Io penso che le donne siano portate verso i 2 estremi:
o pensano al gioco come un modi di passare il tempo disinteressandosi completamente alla competizione (e quindi preferiscano coltivarsi l'orticello detestando quelli che non si fanno gli orti propri)
oppure arrivino ad una competitività estrema (spesso immedesimandosi troppo e sentendo come affronto personale un attacco che magari non sembra giustificato).
Ma le mie valutyazioni si basano su un campione di donne giocatrici non certo vasto (diciamo 6-7).
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6343
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda sallie » 26 gen 2009, 12:00

Mi unisco alla discussione che trovo molto interessante e assolutamente non sessista: uomini e donne sono ancora diversi (per fortuna!) ciò significa che anche nel gioco emerge questa diversità. 8)

Per quanto mi riguarda devo ammettere che mi ritrovo in quel che dite.... mi piacciono molto i giochi a coppie/squadre, e patisco quando le mosse altrui possono "distruggere il mio orticello"...se poi la mossa arriva dal mio fidanzato povero lui!!! :oops:
Visto però che la voglia di giocare supera quella di fare polemica mi sto sforzando di migliorare questo aspetto del mio carattere.

Forse perchè nell'arco dei secoli noi donne siamo sempre state "coloro che devono mediare", il conflitto aperto ci destabilizza un po' in special modo se ricevi un attacco da un persona a cui sei particolarmente legata.... è come se automaticamente tutto si spostasse dall'ambito del gioco al "privato".

C'è anche un'altra cosa da annoverare tra le differenze fra i sessi che secondo me incide molto: quando una donna fa una "bastardata" spesso lo fa con "fairplay", come se fosse quasi dispiaciuta, mentre un uomo la fa in maniera molto "espressiva" magari tra risate battute e schiamazzi esasperando gli atteggiamenti ed esasperando la povera vittima.

Anche gli atteggiamenti sono da riportare alle nostre predisposizioni genetiche e all'educazione "sociale" ricevuta, senza contare che nelle donne la sensibilità è molto più spiccata che nell'uomo così come la complessità dei processi mentali, che nell'uomo sono molto più immediati e diretti.

E' chiaro che in questo discorso sto generalizzando per esprimere la mia idea, non pretendo di enunciare delle verità assolute mi accontento di dare delle opinioni molto personali: va da se che presi caso per caso siamo tutti individui unici con le nostre peculiarità e che non tutti gli uomini sono come ho detto e nemmeno tutte le donne....

Visto che mi sono un po' riconosciuta in quel che dicevano altri utenti ho pensato di dire la mia spero di non aver offeso nessuno! ;)

Ad ogni modo l'unica cosa da fare è: GIOCARE GIOCARE GIOCARE!!!!!

8) 8) 8)
Offline sallie
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 274
Iscritto il: 26 novembre 2008
Goblons: 0.00
Località: Genova
Mercatino: sallie

Messaggioda sallie » 26 gen 2009, 12:12

linx ha scritto:oppure arrivino ad una competitività estrema (spesso immedesimandosi troppo e sentendo come affronto personale un attacco che magari non sembra giustificato).


ti quoto perchè mi riconosco e perchè nel mio post di prima ho completamente dimenticato di parlare di questo aspetto. Io per prima sono MOLTO competitiva, ma l'attacco a mio parere ingiustificato o "non tatticamente irreprensibile" mi manda in bestia!
Offline sallie
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 274
Iscritto il: 26 novembre 2008
Goblons: 0.00
Località: Genova
Mercatino: sallie

Messaggioda Galdor » 26 gen 2009, 13:26

[MOD-ON]Trovo profondamente micro-dimensionale ;) :grin: distinguere i due sessi sul piano dei gusti personali, così come accorpare persone profondamente eterogenee in base ad una macro-categoria (il sesso) dove è impossibile trovare un fil rouge comune e valido per tutti.
Se comunque volete dibatterne potete farlo, ma al primo accenno...ZAC! Ok? ;) [MOD-OFF]
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor

Messaggioda tika » 26 gen 2009, 13:43

Galdor ha scritto:[MOD-ON]Trovo profondamente micro-dimensionale ;) :grin: distinguere i due sessi sul piano dei gusti personali, così come accorpare persone profondamente eterogenee in base ad una macro-categoria (il sesso) dove è impossibile trovare un fil rouge comune e valido per tutti.
Se comunque volete dibatterne potete farlo, ma al primo accenno...ZAC! Ok? ;) [MOD-OFF]


quindi secondo te non esiste nessuna caratteristica comportamentale tipicamente maschile o femminile? (ovviamente senza che questa implichi un giudizio di valore). Che poi le eccezioni ci siano nn penso nemmeno che stiamo qui a discutere, ma i "sistemi comportamentali" sono (giustamente) studiati da parecchio. E, tra l'altro, potrebbero essere anche estremamente interessanti per chiunque si interessi di produzione/vendita di articoli ludici
Offline tika
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2217
Iscritto il: 29 agosto 2008
Goblons: 240.00
Località: Trento
Mercatino: tika

Messaggioda linx » 26 gen 2009, 14:10

Galdor ha scritto:[MOD-ON]Trovo profondamente micro-dimensionale ;) :grin: distinguere i due sessi sul piano dei gusti personali, così come accorpare persone profondamente eterogenee in base ad una macro-categoria (il sesso) dove è impossibile trovare un fil rouge comune e valido per tutti.
Se comunque volete dibatterne potete farlo, ma al primo accenno...ZAC! Ok? ;) [MOD-OFF]

Non è il caso di foderarsi gli occhi di prosciutto per sostenere la parità dei sessi.
E' una vita che esistono mercati diversi per i due sessi, per quanto alcuni prodotti siano trasversali.
Il trovare alcune "caratteristiche" che accomunano statisticamente le giocatrici mi pare interessante.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6343
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Prossimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti