Gli hard gamer creano giochi?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Hai mai creato un gioco?

Sondaggio concluso il 12 giu 2006, 20:37

Si
22
76%
No
7
24%
 
Voti totali : 29

Messaggioda grigio » 20 mag 2006, 14:47

La mia esperienza è un po' diversa. Nel senso che quando ho incominciato ad inventare giochi non ero assolutamente un hard gamer. Giocavo a risico, scacchi, anche forza quattro. Insomma conoscevo i giochi che (aihmè) sono diffusi dalla grande distribuzione.
Poi, quando ho cercato di conoscere qualcuno a cui far provare i miei prototipi si sono spalancate le porte dell'arte ludica.

Per rendere l'idea ... immaginate che uno si metta a scrivere canzoni conoscendo solo le canzonette dei Ricchi e Poveri. Poi va da uno a fargliele sentire e questo ti presenta l'opera di Fabrizio De Andrè!

Ben venga, mi sono messo su una piccola (manco tanto) ludoteca personale, ho creato cinque gruppi di gioco diversi con cui assiduamente ci cimentavamo ai Coloni, El Grande, Tigri&Eufrate, Puerto Rico etc etc.

Devo dire che secondo me la creatività un poì ci perde. Si rischia sempre di ricadere in meccaniche già viste. Ma questo avviene soprattutto se uno si mette a freddo a dire: "Bene, ora inventiamo gioco".

A me capita invece di ritrovarmi a pensare un gioco mentre sto facendo tutt'altro. Tipo in motorino ad un semaforo (e non vi dico cosa mi hanno potuto mandato a dire i miei concittadini romani quando è scattato il verde) ... o peggio durante una riunione di lavoro.
Insomma, io ci andrei piano con le parole, ma credo la creazione di un gioco possa essere considerato un processo "artistico" dove l'ispirazione è fondamentale. O almeno a volte è così.
Certo, poi se uno sceglie di farne un mestiere le cose magari cambiano. Per continuare il parallelo con la musica, un'altro grande, Francesco De Gregori ha sempre detto che per lui fare musica era un mestiere e pur avendo prodotto dei veri capolavori, ha lui stesso ammesso di aver fatto dischi meno ispirati o composto canzoni solo per riempire i gli spazi di un disco.

Comunque ha ragione Paolo, "pensare un gioco" è un gioco bellissimo.
Offline grigio
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 06 luglio 2005
Goblons: 0.00
Località: ROMA
Mercatino: grigio

Messaggioda Necros » 20 mag 2006, 15:17

insomma, mi sembra di capire che qui tutti abbiano realizzato giochi, anche la più piccola sciocchezza.
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros

Messaggioda frankiedany » 30 mag 2006, 13:32

effettivamente pensarli è + affascinante che realizzarli...
io ne ho realizzato uno da ragazzina e funzionava molto bene!
ora un pò di ideucce ce l'avrei...però sono le meccaniche...i bilanciamenti di carte ecc...con cui non mi va molto di competere...
forse la parte + tecnica e pallosa (x me)....

è bello pensare a ruota libera...magari ad un semaforo...(come dice Grigio)
effettivamente in macchina ad esempio io ci creai una canzone x il mio gruppo...
poi l'arrangiamento strumentale l'ho fatto in seguito...ma fare queste cose non mi risulta così macchinoso come i boardgames...il lato tecnico-matematico non mi piace :roll:

PS
non mi ritengo un hard gamer...semplicemente mi diverte giocare :grin:
frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!
Offline frankiedany
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader 1 Star
 
Messaggi: 1122
Iscritto il: 20 novembre 2005
Goblons: 350.00
Località: ROMA Historic Centre
Mercatino: frankiedany

Messaggioda Angiolillo » 30 mag 2006, 13:43

Io ho vari coautori con cui ho sviluppato idee che magari loro avrebbero altrimenti lasciato morire lì. Anche quello di trovare qualcuno di più "tecnico" per portare avanti il lavoro è un buon sistema.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5410
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda Starmaster » 30 mag 2006, 16:15

Al sondaggio ho risposto no semplicemente per il fatto che ancora non ne ho finito uno su 3 progetti (Un astratto, un GDR ed un GDT con ambientazione moderna).

Perchè mi piace "inventare"?, anche se inventare è una parolona, diciamo realizzare...meglio così, perchè mi piace realizzare GDT? Voglio essere sincero, ho molta fantasia e a volte riesco anche ad immagazzinarla tutta su un progetto. Però la mia troppa fantasia mi porta a sognare di essere al Game Awards o allo Spiele des Jares in compagnia di Friese, Angiolino, Colovini, Attia, Knizia, Teuber, Vallerga, Porazzi, Nepitello e chi ne ha più ne metta, a parlare del mio ultimo lavoro e guardare ragazzi e ragazze giocare al mio gioco.
Si, c'è anche una buona dose di "auto-pavoneggiamento".

Devo anche ammettere che se questo mi aiutasse economicamente, mi farebbe molto piacere ma so perfettamente che questa è proprio l' ultima cosa che un autore in erba dovrebbe pensare mentre "crea".
In conclusione il mio pensiero è questo: Mi piace provare a creare un GDT per dare libero sfogo alla mia fantasia e, ovviamente, entrare nell' olimpo degli autori per essere ricordato come un bravo "inventore di giochi". Ho la testa troppo fra le nuvole?.....fa niente, sognare è gratis e fa bene allo spirito"
Offline Starmaster
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 4387
Iscritto il: 13 giugno 2005
Goblons: 180.00
Località: Canegrate (Milano)
Mercatino: Starmaster

Messaggioda linx » 30 mag 2006, 16:59

Ispirazione e tecnica.
Da quello che dite sembra che parliamo di 2 cose distinte.

Vedo che l'ispirazione è comune a molti di noi e io son d'accordo con grigio nel dire che viene da fuori del mondo del gioco e tende a tradurre in forma giocosa quello che incontriamo nella vita.

In molti casi però consideriamo "gioco" l'ispirazione stessa e con quella ci autogratifichiamo. Anch'io avrò riempito almeno un centinaio di fogli da blocco di gustose idee che però lì sono rimaste confinate per vari motivi.

Altra cosa è tradurre in gioco quell'ispirazione un lavoro per cui ci vuole una capacità logica sopraffina e, per me, una certa capacità di focalizzarsi su una singola idea senza lasciar vagare la mente verso nuove, sempre più entusiasmanti (proprio in quanto nuove) idee. E' importante, secondo me, a questo punto, avere qualcuno accanto che, stuzzicato dalle nostre idee, ci infonda continuamente l'entusiasmo per proseguire nella parte più impegnativa del progetto. O forse voi riuscite ad autoesaltarvi anche in questa seconda fase?
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6636
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Angiolillo » 30 mag 2006, 17:06

linx ha scritto:Ispirazione e tecnica.
Da quello che dite sembra che parliamo di 2 cose distinte.


Ma connesse ed entrambe necessare. Se Michelangelo avesse avuto solo l'ispirazione ma non avesse saputo scegliere il marmo e martellarlo per toglierne via dei bei pezzi e levigarlo a dovere, altro che famoso scultore. Se Fellini fosse stato un visionario incapace di inquadrare soggetti con una cinepresa idem. E se Dumas non avesse saputo costruire dialoghi e colpi di scena, addio fama imperitura de "I Tre Moschettieri"... ;)
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5410
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda Dominex » 30 mag 2006, 17:18

Parlando di me stesso posso dire di essermi sempre ritenuto una persona creativa per meccaniche affini al gioco. Io amo praticare attività ludiche da sempre, ed è proprio sin dalla giovane età che mi sono cimentato nella creazione di meccaniche per vari generi di gioco.

Attualmente mi trovo coinvolto da diversi mesi nello sviluppo serio di un mio gioco da tavolo, ed è proprio in questo lasso di tempo che ho compreso quanto sia ampio il divario tra il realizzare una singola meccanica di gioco, e la realizzazione completa di un gioco che, a mio avviso, richiede molta cultura ludica, cognizione, senso d'insieme, e... pazienza.

Inoltre vanno sempre tenuti conto i vari suggerimenti e punti di vista di altri giocatori ed autori, tutto ciò a prescindere da un'importantissimo playtesting continuo.
Ultima modifica di Dominex il 30 mag 2006, 17:35, modificato 1 volta in totale.
The Goblin Creative...

Assimilerò ogni vostra peculiarità ludica e sociologica.
La resistenza è inutile.
Offline Dominex
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
Game Inventor
TdG Translator
Top Reproductor
 
Messaggi: 1255
Iscritto il: 14 febbraio 2005
Goblons: 1,000.00
Località: Reggio Emilia (Città del Tricolore)
Mercatino: Dominex

Messaggioda Angiolillo » 30 mag 2006, 17:30

Qualche suggerimento per la pubblicazione:
http://www.boardgamegeek.com/thread/107851
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5410
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda linx » 30 mag 2006, 18:41

Angiolillo ha scritto:
linx ha scritto:Ispirazione e tecnica.
Da quello che dite sembra che parliamo di 2 cose distinte.


Ma connesse ed entrambe necessare.


Assolutamente!
Oserei anzi dire che "le meccaniche" sono il gioco! L'ispirazione è l'obiettivo che ci prefiggiamo di raggiungere, che contiene tutte le sensazioni che vorrei provare giocando un gioco che ancora non esiste.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6636
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Precedente

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti