La tigre e la neve

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Eithereven, Dera

Messaggioda eddie » 24 ott 2005, 13:35

Gwaihir ha scritto:SUBLIME

Poetico. Questo è l'aggettivo che meglio descrive il film.

Molto meglio di "La vita è bella".

Ed aggiungo : recitato e realizzato bene, non c'entra niente con la politica e neanche tanto con la guerra.
E' pura poesia. Per chi sa coglierla ;)

allora avevo visto bene.... ;)
Sì, stavo seduto a mangiarmi la focaccina, a bermi il caffé e a ripassare l'accaduto nella mia mente quando ho avuto quello che gli alcolisti definiscono il momento di lucidità
Offline eddie
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2240
Iscritto il: 08 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: roma(caput mundi)
Mercatino: eddie

Messaggioda Fair » 24 ott 2005, 14:01

Delicato e davvero emozionante.

Mi è piaciuto veramente moltissimo.

E mi è piaciuto vedere su pellicola una filosofia d'agire che vorrei incontrare più spesso nella razza umana.
Offline Fair
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 80
Iscritto il: 16 marzo 2004
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Fair

Messaggioda GIOBIUAN » 24 ott 2005, 15:32

Gwaihir ha scritto:SUBLIME

Poetico. Questo è l'aggettivo che meglio descrive il film.

Molto meglio di "La vita è bella".

Ed aggiungo : recitato e realizzato bene, non c'entra niente con la politica e neanche tanto con la guerra.
E' pura poesia. Per chi sa coglierla ;)


Mah..se piace ok, ma non credo proprio che sia poesia "per chi sa coglierla.." :?:
E per gli altri che non sanno coglierla amen.. :?:
E poi se l'avesse ambientato sull'aspromonte in mezzo a bande di rapitori sarebbe stato lo stesso.. Come mai in iraq? Come mai con soldati che sembrano pivelli "ca.a sotto"? Il contesto non c'entra un gran chè, con la trama.. Sembra messo lì apposta visto il momento , per dire altre cose.. ma ai fini del film è secondario..
Per me film carino, ma mooolto sopravvalutato..
La vita è bella era molto piu contestualizzato, dove tutto aveva un suo senso, qua no (sempre secondo il mio parere, ci mancherebbe, che non è quello di un critico del settore!) ;)
Offline GIOBIUAN
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 476
Iscritto il: 05 luglio 2004
Goblons: 0.00
Località: Casina (R.E.)
Mercatino: GIOBIUAN

Messaggioda Fair » 24 ott 2005, 16:20

La poesia viaggia su onde diverse e ognuno può o meno coglierne alcune piuttosto che altre.
Dicendo "poesia per chi sa coglierla" probabilmente Gwaihir intendeva dire questo.

Per quanto riguarda l'ambientazione in Iraq, penso Benigni abbia semplicemente voluto ambientare la storia in una realtà che riteneva di dover/voler rappresentare e comunicare ai destinatari del film. Scusami, ma come fai ad affermare che in Aspromonte sarebbe stato lo stesso???

Forse è vero, l'ambientazione viene catapultata un po’ troppo repentinamente in Iraq, ma è proprio quella la cosa sorprendente!
Come il protagonista sia riuscito ad arrivare lì malgrado possa sembrare un'impresa impossibile!

E poi sinceramente mi sono un po’ stancata di sentire pareri che cercano di politicizzare ogni cosa. Il pensare divide, il sentire unisce.
Offline Fair
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 80
Iscritto il: 16 marzo 2004
Goblons: 0.00
Località: Roma
Mercatino: Fair

Messaggioda GIOBIUAN » 24 ott 2005, 16:37

Mi sa che è, il SUO Film che si vuole e che vuole politicizzare..
Lungi da me volerlo fare ad ogni costo.. gia la politica riempie le p...e di tutti gli italiani ogni giorno, figuriamoci volerla portare da me anche al cinema.. ed in questo contesto che (secondo me,ripeto) non c'entrava nulla il riferimento all'iraq che se lo avessero ambientato in un altro contesto, di guerra o di un'altra guerra o di QUALSIASI altra guerra o di situazione critica dal punto di vista logistico e di vita, avrebbe avuto lo stesso significato!
Ad esempio (un pò forzato,certo..) l'aspromonte tra bande di rapitori o di contrabbandieri.. Ho fatto sto esempio (ripeto, forzato e senza voler offendere nessuno) come esempio di altro scenario difficile in cui poteva ambientare il film senza cambiarne la trama.. Che è lì solo di CONTORNO secondo me..
Mentre ne la vita è bella, sia i campi di concentramento i rastrellamenti in un paesino d'Italia svergonato dalle leggi razziali ha tutto il suo perchè e il suo giusto contesto..

Mah, "non so se mi sono spiegato.." ;)
Cmq, è la mia idea.. ed è bello cio che piace! ;) a tutti e a tutte, senza offesa per nessuno! :grin:

Riguardo al fatto di captare la poesia rimango non d'accordo.. CIAO!!
Offline GIOBIUAN
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 476
Iscritto il: 05 luglio 2004
Goblons: 0.00
Località: Casina (R.E.)
Mercatino: GIOBIUAN

Messaggioda Falcon » 24 ott 2005, 16:39

freeman74 ha scritto:
Falcon ha scritto:concordo nel dire che l'Iraq come sfondo non è che centrasse molto.


...sarà la solita campagna anti bush-berlusconi e compagnia bella..tanto per benigni ogni pretesto è buono...secondo me sbaglia a buttarla sempre nella politica...o meglio, è quello che sta facendo ultimamente con più insistenza..o almeno io ho questa impressione...


e invece no, niente campagna anti bush-berlusconi (anche perché immagino che Benigni voglia anche proiettarlo in america :twisted: ), al limite si potrebbe dire che è la poesia contro qualsiasi tipo di guerra.
Ribadisco, a me è piaciuto, ma dire che lei recita bene vuol dire essere cecati! :twisted:

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

Offline Falcon
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 5488
Iscritto il: 09 gennaio 2005
Goblons: 3,384.00
Località: Senigallia (An)
Mercatino: Falcon
Sono stato alla Gobcon 2015 Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Ventennale Goblin

Messaggioda GIOBIUAN » 24 ott 2005, 16:42

Non è vero, la Braschi in questo Film è molto brava... Ha superato se stessa.. Per parecchio tempo non dice nulla!!!!!!!!! ;)
Interpretazione ottima ;)
Offline GIOBIUAN
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 476
Iscritto il: 05 luglio 2004
Goblons: 0.00
Località: Casina (R.E.)
Mercatino: GIOBIUAN

Messaggioda GhiriGoro » 24 ott 2005, 18:25

riguardo all'Iraq, mi quoto.... :roll:
GhiriGoro ha scritto: L'Iraq come sfondo lo vedo bene. Un tempo fu centro di cultura/poesia e annessi, e il film parla appunto di poesia :)


e poi, che fastidio dà l'Iraq in sé? forse ambientarlo in un fatto non attuale, ma del recente passato come la guerra in Kossovo/Serbia sarebbe stato identico, più difficile in qualsiasi altra contestualizzazione...
non lo so, io vedo l'Iraq un contesto particolare... dove non ci sono soldati di lingua italiana (l'aspromonte che c'entra?), dove c'è una guerra particolare (sarebbe particolare per versi diversi anche quella israelo-palestinese: ma gli aiuti italiani vanno anche lì?)
forse forse quella in afganistan, ma per il mio quote di prima è giusto l'Iraq

che fastidio vi dà? :)
apre troppo gli occhi? :lol:


la politica, mi riquoto, non c'è. c'è solo uno spot anti-guerra, e anti-le-scuse-che-le-causano (armi di distruzione di massa = schiacciamosche ecc ecc....)

tra l'altro, ottima la recitazione e il ruolo atipico di Jean Reno :)
Offline GhiriGoro
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 792
Iscritto il: 06 ottobre 2005
Goblons: 70.00
Località: Pisa
Mercatino: GhiriGoro

Messaggioda GIOBIUAN » 24 ott 2005, 18:48

Resto cmq della mia idea sulla scelta del posto nella sua contestualizzazione nel film..
Nulla vieta a nessuno di ambientare un film dove gli pare.. a patto che ne motivi e giustifichi la scelta.. Che sia l'Iraq Bosnia Favelas zone difficili ecc ecc.. Tutto qui.
Secondo me non ha sfruttato, o meglio, SPIEGATO, la sua scelta..
é questo che non mi è piaciuto..
L'ha messa lì, visto il momento e l'ha usata per la sua storia..
Ma se non spieghi il perchè hai fatto quella scelta, allora valeva qualsiasi altro posto ed è quì che diventa solo una questione polemica per correre l'onda, fine a se stessa..
Se voleva condannare un evento come quello che sta succedendo laggiù doveva farlo come ne La vita è bella.. Lì sì che ha usato l'argomento nazi_fascismo a mo di denuncia e c'è riuscito con la sua ironia dolce_triste che solo lui sa fare..
In questo film, secondo me, assolutamente no..
Per quanto mi riguarda, non è che criticando un film vuol dire "NON APRIRE GLI OCCHI"...... Non aspetto certo un film per usare la mia testolina in modo autocritico.. ;)
Ma se arriva un film che "denuncia" tanto meglio!! In questo caso ,secondo me, no..
Offline GIOBIUAN
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 476
Iscritto il: 05 luglio 2004
Goblons: 0.00
Località: Casina (R.E.)
Mercatino: GIOBIUAN

Re: La tigre e la neve

Messaggioda Necros » 24 ott 2005, 21:06

genluvi ha scritto:Che ne dite del nuovo film di Benigni?
A me è piaciuto moltissimo. Ha saputo fondere temi d'attualità con la poesia dell'amore. E' vero il tema della guerra non è stato approfondito e la ricostruzione storica è filtrata dagli occhi del personaggio ma si capiva molto bene cosa Benigni volesse dire.
L'unica pecca...la recitazione di lei. Troppo rigida.


Penso che prima o poi andrò a vederlo perchè secondo me merita, Renò dovrebbe renbere veramente bene in quella parte, e per quanto riguarda la rigidità della braschi: è come se fosse ormai il suo personaggio
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00
Mercatino: Necros

Precedente

Torna a Tempo Libero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron