Drogati di espansioni

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Messaggioda Elijah » 18 mar 2012, 14:33

Stregorco ha scritto:Sei sicuro che siamo noi a sottometterci alle regole del consumismo? Non hai l'impressione che queste regole ce le siamo fatte noi?

Ciao Stregorco, :-)
non vedo per forza di cose una contraddizione tra le due affermazioni sopra.
Le regole le abbiamo fatte noi, ma le nuove generazioni nascono e crescono senza poter realmente scegliere. Gli adulti scelgono per i bambini cos'è meglio per loro. Poi, una volta diventati adulti i bambini possono sì scegliere se accettare il sistema considerato il meglio dagli adulti, oppure se cambiare qualcosa.
Visto che però cambiare è difficile, molti bambini diventati adulti si sottomettono al sistema senza farsi troppe domande.

Quindi le regole le abbiamo fatte noi, ma le nuove generazioni sovente purtroppo si sottomettono alle regole, per vari motivi (paura dei cambiamenti, dell'emarginazione, senso di impotenza, ignoranza, menefreghismo, ecc.), senza fare nulla per cambiare.

Le cose vanno bene così?
È ok essere drogati di espansioni, accettare il sistema e basta?
Ampliando la visuale: il progresso tecnico illimitato e senza regole ci sta portando in un mondo migliore?
Purtroppo la risposta è no.
L'idea di un progresso infinito, che ci possa essere sempre e comunque qualcosa di nuovo e migliore, ci sta portando alla rovina, ad una catastrofe a livello mondiale.
Lo standard di vita che abbiamo noi occidentali non è eco-sostenibile a livello globale. Se tutti vivessero come viviamo noi, le risorse prime della terra finirebbero in breve tempo, l'inquinamento aumenterebbe rendendo la terra invivibile.
Il megliorismo ci sta uccidendo. Continuando così prima o poi ci sarà un collasso generale. Bisognerebbe ritrovare un certo equilibrio con la natura e rispettare i suoi ritmi.
Il sistema attuale sta abusando della natura. A lungo andare un simile sistema non potrà che risultare nocivo e disastroso per l'umanità.
Chissà cosa ci riserverà il futuro. Riusciremo a rinunciare al progresso ritrovando un certo equilibrio? O collasseremo vittime dei nostri stessi obiettivi (le nostre manie di grandezza)?
Offline Elijah
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 856
Iscritto il: 09 luglio 2010
Goblons: 0.00
Località: Ticino
Utente Bgg: Elijah Six
Mercatino: Elijah

Messaggioda Stef » 18 mar 2012, 14:37

Elijah ha scritto:Chissà cosa ci riserverà il futuro. Riusciremo a rinunciare al progresso ritrovando un certo equilibrio? O collasseremo vittime dei nostri stessi obiettivi (le nostre manie di grandezza)?


Baaah. Possiamo tornare in-topic?
--
Stef - Stefano Castelli
Offline Stef
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
Top Author
Game Inventor
 
Messaggi: 8362
Iscritto il: 19 agosto 2004
Goblons: 430.00
Località: Roma
Utente Bgg: castef
Twitter: il_paradroide
Mercatino: Stef

Messaggioda Elijah » 18 mar 2012, 14:43

Stef ha scritto:Baaah. Possiamo tornare in-topic?

Più in-topic di così...
Sproloquio: discorso enfatico, noioso e inconcludente. ;)

A parte gli scherzi, volevo alla fine del mio post precedente riallacciare il discorso al mondo ludico, ma data la mia stanchezza ho rinunciato sperando che si vedesse il nesso anche senza stare a precisarlo.
Visto che però non sembra il caso, provo ad esprimerlo svelto a parole.

Ciò che è curioso notare è come un'idea portante della nostra società (la volontà di migliorarsi sempre e comunque) influenzi anche il mondo ludico, dove le espansioni stanno volendo a significare il tentativo di migliorare un gioco (in sé magari già ok).
Come tale idea è nociva a livello globale, lo stesso lo si può provare a sostenere nel mondo ludico, se si allaccia l'espansione alla dipendenza.

Imparare ad apprezzare ciò che si ha (senza voler migliorarsi ad ogni costo), trovo che sia un insegnamento importante da trasmettere.

"Ho imparato ad essere contento nello stato in cui mi trovo."
(Paolo di Tarso)

"Ho imparato ad essere contento del gioco base e basta."
Offline Elijah
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 856
Iscritto il: 09 luglio 2010
Goblons: 0.00
Località: Ticino
Utente Bgg: Elijah Six
Mercatino: Elijah

Messaggioda Stef » 18 mar 2012, 15:29

Elijah ha scritto:
Stef ha scritto:Baaah. Possiamo tornare in-topic?

Più in-topic di così...


Diciamo che abbiamo un po' deragliato/ampliato. :D

Cioè, il tuo discorso sulla civiltà in parallelo con le "mode" dei boardgame è sacrosanto e fa pure riflettere, assolutamente.

Però amplia un tantino la sfera di una semplice lamentela come quella con cui ho iniziato 'sto topic. :D

Di contorno, continuo comunque a notare posizioni che fanno molto "No, no, no alle espansioni", un punto di vista con cui non mi ritrovo. Io sono più da "Espansioni, perchè no?" ma questo di fronte al "rispetto" del gioco base.

ODIO comprare un gioco, trovare qualche simbolo strano sui componenti e scoprire sul manuale che si riferisce a qualche espansione futura, per dire.
--
Stef - Stefano Castelli
Offline Stef
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
Top Author
Game Inventor
 
Messaggi: 8362
Iscritto il: 19 agosto 2004
Goblons: 430.00
Località: Roma
Utente Bgg: castef
Twitter: il_paradroide
Mercatino: Stef

Precedente

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti