L'inutilità degli allineamenti

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo

Messaggioda Necros » 20 ott 2006, 19:19

Solomon ha scritto:
Necros ha scritto:la tua mi sembra una visione un pò manicheista, ok che stiamo parlando solo di un gioco, però nella relatà, secondo me( e anche Plotione e s.Agostino) non esiste il principio del male.


Necros, non è la mia visione, è la visione del gioco. Manichea? Certo. In D&D si trovano interi piani di esistenza fatti della materia stessa del Bene o del Male. Esistono creature fatte di Bene o Male. Esistono incantesimi e poteri che ti dicono se un essere vivente è oggettivamente Buono o Malvagio. E' un mondo Fantasy in cui i due poli morali sono realtà esperibile. Qui la filosofia del mondo reale non centra un piffero: Sant Agostino non sta di casa a Greyhawk, c'è solo San Cuthberth del Mazzuolo che rompe la schiena ai demoni.

verissimo, infatti gli allinamenti sono solo delle indicazioni superflue come dire che il proprio presonaggio è testaro e aggrassivo, però, come già detto in precedenza, è un gioco di ruolo, scegliti il ruolo allora!

Juda ha scritto:
si intitola "Sette contro Tebe", è una tragedia di Eschilo..


S' intitola "Antigone" ed è di Sofocle...Galdor da te non me l' aspettavo!

Però i sette contro tebe o a tebe è una tragedia di eschilo e parla sempre e comunque di politica e morale... l'ho appena fotocopiata!
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros

Messaggioda Juda » 20 ott 2006, 19:39

Però i sette contro tebe o a tebe è una tragedia di eschilo e parla sempre e comunque di politica e morale... l'ho appena fotocopiata!


Si è vero, anche i sette a Tebe parla di moralità, tuttavia l' Antigone tratta proprio del contrasto tra legaità e moralità. In ogni caso entrambe valgono la pena di essere lette.

Mi perdoni?


Ma sì, in fondo mi hai adottato...

Adotta un Juda, ti sara "fedele" per sempre!?!

Offline Juda
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1571
Iscritto il: 25 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Lodi
Mercatino: Juda

Precedente

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite