Horror belli, Horror brutti...

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Eithereven, Dera

Messaggioda Ultimo_Nephilim » 17 set 2008, 21:42

perdonatemi ma Jason X merita un plauso per l'orrore che genera, sebbene non sia quello che ci si aspetterebbe da un "horror".
E' davvero il più brutto... ma davvero... 8-O

@Professore: Van Helsing non è un horror... non più di Scary Movie
Offline Ultimo_Nephilim
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 08 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ultimo_Nephilim

Messaggioda Anatra » 18 set 2008, 1:04

Ora che ci ripenso, per quanto mi piaccia Romero, direi che La terra dei morti viventi mi è sembrato alquanto imbarazzante... Ho come avuto l'impressione che volesse correre dietro a Resident Evil e la cosa mi ha lasciato un po' basito. Tutta la satira e l' allegoria dei precedenti film è andata un po' a farsi benedire con questo...

Sito con recensioni spassose:
http://www.filmbrutti.com/
"Non mi fido molto delle statistiche, perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media" (Charles Bukowsky)
Offline Anatra
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1413
Iscritto il: 19 settembre 2006
Goblons: 20.00
Località: Interzona
Mercatino: Anatra

Messaggioda trilobit » 18 set 2008, 10:21

Anatra ha scritto:Ora che ci ripenso, per quanto mi piaccia Romero, direi che La terra dei morti viventi mi è sembrato alquanto imbarazzante...


Quotissimo! Anni luce dai primi due capolavori! :evil:
Anche il terzo per la verità, Il giorno dei morti viventi, lo trovo piuttosto distanziato dai primi due.

Anatra ha scritto:Sito con recensioni spassose:
http://www.filmbrutti.com/


Riquoto! Sono dei miti quei ragazzi lì: chi non conosce il sito, si cosparga il capo di cenere, e corra subito a studiarselo!
"La vita è troppo breve, per bere del vino cattivo" (G. E. Lessing)
Sorsi Di Vino - Il mio blog sul mondo del vino
Offline trilobit
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2014
Iscritto il: 11 aprile 2004
Goblons: 560.00
Località: Pisa
Mercatino: trilobit

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 10:35

Anatra ha scritto: Tutta la satira e l' allegoria dei precedenti film è andata un po' a farsi benedire con questo...


Secondo me c'è anche in questo (si pensi all'11 settembre) ma sempre più grossolana e deludente.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 10:37

trilobit ha scritto:
Quotissimo! Anni luce dai primi due capolavori! :evil:
Anche il terzo per la verità, Il giorno dei morti viventi, lo trovo piuttosto distanziato dai primi due.

Enormemente direi! Tra le altre cose in quel film vi è un'impennata di volgarità senza motivo. A differenza del quarto capitolo della saga, però, a tratti diverte

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 10:52

Ultimo_Nephilim ha scritto:
@Professore: Van Helsing non è un horror... non più di Scary Movie


Scary Movie è una parodia di film horror e si trova per questo agli antipodi del genere.
In Van Helsing l'horror viene diluito in un film sostanzialmente action. Non può scomparire del tutto, proprio perché le radici del film si nutrono nel glorioso passato della Universal ed è per questo motivo che si potrebbe classificare il film tra gli horror, sempre che non si vogliano mettere in discussione le stesse opere prime della Universal come appartenenti al genere. La cosa, più che lecita, mostrerebbe come anche in questi illustri precedenti la componente horror non abbia mai prevalso rispetto ad altri elementi; ad esempio L'Uompo Lupo del '41 potrebbe rientrare nel sottogenere horror del genere drammatico.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda Ultimo_Nephilim » 18 set 2008, 14:40

Scary Movie è una parodia, Van Helsing un film d'azione.

in entrambi sono presenti personaggi tratti dai capisaldi dle genere horror, ma mi pare evidente che questo non basti a farne degli horror a loro volta.

The Wolfman è un horror a tutti gli effetti, nonostante abbia delle vene drammatiche finalizzate però a rafforzare lo spirito del film (che è, ricordiamolo, HORROR).

Il film, a differenza dei seguiti, è un capolavoro e non fa mai capire se Larry Talbot sia davvero un mostro o un folle. Sta di fatto che l'obiettivo è centrato in pieno, perché il film spaventa, angoscia, crea feeling con lo spettatore che si sente addosso l'ansia di essere "maledetto", forse non in lupo mannaro, ma in qualcosa di fortemente staccato dalla società.

I seguiti ovviamente hanno confermato che Larry fosse in realtà un mostro, ed a mio modo di vedere considero The Wolfman come un unicum, senza i sequel. Lo apprezzo come tale insomma.

Arrivando al punto: il film è un caposaldo del genere horror anche non includendo mostri (di fatto lo spettatore non sa se Larry si trasforma davvero o se è tutta una sua realtà psicologia), quindi perché mai Van Helsing dovrebbe essere considerato un horror solo perché ne include?

Per dirla in modo scherzoso, secondo te se Steven Seagal interpretasse un vampiro nei suoi film questi sarebbero degli horror?
Offline Ultimo_Nephilim
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 08 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ultimo_Nephilim

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 16:15

Mah..come ho detto Van Helsing è un action movie e, contemporaneamente, un'autocelebrazione degli antichi fasti della Universal, i suoi protagonisti sono pur sempre i famosi mostri delle prime pellicole e hanno caratteristiche da film horror, non ne sono le parodie(almeno non volontariamente), quindi, seppur diluito l'horror resta.

Sul Lupo Mannaro di Chaney, Waggner e Siodmak come prettamente horror, non sono d'accordo, Talbot è la vittima di una maledizione alla quale non può sottrarsi, il lupo mannaro in questione è un personaggio drammatico e la sua drammaticità o, meglio, la sua drammaticità psicologica non rafforza lo spirito del film ma, credo, ne è proprio la massima espressione e consiste nel suo ineluttabile destino. Egli non è un mostro ma una persona che chiede aiuto e che auspica la propria morte piuttosto che continuare a far del male agli altri ma non ha la forza per uccidersi, solo per accettare la tragica fine tra le braccia del padre.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda salkaner » 18 set 2008, 16:57

BEh, mi pare che Van Helsing non si prenda affatto sul serio...
Offline salkaner
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Game Inventor
 
Messaggi: 260
Iscritto il: 26 agosto 2005
Goblons: 70.00
Località: Tradate
Mercatino: salkaner

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 17:40

salkaner ha scritto:BEh, mi pare che Van Helsing non si prenda affatto sul serio...

Concordo, ma neanche Sam Raimi in La Casa lo fa o quantomeno da un certo punto in poi smette di faro. Nonostante questo La Casa rimarrà sempre un cult della cinematografia horror, questo Van Helsing un vero e proprio s-cult.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda Ultimo_Nephilim » 18 set 2008, 18:29

IlProfessore ha scritto:Mah..come ho detto Van Helsing è un action movie e, contemporaneamente, un'autocelebrazione degli antichi fasti della Universal, i suoi protagonisti sono pur sempre i famosi mostri delle prime pellicole e hanno caratteristiche da film horror, non ne sono le parodie(almeno non volontariamente), quindi, seppur diluito l'horror resta.

Sul Lupo Mannaro di Chaney, Waggner e Siodmak come prettamente horror, non sono d'accordo, Talbot è la vittima di una maledizione alla quale non può sottrarsi, il lupo mannaro in questione è un personaggio drammatico e la sua drammaticità o, meglio, la sua drammaticità psicologica non rafforza lo spirito del film ma, credo, ne è proprio la massima espressione e consiste nel suo ineluttabile destino. Egli non è un mostro ma una persona che chiede aiuto e che auspica la propria morte piuttosto che continuare a far del male agli altri ma non ha la forza per uccidersi, solo per accettare la tragica fine tra le braccia del padre.

su Van Helsing non c'é discorso che tenga: il guscio dei personaggi è quello dei vecchi film horror, ma i personaggi non sono assolutamente gli stessi, assumono caratteristiche molto differenti dagli originali. mettere frankeinstein in un film romantico non lo trasforma in un horror.
Twilight, il romanzo che ha affascinato i giovani del nostro decennio è pieno zeppo di vampiri e licantropi. è un horror? no, è una storia d'amore.

Van Helsing fa parte di quella corrente di film nati dopo La Mummia, che mischiava il genere action con una forte componente comica. i seguiti della Mummia sono delle commedie action se ci pensi, e non basta una mummia a rendere la serie horror, ovviamente :-))

se per te è sufficiente mettere un lupo mannaro in un film per farlo diventare horror abbiamo una visione di base differente del genere, quindi per forza di cose non riusciamo a comprenderci su questo punto.

la tua analisi sulla figura dell'uomo lupo di The Wolfman invece è corretta, ma non tieni conto dello sfondo horror. non è tanto il personaggio a stabilire se quello si tratti di un horror o di un dramma psicologico, bensì il contesto in cui si muove.
è chiaro che se il film si fosse chiamato The Wolfman nel Paese delle Meraviglie difficilmente l'avremmo riconosciuto come film horror, senza nulla togliere al personaggio che interpreta Chaney, complesso e completo nell'analisi che hai fatto.
ciò però, spero converrai, non trasforma il film, semmai il il contesto del film che trasforma il personaggio.
Offline Ultimo_Nephilim
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 08 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ultimo_Nephilim

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 18:55

Ultimo_Nephilim ha scritto:su Van Helsing non c'é discorso che tenga: il guscio dei personaggi è quello dei vecchi film horror, ma i personaggi non sono assolutamente gli stessi, assumono caratteristiche molto differenti dagli originali. mettere frankeinstein in un film romantico non lo trasforma in un horror.
Twilight, il romanzo che ha affascinato i giovani del nostro decennio è pieno zeppo di vampiri e licantropi. è un horror? no, è una storia d'amore.
Van Helsing fa parte di quella corrente di film nati dopo La Mummia, che mischiava il genere action con una forte componente comica. i seguiti della Mummia sono delle commedie action se ci pensi, e non basta una mummia a rendere la serie horror, ovviamente :-))
se per te è sufficiente mettere un lupo mannaro in un film per farlo diventare horror abbiamo una visione di base differente del genere, quindi per forza di cose non riusciamo a comprenderci su questo punto.


La visione diversa sta nel modo di intendere l'estensione della categoria horror applicata a Van Helsing essa non è l'unica attraverso la quale classificare il film, prevalentemente un action movie di cui certi elementi di ricadono sotto l'horror.

la tua analisi sulla figura dell'uomo lupo di The Wolfman invece è corretta, ma non tieni conto dello sfondo horror. non è tanto il personaggio a stabilire se quello si tratti di un horror o di un dramma psicologico, bensì il contesto in cui si muove.
è chiaro che se il film si fosse chiamato The Wolfman nel Paese delle Meraviglie difficilmente l'avremmo riconosciuto come film horror, senza nulla togliere al personaggio che interpreta Chaney, complesso e completo nell'analisi che hai fatto.
ciò però, spero converrai, non trasforma il film, semmai il il contesto del film che trasforma il personaggio.

Continuo a dissentire, la mia visione è probabilmente sbagliata ma preferisco interpretare il contesto horror proprio come uno sfondo o una superficie e fin dal titolo rintracciare nel binomio uomo-lupo, oltre che ataviche paure perse nella notte dei tempi, il dualismo pacificamente irriducibile di una natura (o nature) tormentata e di un dramma terribilmente umano.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda Ultimo_Nephilim » 18 set 2008, 19:24

-Van Helsing: quali sono gli elementi che secondo te lo rendono horror?

-L'Uomo Lupo: la tua visione coincide pericolosamente con la mia, perché dissenti? non stiamo dicendo entrambi che l'horror viene stabilito dallo sfondo, è una superficie in cui si svolgono delle vicende?
Offline Ultimo_Nephilim
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 08 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ultimo_Nephilim

Messaggioda IlProfessore » 18 set 2008, 19:38

Ultimo_Nephilim ha scritto:-Van Helsing: quali sono gli elementi che secondo te lo rendono horror?


Mi aspettavo questa domanda per darti una risposta più convincente e citarti anche alcune scene (o magari, perché no, ricredermi completamente) dovrei rivedere il film, cosa che, converrai, è improponibile. Il fatto che i mostri siano "veri" mostri e non caricature (per quanto possano involontariamente risultarlo) è ad esempio uno di questi elementi.

L'Uomo Lupo: la tua visione coincide pericolosamente con la mia, perché dissenti? non stiamo dicendo entrambi che l'horror viene stabilito dallo sfondo, è una superficie in cui si svolgono delle vicende?

Se è così allora avevo capito male le tue parole, quindi concordiamo che The Wolfman è un film drammatico/horror

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Messaggioda Ultimo_Nephilim » 18 set 2008, 20:37

capisco, comunque io Van Helsing l'ho visto più volte per le scene di azioni ed i dialoghi divertenti, quindi diciamo che è un film che conosco piuttosto bene.

i mostri non stanno lì con la funzione di spaventare ma solo di mazzolarsi per bene per appagare chi guarda lo schermo, nessun fine secondario. lo sfondo è quello di un fantasy gotico, nulla a che vedere con i villaggi e la Londra dei film in cui recitano Lugosi, Chaney e Karloff.

p.s: se te lo rivedessi capiresti che in effetti è così, però è anche vero che ci sono film più interessanti da rivedere :lol:
Offline Ultimo_Nephilim
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2067
Iscritto il: 08 luglio 2007
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Ultimo_Nephilim

PrecedenteProssimo

Torna a Tempo Libero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti