il migliore gioco di ruolo!!

Discussioni generali su tutti i tipi di Giochi di Ruolo (compresi D&D e derivati).Indicate sempre il gioco di cui parlate nel titolo dei vostri post e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.

Moderatori: Arioch, Galdor

Messaggioda Domon » 19 feb 2008, 12:22

Obiettivamente (e non oggettivamente) sarebbe inferiore perché avrebbe una mancanza ed una limitazione: la mancanza è appunto l'ambientazione assente che è obiettivamente qualcosa in "meno" della concorrenza e la limitazione è che si verrebbe ad inserire una difficoltà in più che renderebbe il gioco poco fruibile ai neofiti (ad esempio).

Poi che ad una persona possa piacere è un'altro discorso


questa obiezione presuppone che tutti giochino allo stesso modo.

ci sono gdr (basti pensare ad avventure in prima serata, ma anche giochi più raffinati come "in a wicked age") dove avere un setting specifico distruggerebbe totalmente i propositi ludici del gioco, ed altri gdr dove andare al di la di un tratteggio generico sarebbe comunque nocivo.

anzi, per come la vedo ultimamente, ovvero che il gioco non deve venire emanato dal master sui giocatori, questo dettaglio è valido praticamente sempre: un'ambientazione troppo dettagliata sottrae potere creativo al gruppo di gioco. quindi in nessun caso credo si possa definire un valore assolutamente positivo.
Niccolò
Offline Domon
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4363
Iscritto il: 12 maggio 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Domon

Messaggioda Curte » 19 feb 2008, 18:10

bhè un'ambientazione dettagliata può fornire spunti narrativi sia al master che ai giocatori, indipendentemente che il "peso" narrativo sia concentrato su una persona o meno.

E a quell oserve un'Ambientazione, a fornire spunti e a far sognare, molto di più del regolamento, comunque.

Io credo che un gioco che offre TUTTO sia meglio di un gioco che offre QUALCOSA, poi come al solito ciò che piace si sfrutta di più, ciò che non piace si sfrutta meno (o è stato un pessimo acquisto, succede).

Anche AIPS ha un filo conduttore, solo che "sfrutta" il fascino di opere non comprese nel gioco (i serial televisivi) invece di un setting creato dagli autori dello stesso gdr (come invece avviene in KULT)

Anche "Il Richiamo di Cthulhu" o "Il signore degli Anelli" vivono di suggestioni create da altri autori, ma io sono più soddisfatto quando, in un giuoco, trovo sia un bel regolamento che un bel trampolino (nuovo) per sognare :grin:

Ma logicamente non è un valore assoluto, ci sono giochi in cui serve un bel setting e giochi in cui serve NON averlo... ma cmq su un qualcosa si baseranno... quindi più spesso ci sono giochi che forniscono un setting e giochi che si appoggiano su setting esterni.

Mentre i giochi che non hanno nessuna ambientazione, neppure proposta, che sono solo mero regolamento, secondo me peccano proprio nell'ambito di maggior fascino del gdr, che è quello di aprire una nuova finestra sull'infinito mondo della fantasia


Aloa

Curte

-non è vero che morirete- disse il serpente

Offline Curte
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Game Inventor
 
Messaggi: 1649
Iscritto il: 25 marzo 2005
Goblons: 210.00
Località: Livorno
Mercatino: Curte

Messaggioda Cyrano » 19 feb 2008, 22:32

Curte ha scritto:
Mentre i giochi che non hanno nessuna ambientazione, neppure proposta, che sono solo mero regolamento, secondo me peccano proprio nell'ambito di maggior fascino del gdr, che è quello di aprire una nuova finestra sull'infinito mondo della fantasia


Aloa

Curte


Il Guru!!!! :biggrin_sm:
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)
Mercatino: Cyrano

Messaggioda Galdor » 20 feb 2008, 18:03

Non è certamente questo il posto per discutere dei setting e dei GdRuolo generici (argomento interessante, ma totalmente OT rispetto al titolo del thread) ;)

Comunque -per dirla con una sola frase- le migliori Ambientazioni per me sono solitamente quelle che provengono da fonti diverse rispetto ad un Manuale di GdRuolo (cioè film, romanzi, telefilm, fumetti, ecc..).
I Manuali di GdR raramente si inventano ex-novo un setting originale, ma riprendono invece idee e spunti già presenti altrove! :idea:
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)
Mercatino: Galdor

Messaggioda Curte » 21 feb 2008, 17:36

Bhè... il titolo è "il miglior gioco di ruolo", si stava discutendo se avere l'ambientazione fosse o meno un valore aggiunto ad un prodotto, mi pare che resti in tema con il titolo del tread no?

E di manuali che si inventano ex-novo un'ambientazione ce ne sono una valanga... basti pensare a tutti quelli WW, da Vampiri a Exalted, alle ambientazioni di D&D, che in molti casi nascono proprio come tali e solo in seguito sono diventate libri o film, a Kult, Paranoia, Deadlands, Cani della Vigna.... e in Italia abbiamo altre dozzine di esempi (Lex Arcana, Sine Requie, Venezia Obsucura, Gnosis, Gildar... tanto per dirne alcuni).

Anzi direi che i gdr nati sotto l'egidia di un marchio-ambientazione o senza alcun setting siano solo una fetta del mercato, non certo la maggior parte dello stesso e, sicuramente, non quella sempre di maggior qualità.

Quindi, tornando perfettamente IT...

per i miei personalissimi gusti l'Ambientazione ha persino più importanza del regolamento perchè la prima costituisce il fascino e la motivazione del gioco, il secondo è il mero strumento per godere a pieno della prima.

Aloa

Curte

-non è vero che morirete- disse il serpente

Offline Curte
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Game Inventor
 
Messaggi: 1649
Iscritto il: 25 marzo 2005
Goblons: 210.00
Località: Livorno
Mercatino: Curte

Messaggioda Cyrano » 22 feb 2008, 16:21

Anche io mi ritrovo d'accordo con Curte, Galdor...
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)
Mercatino: Cyrano

Messaggioda Domon » 24 feb 2008, 16:48

Ma logicamente non è un valore assoluto, ci sono giochi in cui serve un bel setting e giochi in cui serve NON averlo... ma cmq su un qualcosa si baseranno...

mi piace vederla così:

{[(personaggi+setting)=situazione]+sistema}x colore

ovvero: il gdr è un processo così

"i personaggi interagendo col setting creano una situazione, che si affronta attraverso il sistema, il tutti in modo *colorito*"

per cui un gdr può avere queste componenti (personaggi, setting, situazione, sistema e colore) in varie misure. storicamente parlando i giochi di più successo sono quelli che mettono in primo piano la situaizone. sono molto più chiari da giocare (ad esempio: dnd, specie scatola rossa). con l'avvento white wolf abbiamo ricevuto un'ondata quasi infita di giochi che mettevano per prima cosa il colore, poi i personaggi, e solo in ultimo il sistema.

il fatto che ci siano un sacco di giochi basati sul colore (cioè sugli elmenti di orpello al setting e alle altre componenti) è una questione di "moda", una moda che spero presto finirà in favore di maggiore varietà, non è una cosa di per se inevitabile. prima c'erano state altre mode, in futuro ce ne saranno altre ancora :)

comunque -per dirla con una sola frase- le migliori Ambientazioni per me sono solitamente quelle che provengono da fonti diverse rispetto ad un Manuale di GdRuolo (cioè film, romanzi, telefilm, fumetti, ecc..).
I Manuali di GdR raramente si inventano ex-novo un setting originale, ma riprendono invece idee e spunti già presenti altrove! Idea


secondo me per le ambientazioni migliori DA LEGGERE, hai ragione tu. per fare una buona ambientazione da giocare però anche a costo di non essere originali, sarebbe meglio crearla avendo in mente tutte le specifiche particolarità del media "giochi di ruolo" e ancora di più cosa vuoi che faccia il tuo gioco. c'è anche da dire che un sacco di gdr hanno ambientazioni scritte come se si dovesse fare un libro, per cui sommano insieme il difetto di non essere adatte ai gdr col difetto di non essere originali...

per i miei personalissimi gusti l'Ambientazione ha persino più importanza del regolamento perchè la prima costituisce il fascino e la motivazione del gioco, il secondo è il mero strumento per godere a pieno della prima.


per me a vederla così ti escludi una gran parte dell'esperienza. un regolamento ben fatto è "motore del gioco" molto di più di un setting, che anzi, in taluni casi potrebbe persino tarpare le ali della spontaneità e della creatività, essendo un muro. certo che se non si cerca mai un'esperienza creativa, ma solo immersiva, non è un gran problema :)
Niccolò
Offline Domon
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4363
Iscritto il: 12 maggio 2005
Goblons: 0.00
Località: Milano
Mercatino: Domon

Messaggioda Curte » 25 feb 2008, 3:24

Lo ammetto sono un immersivo ;)

Su quest'aspetto del gdr io e te la pensiamo in maniera diametralmente opposta :roll:

Non che ci sia un bene o un male assoluto, anzi pubblici diversi favoriscono la diffusione e la creazione di molti più giochi... ma se giocassimo insieme uno dei due (a turno) soffrirebbe un pò :lol:


Per tornare a bomba IT i gdr che più mi hanno divertito (non è un valore dell'opera, ma della fruizione mia personale della stessa, ci tengo a precisarlo, perchè alcuni di questi son fatti proprio male se non sei più che motivato) sono:

Warhammer (capagnona di 2,5 anni -giocatore)
Stormbringer (campagnone mega di oltre tre anni -game master)
Richiamo di Cthulhu (varie one-shot -giocatore)
Deadlands (qualche partita, brevi campagne -giocatore)
Vampiri La Masquerade (breve campagna -giocatore)

i primi amori:
D&D scatola rossa (oggi magari fa cagare ma allora era evocativo a 2000)
Uno sguardo nel buio (il primissimo gdr, per me)




Aloa

Curte

-non è vero che morirete- disse il serpente

Offline Curte
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Game Inventor
 
Messaggi: 1649
Iscritto il: 25 marzo 2005
Goblons: 210.00
Località: Livorno
Mercatino: Curte

Messaggioda Cyrano » 25 feb 2008, 16:13

Posso inserire uno sfogo OT sulla scia di quello che ha scritto curte?

SONO STUFO DI FARE IL MASTER!!!!

Ora sto meglio grazie! :lol:
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)
Mercatino: Cyrano

Messaggioda Viridovix » 26 feb 2008, 1:45

Ho letto le sette pagine del thread... ho apprezzato la discussione su GIRSA condita con un filo di polemica... e adesso mi vendico :grin:

DSA4.1

Al momento, il gioco di ruolo che preferisco... regole pulite alla GURPS ed una ambientazione veramente ben curata e molto completa (e soprattutto europea). Unico difetto... occorre sapere benissimo il tedesco!

Non ho mai amato D&D (e vedo che non sono l'unico qui dentro), pensato troppo per chi gioca con la scheda e poco per chi gioca con l'interpretazione (ma del resto, NON è nato come gioco di ruolo, era più un DOOM da tavolo). Per non parlare dei primi sistemi magici... quelli dove il mago doveva studiare la sera gli incantesimi del giorno dopo (sic!).

GIRSA l'ho provato (regole base) e l'ho trovato poco profondo rispetto alla TdM Tolkeniana e condivido il parere che la magia non è ben gestita... ma forse dovrei dare un'occhiata alle espansioni.

Io personalmente resto dell'idea che un buon gioco di ruolo è quello che ti fornisce una buona ambientazione di base ed un sistema di regole plausibile in se (qualità della simulazione) e collegato con l'ambientazione... e ne conosco pochi... di fatto, in tutte le situazioni, si rende necessario l'intervento del master per ripulire il gioco (in D&D un po' di più).

Viridovix

PS. A proposito, per chi non lo sapesse, DSA1 in Italia era noto come Uno Sguardo nel Buio... il GdR più scarno che sia mai esistito. :lol:
Offline Viridovix
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 25 febbraio 2008
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Viridovix

Messaggioda Cyrano » 27 feb 2008, 15:54

Bhe ma Warhammer, Vampiri ecc.????
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)
Mercatino: Cyrano

Messaggioda Viridovix » 1 mar 2008, 4:38

Cyrano ha scritto:Bhe ma Warhammer, Vampiri ecc.????


Beh... la domanda originaria era quale è, soggettivamente parlando, il migliore... ho risposto ;-)
Offline Viridovix
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 25 febbraio 2008
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Viridovix

Messaggioda Gilmor » 15 dic 2009, 17:57

Hackmaster! :smile_sm:
Immagine
E' per questo che seguo la legge dell'ortica...
Non c'è gusto se non irrita!
Offline Gilmor
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 42
Iscritto il: 11 giugno 2009
Goblons: 0.00
Località: Milano City
Mercatino: Gilmor

Messaggioda Llukas » 16 dic 2009, 2:12

il gioco di ruolo migliore è quello che, in un dato momento dello spazio-tempo, riesca a compenetrare in toto le necessità del gruppo da cui viene giocato.
quindi non ne esiste uno solo, né uno valido per tutti nello stesso momento, luogo e formazione.
Offline Llukas
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 722
Iscritto il: 19 novembre 2009
Goblons: 0.00
Località: Roma - First Valley/Old Tower
Mercatino: Llukas

Re: il migliore gioco di ruolo!!

Messaggioda catac » 30 ago 2017, 20:46

Sol_Invictus ha scritto:
GhiriGoro ha scritto:Perché un regolamento per essere fatto bene deve rispiecchiare un'ambientazione?


Non so, secondo te un gioco che per vendere si appella direttamente ad un'ambientazione è fatto meglio se la rispecchia male? Fai un po' te...se secondo te il metro è questo :roll:

povero GURPS, è evidentemente un regolamento di cacca (per riprendere il tuo discorso).


Premesso che un gdr generico secondo me ha moltissimi limiti - e la cosa è emersa da più parti anche in un altro recente post - forse ti sfugge il leggero dettaglio che gurps non si chiama "gdr della Terra di Mezzo" o "gdr di qualsiasialtracosa", quindi è piuttosto facile per gurps prendersi la liberta di non rispecchiare nessuna ambientazione in particolare, ti pare?

I moduli di GiRSA sono la cosa più completa e fatta bene che si possa trovare per un GdR sulla TdM. Moria su tutti. E tutt'ora sono ricercati da qualsiasi (o quasi) giocatore che gioca in TdM.

Si probabilmente lo cercano per quanto è spiegato male :lol:




Mi piacete perchè continuate a cercare di mettermi in bocca cose che non ho mai detto :lol: quando mai ho menzionato i moduli di espansione GiRSA? MAI. Un modulo di espansione è un regolamento gdr? NO. Io ho espresso un giudizio sul *regolamento*, o se vi piace di più sul *manuale base* del GiRSA.

*GUARDACASO* i moduli che tu citi sono ricercati in quanto fonte di ambientazione a sè. Il manuale base del GiRSA invece lo trovi in tanti fondi di magazzino (se ti interessa qua conosco almeno 2 negozi che ne hanno ancora, ma di certo non sono gli unici), e non gode certo della stessa popolarità e rarità presso i fan...chissà perchè vero? ;)



Evaniel, vedo che sei alla frutta se tiri fuori 'sti 3 misteriosi master che non posso nè conoscere nè valutare...sì, presumo - per quanto valga, dato he ho zero elementi - che tu sia stata fortunata a trovare master che abbiano avuto la voglia di sbattersi a cambiare tutto ciò che in GiRSA non va, oppure presumo che la tua concezione della Terra di Mezzo sia notevolmente distante da quella di Tolkien, e quindi GiRSA ti sembri appropriato..vedi un po' te quale delle due, su questo non mi esprimo.


Sol Invictus, sto cercando il manuale base del GIRSA, esistono ancora i fondi di magazzino di cui parli?
Offline catac
Babbano
Babbano

 
Messaggi: 1
Iscritto il: 30 agosto 2017
Goblons: 0.00
Mercatino: catac

PrecedenteProssimo

Torna a [GdR] Giochi di Ruolo vari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron