Homo sapiens kickstarterianus

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, pacobillo, Rage

Homo sapiens kickstarterianus

Messaggioda Dark Soul » 16 gen 2019, 18:33

Ormai è ufficiale. Gli antropologi hanno individuato una nuova specie appartenente al genere Homo. Il nome prescelto è decisamente evocativo: "Homo sapiens kickstarterianus". (Si vocifera di una possibile scissione di questa specie in due più specifici rami: "americanus" e "germanicus").
Analizzando esclusivamente l'aspetto fisico, il comportamento sociale e la quasi totalità delle funzioni cerebrali di "Homo sapiens kickstarterianus", sarebbe quasi impossibile distinguerlo da un classico esemplare "Homo sapiens sapiens".
Le sue peculiarità già note sono:

-massiccia dose di pazienza

-entusiasmo

-innato ottimismo

-un pizzico di ingenuità (voce correlala alla precedente)

-predisposizione genetica a una malattia incurabile: la neofilia

-ansia e malinconia (quest'ultima si manifesta solo dopo il primo anno di attesa)

-utilizzo smodato di retorica e razionalizzazione (per convincere gli altri, ma soprattutto se stesso)

-passione sconfinata per scatole di cartone, miniature di plastica e cubetti di legno (esclusiva del ramo "germanicus")

-insonnia (dovuta alle notti in bianco trascorse a consultare FAQ e forum specializzati, nella speranza di decifrare regolamenti scritti in modo orripilante, correggere innumerevoli errori sulle carte, o raddrizzare miniature)

-lento e inarrestabile logorio psicofisico (le cause principali sono tuttora sconosciute, ma si crede che sia in parte riconducibile allo stress procurato dagli interminabili mesi di attesa)

-stress post-traumatico (principalmente dopo aver scoperto che i significati delle parole "esclusiva", "priorità", "precedenza", "scadenza" e "puntualità" siano incontrovertibilmente, e immancabilmente, soggetti a libera interpretazione).

Questa riflessione tragicomica è nata poco più di un'ora fa, dopo aver ricevuto un pacco.
Si tratta di un ordine effettuato in un ben noto negozio francese.
Approfittando dei saldi, lunedì (l'altro ieri) ho ordinato alcuni titoli in offerta.
Ieri pomeriggio il pacco è stato spedito e l'ho ricevuto oggi. Attesa: meno di 24 ore.
Ho speso la stessa cifra sborsata quasi un anno e mezzo fa per un progetto Kickstarter, che ovviamente riguardava un unico gioco da tavolo (con relative espansioni e gingilli vari; per ricevere questo materiale dovrò attendere ancora, forse alcuni mesi).
Nel pacco ricevuto oggi (quello proveniente dal negozio francese) ci sono 4 giochi da tavolo e 3 espansioni...

Non voglio riaprire l'annosa questione inerente l'opportunità o meno di aderire a un progetto sulle piattaforme dedicate al crowdfunding.
Mi riferisco unicamente a me stesso, alla mia esperienza personale: lo rifarei? No comment...

p.s.
Prima che un'orda di "kickstarterianus" (soprattutto il lato "americanus"; quello "germanicus" è decisamente più mansueto) entri in modalità "berserker", vorrei chiarire un punto: penso che alcuni progetti siano davvero notevoli e che meritino la massima attenzione; altri...

Dark Soul

Offline Dark Soul
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 04 ottobre 2017
Goblons: 0.00
Mercatino: Dark Soul

Pubblicita`


  • Pubblicita`

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti