Switch to full style
Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.
Rispondi al messaggio

I due livelli di vittoria

27 dic 2015, 14:33

In questi giorni, dopo l'ennesima partita a FCM ho avuto un'epifania.
Ho fatto diverse partite, ne ho perse e ne ho vinte ma, riflettendo tra quelle vinte, mi sono accorto che solo una la ho veramente vinta,nelle altre ho vinto perché sono stati gli altri a perdere. Hanno perso perché hanno fatto mosse marchiane, del cavolo, per capirci. O non si sono accorti di una mossa mia facilmente arginabile che mi ha poi dato un distacco.
E qui la riflessione, voi vi siete mai accorti di aver vinto non perché siete stati più bravi degli altri ma perché sono stati gli altri ad aver perso?
Ovvio che, su questa base, mi vien da riconoscere due livelli di vittoria, uno più pregiato dell'altro.

ps buone feste :)

Re: I due livelli di vittoria

27 dic 2015, 14:57

Non posso che concordare, una vittoria dopo una partita ben giocata dà maggiore soddisfazione rispetto ad una vittoria conseguita per demeriti altrui, l'appagamento è ancora minore se la differenza è stata fatta da errori evidenti.

Re: I due livelli di vittoria

28 dic 2015, 12:20

Fossi stato io a creare il topic, si sarebbe chiamato I due livelli di sconfitta ^_^

Re: I due livelli di vittoria

28 dic 2015, 12:56

Pensa che a scacchi si dice che vince chi commette il penultimo errore! :asd:

Se un gioco è ben bilanciato e non consente "sculate" direi che si vince sempre perché i tuoi avversari fanno scelte peggiori delle tue, quindi non credo si possa parlare di due livelli di vittoria: i due aspetti sono indissolubilmente connessi.

Re: I due livelli di vittoria

29 dic 2015, 23:24

eriadan ha scritto:voi vi siete mai accorti di aver vinto non perché siete stati più bravi degli altri ma perché sono stati gli altri ad aver perso?

Siiiii!!! Per esempio nell'ultima partita a Le Havre, ho (stra)vinto perché mia moglie ha giocato veramente ma veramente male! Mi ricordo anche di una volta a Puerto Rico, dove la mia vittoria è tutta frutto di un errore tattico del giocatore prima di me che ha scelto (a sproposito) il capitano...
donhaldo ha scritto:Se un gioco è ben bilanciato e non consente "sculate" direi che si vince sempre perché i tuoi avversari fanno scelte peggiori delle tue

Giusto, però Eriadan parla di "mosse marchiane, del cavolo", cioè errori grossolani che sono ben diversi da giocate magari buone ma non ottime rispetto a quelle dell'avversario... in questo caso la vittoria dà sicuramente maggiore soddisfazione, e poi nei giochi da tavolo qualcuno deve pur perdere, no? :asd:
Rispondi al messaggio