Appunti#7 I Punti Vittoria nella storia

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, pacobillo, Rage, Sephion

Appunti#7 I Punti Vittoria nella storia

Messaggioda UtterMarcus » 7 apr 2016, 8:56

Ecco che mi imbatto in una vecchia discussione su BGG, sulla storia del gioco negli anni e mi si riapre un mondo.

La rappresentazione dei punti vittoria in un gioco influenza l'esperienza di gioco.

Si parte dalla fine, dall'obiettivo del gioco.

I Punti Vittori.
Vi presento i PV, si proprio loro. Quelli che a fine partita ci valutano, gratificano, ci dicono se abbiamo vinto, perso, in che posizione. Quei numeri che troviamo sul tracciato intorno al tabellone, su una plancia apposita, con l'indicatore dei punti di legno, a forma di coniglietto, dischetto, cristallo.

I giochi vecchio stampo (dal 1900 in poi) si basavano solo su due sistemi: eliminazione del giocatore e corsa a chi arriva primo all'obiettivo.
E ancora prima, nella antichità, i giochi erano progettati solo per 2 giocatori (Go, Scacchi, Dama, etc.)

Questo prima della rivoluzione degli anni '90. Dove nasce e si moltiplica il sistema dei Punti Vittoria.
Non vinci eliminando l'avversario ma si prosegue fino alle condizioni di fine partita, tutti assieme, e si contano i PV.
In questo modo il giocatore meno bravo può terminare la partita, inoltre durante la stessa il tracciato punti può dare una rappresentazione immediata della situazione di gioco.

A Catan (o Coloni di Catan in italiano), 1995, si attribuisce l'inizio dell'era moderna dei giochi.

Ma già prima si registrano giochi con caratteristiche da Eurogame:
• competizione senza confronto,
• percorsi multipli per la vittoria,
• casualità misurata,
• durata del gioco vincolata,
• tempi di attesa ridotti.


Con i punti vittoria ora è possibile ottenere una somma ponderata dei risultati, in quei giochi più complessi con una struttura a obiettivi multipli.

Nascono diverse possibilità di calcolo del punteggio: puoi prendere il minimo comun denominatore dei diversi punteggi in gioco, o moltiplicare fra di loro i punteggi ottenuti in ogni singolo modulo di gioco, e altre possibilità.

Il metodo più comune rimane la somma matematica dei punti.

I giochi basati sui Punti Vittoria (d'ora in poi PV) hanno qualità di bilanciamento intrinseche. Per esempio se faccio molti punti subito, sicuramente ho investito meno in una strategia a lungo termine, e fin tanto che i giocatori hanno opportunità di giocare e competere gli investimenti dovrebbero rendere di più.

Ma da quella rivoluzione a oggi poco è cambiato.

Se escludiamo i giochi cooperativi e quelli a 2 giocatori (che per loro natura favoriscono svariate condizioni di vittoria),
la facilità di gestire questa meccanica/entità di gioco ha introdotto la produzione di giochi molto simili tra loro al limite della noia :)

Inoltre, come abbiamo riscontrato negli appunti sugli autori di giochi, è meglio non stravolgere le aspettative del pubblico o si rischia una perdita di appetibilità.

Spesso nel gruppo di gioco solo una persona ha studiato il regolamento e lo spiega agli altri, in tempi relativamente brevi, grazie al fatto che sono giochi simili nella struttura e negli obiettivi.
Affrontare un nuovo sistema di gioco richiederebbe invece un investimento che non tutti sono disposti ad affrontare. Questo modo di intendere i giochi genera una assuefazione che si autoalimenta con la sua espansione. La coperta di Linus dei giochi Europei, monocolore.

"Giochi alla Agricola come se piovessero."

C'è un eccesso di giochi che si basano sulla distribuzione delle risorse e di giocatori che ne devono ottenere sempre di più. Spesso sono gestionali o piazzamento lavoratori.
La forma è una o più delle seguenti:
• L'obiettivo è ottenere risorse dal gioco per fare punti o per ottenere altre risorse.
• A inizio partita compri PV e verso la fine converti risorse in PV.
• Puoi spendere PV per avere effetti vari, questo copre diversi casi di quello che puoi fare con i PV.

In pratica a inizio partita si tende a comprare cose che ci danno vantaggi nel gioco e verso fine partita si tende a convertire il tutto in PV, è un processo quasi obbligatorio per un gioco fatto bene, la difficoltà è nel capire quando si è superato quel momento giusto per fare il cambio strategia. Molti giochi si basano su questi concetti.

siamo abituati a giochi così uguali che in automatico ne evidenziamo le minime differenze.

Il problema dei 3 giocatori.
In un gioco competitivo a 3, senza una precisa condizione di fine partita, i 2 giocatori che sono dietro al primo, hanno l'opportunità di sconfiggerlo, e risulta una situazione di stallo perpetuo. Occorre un limite di tempo sulla durata del gioco.
Appena si introduce una condizione precisa di fine partita, per esempio numero di giri o numero di PV, la situazione cambia drasticamente.

Problema della Diplomazia.
Ma è frequente che un giocatore P3 che sta perdendo si rivalga su P1 con il risultato che P2 vince. C'è un problema di diplomazia meschina (Petty Diplomacy). Il giocatore che sta perdendo decide chi è il vincitore.

Molti giochi europei vecchio stile sono di questo tipo, il vincitore non è chi si impegna a vincere ma quello che gli altri decidono di far vincere. Con meccaniche che permettono di fronteggiare chi sta vincendo e di rallentarlo. E se vinci non hai molta soddisfazione perché sono stati gli altri a NON ostacolarti.

Cercando le giuste regole.
• Si toglie al giocatore la possibilità di danneggiarsi l'un l'altro, specialmente quando ci si avvicina alla fine del gioco.
• Vittoria immediata con condizioni multiple.
• Equilibrio: nessun giocatore può ribaltare la situazione di gioco in un singolo turno.
• Giochi per lo più basati su meccaniche di posizione del pezzo sulla plancia.
• Dare una incertezza sul risultato finale.

Esistono giochi strategici europei che non danno molta possibilità di danneggiarsi (come accadeva per i giochi di corsa di una volta), vengono chiamati solitari multigiocatore. Posizionano il giocatore in una campana di vetro, limitano l'interazione dei giocatori per risolvere il problema della diplomazia.

I giochi del passato hanno fatto il loro tempo, erano grandiosi innovativi e noi eravamo così inesperti da non vederne le debolezze. Ora abbiamo più scelta ma tocca a noi essere curiosi e vedere oltre.
Oggi è anche più facile trovare giochi che si comportano bene con 3 e più giocatori.

PV ad ogni costo
Tigri e Eufrate di Knizia è stato uno dei primi a introdurre un calcolo dei punti non lineare e non banale.
Ogni giocatore considera solo il punteggio più basso delle 4 categorie di punti, e vince chi ha quello più alto. Capostipite di molti giochi ancora attuali per quanto riguarda alcune meccaniche di posizionamento. Capostipite di molti giochi ancora attuali.

In My Village bisogna trasformare i Punti Storia in PV entro la fine della partita o vengono persi.
Altri giochi usano i PV come una delle tante condizioni di vittoria, in Twilight Struggle si vince per PV o Guerra Nucleare o completo controllo dell'Europa.

Non tutti i giochi Europei hanno PV, per esempio Power Grid fa vincere chi alimenta più città.

Altri potrebbero farne a meno, penso ai giochi di Narrativa (uno su tutti Arabian Nights) dove la questione punti è un superfluo a l'esperienza intima che il gioco regala.

Una argomentazione valida per chi odia gli Eurogame sono proprio i PV, che obbligano a giocare fino alla fine anche quando sai di essere palesemente indietro e non hai modo di recuperare, si genera frustrazione. Può capitare se il gioco è progettato male. Una soluzione è la resa, come accade in Through The Ages per esempio. Serve anche come monito per chi si accanisce contro un avversario.

Esistono anche giochi che usano i PV come valutazione dello Stato Finale del Gioco. Ma è argomento dei miei prossimi appunti.


Pensiero Finale
Quindi adesso abbiamo un elemento in più di valutazione dei giochi, non solo la presenza o meno di PV ma anche come vengono utilizzati.

Conoscete giochi che utilizzano PV in maniera inusuale?

Letture:
• Kingmaking e altri difetti nei giochi da gioconomicon.net http://www.gioconomicon.net/modules.php ... el-diletto
• Possibili soluzioni al kingmaking https://boardgamegeek.com/article/22204118
• Meccanismi di ripresa https://boardgamegeek.com/thread/153021 ... ics/page/3
https://boardgamegeek.com/geeklist/2043 ... naway-lead

Riferimenti:
• Libro: Tabletop Analog Game Design
• The Three-Player Problem - Lewis Pulsipher http://press.etc.cmu.edu/content/three- ... -pulsipher
• Eurogames senza PV o quasi
[tab=30]https://boardgamegeek.com/geeklist/142317/eurogames-without-victory-points
[tab=30]https://boardgamegeek.com/geeklist/176149/pointless-victory-conditions/page/1?
[tab=30]https://boardgamegeek.com/geeklist/192312/those-games-do-not-make-point
[tab=30]https://boardgamegeek.com/geeklist/26284/euroish-games-you-dont-win-scoring-points
Ultima modifica di UtterMarcus il 14 apr 2016, 13:07, modificato 16 volte in totale.
¯\_(ツ)_/¯
<>Spaccio uva a volpi basse<>
I miei articoli https://www.goblins.net/users/uttermarcus/recensioni-e-articoli
Offline UtterMarcus
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 10 ottobre 2011
Goblons: 220.00
Località: Torino
Utente Bgg: UtterMarcus
Board Game Arena: UtterMarcus
Mercatino: UtterMarcus

Re: Appunti#7 Richiesta:Giochi che utilizzano PV diversament

Messaggioda Lig94 » 8 apr 2016, 20:39

I principi di Firenze? Certo non sono punti vittoria ma opera, ma di fatto sei obbligato a scegliere se usarli come soldi o per la vittoria finale

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk
Immagine
cerco: rex, mord im arosa, splendor
Offline Lig94
Maestro
Maestro

 
Messaggi: 1051
Iscritto il: 29 giugno 2014
Goblons: 20.00
Località: Milano
Mercatino: Lig94

Re: Appunti#7 Richiesta:Giochi che utilizzano PV diversament

Messaggioda UtterMarcus » 9 apr 2016, 7:34

Ho riscritto la fine e aggiunti esempi. ditemi se lo trovate interessante. saluti
¯\_(ツ)_/¯
<>Spaccio uva a volpi basse<>
I miei articoli https://www.goblins.net/users/uttermarcus/recensioni-e-articoli
Offline UtterMarcus
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 10 ottobre 2011
Goblons: 220.00
Località: Torino
Utente Bgg: UtterMarcus
Board Game Arena: UtterMarcus
Mercatino: UtterMarcus

Re: Appunti#7 I Punti Vittoria nella storia

Messaggioda Tullaris » 2 mag 2016, 21:51

Prima una precisazione: anche nei giochi American di più recente concezione sono stati introdotti, in maniera più o meno palese i punti vittoria, per ovviare a diversi problemi: penso ad esempio a Starcraft e Runewars.

Poi i primi due esempi che mi vengono in mente:
- in Birra e Vichinghi i punti vittoria sono i sorsi di birra che i giocatori riescono a bere, ma questi devono essere conservati sulla propria scheda Vichingo o sui propri oggetti, di fatto bloccandoli. In pratica, più punti vittoria si fanno, più deboli si diventa (coerentemente con l'ambientazione)
- in Signori dei Draghi, si parte un un numero predefinito di monete, che sono anche i punti vittoria del gioco (la prima squadra che arriva a 0 perde). Solo che questi stessi punti sono anche necessari per acquistare delle carte, che rendono sì il giocatore più potente nei combattimenti, ma di fatto avvicinano alla possibile sconfitta.
Offline Tullaris
Novizio
Novizio

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 13 gennaio 2013
Goblons: 20.00
Località: Torino
Mercatino: Tullaris
Puerto Rico Fan Sei iscritto da 1 anno. Hai fatto l'upload di 30 file Starcraft Fan Lords of Waterdeep fan Avventure nella terra di mezzo fan Io gioco col viola World of Warcraft: the boardgame fan Tolkien


Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti