Cosa cerchiamo in un gioco?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Cosa cerchiamo in un gioco?

Messaggioda Askatasuna » 26 gen 2005, 16:35

:-) Ciao a tutti.. Vorrei lanciare un tema di discussione che mi sta particolarmente a cuore, sperando di poter riscontrare un minimo di interesse in qualcuno, senza esser poi costretto(sigh!) a discuterne con il mio specchio: cosa cerchiamo in un gioco da tavolo?.. Quali sono i nostri reali parametri di giudizio?.. Vorrei sapere se si cerca il divertimento, il passatempo, una sfida personale con qualcuno, voglia di rivalsa o addirittura la perfezione assoluta... Ho notato che spesso nelle recensioni si aggiudicano voti molto scarsi ad alcuni titoli con la motivazione:"Non è un capolavoro.." oppure "scarsa longevità.." o addirittura:"Purtroppo c'è un piccolo difetto a cui poteva esser fatto caso in modo migliore..". A me viene da ridere!!!.. Ma cosa cerchiamo nel gioco da tavolo??.. La perfezione cosmica assoluta?.. Una divinità in terra? Non crediate sia giusto essere più obiettivi, senza arrivare a pensare che una creazione umana possa esser priva di difetti?.. Inoltre il fattore longevità è TROPPO soggettivo.. Naturalmente l'articolo non è rivolto a nessuno in particolare,ma è per un generico tema di discussione. Voi che ne pensate?
Offline Askatasuna
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 792
Iscritto il: 14 dicembre 2004
Goblons: 200.00
Località: Roma
Mercatino: Askatasuna

Messaggioda Gwaihir » 26 gen 2005, 16:46

Se ne è già discusso in più di una occasione.

Comunque personalmente cerco un'altra dimensione in cui vivere per 2,3, meglio se 4, 5 o 6 ore. Cerco la vittoria, certo, ma ciò che mi appassiona è vivere la realtà di un bel gioco, perdermi tra i suoi componenti e nelle sue meccaniche.
Di conseguenza hanno molta importanza l'ambientazione e la componentistica dei giochi.

Il mio parametro di riferimento è la 'completezza' del gioco, voglio che ci siano molteplici aspetti simulativi da tenere sotto controllo, che il gioco non si riduca ad un paio di meccaniche anche se queste fossero geniali.

Poi ovviamente non disdegno giochi meno completi, ma il mio punto di riferimento resta un gico completo e ben ambientato come Twilight Imperium (o anche Age Of Mythology).
The Eagle Goblin
Offline Gwaihir
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 24 marzo 2004
Goblons: 580.00
Località: Roma
Mercatino: Gwaihir

Messaggioda Favar » 26 gen 2005, 16:50

Non ricerco in generale la perfezione ma è naturale che quando si tratta di un gran bel gioco (es. Puerto Rico) l'analisi va nel dettaglio e quindi si diventa automaticamente un po' (a volte troppo) pignoli.

Comunque, per quello che mi riguarda, i fattori che più mi interessano sono "divertimento" e "coinvolgimento" (un elemento quest'ultimo che per me è composto da "componentistica", "background" e "regolamento").

Anche se questi sono gli elementi a cui do maggiore peso è anche vero che in base alla situazione, alle persone che ho davanti, il gioco "ideale" cambia e il peso che do ai singoli fattori può variare parecchio. In poche parole con alcune persone preferisco giochi chiassoni, con altre magari prediligo la parte strategica e tattica...

Un po' come la musica, in generale preferisco alcuni generi ma in base al momento, all'umore, ecc.. posso appunto ricercare in ciò che ascolto il relax, la carica, ecc..
Ma non hai ucciso il drago??!!Ce l'ho sulla lista delle cose da fare....!!
Offline Favar
Monta vi' che vedi Lucca
Monta vi' che vedi Lucca

Avatar utente
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader 2 Star
Game Inventor
TdG Translator
 
Messaggi: 4452
Iscritto il: 23 giugno 2003
Goblons: 3,340.00
Località: Pisa (Italy)
Utente Bgg: Favar
Facebook: Michele Mura
Twitter: MicheleMura72
Mercatino: Favar

Messaggioda rporrini » 26 gen 2005, 16:53

Parliamoci chiaro. La perfezione non esiste.
Cercando il gioco perfetto rischiamo di annoiarci mortalmente.
Quello che cerco in un gioco è un sistema che io possa far mio (e cioè che con minime ricerche sul manuale, io possa giocare una partita senza errori grossolani) e che mi permetta di concentrarmi sulle strategie (o le tattiche a seconda del tipo di gioco) per la vittoria.
Immagine
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.
Offline rporrini
Magister Antiquitatis
Magister Antiquitatis

Avatar utente
Tdg Super Moderator
Top Author
Top Uploader 1 Star
Tdg Supporter
 
Messaggi: 9595
Iscritto il: 20 febbraio 2004
Goblons: 780.00
Località: Roma - First Valley
Utente Bgg: rporrini
Board Game Arena: rporrini
Yucata: rporrini
Facebook: rporrini
Mercatino: rporrini
Puerto Rico Fan Tocca a te fan Terra Mystica Fan Alta Tensione Fan Alhambra Fan Sono stato alla Gobcon 2016

Messaggioda hywel » 26 gen 2005, 18:45

In un gioco cerco la possibilta' di confrontarmi con gli altri per quel che riguarta la tattica e l'abilita'.

Non tutti i giochi ovviamente sola all'altezza e tra i parametri che fanno di un gioco al caso mio vi sono sicuramente anche elementi di secondaria importanza come l'ambientazione, i materiali e altro.

Capita comunque di voler giocare ad un gioco per il semplice gusto di stare insieme ad amici e passare una serata, anche questo e' un discorso valido ma di solito preferisco i giochi "+ seri".
Hello, my name is Inigo Montoya. You killed my father, prepare to die.
Offline hywel
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 02 dicembre 2003
Goblons: 60.00
Località: Roma
Mercatino: hywel

Messaggioda Raistlin » 26 gen 2005, 20:00

In passato cercavo la sfida e il confronto, ma col tempo ho imparato ad apprezzare l'atmosfera gioviale di una tavolata di amici...
Non Cogito, Ergo Digito.
Offline Raistlin
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 6039
Iscritto il: 04 dicembre 2003
Goblons: 100.00
Località: Torino, Città Magica...
Utente Bgg: RaistlinMajere
Mercatino: Raistlin

Messaggioda eddie » 26 gen 2005, 20:09

hywel ha scritto:In un gioco cerco la possibilta' di confrontarmi con gli altri per quel che riguarta la tattica e l'abilita'.

Non tutti i giochi ovviamente sola all'altezza e tra i parametri che fanno di un gioco al caso mio vi sono sicuramente anche elementi di secondaria importanza come l'ambientazione, i materiali e altro.

Capita comunque di voler giocare ad un gioco per il semplice gusto di stare insieme ad amici e passare una serata, anche questo e' un discorso valido ma di solito preferisco i giochi "+ seri".


sono sulla stessa linea di pensiero
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Re: Cosa cerchiamo in un gioco?

Messaggioda orsinidan » 27 gen 2005, 10:36

Askatasuna ha scritto: :-) Ciao a tutti.. Vorrei lanciare un tema di discussione che mi sta particolarmente a cuore, sperando di poter riscontrare un minimo di interesse in qualcuno, senza esser poi costretto(sigh!) a discuterne con il mio specchio: cosa cerchiamo in un gioco da tavolo?.. Quali sono i nostri reali parametri di giudizio?.. Vorrei sapere se si cerca il divertimento, il passatempo, una sfida personale con qualcuno, voglia di rivalsa o addirittura la perfezione assoluta... Ho notato che spesso nelle recensioni si aggiudicano voti molto scarsi ad alcuni titoli con la motivazione:"Non è un capolavoro.." oppure "scarsa longevità.." o addirittura:"Purtroppo c'è un piccolo difetto a cui poteva esser fatto caso in modo migliore..". A me viene da ridere!!!.. Ma cosa cerchiamo nel gioco da tavolo??.. La perfezione cosmica assoluta?.. Una divinità in terra? Non crediate sia giusto essere più obiettivi, senza arrivare a pensare che una creazione umana possa esser priva di difetti?.. Inoltre il fattore longevità è TROPPO soggettivo.. Naturalmente l'articolo non è rivolto a nessuno in particolare,ma è per un generico tema di discussione. Voi che ne pensate?


Premesso che un gioco per piacermi dev'essere ben bilanciato, dalla meccanica "robusta" e con un "saggio" aleatorio che renda ogni partita sempre diversa................il gioco mi dà la possibilità di misurarmi con altre persone sul piano dell'ingegno. Trovo sia appagante superare gli avversari contando esclusivamente sulle proprie capacità tattiche e strategiche e quando ciò non avviene (spesso) cullarsi comunque e sempre in quell'atmosfera gioviale che si è instaurata nel corso della partita. Mi piace la discussione finale su cui ci s'interroga sugli errori commessi, su cui ci si scambiano le "personalissime" scelte di gioco.........su cui ci si ripromette di non incorrere più negli stessi sbagli che poi puntualmente vengono ricommessi!!
Il gioco per me è la competizione "sportiva" più sana che esiste.............NON esiste doping per migliorare la prestazione, l'unica cosa che si può fare è esercitarsi.............un esercizio indipendente dall'età, un esercizio che ci migliora anche come persone con il passar del tempo..........presente il vino rosso???

Saluti
orsinidan
Offline orsinidan
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 143
Iscritto il: 09 luglio 2004
Goblons: 60.00
Località: Roma (Quartiere: San Paolo)
Mercatino: orsinidan

Messaggioda hywel » 27 gen 2005, 10:55

amen fratello
Hello, my name is Inigo Montoya. You killed my father, prepare to die.
Offline hywel
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 213
Iscritto il: 02 dicembre 2003
Goblons: 60.00
Località: Roma
Mercatino: hywel

Messaggioda Askatasuna » 27 gen 2005, 17:23

::-) :roll: E per quanto riguarda la longevità come vi rapportate?Quand'è che un gioco vi satura completamente?.. A me più che altro fuoriescono crisi di longevità per un gioco a breve termine;intendo dire che se un gioco mi piace difficilmente mi stufo di giocarci.. Piuttosto accade spesso che non mi vada più di giocare un titolo dopo due-tre partite,qualora si riveli una vera delusione... Quand'è che un gioco ha una "buona" longevità per voi? Vi sono capitate delusioni clamorose dopo aver letto dei giudizi qua sulla Tana(della serie:ma come è possibile,ne parlavano tutti bene!!)che invece erano positivi,o viceversa? Spero che l'argomento vi interessi,intanto mi ha fatto piacere leggere le vostre risposte precedenti.. Gora Euskadi!
Offline Askatasuna
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 792
Iscritto il: 14 dicembre 2004
Goblons: 200.00
Località: Roma
Mercatino: Askatasuna

Messaggioda Gwaihir » 27 gen 2005, 17:30

Secondo me la longevità è strettamente legata alla variabilità che una partita ha rispetto ad un'altra. Quindi può essere importante da questo punto di vista una mappa modulare, che cambi ad ogni partita (es. Coloni di Catan, Twilight Imperium). Oppure personaggi con abilità differenziate, di modo che ad ogni partita si debbano fare considerazioni diverse(cito ancora Twilight Imperium).
E' anche importante, per me, la completezza di un gioco, se ci sono tanti aspetti da tenere in considerazione non penso sempre alla stessa cosa e non mi stufo.
E poi la componentistica contribuisce moltissimo alla mia idea di longevità di un gioco. E' sempre un piacere sguazzare in mezzo a bellissime miniature o anche a carte dalla grafica spettacolare.
The Eagle Goblin
Offline Gwaihir
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 24 marzo 2004
Goblons: 580.00
Località: Roma
Mercatino: Gwaihir

Messaggioda rporrini » 27 gen 2005, 20:12

Più che di longevità parlerei di rigiocabilità.
Faccio subito un esempio.
La rigiocabilità di una avventura di D&D è nulla. Chi entrerebbe nello stesso castello/dungeon/etc dopo averlo girato tutto?
La rigiocabilità di Scacchi o Go è pari al 100%.

In mezzo troviamo tutto il resto.
Dall'esempio che ho fatto qualcuno potrebbe estrapolare che più un gioco è astratto più questo è rigiocabile, e adesso come adesso non sarei in grado di dargli torto.

In generale è il sistema di gioco a determinare la rigiocabilità dello stesso. Quante più varianti questo consente tanto più risulta piacevole rigiocare.

Riprendendo l'esempio di D&D, ma focalizzandosi non sulla singola avventura, ma sulla totalità delle avventure pubblicate con in più la possibilità di disegnare avventure per proprio conto, ci accorgiamo che la rigiocabilità di D&D è pari al 90% (in funzione della fantasia del Master).

Simile a D&D è ASL. Il sistema consente non solo di creare degli scenari, ma anche di impostare delle regole specifiche per il singolo scenario, che possono anche negare o ad ignorare delle regole appartenenti al regolamento base. Questo porta, secondo me, la rigiocabilità di ASL al 95%.

La rigiocabilità di Coloni di Catan è, secondo me, pari al 50% (solo la diversa posizione dei terreni e dei porti, oltre al posizionamento iniziale dei giocatori, possono variare l'andamento della partita).

La rigiocabilità di Advanced Civilization è dell'80%, e così via.
Immagine
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.
Offline rporrini
Magister Antiquitatis
Magister Antiquitatis

Avatar utente
Tdg Super Moderator
Top Author
Top Uploader 1 Star
Tdg Supporter
 
Messaggi: 9595
Iscritto il: 20 febbraio 2004
Goblons: 780.00
Località: Roma - First Valley
Utente Bgg: rporrini
Board Game Arena: rporrini
Yucata: rporrini
Facebook: rporrini
Mercatino: rporrini
Puerto Rico Fan Tocca a te fan Terra Mystica Fan Alta Tensione Fan Alhambra Fan Sono stato alla Gobcon 2016

Messaggioda Galdor » 19 feb 2005, 13:08

Dal momento che non ho ancora detto la mia sull'argomento vorrei aggiungere che in un gioco non cerco mai la vittoria: posso anche perdere allo stesso gioco 10 volte di seguito (mi è successo veramente, a Republic of Rome! 8-O ), l'importante è che durante la partita sia rimasto coinvolto e attaccato al tavolo fino all'ultimo turno! :-))
In poche parole: il coinvolgimento è un elemento che ricerco spesso nei giochi...ed è un elemento molto soggettivo, non dipende da materiali-meccaniche-o quant'altro, dipende dal feeling che si instaura tra te e il gioco... :-o :love:
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor


Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: The_LoneWolf e 1 ospite