Come funziona la localizzazione

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, pacobillo, Rage, Sephion

Come funziona la localizzazione

Messaggioda stepir » 3 dic 2014, 15:09

Salve a tutti,
mi chiamo Stefano, traduttore e boardgamer, e in quanto tale mi interesserebbe approfondire la conoscenza dei meccanismi che stanno dietro alla localizzazione di giochi da tavolo e di carte provenienti dall'estero, sia per curiosità personale, sia perché mi piacerebbe lavorare nel settore.
Penso inoltre che sia un argomento che potrebbe interessare a tutti coloro coinvolti in qualche modo nell'editoria.
Le mie principali domande a riguardo sono:
- Come avvengono i contatti tra editori? Ci sono "contratti" a lungo termine (per esempio, tra Giochi Uniti e Fantasy Flight?), o/e si fa che chi primo arriva e sgancia la grana si becca l'esclusiva della localizzazione?
- Si pagano diritti di localizzazione e percentuale di vendite? Solo i diritti? Solo la percentuale?
- I distributori italiani solitamente affidano le traduzioni a interni, a free-lance o ad agenzie?
- Una volta che il prodotto è stato tradotto, la localizzazione viene mandata al produttore originario che si occupa di stampare il gioco tradotto nelle stesse identiche modalità della versione originale, per poi rispedirlo all'estero? O l'editore, in questo caso, italiano commissiona la stampa localmente a terzi, con tutte le direttive perché il risultato finale, traduzione a parte, sia identico all'originale al millimetro? Questo è il punto che mi incuriosisce di più, perché il confronto con l'editoria cartacea non regge: per un libro l'editore cambia tutto, dal formato alla grafica; nei giochi invece il prodotto dev'essere identico.

Vi ringrazio in anticipo per le risposte, se ce ne saranno: capisco che sono domande specifiche che poche persone (probabilmente solo coloro che lavorano nel settore) possono rispondere.

- Stefano
Offline stepir
Babbano
Babbano

 
Messaggi: 2
Iscritto il: 03 dicembre 2014
Goblons: 0.00

Re: Come funziona la localizzazione

Messaggioda stepir » 3 dic 2014, 15:27

Ci avrei scommesso: ho chiaramente sbagliato sezione del forum, chiedo scusa.
Chiedo ai moderatori di spostare cortesemente il topic nella sezione appropriata, o anche di eliminarlo, così che possa riscriverlo nel posto giusto.
Offline stepir
Babbano
Babbano

 
Messaggi: 2
Iscritto il: 03 dicembre 2014
Goblons: 0.00

Re: Come funziona la localizzazione

Messaggioda Blada » 8 gen 2015, 17:41

Ciao Stefano, purtroppo non so aiutarti, ma trovo molto interessanti le domande che hai posto. Purtroppo le risposte tardano ad arrivare, ma mi metto in attesa anche io, dato che questo argomento mi sta molto a cuore ;)
Offline Blada
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 60
Iscritto il: 15 gennaio 2014
Goblons: 420.00
Località: Firenze/Castelfranco Veneto
Utente Bgg: Blada
Io gioco col rosso Ho sostenuto la tana alla Play 2016

Re: Come funziona la localizzazione

Messaggioda Max_23 » 8 gen 2015, 23:44

Provo a dare qualche risposta, almeno per quanto riguarda Asterion.

stepir ha scritto:- Come avvengono i contatti tra editori? Ci sono "contratti" a lungo termine (per esempio, tra Giochi Uniti e Fantasy Flight?), o/e si fa che chi primo arriva e sgancia la grana si becca l'esclusiva della localizzazione?


"Lungo termine" forse è improprio, diciamo che al massimo ci sono contratti della durata massima di qualche anno, e quasi sempre nei casi che coinvolgono grossi editori, altrimenti spesso (e anche volentieri) gli accordi vengono presi con una stretta di mano, gentlemen agreement, dopodiché se la collaborazione è fruttuosa, non c'è ragione di cambiare partner. Diciamo che il grosso lo si fa presenziando e intessendo rapporti durante le fiere internazionali. Naturalmente l'aspetto economico è rilevante, ma almeno per quanto ci riguarda, non partecipiamo ad "aste" sui titoli: o l'editore si fida del nostro operato, altrimenti non stiamo a rilanciare su offerte di altri editori (evento, quello dell'"asta", che per la verità capita abbastanza di rado).

stepir ha scritto:- Si pagano diritti di localizzazione e percentuale di vendite? Solo i diritti? Solo la percentuale?


Esistono svariate forme ma quella prevalente è l'acquisto della tiratura dell'edizione localizzata. Questo significa che l'editore originale del gioco ha un costo X di produzione della scatola (basata quasi sempre su una stampa congiunta delle edizioni nelle diverse lingue - ragion per cui ci sono spesso ritardi, visto che in questi casi si va alla velocità del paese più lento nel preparare la propria versione del regolamento), al quale applica la sua marginalità Y, proponendoci il prezzo Z (che equivale a X+Y). Mi sa che mi sono spiegato malissimo, ma in realtà è molto semplice, basta rileggere saltando la parentesi :).
Meno frequenti sono le royalties, ovvero versare una percentuale sulle vendite effettive, ma visto che si deve andare sulla fiducia (i controlli sono costosi), capita abbastanza di rado. Per dire, a noi capita con Twilight Struggle, che viene stampato interamente in Italia (quindi il costo è a nostro carico), e grazie agli ottimi rapporti con la GMT, versiamo loro una percentuale sui ricavi delle vendite.

stepir ha scritto:- I distributori italiani solitamente affidano le traduzioni a interni, a free-lance o ad agenzie?


Un traduttore interno sarebbe probabilmente oneroso. Noi collaboriamo da tanti anni con free-lance, sebbene a volte si facciano traduzioni anche internamente, nei casi di regolamenti più semplici. Le agenzie sono improponibili, tariffe fuori mercato.

stepir ha scritto:- Una volta che il prodotto è stato tradotto, la localizzazione viene mandata al produttore originario che si occupa di stampare il gioco tradotto nelle stesse identiche modalità della versione originale, per poi rispedirlo all'estero? O l'editore, in questo caso, italiano commissiona la stampa localmente a terzi, con tutte le direttive perché il risultato finale, traduzione a parte, sia identico all'originale al millimetro? Questo è il punto che mi incuriosisce di più, perché il confronto con l'editoria cartacea non regge: per un libro l'editore cambia tutto, dal formato alla grafica; nei giochi invece il prodotto dev'essere identico.


La risposta l'ho già parzialmente data: la produzione è quasi sempre congiunta con quella delle edizioni in altre lingue, soprattutto per via dell'economia di scala. A livello locale si cura naturalmente la traduzione e, circa il 50% delle volte, l'impaginazione, mentre per l'altro 50% sono direttamente gli editori originali del gioco a seguire l'impaginazione (in questo caso la cosa si complica un po', in particolare se si lavora con i canadesi di Filosofia Games, con i quali bisogna adattarsi al loro fuso orario per poterla seguire a dovere). Ancora una volta, c'è qualche eccezione a questa regola, ma sono casi speciali (tipo, Sherlock Holmes Consulente Investigativo è un prodotto interamente cartaceo e di una certa complessità grafica, che stampiamo interamente in Italia).

Saluti,

Max
Massimo Bianchini
Asterion Press s.r.l.
www.asterionpress.com
Offline Max_23
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 13 luglio 2010
Goblons: 0.00
Località: Correggio (RE)

Re: Come funziona la localizzazione

Messaggioda giupmat » 22 gen 2015, 13:35

Le domande sono davvero interessanti ...e le risposte di Massimo colgono in pieno. Grazie ad entrambi. :grin:
LA MIA TRADE LIST.
Offline giupmat
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 04 novembre 2013
Goblons: 0.00
Località: Siena - Lauria - Tullahoma (TN)
Utente Bgg: giupmat
Board Game Arena: giupmat
Twitter: giupmat



  • Pubblicita`

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: ChaosGate e 0 ospiti