Il gioco d tavolo di padre pio?

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo

Il gioco d tavolo di padre pio?

Messaggioda simox » 12 gen 2010, 6:56

i suoi creatori, tutti preti, lo considerano istruttivo:un tabellone pieno di caselle raffiguranti le tappe di Padre Pio.

Originalissima idea:"unisci l'utile al dilettevole", diceva quel tale(Marchiavelli?)

...peccato che le polemiche sono quasi nate prima del gioco: è vergognoso qua, è uno scandalo là,blablbla...

Eppure, anche gli orientali buddisti avevano ideato anticamente un gioco da tavolo, il "nirvana", un equivalente del "serpenti e scale" dalle 100 caselle, ognuna raffiguranti detti e simbolismi che innalzavano o facevano precipitare le proprie pedine (dette spiriti o roba simile)...che hanno fatto, mica li hanno esorcizzati?

Perchè noi subito ci spaventiamo di fronte a nuovi modi di fare?

Quei frati non avevano a mente nulladi malvagio, e anche la religione cristiana lo dice, in qualche modo, che il fine giustifica i mezzi; perchè allora alzare polemiche?

A questo punto vi racconto anche una fiaba popolare napoletana: un soldato che, non conoscendo i salmi, per pregare usava le carte napoletane, e ognuna di esse rappresentava un frammento della bibbia,
Quando lo aveva saputo il sagrestano, ne era rimasto meravigliato...

E invece qua ne è rimasto inorridito :lol: .

Voi cosa ne pensate: hanno torto i creatori del gioco o è l'ennesimo caso di chiusura mentale morbosa?
Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania
Mercatino: simox

Messaggioda Syliael » 12 gen 2010, 8:39

toccherebbe parlare della chiesa e delle sue mistificazioni, solo dopo riconoscere in padre pio una di queste...
sinceramente trovo che sia un gioco piuttosto monotono e vi preferirei il monopoli, anche se dovessi giocare in ginocchio sui ceci
Offline Syliael
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1533
Iscritto il: 12 luglio 2008
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Syliael

Messaggioda Galdor » 12 gen 2010, 11:24

Argomento severamente a rischio di flame, poco inerente all'argomento Giochi e più attinente a temi "Religiosi", "Politico-Religiosi" e "Politici in senso stretto"...che sono tutti temi severamente vietati sul Forum!
Per questo lo chiudo.

Ricordo che sul forum "Questioni Filosofiche" si dibatte sulla Filosofia inerente ai Giochi :!: , non sulla Filosofia Estetica, Etica o Teoretica.

Inciso: "il fine giustifica i mezzi" è un broccardo riconducibile a Machiavelli (NON alla Chiesa), anche se il politico Fiorentino non ha mai scritto/detto tale frase.

"Unire l'utile al dilettevole" invece è un broccardo NON riconducibile in alcun modo a Machiavelli.
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor


Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite