BOS 2011

Sulla famosa manifestazione di giochi e fumetti. About the famous event related to comics and games

Messaggioda brizio » 7 nov 2011, 23:26

stec74 ha scritto:Inoltre... il tempo per giudicare i giochi e' fondamentale, non si potrebbe dare le nomination in fiera e successivamente, diciamo uno/due mesi dopo, assegnare il premio in pompa magna ?
Avrebbe piu' senso, no?


Si, nell'ottica di un "gioco dell'anno" avrebbe sicuramente più senso. In quella di un premio fieristico meno (loboKDS, non dire al capo che ho definito LC&G una fiera ;-).
Il BoS, lo sappiamo tutti, sposta pochissimo le vendite. Se c'è un momento in cui può avere un valore è proprio dentro la manifestazione, quando uno passa e vede sul bancone dell'editore la targa o il piatto del vincitore.
Lo scorso hanno dV Giochi ha esaurito Il Castello del Diavolo. Mi illudo che aver vinto il BoS per il miglior gioco di carte li abbia aiutati... ma forse ne avevano semplicemente portati pochi ;-)

stec74 ha scritto:Avrebbe anche maggior senso se le nomination venissero comunicate prima dell'inizio della fiera (per quest'anno, giovedi? comunque, certamente non dopo la fine) a tutti i partecipanti in modo da dar loro la possibilita' di presentarsi come tali, no?


Le nomination le abbiamo comunicate mercoledì 19. Purtroppo la comunicazione si è sovrapposta alla partenza di Essen.
Che l'aspetto comunicativo vada migliorato non ci piove.

stec74 ha scritto:Potrebbe essere interessante (o anche no?) anche un premio per la migliore casa editrice emergente e per la casa editrice che maggiormente si e' distinta per la qualita' di prodotti e servizi verso gli utenti finali.
(andrebbe a sostituire il premio per l'editore meglio pettinato! ;) )
In questo caso ci sarebbe tutto il tempo del mondo per giudicare.


Come no, si può fare tutto. Il rischio, in un mercato piccolo come il nostro, è quello di dare l'impressione di voler dare un contentino a tutti. Lo dico perché è una critica che riceviamo immancabilmente ogni anno.
Offline brizio
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 04 novembre 2007
Goblons: 0.00
Località: Mering
Mercatino: brizio

Messaggioda stec74 » 7 nov 2011, 23:39

ehh! è vero! è una critica costante tutti gli anni! :grin:
Se il BOS deve restare a queste condizioni, però, mi viene da pensare che sarà difficile migliorare la situazione, il che è forse anche il motivo per cui sposta di poco le vendite.
A questo punto forse allora viene interessante l'idea di gioco dell'anno, avrebbe certamente più valore... quindi assegnato dalla stessa giuria? ...sarebbe interessante vedere come vengono giudicati gli stessi giochi (più tutti gli altri usciti durante l'anno, ovvio) dalle medesime persone con più tempo a disposizione. Molto probabilmente risolvereste le critiche che vi vengono rivolte per il BOS... :grin:
Forse anche la migliore casa editrice potrebbe essere premiata allo stesso modo...
...per la fiera, beh... magari scremate un po' di premi se pensate che possa così andar meglio! :grin:
Ultima modifica di stec74 il 7 nov 2011, 23:44, modificato 1 volta in totale.
BGG: https://www.boardgamegeek.com/collection ... large&ff=1

"Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta..."
( William Blake )
Offline stec74
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Organization
Top Uploader
 
Messaggi: 3476
Iscritto il: 22 febbraio 2010
Goblons: 590.00
Località: Bologna
Mercatino: stec74

Messaggioda nakedape » 7 nov 2011, 23:39

Lollo ha scritto:Ciao a tutti.
Sono Lorenzo Trenti e sono uno dei giurati 2011-2012.


Ciao Lollo, è un piacere trovarti qui sulla tana. Sono Mattia (Nemesis Taylorplay), e ci conosciamo dal mitico torneo di On Stage che organizzasti nel 1997 a Padcon.
Innanzitutto spero tu non ci sia rimasto male, nessuna crtitica era rivolta a te. E nemmeno alla giuria. Casomai era una critica a chi sceglie la giuria. Anzi mi correggo, perchè nessuno discute la buona fede e i buoni intenti di nessuno. Si criticano i risultati nella sostanza.
Personalmente trovo infondate le critiche sulla tematica di un family game (violenza o non violenza), anche perchè Rattus è 2011 Golden Geek Best Family Board Game Nominee. D'altro canto non capisco il prezzo come parametro per stabilire se un gioco sia family oppure da hardcore gamer. L'anno prossimo prendiamo in esame il peso? :lol:
Battuta per sdrammatizzare.

Sono però contento perchè vedo grandi aperture mentali e questo mi fa un piacere enorme.
Quello che i gamer qui dentro si auspicano è una nascita della cultura ludica in Italia, magari proprio sulla scia di tutti questi splendidi giochi usciti sui panorami internazionali negli ultimi dodici anni.
E se Lucca è la Kermesse di più ampio respiro tutti gli occhi sono puntati sul BoS. Vorremmo un premio che esprimesse delle certezze. Un pò come il Sundance, o gli Awards per intenderci. Nel bene e nel male, chiaramente. Fino ad oggi il BoS è stato invece un premio che ha seguito grandi oscillazioni ed è stato assegnato sulla base dei criteri più disparati. Probabilmente anche a causa di una discontinuità tra le varie giurie, le quali interpretavano a modo loro (ma non gliene faccio una colpa) i vari premi.
Ora purtroppo è successo che con Twilight Struggle non si sono violate le regole, ma palesemente il principio di intenti. Ricordo infatti che il BoS nasce con la precisa intenzione di segnalare ai lucchesi per un giorno il gioco che più di ogni altro merita di essere comprato...
E questo secondo me è un grosso errore, ma siete così bravi da accettare anche le critiche senza tirarvi indietro. DIfficile non commuoversi nell' Italia di oggi dove NESSUNO sbaglia mai...
Ma veniamo alle proposte.
Io sono favorevole perchè si valutino i giochi usciti nell' anno solare che va da giugno a giugno. E se non vengono considerate le novità, pazienza lo saranno l'anno successivo. Non funziona così anche per gli oscar?
Giuria gdr e giuria gdt separate. Si cambia un membro all' anno. Si premia
no: la migliore idea originale, il migliore gioco tradotto, il migliore gioco gateway/occasionali...
Vorrei tanto che i premi rappresentassero un bel mondo per tutto.
Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.
Offline nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 12568
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Mercatino: nakedape
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Messaggioda brizio » 7 nov 2011, 23:45

Frost82 ha scritto:Stec, questa questione del prezzo è solo e unicamente nella mente dei giocatori.

I genitori a Natale comprano Monopoly nei giocattolai pagandolo 40-45 € e tornano a casa felici.

Comprano i vari Trivial Pursuit, Saltinmente ecc. a prezzi che vanno dai 40 ai 50 € (non guardate le scontate dei supermercati, ma il loro vero prezzo).


Frost, questo è un argomento che mi interessa, al di là della discussione BoS/Ristorante Italia/Rattus. Forse meriterebbe un topic a parte.
Il tuo punto di vista ha una sua logica. Io però la penso diversamente.

A mio avviso i genitori sono disposti a spendere 50 euro per un gioco conosciuto, come Monopoly o Trivial Pursuit, ma non per un gioco sconosciuto come Ristorante Italia. Quindi mettere in vendita un family a 50 euro significa, sempre a mio avviso, perdere l'occasione di guadagnare una nuova leva al nostro hobby (non che non ci si arrivi passando dal Monopoly, ma la via è certamente più tortuosa).
Spero di sbagliarmi.

Viceversa un gamer è disposto a spendere anche 80 euro per Le Case della Follia o 60 per Corsari dei Caraibi...

Frost82 ha scritto:Ricordatevi che le famiglie di adesso si spu*****, ehm, investono i loro 200-300 € negli Iphone. :lol:


Perché è un oggetto alla moda. Il gioco ahimé no... :-(
Offline brizio
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 04 novembre 2007
Goblons: 0.00
Località: Mering
Mercatino: brizio

Messaggioda Frost82 » 7 nov 2011, 23:51

Fabrizio, ti ripeto che non è vero.

Però bisogna aprire un altro topic: aprilo da qualche parte e ti spiego meglio la situazione, ribadendo comunque e sempre il concetto che un gioco da 25 € vende sempre di più di un gioco da 50 €.

Tanto per farti ridere i giochi di carte da 10 € non vendono di più come potresti aspettarti dei giochi da 25 €, anzi è il contrario.

Fa sorridere vero?
Solitamente cerco di avere i guanti di velluto, ma quando serve metto quelli di ghisa.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00
Mercatino: Frost82

Messaggioda nakedape » 7 nov 2011, 23:58

Frost82 ha scritto:Tanto per farti ridere i giochi di carte da 10 € non vendono di più come potresti aspettarti dei giochi da 25 €, anzi è il contrario.
Fa sorridere vero?


Per niente. Probabilmente la gente pensa che se costa solo 10 € non ne vale la pena.
Comunque ribadisco...per favore smettiamola di considerare il prezzo come criterio di selezione...mi pare una follia.
Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.
Offline nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 12568
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Mercatino: nakedape
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Messaggioda brizio » 8 nov 2011, 0:12

il_Nadir ha scritto:Prendendo spunto da questo caso specifico volevo sottoporvi come giuria il "problema" legato esclusivamente alla categoria GDR della produzione di titoli, ormai anche nella nostra lingua, in vendita in formato PDF.
L'Unico Anello, per esempio, se bene non stampato in tempo per la consegna era pronto in formato PDF, che per il mercato del Gioco di Ruolo, è, oggi giorno, un "formato commerciale" del prodotto, e anzi, in prospettiva lo sarà sempre di più.
[...]
Chiarirete questo punto, almeno per evitare spiacevoli malintesi il prossimo anno?


Si, lo chiariremo sicuramente.
Però dovrà essere esplicitato sul modulo di iscrizione se quello che viene iscritto è il pdf o il cartaceo. Ovviamente anche il pdf dovrà essere in italiano.
Ricordo che in passato sono stati iscritti dei GdR in pdf. Facendo una rapida ricerca nei miei archivi ho trovato solo un Faith Empire che nel 2008 era stato iscritto come print on demand su lulu, che non è esattamente la stessa cosa.

Semmai, guardando al futuro, posso immaginare manuali di GdR progettati sin dall'inizio come app per tablet integrando in modo furbo tutta la parte regolistica e tabellare. Quando arriveremo a quel punto bisognerà ripensare un po' tutto.
Idem per i GdT. Ora c'è parecchio interesse sulla conversione per ipad/iphone/etc dei principali titoli (in Danimarca già hanno una categoria del loro premio, il Guldbrikken, anche per quelli), ma il futuro è sviluppare questo genere di giochi direttamente per tablet.
Ma sto divagando.
Offline brizio
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 04 novembre 2007
Goblons: 0.00
Località: Mering
Mercatino: brizio

Messaggioda Frost82 » 8 nov 2011, 10:03

Ciao Stec, non mi sto arroccando sulle mie posizioni, so benissimo che 50 € per Ristorante Italia è un prezzo alto, ma so anche benissimo che una famiglia può comprarsi Super Farmer a 25 €.

La questione della "nuova uscita" è solo un problema legato ai gamers: è il gamer che vuole per forza la nuova uscita, gli altri comprano quello che gli piace.

Comunque, se vi interessa, nel filo diretto Red Glove ho aperto un post dove ho spiegato cosa intendiamo noi con Family Game e dove discuto anche di questo annoso problema prezzi.
Solitamente cerco di avere i guanti di velluto, ma quando serve metto quelli di ghisa.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00
Mercatino: Frost82

Messaggioda tukmat » 8 nov 2011, 10:04

Alcune considerazioni sp(c)arse da giocatore family con moglie e bimbi da 8/11 anni:

Per curiosità ho letto il regolamento di Rattus e credo che lo proporrò ai miei familiari senza problemi, per me è un family in quanto a facilità di comprensione delle regole e pure come possibilità di gestione delle meccaniche. Per esempio Hoop per citare un gioco RG o Penguins di GU sono falsi family proprio per la difficoltà di giocarlo bene anche dai bambini a dispetto della confezione grafica.

La tematica è poco family? Forse, può essere, eppure se propongo Pandemic in casa sono sicuro di fare una partitina entusiastica.

Attenzione poi perché giochi family inside come Superfarmer o Niagara consentono una capacità di immedesimazione nei bambini notevole: ricordo pianti e musi lunghi per improvvide volpi o lupi così come per barchette fracassate dalla cascata.....

Categoria family: ma famiglie con adolescenti/teenager contano? Se le includiamo io non avrei nessun dubbio fra cosa sceglierebbero 12/14enni fra un gioco dove si attacca la peste ed uno dove si devono fare delle ricette.....

Da ultimo circa comunicazione e trasparenza: tanto di cappello ai giurati e ai responsabili del premio per la disponibilità, la pazienza e la serenità con cui hanno risposto e rispondono al fuoco di fila di questo interessantissimo topic. Altrettanto complimenti agli editori che non se la tirano e che non ritengono segreti di stato le loro politiche editoriali e commerciali.
Dovrebbe essere la normalità per chi ha a cuore trasparenza e comunicazione riguardo a ciò che fa, ma purtroppo non è mai così.



P.S. Sono di Lucca ma non ho mai avuto ninte a che fare con LC&G...
Immagine
Offline tukmat
Maestro
Maestro

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 872
Iscritto il: 02 marzo 2005
Goblons: 60.00
Località: Lucca
Mercatino: tukmat

Messaggioda Frost82 » 8 nov 2011, 13:34

E' proprio quello il punto Tukmat, non credo.

Un gioco per famiglie non ha il target 12-14 anni: per quello avevo scritto che per vincere devi avere un drago, un mostro o qualcos'altro.

Il target famiglie ha famiglia + bimbi dai 6 (minimo) ai 12 (massimo) di età.

Sopra, possono tranquillamente giocare a giochi da gamers (ma soprattutto, giocano ancora in famiglia sopra i 12 anni?).
Solitamente cerco di avere i guanti di velluto, ma quando serve metto quelli di ghisa.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00
Mercatino: Frost82

Messaggioda liga » 8 nov 2011, 13:54

Ho letto tutto ... fino qua.

buon gioco
Liga

*** www.facebook.com/ludologo Ludologo su Facebook www.ludologo.com Il mio sito personale www.facebook.com/ClubTreEmme Club TreEmme

Offline liga
Goblin Spy
Goblin Spy

Avatar utente
TdG Moderator
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 2017
Iscritto il: 17 giugno 2003
Goblons: 9,320.00
Località: Modena (Italy)
Mercatino: liga

Messaggioda bigdrugo » 8 nov 2011, 15:56

liga ha scritto:Ho letto tutto ... fino qua.

buon gioco
Liga


bella mossa liga.
Pure io ho letto tutto fino qua.
www.zuccavuota.it
Ludoteca, fumetteria & store (anche per corrispondenza)

https://www.widemovie.it/ Il cinema in tutta la sua ampiezza!
Offline bigdrugo
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 897
Iscritto il: 14 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Palermo
Mercatino: bigdrugo

Messaggioda tukmat » 8 nov 2011, 16:55

Frost82 ha scritto:E' proprio quello il punto Tukmat, non credo.

Un gioco per famiglie non ha il target 12-14 anni: per quello avevo scritto che per vincere devi avere un drago, un mostro o qualcos'altro.

Il target famiglie ha famiglia + bimbi dai 6 (minimo) ai 12 (massimo) di età.

Sopra, possono tranquillamente giocare a giochi da gamers (ma soprattutto, giocano ancora in famiglia sopra i 12 anni?).


Ma allora tu stai parlando di un gioco per bambini e non un gioco per famiglie! E i dodicenni/quattordicenni ci giocano eccome con la famiglia anche se contemporaneamente iniziano a farsi tavoli con i loro amici (magari con i titoli che hanno imparato dai genitori).
E se è impossibile far giocare i più grandi con titoli strettamente per bambini, stai tranquillo che un bimbo di otto anni non avrà problemi ad aggregarsi a suo fratello/sorella maggiore.
Ora vado a leggermi l'altro topic....
Immagine
Offline tukmat
Maestro
Maestro

Avatar utente
TdG Organization
 
Messaggi: 872
Iscritto il: 02 marzo 2005
Goblons: 60.00
Località: Lucca
Mercatino: tukmat

Messaggioda Frost82 » 8 nov 2011, 17:36

No Tukmat, i giochi per famiglia si rivolgono al target dai 6 ai 12 anni massimo.

I giochi per bambini invece si rivolgono ad un target dai 3 agli 6-7 anni (si c'è una sovrapposizione sui giochi 6-7 anni, soprattutto in Italia dove la cultura ludica fa schifo).

Considerare un gioco per un quattordicenne un gioco per famiglia è quantomeno sbagliato, anche perché non è nemmeno considerato gioco a norma di legge.

E se è impossibile far giocare i più grandi con titoli strettamente per bambini, stai tranquillo che un bimbo di otto anni non avrà problemi ad aggregarsi a suo fratello/sorella maggiore.


Ti dico che è proprio il contrario. Nelle famiglie di gamers questa cosa avviene o dove un gamers è al tavolo, ma nel resto delle famiglie (quelle esenti da gamers) è proprio il contrario.

Ho visto ragazzi di 12-14 anni giocare a Nino Conillo (3+) Viva Topo! (4+) Super Farmer (6+) ma il contrario non è mai successo. Perché? Perché semplicemente richiedono un grado di attenzione e di strategia tale che il bimbo non può giocare.
Si, ovviamente può stare al tavolo con il genitore che gioca con lui, ma quello non è giocare, è stare al tavolo :)

Anzi ti dirò di più: per qualsiasi famiglia italiana già un 8+ è difficile, figurati cosa può essere un 10+, non arrivano nemmeno in fondo al regolamento.
Solitamente cerco di avere i guanti di velluto, ma quando serve metto quelli di ghisa.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00
Mercatino: Frost82

Messaggioda mocs » 8 nov 2011, 17:45

Frost82 ha scritto:
E se è impossibile far giocare i più grandi con titoli strettamente per bambini, stai tranquillo che un bimbo di otto anni non avrà problemi ad aggregarsi a suo fratello/sorella maggiore.


Ti dico che è proprio il contrario. Nelle famiglie di gamers questa cosa avviene o dove un gamers è al tavolo, ma nel resto delle famiglie (quelle esenti da gamers) è proprio il contrario.

questa cosa è molto vera. Leggo spessissimo qui sulla tana di gamers che scrivono o commentano dei propri figlioli di 8-7-6 (a volte anche meno) anni che giocano con loro. Spesso rispondo che ai bambini vanno lasciati fare giochi x bambini, e non bullarsi se il sangue del proprio sangue a 5 anni lo fai giocà a Caylus. Poi oh, ci sò i geni ci mancherebbe. Ma a 'sto punto mi sembra un pò come un mio zio con mio cugino di 6 anni che a calcio era megl'e'ppelè. :-)
Scherzi a parte, la maggior parte dei bambini applica, come loro metodologia, un processo di emulazione: ovvio che in una famiglia "gamers" spesso vogliono giocare ai giochi dei grandi con i grandi e schifano Acchiappalefarfalline.
E' STATO BELLO!
Immagine
Socio Fondatore:
Immagine
Offline mocs
Goblin Artisticus
Goblin Artisticus

Avatar utente
Top Uploader
Game Illustrator
 
Messaggi: 1033
Iscritto il: 26 giugno 2008
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: mocs

PrecedenteProssimo

Torna a Lucca Comics & Games

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti