Inscatolamento dei giochi

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, pacobillo, Rage, Sephion

Ci tenete a un contenuto della scatola COERENTE con le sue dimensioni?

Si, sono talmente materialista da avere le morse alle arterie se la scatola è mezza vuota, a prescindere
21
81%
La cosa mi irrita e non poco, ma finchè si parla di bei giochi ben venga la scatola vacante
5
19%
 
Voti totali : 26

Messaggioda Rayden » 5 lug 2010, 11:37

Angiolillo ha scritto:
Rayden ha scritto:se il prezzo di un gioco è enormemente di più di quello che costa produrlo, sono fortemente spinto a costruirmene da solo una copia personale, cosa che non conviene mai se il gioco ha un prezzo proporzionato.


Nei libri e nei dischi, la produzione del supporto materiale è sempre una frazione piuttosto bassa del prezzo finale, in genere circa un decimo.
Il "quanto costa produrlo" è più elevato, vuoi per la presenza di diritti d'autore (che sono un "quanto costa produrlo" pure quello, perché per produrli vanno anche inventati), vuoi per il ricarico della casa editrice (perché anche il lavoro di redattori, curatori, grafici, illustratori, traduttori, segretarie di redazione - esemplifico le voci dei libri, i dischi ne hanno anche altre - e pure il costo del capitale impiegato nell'impresa sono costi del "quanto costa produrlo"). Il prezzo finale è ancora più elevato, perché c'è anche un "quanto costa farlo avere al consumatore (spese di magazzino, trasporto, distribuzione). Però se alla fine compari il costo di carta e stampa con quello del libro, o del CD vergine con quello del disco, o del DVD vergine con quello del film, c'è sempre un divario fortissimo.
E' una novità? No, tutt'altro.
Spinge a fotocopiarsi i libri e copiarsi i CD (un tempo a registrarsi i dischi su casette)? C'è chi lo fa.
Giustifica la pirateria di cui sopra? Vedete voi.

Questo nei libri, nei dischi, nei film. Invece nei giochi... pure.

Questo è ovvio, non intendevo trascurare TUTTI i costi del prodotto tranne i materiali, né tantomeno fomentare la pirateria. Semplicemente, volevo dire che un editore, se teme il fenomeno, non può basare le contromisure nell'etica degli acquirenti. Per evitare il fenomeno "auto-riproduzione" i prezzi dei giochi dovrebbero essere non di molto più alti di quello che costa a riprodurselo da sè: se per costruire un gioco che costa 40 euro uno ne spende 30, tantovale che se lo compra nuovo (è sicuramente di maggior qualità, e ci risparmia la manodopera), ma se, per assurdo, spendesse 3 euro, allora sarebbe fortemente incentivato a farlo.
D'altronde, nella musica e in altri settori è la stessa cosa: se per un CD originale bisogna sborsare 30 euro, mentre lo si trova a scaricare gratis, è naturale che la pirateria dilaga: la disparità è troppo alta per poter sperare che la gente badi all'etica!
Ma per fortuna nei GdT non è ancora così.
Immagine
Offline Rayden
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
TdG Organization
TdG Editor
Top Reviewer
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 1644
Iscritto il: 09 gennaio 2008
Goblons: 1,300.00
Località: Pescara

Messaggioda Angiolillo » 5 lug 2010, 11:45

Sì, non ti accusavo certo di farlo! Facevo solo un parallelo con altri settori perché in effetti le problematiche sono simili, e anche la disparità fra costo di riproduzione del materiale e costo del prodotto finito. Tanto che ci sono copisterie (pirata) che sono già di loro organizzate per vendere le fotocopie dei libri di testo universitari. E i venditorio ambulanti di dischi pirata (oltre che gente che li registra per uso personale).

Comunque mi è cvapitato di bafrattare giochi nuovi con una copia del Fury of Dracula GW anni '80. Ero assai contento finché non ho visto la copia... era appunto una copia! Scatola da camicie rivestita, mappa e pedine fatte con fotocopie bianco/nero montate su cartoncino e colorate a pennarello, miniature in piombo dipinte di colore a tinta unita come pedine... Buffo assai, ma ben diverso da quello che mi aspettavo! ;)
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5395
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,460.00
Località: Roma

Messaggioda Frost82 » 7 lug 2010, 19:35

Giusto per dire la mia....

1) Se qualcuno ha suggerito la vaga idea che fare una scatola nuova (dimensioni diverse) impatta con i costi di produzione in modo eclatante, non ha detto la verità. :)

2) La FF può fare interni in plastica perché stampa un certo numero di copie. Per fare l'interno in plastica, si spende meno, MENO, dell'interno in cartone (che costa MOLTO di più, circa 3 volte tanto), ma bisogna avere i numeri, in quanto c'è il costo di uno stampo base che costicchia.

3) La scelta di una scatola è una cosa parecchio complessa e comprende svariate cose: visibilità sullo scaffale, inserimento in una linea di prodotti similare, inserimento in una linea di prezzi che sia compatibile con il contenuto del prodotto, ecc.

Come Red Glove pensiamo di non aver giochi "over-tarati" (oppure potete farmi esempi) ma tutto varia da editore ad editore. Se trovate editori che over-tarano, non comprate i loro giochi. :)

E per chi ha detto che le mini-espansioni di Smallworld a 8 € sono prese bene... Meditate che non hanno una scatola e meditate sul materiale che vi viene dato (se ben ricordo quali sono le miniespansioni), 8 € per quella roba.... Non vado avanti.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00

Messaggioda Angiolillo » 9 lug 2010, 8:38

Direi che siamo perfettamente d'accordo su tutti e tre i punti. Per il 2, Wings of War è proprio un esempio perfetto: quando ha iniziato a vendere si è passati dal nulla al divisorio in cartone, che non ha costio fissi; quando ha iniziato a vendere bene si è capito che si poteva affrontare la spesa dello stampo per il divisorio in plastica e lo si è fatto.

In particolare, solo una precisazione sull'1: nessuno in effetti ha usato nel thread l'aggettivo "eclatante" prima del tuo post. Però, tra gli editori con cui lavoro, ne vedo di attenti alle differenze di costo non solo eclatanti, ma anche minime perché poi si moltiplicano nei vari passaggi della filiera: come mi insegni dieci centesimi in più nel costo di produzione, una volta passati attraverso distributore e negoziante diventano almeno almeno mezzo euro di prezzo finale in più da chiedere all'acquirente, e allora se si vuole spendere qualcosa in più tanto vale farlo per qualcosa che dia più valore aggiunto. Questa la loro filosofia, che riporto tal quale.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5395
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,460.00
Località: Roma

Messaggioda Frost82 » 9 lug 2010, 11:52

Certo Angiolillo, ma il fatto è che 0,10 € sono solo sulla prima produzione. Dalla seconda produzione in poi, tali 0,10 € vanno a scomparire e non solo: se un editore è abbastanza accorto da avere delle linee editoriali con scatole similari per target di prezzo similare, alla fine quei 0,10 € scompaiono del tutto ;)

Ma sono cose che sappiamo :)
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00

Messaggioda Angiolillo » 9 lug 2010, 12:05

Perfettamente d'accordo.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5395
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,460.00
Località: Roma

Messaggioda simox » 10 lug 2010, 11:50

In questo post le conoscenze stanno uscendo fuori come una falla di una diga :lol: .

Cmq, a prescindre da tutte queste accortezze di produzione, vedo che il mio sondaggio parla chiaro in merito :grin: .

E ora, un piccolo OT per Angiolillo: hai parlato di un gioco che in quanto a massimo prezzo e contenuto minimo ha il record mondiale: me la posti qualche foto, che sono curioso?(Su BGG fa vedere solo la scatola)
Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania

Messaggioda Angiolillo » 10 lug 2010, 13:41

Beh, comunque anche io sono per l'opzione 1! ;)

La mia scatola di Star Figher è fuori roma, ma alla prima occasone la fotografo e posto.

Ciao ciao!

A.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5395
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,460.00
Località: Roma

Messaggioda Anatra » 10 lug 2010, 15:01

Per quanto mi riguarda la cosa più importante è la bontà del gioco, anche a prescindere dai materiali e dalle dimensioni della scatola.
Sul lungo termine, mi girano più le palle per un gioco brutto pieno di bella roba (e mi pare che su Sid Meyer's Civ si sia detto peste e corna) che sun un gioco ottimo con materiali scarsini (e porto l'esempio di Twilight Struggle).
Per quanto riguarda le dimensioni della scatola il discorso è più o meno lo stesso, se non per il fatto che la scatola grande mezza vuota mi prende spazio in casa inutilmente, che sia un buon gioco o un pessimo gioco.
"Non mi fido molto delle statistiche, perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media" (Charles Bukowsky)
Offline Anatra
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1413
Iscritto il: 19 settembre 2006
Goblons: 20.00
Località: Interzona

Messaggioda simox » 27 lug 2010, 19:23

e ora, ravviviamo il topic con una piccola segnalazione che esce fuori dai casi finora elencati: oggi ho comprato la versione televisiva del mercante in fiera in edicola a 8 euro;

Breve premessa sulla pregiatezza del gioco e dei materiali (a me il programma piace, se non che quelle due gatte se le potevano risparmiare :lol: ), andiamo al dunque: la scatola e grossa quanto un tascabile dei giochi "dal Negro", di fatto un semplice foglio di cartone stampato e piegato per essere definibile scatola, ed ospita 80 carte di buona qualità e grosse, proprio come quelle viste in televisione.

Giochi di impostazione equivalente, come "Crisi!" e "Death Note", hanno scatole della stessa qualità, più piccole ma hanno un prezzo maggiore.

In questo caso quali fattori entrano in gioco per la decisione del prezzo di mercato?
Offline simox
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Uploader
 
Messaggi: 1083
Iscritto il: 02 settembre 2009
Goblons: 850.00
Località: Campania

Messaggioda Angiolillo » 27 lug 2010, 19:58

Intanto annoto che ovviamente la tiratura consente prezzi più bassi. Se fai decine di migliaia di copie, i costi fissi si "spalmano" molto di più e pesano assai meno su ogni singola copia.

Detto questo, se il costo è sui 10 centesimi a carta in proporzione costa più di Obscura Tempora della Rose & Poison. Le carte non sono grandi, ma di qualità buona Carta Mundi e la scatola è vera, non un cartoncino piegato. Il tutto a 13 euro per 165 carte...
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5395
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,460.00
Località: Roma

Messaggioda il_Nadir » 28 lug 2010, 1:27

Bhe ovviamente la tiratura fa la grande differenza.
Prendi Crisi, costa 4,90 euro in più ma avrà una tiratura di meno di un decimo delle copie che tirerà il mercante in fiera versione tv venduto in edicola.
Meno copie più si alza il prezzo per singola copia sia in fatto di stampa sia per ammortizzare i costi fissi (traduzione impaginazione, grafica e altro).
Offline il_Nadir
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 618
Iscritto il: 01 ottobre 2007
Goblons: 30.00
Località: Milano

Messaggioda Cyrano » 28 lug 2010, 9:33

Poi voglio pure vedere come si riducono le carte dopo l'uso... Anche le colle sono importanti.
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)

Messaggioda Frost82 » 28 lug 2010, 17:49

Credo che questo sia proprio un esempio di ciò di cui parlavo l'altro giorno con un altro editore....

I clienti, purtroppo, non sanno vedere le differenze in produzione e ragionano solo in termini assoluti.

Non capiscono, ad esempio, che un gioco come Schiacciamosche a 10 € al pubblico, viste le tirature che abbiamo, è un prezzo buonissimo dove i margini sono bassi rispetto ad altri settori, mentre invece comprano le loro belle 80 carte con scatolina triste a 8 € e si sentono felici, permettendosi di criticare altri giochi, come crisi, che a 12,90 € è, secondo loro, tarato in alto di prezzo.

Peccato che la ditta che produce il gioco a 8€ e lo vende in edicola, viste le tirature, sta guadagnando veramente uno sfacelo su ogni copia venduta (considerando che lo pagheranno si e no un 5% del prezzo di vendita)...

Era solo un appunto per farvi notare come possano essere divergenti le cose se prese da punti di vista differenti...

La tiratura di quel gioco non è nemmeno comparabile alle nostre tirature, nemmeno a quelle della FF. E vi posso assicurare che i prezzi dopo un po' "droppano" in quanto sto lavorando ora su un gioco promozionale che avrà probabilmente una tiratura ENORME e vi posso assicurare che i costi si abbassano notevolmente.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00

Precedente


  • Pubblicita`

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Cristiano e 0 ospiti