il Plagio questo sconosciuto

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

il Plagio questo sconosciuto

Messaggioda VecchioUnno » 24 feb 2006, 16:50

Prima di tutto volevo salutare tutti :grin:
Quindi volevo dire la mia su una questione che mi fa un pò rodere :lol:
Allora io sono un appassionato di wargames in tutte le sue forme e devo dire di essere rimasto scioccato da dei commenti che ha avuto il gioco "Vive l'empereur" che io reputo un gioco onesto che forse ha delle pecche ma che sicuramente non è un plagio.
(Preciso che questi commenti non li ho visti su questo forum ma su degli autorevoli siti esteri specializzati sui board game).
Infatti viene accusato di essere una scopiazzatura dei giochi Di Richard Borg Memoir 44 e Battlecry.
Io dissento da questo perche i meccanismi di gioco ormai sono per forza simili , forse che Monopoly è un plagio del Gioco dell'oca ?
Oppure che Battlecry o Memoir 44 sono un plagio Di Battle Master che impiegava pure lui il sistema di esagoni rimovibili, le carte azione, delle miniature e addiritura una fortificazione in 3d :-o .
Scusate il mio sfogo ma mi dispiace vedere criticato così aspramente il lavoro di persone che con passione ed impegno rendono il mondo ludico il più vario possibile.
Grazie a tutti per l'attenzione ed un grazie particolare a tutti i collaboratori
di questo bellissimo sito
Offline VecchioUnno
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 582
Iscritto il: 17 aprile 2005
Goblons: 20.00
Località: Savona
Utente Bgg: vecchiounno
Mercatino: VecchioUnno

Re: il Plagio questo sconosciuto

Messaggioda liga » 24 feb 2006, 17:37

VecchioUnno ha scritto:Infatti viene accusato di essere una scopiazzatura dei giochi Di Richard Borg Memoir 44 e Battlecry.
Io dissento da questo perche i meccanismi di gioco ormai sono per forza simili , forse che Monopoly è un plagio del Gioco dell'oca ?


Ciao VecchioUnno ... io apprezzo i giochi Borg ma anche quelli di Crippa ... in particolare trovo War to Axis molto divertente ... sono di complessità sicuramente superiore rispetto ai giochi di Borg ma è innegabile che come struttura siano molto simili (anche il fatto che siano usciti con stesse ambientazioni lascia perplessi) ai piu' illustri e famosi fratelli.

Poi è ovvio che un autore si ispira ai giochi che gli piacciono e suppongo che Giovanni abbia apprezzato i titoli di Borg e abbia cercato di fare qualcosa che fosse meglio e originale. Come dici tu le meccaniche tendono ad assomigliarsi ed essere davvero originali non è facile (e per me neppure necessario).

Molte di queste polemiche si eviterebbero comunque se gli autori (come ha fatto Porazzi con Donadoni o C.T.Pedersen in TWI3ed) avessero (cosa che artisti in altri campi fanno con più facilità) la limpidizza di citare e ringraziare in un piccolo cappello introduttivo al gioco gli autori e i giochi che ne hanno maggiormante ispirato l'opera ... sarebbe bello, costruttivo ed anche utile per il movimento ludico, perche' darebbe un senso di continuità al movimento.

Poi ci sono casi (vedi polemica nata attorno a Bolide) di giochi che in diversi momenti si ispirano ad uno stesso modello base comune e quindi, necessariamente, hanno tratti comuni senza che magari gli autori ne siano consapevoli.

in ogni caso buon gioco a te e buona fortuna a Giovanni (Crippa) che spero non si faccia influenzare da questo genere di critiche e continui a fare giochi!

buon gioco a tutti
Liga

*** www.facebook.com/ludologo Ludologo su Facebook www.ludologo.com Il mio sito personale www.facebook.com/ClubTreEmme Club TreEmme

Offline liga
Goblin Spy
Goblin Spy

Avatar utente
TdG Moderator
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 2020
Iscritto il: 17 giugno 2003
Goblons: 9,320.00
Località: Modena (Italy)
Mercatino: liga

Messaggioda randallmcmurphy » 24 feb 2006, 21:34

Già..io ho apprezzato moltissimo le indicazioni fatte da Petersen in TI3, sia quelle "serie" in fondo al regolamento, che quelle in apertura, dedicate ad Asimov, Herbert e compagnia bella.. :grin:

Parlare di plagio nei giochi da tavolo secondo me è molto difficile, e anche io mi auguro che si continuino a fare giochi senza per forza dover cercare l'originalità assoluta, a volte riprendere alcune meccaniche, rinfrescare particolari ambientazioni e seguire l'ispirazione prendendo spunto da giochi altrui è molto interessante e produttivo, nonchè quasi inevitabile, vista la vastità e la risonanza che adesso ha il mondo ludico rispetto al passato.

Trovare qualcosa di veramente originale potrebbe essere molto difficile, e non è detto che porterebbe a qualcosa di godibile e vendibile..certo sarebbe bello poterci meravigliare di fronte a prodotti sempre nuovi e rivoluzionari, ma non disdegniamo il livello al quale siamo già giunti, che ci regala infinite emozioni districandosi fra le miriadi di meccaniche e ambientazioni che ormai siamo abituati a conoscere, ma che sono comunque affascinanti.

Ovviamente ci possono essere alcuni casi limite per cui le scopiazzature (specie se non giustificate) possono dare fastidio ai giocatori e ai distributori, ma in tema di copyright il mondo dei giochi da tavolo è alquanto oscuro e già altrove si era tenuta una discussione in merito (non ricordo il collegamento magari cercando sulla Tana lo ritrovo), quindi anche questo "deterrente" viene meno e autorizza gli autori a prendere spunti anche sostanziosi senza troppe preoccupazioni.

Non entro nello specifico dei giochi precedentemente citati, in quanto non li conosco abbastanza per potermi esprimere, ma colgo l'occasione per ricordare che giochi successivamente usciti, che si ispirano anche palesemente a "vecchie glorie", dovrebbero essere tentativi di miglioria, e quindi ben accetti da tutti i giocatori, a meno che non si tratti di mere operazioni commerciali, prive di corrette informazioni per gli acquirenti, che dovrebbero essere messi a conoscenza di eventuali similitudini..queste sono le mie "linee guida" sul tema, anche se mi rendo conto che distinguere buoni propositi e interessi commerciali è operazione spesso di difficile definizione e soggetta a molte interpretazioni.
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »
(Isaac Asimov)

Immagine
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2946
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,730.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico


Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron