Le verità Nascoste

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo, Cippacometa, Sephion, Rage, pacobillo

Messaggioda linx » 12 gen 2007, 11:30

randallmcmurphy ha scritto:A proposito..chissà che fine hanno fatto quelle famose 600 copie di Raja che Lobokds aveva sul groppone l'anno scorso e che io gli avevo proposto di portare in un centro commerciale...


Ogni tanto ci penso anch'io.
Mi dispiace sempre quando una persona rischia per localizzare qualche titolo diverso dai soliti e finisce per rimanerne scottato.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6339
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda donbega » 12 gen 2007, 11:48

Zupperman ha scritto:Persone come Angelo Porazzi, i ragazzi della Post Scriptum e di Velagiochiamo, Alfredo Genovese con il suo Bolide, Lorenzo Marchetto con Mindstalkers, Andrea Gaudiano con il coloratissimo Ibiji! e Diego3D di Giochinscatola, sono da encomiare per il loro supporto al mondo dei giochi da tavolo in Italia e non penso meritino di poter essere ritenuti una delle possibili cause al problema.

Quoto, stra-Quoto :!: :!:
<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it
Offline donbega
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 311
Iscritto il: 27 marzo 2006
Goblons: 640.00
Località: Bagno a Ripoli (FI)
Mercatino: donbega

Messaggioda frank » 12 gen 2007, 12:08

Io volevo segnalare un caso concreto di anomalie del prezzo dei giochi.Qualcuno mi sa spiegare perche' ,per esempio,Koala inventato da italiani (Cortini e Moretti) e distribuito dalla Red Glove (se non erro di Empoli) costi di piu' sul sito internet della casa distributrice che per esempio in Germania venduto dai negozi ebay (vedi
http://www.redglove.it/showSingleProduct.tsk?i=109 e http://cgi.ebay.it/Koala_W0QQitemZ22006 ... dZViewItem
).12,90 contro 7,29euro? .Sono ben 5,61 euro di differenza...!!!!Vedi anche www.philibertnet.com (Francia)(9,00 euro)E le spese di spedizione non e' che siano cosi' differenti tra Italia e Germania.......Poi e' ovvio che uno compri i giochi in Germania.....!!!!
Ma come e' possibile?
Ciao
Francesco
Offline frank
Babbano
Babbano

Avatar utente
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 06 novembre 2006
Goblons: 120.00
Località: Genova
Mercatino: frank

Messaggioda shiny » 12 gen 2007, 12:46

Zupperman ha scritto:A dire la verità forse qualcosa si è mosso...
Nel Mediaworld di Curno (provincia di Bergamo), nelle vicinanze della nuova console Nintendo (Wii), l'8 dicembre c'erano lunghe pile di Marvel Heroes (il gioco in scatola naturalmente).
Qualche giorno fa ho notato la loro mancanza, presumo siano state vendute tutte le confezioni.


Questo conferma che probabilmente la mia ipotesi di affiancare i "nostri giochi" ai giochi tradizionali, non è una baggianata. Sicuramente la prossima volta Mediaworld, vedendo che ha venduto tutte le copie di Marvel Heroes, invece di acquistare un solo titolo ne acquisterà di più e magari acquisterà un numero di copie maggiore. Tutto ciò non per filantropia o per amore dei giochi ma semplicemente per profitto. Probabilmente le stesse persone che hanno acquistato MH compreranno anche altri titoli e così via. Ecco come cresce il mercato.

Simone
Offline shiny
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 29 dicembre 2005
Goblons: 90.00
Località: Santa Marinella (RM)
Mercatino: shiny

Messaggioda Lobo » 12 gen 2007, 13:07

Marvel Heroes non fa testo perché vende "da solo". Ovvero qualunque babbano amante dei fumetti Marvel o nonn che vuole regalare qualcosa al nipote se lo accatta causa Uomo Ragno e F4.

Notare ce su 4 gruppi 3 hanno avuto un film (sequel compresi) in sala, tanto che gli Amici dell'Uomo Ragno esistono solo per questo motivo

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Offline Lobo
Crazy Goblin
Crazy Goblin

Avatar utente
TdG Top Supporter
TdG Organization Plus
TdG Administrator
TdG Editor
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader 2 Star
TdG Top Supporter
 
Messaggi: 3726
Iscritto il: 09 giugno 2003
Goblons: 20,011,502.00
Località: Flaminius - TdG
Utente Bgg: Lobo
Board Game Arena: LGZ
Mercatino: Lobo
Puerto Rico Fan Twilight Struggle fan Sono un Goblin Terra Mystica Fan Membro della giuria Goblin Magnifico Star Wars: X-Wing Fan BoardGameArena Player Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col rosso Tifo Roma Gundam fan Goldrake fan Podcast Fan Ventennale Goblin

Messaggioda linx » 12 gen 2007, 13:12

Lobo ha scritto:Marvel Heroes non fa testo perché vende "da solo". Ovvero qualunque babbano amante dei fumetti Marvel o nonn che vuole regalare qualcosa al nipote se lo accatta causa Uomo Ragno e F4.


Beh, allora potevano svegliarsi prima con "La guerra dell'Anello".
O no?
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6339
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Angiolillo » 12 gen 2007, 14:53

Un po' di note sparse...

>La maggior parte dei giochi di un certo spessore sono ormai sviluppati in maniera quasi del tutto indipendente dalla lingua e quindi si potrebbe produrre un gioco "multilingua", con tirature elevate, abbattendo i costi.

E' quello che in effetti si fa: per Bang! come per Marvel Heros, per La Guerra dell'Anello come per Wings of War, eccetera.

Questo è alla portata anche di editori anche medio-piccoli. Per fare un esempio che prescinda da licenze forti e grandi accordi internazionali, se "Obscura Tempora" costa 13.50 euro, a fronte di un contenuto di 165 carte (tre mazzi standard con una quindicina almeno di disegni originali di illustratrice professonista, e anche quelli costano), è perché è uscito contemporaneamente in italiano, tedesco, francese e inglese, e l'editore ha scelto di allineare il prezzo a quello estero. Altri editori sono liberi di fare altrimenti, per cui si trovano in giro giochi di sole carte, senza altri materiali, che costano ben di più. Ma la possibilità c'è.

Però, tra tutte le cose stravere che dice DDG, c'è anche quella che i giochi al contrario dei libri non hanno un prezzo imposto. Per cui, hai voglia a cercare di allineare i prezzi anche tra i diversi paesi: magari c'è qualcuno che fa dumping, bruciando tutta la catena. Ed è un problema più tedesco che altro. Che però si riflette in fenomeni di importazione parallela e quant'altro, che creano problemi un po' a tutti gli operatori. Parlo di dumping,
http://it.wikipedia.org/wiki/Dumping
non di semplice libera concorrenza. Il dumping è una distorsione della concorrenza. Se un tedesco vende a meno del prezzo di negozio sta facendo dumping. E se l'editore vende a prezzo di negozio sta portando rispetto per i suoi negozianti, anche se ne consegue che vende a un prezzo maggiore di chi fa dumping.

In altri thread ci si lamenta che gli editori non fanno abbastanza sconti alle fiere (si veda i report dell'ultimo Lucca Games). Beh, un editore serio non fa sconti particolarmente forti online o alle fiere o in altri casi di vendita diretta per non bruciare i suoi negozianti. Se no poi il negozio all'angolo chiude e il gioco da comprare sotto casa non vi arriva, ma nemmeno la possibilità di vederlo, provarlo, discutermo con il negoziante di fiducia (per poi magari, come si diceva, comprarlo altrove). Il servizio di cui parla DDG. Insomma, l'acquirente finale è cliente dell'editore, ma il negoziante pure.

>Sarebbe anche l'ora che i nostri distributori agissero a monte con le case editrice straniere per convincere dell'utilità di includere l'Italiano nei regolamenti ufficiali dei giochi in modo da potere acquistare e distribuire direttamente le copie originali dei nuovi giochi. Questa cosa la stiamo facendo noi appassionati a livello personale ma è una cosa che dovrebbero fare i distributori.

O anche gli editori. Per esempio, è quello che fa la Nexus Editrice con Fantasy Flight Games: ci sono giochi grandi e massicci e con materiali in lingua che hanno bisogno di una vera e propria localiozzazione italiana e magari escono un po' dopo, ci sono giochi come "Nel deserto" di Knizia che vengono direttamente prodotti con regole italiane e immessi subito nella distribuzione.
Secondo me è anche meglio che sia un editore e non un distributore. Un editore ha una redazione, e per tradurre le regole ce n'è bisogno (chi ha visto i giochi Gigamic con le regole italiane scritte all'estero, tanto per fare un esempio, sa che non è bene che siano gli editori stranieri a farsi i regolamenti italiani da soli). Un editore ha di norma un ufficio stampa (o qualcuno che ne fa le funzioni), dei dimostratori, eccetera. Competenze professonali che aiutano il gioco, a cui a valle il distributore aggiunge le sue. Io ho quasi perso un torneo per via delle traduzioni dell'importatore dei giochi Avalon Hill degli anni '80, e ricordo ancora certi suoi granchi terrificanti su diversi giochi. La sua opera fu senza dubbio meritoria, ringraziamo il cielo che vi fu e che si diede da fare: ma se fosse stata una redazione e non un importatore a curare le traduzioni avremmo evitato dei momenti di discussione piuttosto tristi durante le nostre partite.

Grande distribuzione:
>>Marvel Heroes non fa testo perché vende "da solo".
>Beh, allora potevano svegliarsi prima con "La guerra dell'Anello".

Io nell'ultimo par d'anni, anche prima dell'uscita di Marvel Heros, La Guerra dell'Anello l'ho vista da Feltrinelli, nelle librerie Mondadori, in una cartolibreria di Anzio... Speso anche con giochi che non vendono da soli, come Wings of War. Si fa quel che si uò. Ricordo però che i circuiti delle giocattolerie un tempo volevano solo roba pubblicizzata in TV, e come si diceva i costi per Nexus e affini sono proibitivi. Non è l'editore, di solito, che preferisce essere in pochi e piccoli punti vendita anziché in tanti e grandi. Anche se poi allargare la distribuzone è un impegno: occorre immobilizzare più soldi, aumentare le tirature. Non è cosa agevole e immediata.

Autoproduzione: la mia opinione l'ho già espressa su ihg e InventoridiGiochi, coincide con quella di Walter Obert e di vari altri autori che si sono espressi nelle stesse sedi. Da un lato a me serve che un gioco passi il vaglio delle case editrici, che non sono infallibili ma almeno scremano cose che potrei illudermi siano belle e magari le vedo così solo perché ogni scarrafone ecetera eccetera. Poi certo, su un mercato più ampio e vivo magari certi giochi non avrebbero atteso anni per uscire, ma pazienza.
Inoltre un gioco ha bisogno di autori, collaudatori, traduttori, curatori, grafici, uffico stampa, dimostratori e quant'altro, oltre a tipografi e negozianti. Io non so fare molti di questi mestieri, né sono il più bravo a farli. Se li fa qualcun altro e io mi concentro sull'essere autore, ci guadagno io che faccio più giochi e migliori, e ci guadagna il gioco che esce assai più bello e forte e ricco. Stesso motivo per cui preferisco pagare una signora per stirarmi le camicie e usare il tempo che impiegherei a stirare per scrivere giochi da rivista: alla fine in termini strettamente economici ci guadagno, ci guadagna anche la signora e vado in giro vestito un pochettino più decorosamente che se me le stirassi da me.
Infine tutte queste professionalità coinvolte rendono il gioco vivo e autonomo: se non posso andare a una manfestazione, se non faccio io personalmente un'espansione o altro, il gioco vive e va avanti e cresce lo stesso. Al di là del fatto che per fortuna a volte il gioco funziona di suo e come fa notare Liga sono gli stessi appassionati che si danno da fare per tradurre, ma anche per organizzare tornei e presentazioni, per realizzare espansioni e materiali aggiuntivi e quant'altro. Il che, lasciatemi dire, da autore mi dà un conforto enorme: significa avere il segno tangibile che non si è buttato il proprio tempo ma si è creato qualcosa che piace e coinvolge anche gli altri.
E quindi rispetto per il coraggio di chi si autoproduce: la storia ha anche diversi casi passati, magari in mezzo a chissà quanti fallimenti, a dimostrare che si può partire da un'autoproduzione e raggiungere il successo vero. Faccio due soli nomi a fianco dei quali direi che non ne servono altri: Subbuteo e Scarabeo (Monopoli non vale, l'auoproduttore si spacciava per autore ma non lo era). Però è anche vero che una certa esterofilia dei giocatori italiani è anche leggittimata dalla scarsa qualità di certe autoproduzioni. Mi riferisco al passato, a ditte ormai (guarda caso) chiuse, cui va la mia stima per averci provato ma non tanto per quello che hanno prodotto. Del resto, potete vederlo nei miei commenti ai giochi qua sulla Tana. Faccio nomi? L'amico Giacomo Fedele di Camelot, bravo, entusiasta e quel che volete, ma Peninsula Italica e Barbarians (per citare due giochi che mi sono recentemente ricapitati in mano) avevano troppi problemi per poter essere considerati professionali. Se poi gli acquirenti di quei due itoli hanno preso a diffidare dei gochi italiani, non so dar loro torto.

>Vecchie discussioni che trattavano lo stesso argomento..e che purtroppo giungevano alle stesse conclusioni ragion per cui mi duole constatare che tutto sia pressocchè uguale...beh..del resto non è che mi aspettassi cambiamenti sostanziali in un anno..

Vero. Però, fanzinato a parte, questo ambiente lo bazzico da circa 25 anni, se vogliamo contare da quando facevo le mie prime recensioni per Pergioco e discutevo appunto con i distributori del problema della distribuzione, dello scrivere il prezzo in una recensone oppure no, e cose del genere. E devo dire che da allora di strada, passo passo, ne abbiamo fatta tantissima (anche se un mensile di giochi in edicola purtroppo non c'è più). Ora abbiamo autori che pubblicano direttamente all'estero, giochi italiani che escono in prima turatura in una decina di lingue, licenze mondiali che si tramutano in giochi d'autore italiani, editori italiani che producono all'estero con i migliori fornitori del mondo, autoproduttori che dopo qualche mese vedono il loro gioco uscire con i prestigiosi marchi di ditte tedesche e americane, giochi stranieri che arrivano agevolmente in Italia tradotti e localizzati. Scusate, ma non è poco. E' il frutto di una storia magari zigzagante e non sempre in rapida evoluzone, ma che ha saputo crescere e rafforzarsi di esperienza in esperienza.

E per non ripetermi oltre, ripasso la palla.

Salutoni,

Andrea
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5396
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda randallmcmurphy » 12 gen 2007, 15:42

Angiolillo ha scritto:Vero. Però, fanzinato a parte, questo ambiente lo bazzico da circa 25 anni, se vogliamo contare da quando facevo le mie prime recensioni per Pergioco e discutevo appunto con i distributori del problema della distribuzione, dello scrivere il prezzo in una recensone oppure no, e cose del genere. E devo dire che da allora di strada, passo passo, ne abbiamo fatta tantissima (anche se un mensile di giochi in edicola purtroppo non c'è più). Ora abbiamo autori che pubblicano direttamente all'estero, giochi italiani che escono in prima turatura in una decina di lingue, licenze mondiali che si tramutano in giochi d'autore italiani, editori italiani che producono all'estero con i migliori fornitori del mondo, autoproduttori che dopo qualche mese vedono il loro gioco uscire con i prestigiosi marchi di ditte tedesche e americane, giochi stranieri che arrivano agevolmente in Italia tradotti e localizzati. Scusate, ma non è poco. E' il frutto di una storia magari zigzagante e non sempre in rapida evoluzone, ma che ha saputo crescere e rafforzarsi di esperienza in esperienza.


Certo certo..è stato fatto tanto dagli italiani..per l'estero! :-?

Ma da noi nei negozi c'è sempre monopoli e risiko..per trovare un bang (già tutto in italiano come appunto ricordavi) bisogna essere dei novelli diogene, e nessuno nemmeno è a conoscenza di questo "rinascimento" ludico..

Sul fatto dei negozi sotto casa, come dicevo prima, a me non interessa molto..restare ancorati a questa idea che siano migliori mi pare un po' ammuffita..io sono più contento se TUTTI possono trovare TUTTI i giochi nei centri commerciali, facendo sì che tali prodotti diventino di conoscenza comune, perchè vi ricordo che adesso come adesso i negozi sotto casa sono poco più che delle cattedrali nel deserto, mentre se ad un Iper qualunque viene in mente di comprare Marvel Heroes poi lo troverete in tutti gli Iper..

Lo so che le tirature richieste dalla grande distribuzione sono forse ancora fuori portata per Nexus e compagnia bella, ma insomma io credo che la conoscenza sia fondamentale e come diceva qualcuno prima, visto che negli iper venderebbero anche scatole con dei sassi proposte come giochi, figuratevi cosa succederebbe se vendessero VERI giochi...innanzitutto l'inizio della conoscenza e della diffusione, e poi come è successo a me e credo a tanti altri, la curiosità di scoprire cosa sono questi strani prodotti che sembrano una ventata di novità ventennale nella nostra concezione dei giochi da tavolo...

Sul dumping è un discorso complicato...noi ci lamentiamo sempre dei prezzi perchè raffrontiamo spesso i negozi italiani con i negozi on-line tedeschi..ovviamente il paragone non regge...

Io parlo di un problema a monte, cioè che in Germania praticamente Tutti sappiano dell'esistenza e della validità di questi giochi, mentre da noi praticamente nessuno..se tali prodotti diventassero anche qui di "dominio pubblico" invece che essere delle mosche bianche, sicuramente ci si accorgerebbe della loro importanza economica (perchè ovviamente come ricordavate il profitto è la cosa più importante e non la passione o la filantropia) e si potrebbero trovare importanti offerte anche nei nostri negozi..

Del resto non sarà un caso che Heroscape anche qui da noi, e senza andare su internet sia stato venduto nei grandi centri commerciali a 47€ (e altri mi pare lo abbiano visto anche a meno) invece che ai 74 (!!!) dei negozi che adesso noi consideriamo normali o i 60 che la stessa MB proponeva a Lucca 2005 per il "lancio" del prodotto in Italia.

E le offerte invogliano..insinuano la pulce nell'orecchio..e i clienti, come direbbe Stephen King..a volte ritornano! :grin:
« Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. »

(Isaac Asimov)
Offline randallmcmurphy
Goblin Showman
Goblin Showman

Avatar utente
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2902
Iscritto il: 24 giugno 2005
Goblons: 1,700.00
Località: Rimini
Utente Bgg: mcmurphy
Mercatino: randallmcmurphy
10 anni con i Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico

Messaggioda liga » 12 gen 2007, 16:49

Per dare man forte a quello che dice il buon Angiolillo, ecco qua una mail che mi è arrivata ieri da un editore di una rivista internazionale di giochi da tavolo molto prestigiosa, che voglio dividere con voi perchè mi ha recato immenso piacere ... non dico il nome del "colpevole" per motivi di riservatezza:

The most significant happening in the games world of the last three years has been the Italian decision to cross the Alps and bring their games to Essen.
I knew there was an Italian branch of the hobby before then, because D*** C*** speaks Italian and subscribes to the Italian games magazine whose name I forget, but for the rest of us the country wasn't really on the games map.


traduco alla buona

L'avvenimento più significativo nel mondo dei giochi degli ultimi 3 anni è stata la decisione degli Italiani di attraversare le Alpi e portare i loro giochi ad Essen.
Sapevo che esisteva un ramo Italiano di questo hobby anche prima, perchè D*** C*** parla Italiano ed era iscritto ad una rivista di giochi Italiana il cui nome ora non ricordo, ma per il resto di noi l'Italia in realtà non esisteva nella mappa del gioco.

...

insomma, a piccoli passai qualcosa lo state (mi riferisco ad autori, editori sopratutto) ottenendo! Continuate così!

buon gioco a tutti
Liga

*** www.facebook.com/ludologo Ludologo su Facebook www.ludologo.com Il mio sito personale www.facebook.com/ClubTreEmme Club TreEmme

Offline liga
Goblin Spy
Goblin Spy

Avatar utente
TdG Moderator
Top Author 2 Star
Top Reviewer 2 Star
Top Uploader
 
Messaggi: 2017
Iscritto il: 17 giugno 2003
Goblons: 9,320.00
Località: Modena (Italy)
Mercatino: liga

Messaggioda Angiolillo » 12 gen 2007, 17:27

Lo stiamo, tu e molti altri inclusi, facendo. L'ipermercato mi pare una meta ardua per i vari motivi schiettamente commerciali da molti di voi esposti. Però un sacco di gente porta i giochi da tavolo e di ruolo in scuole, biblioteche, manifestazioni, feste di piazza. Ne scrive in testate non specialistiche. Ne parla in radio e televisione. Li presenta nelle librerie. Eccetera, eccetera, eccetera. Cito i gochi di ruolo perché mi è capitato di tirare le fila delle esperienze italiane in un manuale per insegnanti e quindi ho l'argomento più sott'occhio. Al di là delle encomiabili convention per appassionati, che hanno allargato il loro pubblico e che continuano a fare il loro ottimo mestiere, ci sono tante altre piccole realtà capillari che magari agli appassionati sfuggono e che un po' di cultura del gioco la diffondono anche in territori prima inesplorati.
Anche l'idea, che so, di aprire i saloni del fumetto a giochi d'ambiente e di ruolo non è novità da poco e di frutti ne ha portati assai: da Lucca Games che ha aperto il filone a tutti i suoi più o meno riusciti tentativi di benvenuta imitazione.
In quanto ai negozi, ci sono anche lì realtà migliori e peggiori. Ma se non ci fossero posti come - faccio un solo nome d'eccellenza - Stratagemma a Firenze, con la sua capillare attenzone a best-seller come a case minori, a novità come a titoli d'annata, a corsi e dimostrazioni come a tornei e iniziative varie, il nostro mondo sarebbe più piccolo e anche più grigio.
Dopodiché siamo umani e abbiamo i nostri limiti. Io più di una dozzina di presentazioni/manifestazioni/corsi per insegnanti/seminari o altro in un anno non riesco a farli. E se quindi non riusciremo a portare le masse a giocare a tutti i nostri giochi... pazienza, si fa quel che si può.

Salutoni,

A.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5396
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda tanis70 » 12 gen 2007, 17:32

Persone come Angelo Porazzi, i ragazzi della Post Scriptum e di Velagiochiamo, Alfredo Genovese con il suo Bolide, Lorenzo Marchetto con Mindstalkers, Andrea Gaudiano con il coloratissimo Ibiji! e Diego3D di Giochinscatola, sono da encomiare per il loro supporto al mondo dei giochi da tavolo in Italia e non penso meritino di poter essere ritenuti una delle possibili cause al problema.


Se anzichè fare delle facili affermazioni "populistiche" uno leggesse con attenzione gli articoli e cercasse di capirli non se ne uscirebbe con queste uscite.

Certo che tutti gli autoproduttori sono da lodare per l'entusiasmo che infondono nel loro operato. Ho grande stima di chiunque si arrischi in operazioni del genere, ed in particolare il mio rapporto con Angelo sconfina nell'amicizia. E molti dei giochi e degli autori autoprodotti che tu citi sono effettivamente tra i pochissimi che ritengo sia un bene siano stati pubblicati comunque.

Per caritàdiddio, massimo rispetto per il coraggio, come scrive Andrea, il cui intervento quoto dalla prima all'ultima sillaba.

Affermare però che un eccessiva proliferazione di titoli autoprodotti genera confusione nel mercato e tra gli operatori è una constatazione, un'analisi lucida della situazione, senza voler gettare la croce addosso a nessuno e naturalmente nella consapevolezza che non tutte le cause hanno il medesimo peso.

Non a caso però, chi lavora professionalmente nel settore come Dgg ed Angiolino mostrano di condividere in pieno la mia opinione, anche per quanto concerne il dumping che si viene a creare in situazioni di importazione parallela.
Offline tanis70
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
Game Inventor
 
Messaggi: 1421
Iscritto il: 30 gennaio 2005
Goblons: 330.00
Località: Torino
Facebook:https://www.facebook"> https://www.facebook
Mercatino: tanis70

Messaggioda WarAngelo » 12 gen 2007, 18:05

>Giuseppe: Persone come Angelo Porazzi, ...(e altri Autoproduttori)... sono da encomiare per il loro supporto al mondo dei giochi da tavolo in Italia e non penso meritino di poter essere ritenuti una delle possibili cause al problema.


>Andrea: tutti gli autoproduttori sono da lodare per l'entusiasmo che infondono nel loro operato. Ho grande stima di chiunque si arrischi in operazioni del genere, ed in particolare il mio rapporto con Angelo sconfina nell'amicizia.

Confermo.
Andrea "Tanis" Chiarvesio e' uno delle tante persone amiche e professionali, che giocano, conoscono e scrivono con competenza dei giochi, siano essi Autoprodotti o no. E lo ringrazio moltissimo delle belle e sincere recensioni e commenti che ha scritto per i miei e moltissimi altri giochi, anche qui sulla Tana.
Capisco e ringrazio anche Giuseppe "Zupperman" Fasano per l' intervento e per la stima reciproca. Anche Giuseppe e' per me una delle tante persone professionali ed amiche che ho conosciuto grazie ai miei giochi.

>Domenico: se sono ancora lì dopo 4, 5, 10 anni, bisogna dire che si tratta di bravi imprenditori (anche gli autoproduttori, che diventano sempre più professionali!)

Condivido.
Se qualche Autoproduttore, o ditta grande o piccola, esiste ancora dopo 4, 5, 10 come leggo sopra,
e' perche' riesce a fare buoni giochi, che soddisfano i suoi giocatori.
In tutti i campi, Autoproduzione o no, c'e' chi fa buoni giochi e chi no.
Sono il tempo, i fatti, i risultati che parlano da soli e i giocatori che
decidono.
Credo che chi legge qui sulla Tana e investe tempo a rispondere siano tutte persone, autori, editori che sono attenti ai giocatori e che li rispettano, lavorano insieme a loro nel playtest, o i giochi non sono buoni e non durano 10 anni.
Non e' l' etichetta che uno ha addosso che lo rende piu' credibile ma come
si comporta con i giocatori e le persone, anche attraverso i giochi che realizza se e' un autore.
Attraverso il servizio clienti, la presenza sul campo e sulla rete, la
disponibilita', l' educazione.

>Andrea: In fondo, il senso del mio intervento, era: qualunque ruolo occupiate nell'industria ludica (consumatori, editori, distributori, autori,
commercianti) cercate di fare il possibile per contribuire

sempre fatto e lo continuero' a fare finche' mi diverto
Aree Autoproduzione per chi vuole divertirsi a fare,
Partecipare a ogni Con grande o piccola che invita,
Giri d' Italia Ludici a Essen,
PhotoReport che impegnano molto tempo ma che a quanto vedo servono a tanti per conoscere giochi, giocatori e fiere,
Comunicare ogni realta', gioco e persona ludica che vedo darsi da fare nel tempo onestamente e che sa comunicare onestamente anche gli altri

>E' più utile che addossare tutta la colpa agli altri.

Addossare tutta la colpa agli altri, denigrare il lavoro di altri,
pregiudicare con la testa di altri, sono mali che si vedono, tipiche di
una realta' in crescita dove c'e' molta poca conoscenza vera e tanta
superficialita' o invidia o "sentito dire".
Auguro a tutti di crescere insieme perche' il mondo dei giochi e' molto
bello, davvero.
In questi ultimi anni io vedo molti miglioramenti.
Sulla rete discussioni e confronti molto piu' educati,
Fiere e Con sempre piu' numerose da accavallarsi e comunque piene,
Aree Autoproduzione in sempre piu' con e con sempre piu' appassionati,
Giocatori che sanno riconoscere chi li rispetta da chi li tratta come numeri,
ho buone speranze.
Mi sembra che tante persone nuove e intelligenti (che sanno "leggere-dentro" le cose, i forum, le persone, i giochi) si stiano affacciando sulla rete e alle fiere.
Se siamo in tanti a realizzare buoni giochi, a dare un servizio clienti
professionale, a fornire disponibilita' e presenza dal vivo e sulla rete,
tanto meglio.
Decidono i Giocatori, la gente vera e che "sa leggere" chi e' meritevole.

Ciao!
Vado a preparare il letto a Jost e ci si vede domani a IDEAG,
a prestissimo;)
Angelo
Offline WarAngelo
Maestro
Maestro

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
Game Illustrator
 
Messaggi: 949
Iscritto il: 02 dicembre 2003
Goblons: 3,620.00
Località: Milano
Mercatino: WarAngelo

Messaggioda donbega » 12 gen 2007, 19:26

E infatti, il lavoro pionieristico di tante persone che lavorano nel settore dei giochi va encomiato ed apprezzato. Ed avranno sempre tutto il mio appoggio. Naturalmente questo non mi impedisce di vedere le cose come realmente stanno. Il mercato dei giochi, negli ultimi anni, sta diventando un pò come quello dei libri: ne vengono pubblicati tanti e qualcuno diventa un bestseller mentre gli altri sono in pochi a comperarli. E' chiaro che questa situazione crea confusione perchè è necessario, per chi compra, disporre di sempre più informazioni prima di procedere all'acquisto (recensioni, giudizi ecc.) Ma questo, a parer mio, non è necessariamente un male.
<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it
Offline donbega
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 311
Iscritto il: 27 marzo 2006
Goblons: 640.00
Località: Bagno a Ripoli (FI)
Mercatino: donbega

Messaggioda Angiolillo » 12 gen 2007, 19:59

donbega ha scritto:Il mercato dei giochi, negli ultimi anni, sta diventando un pò come quello dei libri: ne vengono pubblicati tanti e qualcuno diventa un bestseller mentre gli altri sono in pochi a comperarli.


Secondo me la cosa curiosa è anche, per quanto riguarda la produzione italiana, che questo avviene con un proliferare di case editrici. Non sono quielle esistenti che allargano a macchia d'olio il numero dei titoli: la Nexus si concentra su pochi giochi serializzabili aggiungendo pochi nuovi titoli alla gamma, la daVinci dopo un esordio con parecchi titoli per insediarsi sul mercato va ora in maniera più mirata, e così via. Però nascono tante nuove case editrici che danno spazio a vari nuovi autori e spuntano tanti nuovi autoproduttori. Il che rende ancora più difficile orientarsi, visto che non ci si può basare sulla conoscvenza pregressa del marchio (o dell'autore) per il quale magari si nutre già fiducia (o sfiducia).

Purtroppo, peraltro molti editori hanno anche chiuso, in questi anni... anche se questo non sembra scoraggiare i nuovi. La selezione naturale è una triste realtà, e anche il fatto che magari se non si "sfonda" c'è chi preferisce dedicarsi ad altro nella vita piuttosto che continuare a livello hobbystico con basse tiorature e scarso successo. Molti ne ho visti di editori che, magari in seguuto a matrimonio o a offerta di posto fisso, hanno preferito lasciar perdere. Non necessariamente con traumi finanziari, che pure in altri casi ci sono stati.

tanis70
>Non a caso però, chi lavora professionalmente nel settore come Dgg ed Angiolino mostrano di condividere in pieno la mia opinione

Perfettamente! E lo dico esplicitamente.

Ciao a tutti,

A.
"Il Premio Speciale alla Memoria... a un autore che da anni ci regala nulla di nuovo: Andrea Angiolino... Dandogli un premio alla memoria, lo costringiamo a cambiare l'ironica firma che usa sulla Tana dei Goblin." (Il Puzzillo/Mr.Black Pawn)
Offline Angiolillo
Goblin
Goblin

Avatar utente
Top Author 1 Star
Game Inventor
 
Messaggi: 5396
Iscritto il: 11 giugno 2004
Goblons: 2,470.00
Località: Roma
Mercatino: Angiolillo

Messaggioda rporrini » 12 gen 2007, 20:19

donbega ha scritto:Il mercato dei giochi, negli ultimi anni, sta diventando un pò come quello dei libri:


No, non ancora. Ma se così succedesse, potremmo avere Angiolillo, o gli Acchittocca o ... (sostituite ai puntini l'autore che preferite) in un locale a presentare il loro ultimo gioco vendendo le copie autografate.

Bel panorama, vero? :grin:
Immagine
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.
Offline rporrini
Magister Antiquitatis
Magister Antiquitatis

Avatar utente
Tdg Super Moderator
Top Author
Top Uploader 1 Star
Tdg Supporter
 
Messaggi: 9594
Iscritto il: 20 febbraio 2004
Goblons: 780.00
Località: Roma - First Valley
Utente Bgg: rporrini
Board Game Arena: rporrini
Yucata: rporrini
Facebook: rporrini
Mercatino: rporrini
Puerto Rico Fan Tocca a te fan Terra Mystica Fan Alta Tensione Fan Alhambra Fan Sono stato alla Gobcon 2016

PrecedenteProssimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti