Asimov... e adesso cosa leggo?

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Dera, Eithereven

Asimov... e adesso cosa leggo?

Messaggioda simox » 11 apr 2013, 9:59

Ciao Goblin.

Amo i libri di Asimov, e infatti di lui ho letto il ciclo delle fondazioni e, di recente, il ciclo dei robot.

Tuttavia, mentre il primo, quanto accadeva, lo spiegava (lasciava un paio di porte aperte, ma senza l'ansia di andarle subito a colmare), il ciclo dei robot mi ha lasciato un buco della trama grande quanto una casa.

Ci sono un sacco di interrogativi inspiegati che adesso voglio risolvere: che cosa è successo davvero, per esempio, su Solaria? Come andrà a finire la relazione tra Gladia e il capitano R.G.? Come si svilupperà l'escalation radiattivo sulla terra? e il conflitto Spaziali-Falchi?

Sarei contento se qualcuno può consigliarmi dei libri che spieghino almeno parte di questi miei interrogativi.

Grazie in anticipo, Simox

Quando ho un mano un American Game, non mi faccio scrupoli a modificarlo a mani basse per soddisfare le mie esigenze di gioco: sbilanciamenti immondi e situazioni assurde nel gioco fanno parte del divertimento

Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania
Mercatino: simox

Messaggioda lacura17 » 11 apr 2013, 10:12

Tieni presente che Asimov non ha scritto i romanzi nell'ordine cronologico in cui i fatti si sono succeduti. Ha riempito i vari buchi qua e là creando un quadro coerente, ma ha fatto soprattutto un lavoro a posteriori di unione dei vari cicli che ha scritto.
Non posso che consigliarti di proseguire con "I Robot e l'Impero", se non l'hai ancora letto, e poi con il ciclo dell'Impero (Tiranno dei Mondi, Paria dei Cieli, Le correnti dello spazio), ma non aspettarti di trovare risposta a tutti gli interrogativi. Tieni presente però che I Robot e l'Impero è stato scritto dopo per congiungere il ciclo dei robot con quello dell'impero, e contiene cose in contraddizione con quanto contenuto nel ciclo dell'impero stesso.
Ciao
Offline lacura17
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 26 settembre 2011
Goblons: 0.00
Località: Noventa Padovana (PD)
Mercatino: lacura17

Messaggioda simox » 11 apr 2013, 11:30

lacura17 ha scritto:Tieni presente che Asimov non ha scritto i romanzi nell'ordine cronologico in cui i fatti si sono succeduti. Ha riempito i vari buchi qua e là creando un quadro coerente, ma ha fatto soprattutto un lavoro a posteriori di unione dei vari cicli che ha scritto.
Non posso che consigliarti di proseguire con "I Robot e l'Impero", se non l'hai ancora letto, e poi con il ciclo dell'Impero (Tiranno dei Mondi, Paria dei Cieli, Le correnti dello spazio), ma non aspettarti di trovare risposta a tutti gli interrogativi. Tieni presente però che I Robot e l'Impero è stato scritto dopo per congiungere il ciclo dei robot con quello dell'impero, e contiene cose in contraddizione con quanto contenuto nel ciclo dell'impero stesso.
Ciao


Infatti è stato proprio il libro "Robot e Impero" ad incasinarmi tutto (era incluso nel ciclo dei robot che ho letto, insieme a "abissi d'acciaio" "sole nudo" e "i robot dell'alba").

Comunque grazie del suggerimento: inizierò subito a cercarlo. Grazie ancora

Quando ho un mano un American Game, non mi faccio scrupoli a modificarlo a mani basse per soddisfare le mie esigenze di gioco: sbilanciamenti immondi e situazioni assurde nel gioco fanno parte del divertimento

Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania
Mercatino: simox

Messaggioda redbairon » 11 apr 2013, 11:46

vado un po' ot ma vorrei cominciare a leggere qualcosa anche io di Asimov (l'unica cosa letta è IO ROBOT tanti anni fa), con cosa mi consigliate di iniziare?
gracias!
Offline redbairon
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 661
Iscritto il: 24 maggio 2010
Goblons: 0.00
Località: Torino
Mercatino: redbairon

Messaggioda simox » 11 apr 2013, 12:29

Ti consiglio il ciclo delle fondazioni: un bel mattone che ti durerà per molto tempo, ed è autosufficiente per quanto riguarda la trama.

Quando ho un mano un American Game, non mi faccio scrupoli a modificarlo a mani basse per soddisfare le mie esigenze di gioco: sbilanciamenti immondi e situazioni assurde nel gioco fanno parte del divertimento

Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania
Mercatino: simox

Messaggioda GhiriGoro » 11 apr 2013, 12:33

Sei sicuro di non avere trovato risposte nel ciclo della fondazione per quanto riguarda i quesiti che hai posto?


Tutte le risposte, più che esaurienti, le ho trovate leggendo, in questo ordine:

trilogia della fondazione (3 libri)
ciclo dei robot 4 libri)

i due prequel alla fondazione (2 libri)
i due sequel alla fondazione (2 libri)

l'unica domanda che non ha avuto risposta è cosa faranno Gladia e il capitano R.G. :lol:


Se dovessi mai rileggere tutto, e visto che redbairon chiede info, lo farei in questo ordine:

1. ciclo dei robot
2. i due prequel alla fondazione (preludio alla fondazione e fondazione anno 0, nell'ordine)
3. trilogia della fondazione
4. i due sequel alla fondazione (l'orlo della fondazione e fondazione e terra, nell'ordine)

anche se tra tutti, è proprio la trilogia della fondazione a soffrire di più per quanto all'età in cui è stata scritta.
robot e fondazione sono totalmente scollegati a meno che non vengono letti prequel e sequel della fondazione, inoltre c'è da notare che tra loro, i libri sono collegati internamente ai cicli e prequel/sequel. Non so se mi sono spiegato :P
In sostanza si possono leggere a blocchi.

Se uno poi volesse aggiungere una chicca a questo universo Asimoviano, per concludere, potrebbe leggersi la fine dell'eternità :)

Io ho saltato a piè pari il ciclo dell'Impero e sono molto sereno :lol:
Offline GhiriGoro
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 792
Iscritto il: 06 ottobre 2005
Goblons: 70.00
Località: Pisa
Mercatino: GhiriGoro

Messaggioda AstoundingJB » 11 apr 2013, 12:36

Ciao simox! Grazie per i bellissimi ricordi suscitati dalla tua domanda! E' per me un piacere risponderti, per quel che ne so e ne ricordo dei romanzi di Asimov.. Mi ci sono voluti circa dieci anni per leggermi tutto il ciclo dei Robot, pre-Robot, dell'Impero ed i sette romanzi (trilogia originale più due prequel e due sequel) del ciclo delle Fondazioni..!
Ad ogni modo credo che molte delle risposte che cerchi siano contenute nell'ultimo libro del ciclo delle Fondazioni, Fondazione e Terra ('86), che credo tu non abbia letto, giusto..? In particolare gli ultimi capitoli, se li leggi alla fine della tua esperienza asimoviana, saranno assolutamente illuminanti! Anche nei libri "prequel", in particolare in Preludio alla Fondazione, dove ricompare Olivaw, sono presenti moltissime indicazioni!
Nel Ciclo dell'Impero, come giustamente ti dice lacura17, sono contenute molte altre informazioni supplementari..!

Se vuoi un parere personale però, tutto ciò che leggi nei libri di Asimov (tranne poche eccezioni) è quasi sempre completo ed in sé autoconclusivo; il cercare risposte in luoghi troppo lontani (cronologicamente intendo! tra i romanzi citati corrono 40-50 anni!) è contrario alla logica di Asimov e considero gli ultimi romanzi "pre- e sequel" più che altro una mossa editoriale per "allungare il brodo" e risolvere eventualmente alcune questioni lasciate aperte, giusto per il piacere dei fan (e per il guadagno!). Sono un po' come quei volumi che si trovano allegati ai grandi romanzi, con su scritto "Guida alla lettura"..
Mi spiego meglio. Nel leggere Asimov bisogna tenere presente come il suo stile sia sempre volutamente molto semplice e lineare; l'autore stesso amava definirsi prima di tutto un divulgatore scientifico più che un abile romanziere. Quindi credo che tutte le opere da lui scritte siano, per sua volontà, o autonome e autoconclusive (come i romanzi Nemesis, Neanche gli Dei, La fine dell'Eternità, etc.) o lasciate semplici, come se fossero "favolette" (la maggior parte dei racconti sui robot, raccolti nelle varie antologie), in cui quel che succede è chiaro ma vengono comunque forniti al lettore interessantissimi interrogativi e spunti di riflessione da valutare autonomamente, com'è appunto abitudine nelle pubblicazioni scientifiche (divulgative o meno). Lo stesso credo si possa dire dei Cicli. Tutto quel che succede e si può sapere viene narrato dallo scrittore con estrema chiarezza e completezza. Tuttavia la scienza (e la fantascienza) è fatta di moltissime cose che non possono esser sapute, non vi si può accedere e non possono esser indagate e quindi non trovano spazio nelle sue opere.
Siamo d'accordo quindi che tutto (o quasi) l'Universo di Asimov sia in qualche modo collegato però bisogna anche tener presente i suoi limiti e soprattutto quelli della conoscenza umana. Quindi, chiedersi "cosa avvenne dopo" esula un po' dalla logica con cui l'autore affronta le sue opere. Ed in questo senso i romanzi scritti dopo l'80, su pressione degli editori, vanno contro l'impostazione originale data da Asimov alla sua narrativa. Questa purtroppo è una risposta che delude i fan.. :-(
"Nevertheless, foreplaying is always much better than roleplaying.."
Offline AstoundingJB
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 10 aprile 2012
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: AstoundingJB

Messaggioda AstoundingJB » 11 apr 2013, 12:48

redbairon ha scritto:vado un po' ot ma vorrei cominciare a leggere qualcosa anche io di Asimov (l'unica cosa letta è IO ROBOT tanti anni fa), con cosa mi consigliate di iniziare?
gracias!

Asimov è noto tra gli scrittori di fantascienza per il suo stile un po' troppo lento e privo di azione e per la poca profondità data alla maggior parte dei personaggi, al contrario di come avviene per altri maestri come Dike o Heinlein. E' vero che in Italia e nei paesi latini la sua narrativa è estremamente apprezzata, più che nel resto del mondo, però queste sue caratteristiche di scrittore (difetti, in un certo senso) restano e quindi bisogna tenerle presenti per affrontare il suo stile.
Personalmente ti consiglierei di iniziare a leggere Asimov partendo dai racconti. Magari da qualche antologia! Ce ne sono moltissimi di interessanti, e altri invece un po' più noiosi... Ti consiglierei di passare poi ai romanzi "autonomi" come Nemesis, La fine dell'Eternità (corto e molto interessante!) e Nenache gli Dei (la cui parte centrale è assolutamente stupenda ma le altre due soffrono un po' dei difetti succitati..).. Prima riesci ad appassionarti al suo stile (cosa non affatto scontata!) prima potrai approcciarti ai suoi maxi-cicle, che, come detto nei post precedenti, contengono un grandissimo numero di volumi, tutti collegati, e quindi richiedono un impegno ed una dedizione estremamente maggiori!
Il Ciclo delle fondazioni è secondo me il più bel ciclo fantascientifico mai scritto!
"Nevertheless, foreplaying is always much better than roleplaying.."
Offline AstoundingJB
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 10 aprile 2012
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: AstoundingJB

Messaggioda Tanelorn » 11 apr 2013, 15:21

Da amante della fantascienza sottolineo anche io che Asimov ha sì scritto dei bei libri (il ciclo della fondazione è sicuramente da leggere), ma ci sono altri nomi da noi meno noti, ma all'estero conosciutissimi, che meritano altrettanto se non di più (come il già citato Heinlein).
Offline Tanelorn
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2983
Iscritto il: 04 marzo 2008
Goblons: 0.00
Località: Bologna
Mercatino: Tanelorn

Messaggioda Umb67 » 11 apr 2013, 21:28

GhiriGoro ha scritto:Io ho saltato a piè pari il ciclo dell'Impero e sono molto sereno :lol:


Almeno "Paria dei Cieli" va letto: è uno dei romanzi meno conosciuti di Asimov, eppure è secondo me ad un livello letterario più "alto" rispetto a tutta la sua produzione, non fosse altro per le sue implicazioni sociali/religiose, ma comunque incastrato saldamente nell'universo della Fondazione.

Un altro consiglio per chi si avvicina ad Asimov è "Notturno", che è la versione romanzo di un suo vecchio racconto breve, scritta assieme ad un altro grande autore, Robert Silverberg. L'aiuto di Silverberg dona moltissimo al risultato finale, che ha il classico stile asciutto e scientifico di Asimov, ma c'è un po' più di azione rispetto al solito.

Heinlein, per un appassionato di giochi da tavolo, è imprescindibile: il suo capolavoro "Starship Troopers", oltre ad aver ispirato un bellissimo gioco dell'Avalon Hill negli anni '70 (non la porcheria presa dal film, parlo del wargame), è un vero trattato di sociologia.
Offline Umb67
Veterano
Veterano

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 733
Iscritto il: 11 marzo 2010
Goblons: 120.00
Località: Mendrisio (Svizzera)
Mercatino: Umb67

Messaggioda MindbendeR » 11 apr 2013, 23:45

Leggiti "Contact" di Carl Sagan se apprezzi la divulgazione scientifica unita a riflessioni filologiche condite con una bella storia fantascientifica.
Adoro questo libro.
Offline MindbendeR
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 972
Iscritto il: 20 settembre 2006
Goblons: 70.00
Località: Goblyn City
Utente Bgg: MindbendeR76
Mercatino: MindbendeR

Messaggioda foxmul84 » 12 apr 2013, 1:39

Leggetevi LA FINE DELL'ETERNITA'!!
Romanzo one-shot di Asimov, bellissimo! ;)

Se poi posso suggerire altri autori... Asimov, per quanto sia una bella lettura, non raggiunge i livelli a cui mi hanno abituato Herbert (con DUNE) e Dick (Ubik su tutti)... provateli (tra l'altro, di entrambi hanno ristampato recentemente la produzione)...
It can't rain all the time!
Offline foxmul84
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
Top Uploader 1 Star
 
Messaggi: 1251
Iscritto il: 18 febbraio 2006
Goblons: 420.00
Località: Nocera Inferiore (SA)
Mercatino: foxmul84

Messaggioda redbairon » 12 apr 2013, 8:22

grazie a tutti dei suggerimenti, questo week-end farò un salto in libreria e vediamo con cosa esco fuori....
Offline redbairon
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 661
Iscritto il: 24 maggio 2010
Goblons: 0.00
Località: Torino
Mercatino: redbairon

Messaggioda GhiriGoro » 12 apr 2013, 10:15

Umb67 ha scritto:
GhiriGoro ha scritto:Io ho saltato a piè pari il ciclo dell'Impero e sono molto sereno :lol:


Almeno "Paria dei Cieli" va letto: è uno dei romanzi meno conosciuti di Asimov, eppure è secondo me ad un livello letterario più "alto" rispetto a tutta la sua produzione, non fosse altro per le sue implicazioni sociali/religiose, ma comunque incastrato saldamente nell'universo della Fondazione.

Un altro consiglio per chi si avvicina ad Asimov è "Notturno", che è la versione romanzo di un suo vecchio racconto breve, scritta assieme ad un altro grande autore, Robert Silverberg. L'aiuto di Silverberg dona moltissimo al risultato finale, che ha il classico stile asciutto e scientifico di Asimov, ma c'è un po' più di azione rispetto al solito.


Notturno non è facilmente trovabile ad oggi... neppure Nemesis se è per questo...
Paria dei cieli è sempre lì, lo guardo, ma è un periodo che sto lontano dalla fantascienza :P

Se però dobbiamo parlare di libri fuori dall'universo della fondazione come Notturno, perché non Neanche gli Dei?
Offline GhiriGoro
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 792
Iscritto il: 06 ottobre 2005
Goblons: 70.00
Località: Pisa
Mercatino: GhiriGoro

Messaggioda AstoundingJB » 12 apr 2013, 11:46

redbairon ha scritto:grazie a tutti dei suggerimenti, questo week-end farò un salto in libreria e vediamo con cosa esco fuori....

Se posso darti un consiglio, sia da collezionista che da appassionato, tutti i titoli che ti hanno proposto hanno una certa età ed è disponibile per essi un grandissimo mercato dell'usato, sia in rete (eBay, comprovendolibri.it etc.) che in mercatini che in negozi specializzati in questo tipo di vendite (che però hanno prezzi un po' più alti!). Quindi, se devi comprarti dei libri nuovi, magari pagandoli 8-10 euro e di media qualità (Oscar Mondadori in brossura), piuttosto che edizioni stra-economiche a 3-7 euro (Fanucci), potrebbe esser più bello optare per edizioni passate, realizzate con copertina rigida e carta di ottima qualità (anche se magari un po' ingiallita dal tempo), e pagarle lo stesso prezzo. Anche questo è un piccolo modo di salvare l'arte e la cultura! ;)
"Nevertheless, foreplaying is always much better than roleplaying.."
Offline AstoundingJB
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 10 aprile 2012
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: AstoundingJB

Prossimo

Torna a Tempo Libero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti