E_Book vs. Libro Cartaceo

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Eithereven, Dera

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda yon » 25 feb 2016, 9:56

L'e-book è di fatto un'industria in mano a tre multinazionali con tutto il discorso conseguente.
La sensazione di lettura usa e getta per chi è abituato al libro di carta è pesante (almeno per me).
Le pagine di carta, è inutile, restituiscono altre emozioni, così come la fisicità del libro.
I prezzi sono tutt'altro che convenienti.
Ammazzano le librerie.

Ciononostante devo ammettere che la possibilità di risparmiare carta, spazio, collanti chimici, inquinamento da trasporti è molto importante.
Aggiungo anche che nella maggior parte dei casi le librerie di oggi sono equiparabili al bancone del macellaio, è molto più difficile trovare la vecchia libreria col libraio che ti andava a scavare un libro edito vent'anni fa che nessuno si era filato: sono cambiati i tempi (purtroppo).
Malgrado lo strapotere delle tre multinazionali di cui sopra, è comunque possibile con il mezzo digitale creare una rete di autori indipendente che si sostienga da sola.

Ergo per me la partita la vince l'e-book.
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2684
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
Mercatino: yon
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda computerman » 25 feb 2016, 11:51

Sono anni che ho eliminato la carta nella mia vita (per quel che riguarda i libri), sono stato uno dei pionieri nel mondo e-reader. Ho importato un Sony dall'America mai uscito in europa (e ancora oggi fa il suo lavoro) nel periodo in cui in Italia quasi non si sapevano che fossero gli e-reader.
Tornando in tema, se si usa un e-reader ok leggere i libri digitali, ma se si deve usare un tablet che stanca la vista, lasciate perdere.
L'unico limite? Non ci sono e-reader economici a colori, altrimenti avrei smesso di comprare anche i fumetti :)

Inviato dal mio LG G2 utilizzando tapatalk
Offline computerman
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1768
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda yon » 25 feb 2016, 15:51

Io uso un Asus zenpad per leggere. Un tablet, insomma, poi fa anche da telefono e tutto.
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2684
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
Mercatino: yon
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda pepita » 5 apr 2016, 13:44

L'e-book lo puoi leggere anche 10 ore filate senza risentirne, sul tablet dopo un po' cominci a vedere le stelline.
Finirà comunque che tutti leggeranno sull'e-book e poi avranno in casa quei 10 capolavori di loro gusto, in formato cartaceo.
La comodità comunque non si può nemmeno lontanamente paragonare.
Lo uso da tre anni l'e-book e forse leggo più di prima.
Anche se hai solo 15 minuti mentre aspetti la figlia a ginnastica, accendi, leggi, lei arriva, chiudi e lui si ricorda di tenerti il segno e si spegne da solo....
homo ludicus
Offline pepita
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4843
Iscritto il: 31 gennaio 2007
Goblons: 60.00
Località: cinisello balsamo MI
Utente Bgg: nugget
Mercatino: pepita
Sono un Goblin Caylus Fan Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Il Signore Degli Anelli fan Thunder Alley fan

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda phalanx » 5 apr 2016, 13:52

Adoro il formato cartaceo, difficile resistere all acquisto entrando in una libreria, ma ammetto che non tutti i libri valgono la carta su cui sono stampati.
Mi capita spesso di viaggiare per lavoro, anche per parecchie settimane consecutive, in quel caso il mio kindle si rivela insostituibile. Non portetei con me 5 libri per il rischio di restare senza, mentre col kindle non mi faccio problemi, ne metto 10
Offline phalanx
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1881
Iscritto il: 06 gennaio 2014
Goblons: 40.00
Località: lucerna
Utente Bgg: phalanx72
Mercatino: phalanx

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda Cianopanza » 27 apr 2016, 17:17

Ho "sfogliato" dei kindle, ma boh... devo usare font molto piu' grandi e non mi piace andar a destra e sinistra con gli occhi di continuo, in piu sento l'esigenza di tenerlo orizzontale per aver righe piu lunghe. Trovo orrendo il refresh delle pagine e il contrasto grigiuzzo.
Per me solo libri cartacei, magari presi in prestito in biblioteca
Offline Cianopanza
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: 11 gennaio 2010
Goblons: 50.00
Località: Trieste
Mercatino: Cianopanza

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda Cianopanza » 29 apr 2016, 10:46

Simone ha scritto:Nel 2013 tagliamo ancora alberi, per scrivere?


Giusto una riflessione su sta cosa... gli alberi li piantano apposta, per poi tagliarli.
Non credo si faccia carta da un albero qualsiasi, serve una certa cellulosa, poi la mischiano con carta proveniente da reciclo.
Tuttavia se i terreni utilizzati a pioppi rendono ancora soldini, vedremo campagne alberate, altrimenti pianteranno quello che gli
rende di piu' all'ettaro e ci sara' un unica distesa di agricoltura intensiva...
Me ne accorgo facendo la A4 per tornare a casa... dopo il piattume deprimente padano, fatto a campi, capannoni, zaffate di concime, zanzare, nebbia... piaghe d'egitto... si entra in FVG e il paesaggio diventa immediatamente alberi e pioppeti a rotazione per la cartiera.
Il problema delle cartiere sono gli additivi e gli sbiancanti, il consumo d'acqua, ma almeno gli alberi piantati fanno da polmone
Offline Cianopanza
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: 11 gennaio 2010
Goblons: 50.00
Località: Trieste
Mercatino: Cianopanza

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda yon » 2 mag 2016, 13:14

[offtopic]
Cianopanza ha scritto: dopo il piattume deprimente padano, fatto a campi, capannoni, zaffate di concime, zanzare, nebbia... piaghe d'egitto...

Eh, la bassa padana.
Capisco che, non essendoci nato, fai più fatica a coglierne l'anima poetica ed il suo insegnamento di vita. Magari prova a fermartici qualche giorno, fatti un giro sul battello sul Po, frequentane le balere, vivi nei paesini i giorni delle piene o quelli caldi afosi dell'Estate, mangiando una fetta di anguria al riparo nel bar della piazza del paese. Prova il suo Inverno rigido e nebbioso, percorri le sue provinciali fiancheggiate di Pioppi dietro un trattore, ascolta la gente parlare.

Ci sono molte cose che la Bassa può darti, prima fra tutte farti capire che l'uomo è ancora piccolo di fronte alla natura.

Scusami, dovere di firma.

P.s.: sono stato a Trieste e la trovo una città fantastica[/offtopic]
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2684
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
Mercatino: yon
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda Cianopanza » 3 mag 2016, 10:07

yon ha scritto:[offtopic]
Cianopanza ha scritto: dopo il piattume deprimente padano, fatto a campi, capannoni, zaffate di concime, zanzare, nebbia... piaghe d'egitto...

Eh, la bassa padana.
Capisco che, non essendoci nato, fai più fatica a coglierne l'anima poetica ed il suo insegnamento di vita. Magari prova a fermartici qualche giorno, fatti un giro sul battello sul Po, frequentane le balere, vivi nei paesini i giorni delle piene o quelli caldi afosi dell'Estate, mangiando una fetta di anguria al riparo nel bar della piazza del paese. Prova il suo Inverno rigido e nebbioso, percorri le sue provinciali fiancheggiate di Pioppi dietro un trattore, ascolta la gente parlare.

Ci sono molte cose che la Bassa può darti, prima fra tutte farti capire che l'uomo è ancora piccolo di fronte alla natura.

Scusami, dovere di firma.

P.s.: sono stato a Trieste e la trovo una città fantastica[/offtopic]


Ahahah :rotfl:
pero' ho passato parecchio tempo a Cavarzere (VE)... vale?
:)
Offline Cianopanza
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: 11 gennaio 2010
Goblons: 50.00
Località: Trieste
Mercatino: Cianopanza

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda phalanx » 3 mag 2016, 10:11

Tu non sai come mi scalda il cuore quando sorpasso il grigiume dei capannoni e arrivo in lomellina/oltrepò pavese circondato da pioppeti e risaie :).
Offline phalanx
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1881
Iscritto il: 06 gennaio 2014
Goblons: 40.00
Località: lucerna
Utente Bgg: phalanx72
Mercatino: phalanx

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda yon » 3 mag 2016, 23:56

[offtopic]Fanno pure le Sartirane, sono dei biscotti da mangiarne a bizzeffe, squisitissime!!!

Cianopanza ha scritto:pero' ho passato parecchio tempo a Cavarzere (VE)... vale?
:)

:rotfl:[/offtopic]
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2684
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
Mercatino: yon
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda yon » 23 set 2016, 22:19

Mi scuserete se riesumo il thread ma la mia personale riflessione sul contenzioso libro cartaceo vs e-book è continuata in questi mesi, si è evoluta e siccome avevo sviluppato il discorso su questo forum ma non riconosco più la posizione che avevo assunto mi dispiaceva lasciarla in quello stato.

In effetti rileggendomi ora mi viene un po' da sorridere.
yon ha scritto:Malgrado lo strapotere delle tre multinazionali di cui sopra, è comunque possibile con il mezzo digitale creare una rete di autori indipendente che si sostenga da sola.

Questo è fattibile nella pratica, ma sono da controllare i risultati. Scrivere di questo problema su questo forum lo trovo particolarmente calzante poiché si assiste ad un processo analogo a quello che sta accompagnando il matrimonio tra boardgames e Kickstarter. Se prima avevi una buona idea ma non riuscivi a pubblicarla, Kickstarter era un valido strumento per realizzarla; si presenta come più democratico, dove in apparenza è il pubblico a scegliere i progetti meritevoli da premiare e sembra fornire un grimaldello incredibile per scardinare il monopolio delle grosse case editrici che poi dettano le leggi del mercato e dei bisogni dei consumatori, alimentando un circolo vizioso dove l'unica cosa che conta diventa il profitto del colosso editoriale e non la qualità del prodotto, con conseguente avvitamento verso il basso dei bisogni della platea di utilizzatori finali (poiché alla fine a questo si riducono).
Vediamo tutti com'è andata a finire: di fatto le grosse case editrici o quelle piccole che hanno saputo cogliere il momento di trapasso del mezzo editoriale hanno colonizzato la nuova piattaforma e vi scaricano sopra a più non posso quintali di plastica venduti come prodotti di gran qualità e recepiti tali da una folta maggioranza di consumatori. Non solo: la possibilità pressoché indiscriminata di produrre giochi in scatola ha ulteriormente allargato l'offerta rendendola un mare magnum dove di fatto l'effettivo aumento numerico assoluto di prodotti di buona qualità, provenienti anche da autori che si sono sottratti al circuito delle majors editrici, affogano in un mare di prodotti mediocri (tra cui molti delle majors) in modo tale che per il consumatore finale è diventato ancora più difficile orientarsi e fare scelte di qualità.
Dice, ma ci sono forum specializzati in giochi da tavolo che dovrebbero scremare e fare la differenza. Il problema è che non tutti li frequentano e in realtà non è vero che fanno molta selezione anche perché gli stessi recensori faticano a districarsi tra la valanga di titoli (subiscono, nei fatti, lo stesso meccanismo del consumatore). Non vi convince? Nonostante quello che ne pensiate, Risiko e Monopoli continuano a vendere bene da decenni.
Alla fine della fiera, gli autori “autonomi” ci hanno guadagnato? Forse, un poco: dove prima vendevano zero adesso, sparo un numero, le 400 copie le vendono e magari riesci a beccare una serie di coincidenze che ti possono far fare il botto. Il pubblico ci ha guadagnato? Permettetemi di dubitarne fortemente.

Allo stesso modo per i libri, con però alcune pesanti aggravanti:
1. Il possessore della rete di distribuzione è anche il possessore del supporto con il quale si usufruisce del servizio.
2. il possessore di cui sopra può diventare (sta diventando) l’agente diretto dell’editoria, perciò diventa il padrone di tutta la filiera libro.

Su Amazon, per dire, si può comprare tutto e si può pubblicare tutto. Il sistema di recensioni funziona fino a mezzogiorno e naturalmente quando aumenti esponenzialmente la quantità abbassi in modo più che proporzionale la qualità. Anche perché se adesso scrivono 80 milioni di persone non è che hai 4 milioni di Proust.

Allora obiezione: ma come, internet, la patria della libbbertà, ognuno può far sentire la propria voce, è un mezzo plurale e non monodirezionale come la televisione, hai i feedback, puoi piratare e sabotare come respirare… I fatti però, al momento, stanno smentendo queste che ad oggi sembrano solo pie illusioni. Internet, sfruttando un meccanismo opposto a quello del mass media tradizionale, ha in realtà accelerato i processi di ristrutturazione verso monopoli a livello mondiale, con tutto quello che ne consegue. Inoltre, come ben evidenziato da un recente articolo del Time (http://time.com/4457110/internet-trolls/), è diventato la patria di trolls e flamers. Considerando che a noi basta il vetro di un finestrino di una macchina per scatenare il peggio di noi stessi, dato che abbiamo la certezza della mancanza di contatto fisico, col senno di poi si può dire che era ampiamente prevedibile.

In pratica l’obiezione su cui ero passato allegramente sopra
L'e-book è di fatto un'industria in mano a tre multinazionali con tutto il discorso conseguente.

è in realtà un fattore di fronte al quale tutti gli altri perdono di importanza. Purtroppo la speranza che il libro digitale ti svincoli dal monopolio della distribuzione grazie alla rete è fallace, perché è internet stesso che spinge ad un accentramento delle risorse. O meglio, il concetto di internet di per sé è pluralista, ma il concetto di internet applicato ad una popolazione di 8 miliardi di persone si ribalta totalmente, facendo sì che arrivi laddove nemmeno i mass media tradizionali erano riusciti, cioè condurre tutto il pianeta verso un’unica fonte. Del resto noi ci ostiniamo a difendere un sistema di governo che è applicato ad una popolazione di 60 milioni di persone quando era nato per una piazza con 300 persone, il meccanismo è lo stesso.
E infatti va a finire che quello che vende è il libro di Twilight.
Ecco perché devo rivedere la mia posizione sull’e-book.

[hr]

Allora la soluzione è tornare all’editoria tradizionale! Viva le vecchie case editrici e le loro competenze che ci permettevano di avere una maggior qualità e che vengono schiacciate da internet e dall’autopubblicazione! Ecco, purtroppo secondo me nemmeno questa è la soluzione.

L’industria editoriale classica piange ora lacrime di coccodrillo su una situazione che ha alimentato essa stessa per prima; in pratica, è rimasta vittima del meccanismo che per prima aveva scatenato nella speranza di trarne profitto. Perché è evidente a tutti che prima di Amazon sono state le case editrici a spostare il focus della loro esistenza sul profitto. Sono state le case editrici tradizionali le prime a sdoganare il concetto di “industria del libro”, inondando di cartaccia i negozi e rendendoli infrequentabili. Sono state sempre loro le prime a cercare di agganciarsi anche la rete distributiva con le loro catene di negozi e di assumere posizioni di monopolio tanto nella pubblicazione che nella distribuzione del libro, facendo fuori i vecchi librai.

Alla fine se quella del libro si trasforma in un’industria basata su concezioni dell’inizio del XX secolo che puntano all’aumento della produzione, se cerchi di assumere posizioni di monopolio nei mercati nazionali, è evidente che poi la prima vittima di questo processo è il libro stesso e la seconda è la casa editrice, quando arriva un pescecane più grosso e corazzato di te.

Quindi, conclusione del discorso? La conclusione è che al momento non esiste soluzione perché se andiamo alla radice del problema il fatto è che prima di pretendere di risolvere i dilemmi che ci affliggono (e che ci stanno schiacciando) dovremmo passare da 8 miliardi di persone a 500 milioni. Peccato che le stime per i prossimi trent’anni vadano in direzione opposta...
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2684
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
Mercatino: yon
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda pepita » 20 ott 2016, 13:47

:clap:
allora per il momento vince ancora l'ebook?
Fino a nuovi sviluppi?
Ho prestato il mio ebook a mia moglie ed è diventato suo.
Ora provo una scimmia pazzesca, leggo su carta vecchi libri polverosi, è sempre meraviglioso leggere ma mi manca tantissimo.
homo ludicus
Offline pepita
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4843
Iscritto il: 31 gennaio 2007
Goblons: 60.00
Località: cinisello balsamo MI
Utente Bgg: nugget
Mercatino: pepita
Sono un Goblin Caylus Fan Al cavaliere nero nun je devi rompe er c***o! Il Signore Degli Anelli fan Thunder Alley fan

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda computerman » 20 ott 2016, 18:31

pepita ha scritto::clap:
allora per il momento vince ancora l'ebook?
Fino a nuovi sviluppi?
Ho prestato il mio ebook a mia moglie ed è diventato suo.
Ora provo una scimmia pazzesca, leggo su carta vecchi libri polverosi, è sempre meraviglioso leggere ma mi manca tantissimo.

Scimmia? Eccola
http://www.mondadoristore.it/Kobo-Aura- ... 149500724/

Il miglior ebook di sempre (ad oggi) altro che scimmia, io c'ho king kong sulle spalle

Inviato dal mio S7 utilizzando Tapatalk
Offline computerman
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1768
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: E_Book vs. Libro Cartaceo

Messaggioda glokta » 20 ott 2016, 22:38

computerman ha scritto:
pepita ha scritto::clap:
allora per il momento vince ancora l'ebook?
Fino a nuovi sviluppi?
Ho prestato il mio ebook a mia moglie ed è diventato suo.
Ora provo una scimmia pazzesca, leggo su carta vecchi libri polverosi, è sempre meraviglioso leggere ma mi manca tantissimo.

Scimmia? Eccola
http://www.mondadoristore.it/Kobo-Aura- ... 149500724/

Il miglior ebook di sempre (ad oggi) altro che scimmia, io c'ho king kong sulle spalle

Inviato dal mio S7 utilizzando Tapatalk

La totale impermeabilità sarebbe un plus non da poco in effetti... ma il voyage che ho è troppo nuovo per pensare di cambiarlo....

Sparato fuori da tapatalk... credo
Every man has his excuses, and the more vile the man becomes, the more touching the story has to be. What is my story now, I wonder?
Offline glokta
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1002
Iscritto il: 03 marzo 2015
Goblons: 20.00
Località: Vicenza
Mercatino: glokta
Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins

PrecedenteProssimo

Torna a Tempo Libero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron