Lucca: che disastro!

Sulla famosa manifestazione di giochi e fumetti. About the famous event related to comics and games

Messaggioda Moreno » 8 nov 2010, 20:45

Lucca ormai da tempo non è un più nè una mostra mercato, nè una fiera del settore, nè uno spazio culturale.

E' una fiera paesana, un carnevale fuori stagione.

E a tutte le fiere paesano in cui vado, non si paga quando entri all'osteria a bere del vino (pagando poi un'altra volta al banco), pachi quando entri in fiera.

Ci vuole un attimo a transennare gli accessi in centro e far pagare un biglietti a tutti i non residenti. A quel punto, dentro non ci sarebbe nemmeno più bisogno di bloccare gli ingressi agli stand per verificare i braccialetti. Meno chaos per le strade e traffico più fluido.

/\/\oreno


(Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, dvd, etc, l'elenco lo trovate qui: https://www.gentechegioca.it/smf/index.p ... 739.0.html)

Offline Moreno
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 878
Iscritto il: 29 agosto 2010
Goblons: 0.00
Località: Forlì (FC)
Mercatino: Moreno

Messaggioda Frost82 » 8 nov 2010, 23:15

Mah... Guarda Massimo concordo con te che quel biglietto possa servire a coprire parte delle spese che Lucca sostiene per tutti questi fantastici (e molte volte inutili) eventi, ma è anche vero che non ci si può dimenticare dello zoccolo duro.

E' un discorso che ho affrontato anche con gli organizzatori, ma come al solito mi sono sembrati molto "fugaci" nelle loro risposte: evidentemente vorranno lavorare con altre ditte e non con Red Glove ;)

In ogni caso, vedendo le critiche che avete esposto, io posso semplicemente dirvi che la fiera che state cercando non è Lucca, ma Play. Play rispecchia molte delle idee sopra citate ed è più "giocatore-oriented". Anche come Red Glove dal prossimo anno vedremo di spingere maggiormente Play.
Offline Frost82
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 17 dicembre 2004
Goblons: 160.00
Mercatino: Frost82

Messaggioda _Kaos_ » 9 nov 2010, 1:28

io mi tiro fuori dalla polemica e dalla questione rivenditori/pubblico/organizzatori e da quella evento culturale/mostra mercato/sagra di paese.

insisto solo nel dire che la logistica era pura anarchia. dalle file per i bracciali nonostante le prevendite (che voglio ricordare si pagano e che non era un concerto dove andavano esauriti i biglietti se non li preordinavi) al traffico bloccato nella città. ...e tutto quello che può starci in mezzo, costi eccessivi per gli stand il relazione al beneficio di avere "ospiti illustri" :!: compresi.
Offline _Kaos_
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 260
Iscritto il: 15 maggio 2010
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: _Kaos_

Messaggioda il_Nadir » 9 nov 2010, 2:23

Ma infatti Federico concordo con te sul fatto che una grossa fetta di gente che va a Lucca in realtà non è interessata più di tanto al programma culturale che, in realtà, è quello per cui paga realmente e in buonissima misura il biglietto.
Il punto è domandarsi se Lucca senza gli ospiti, le mostre, i convegni, i concorsi, i concerti, i tornei ecc... sarebbe ancora la Lucca che conosciamo? Attirerebbe ancora tutta la gente che attira oggi? Insomma sarebbe ancora la Lucca C&G leader indiscusso delle manifestazione dedicate al gioco e ai comicis in Italia?
La risposta è difficile da dare.
Quello che possiamo dire di certo è che ad una parte degli espositori come te Federico, e come molti altri suppongo, e anche a parte della gente che ci va (come molti ragazzi qui sulla Tana), il programma culturale di Lucca non interessa, in buona sostanza, interessa solo invece l'aspetto di fiera/mercato. E quindi concordo PLAY è assolutamente più corrispondente a questo modello, rispetto a Lucca.
Per gli organizzatori però Lucca deve essere altro.

Io penso che, in definitiva, Lucca sia, prima di tutto, prima ancora della gente che ci va, sia a visitarla che come espositori, di chi la pensa e la realizza ogni anno. Il progetto è loro e se loro hanno in mente una Lucca che sia qualcosa di più di una mostra/mercato è giusto che seguano il loro progetto. Poi sta ai singoli operatori del settore e appassionati valutare se quel progetto corrisponde con le proprie esigenze, e se il prezzo vale la candela, per così dire. Ad oggi la risposta unanime degli operatori mi sembra che sia ancora che Lucca, comunque, valga tutto questo, e i dati di affluenza dei visitatori sembrano dimostrare che sia così anche per gli appassionati. Vedremo se le cose cambieranno.
Dico anche che Play e Lucca non sono autoescludenti come spesso si intravede da chi scrive.
Sono due progetti diversi, che personalmente, ad esempio, apprezzo tantissimo tutti e due in modi diversi e, probabilmente, non rinuncerei a nessuno dei due, da appassionato.

Detto questo, ripeto, molte delle critiche su possibili miglioramenti della organizzazione logistica e altro sono assolutamente condivisibili. Anche se temo, come ho già detto, che almeno alcuni dei problemi non siano davvero risolvibili fino a che Lucca sarà in centro e non avrà una struttura permanente.
Offline il_Nadir
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Messaggi: 633
Iscritto il: 01 ottobre 2007
Goblons: 30.00
Località: Milano
Mercatino: il_Nadir

Messaggioda Crow » 9 nov 2010, 11:08

Precisazione da Lucchese (di adozione) e da assiduo frequentatore del Comics sin dal lontano 1998: il Lucca C&G era originiariamente situato nell'area Expo & Fiera di Lucca (vicino al palazzetto dello sport) e solo dal 2006, in occasione dei 40 anni della manifestazione, si è trasferita nel centro città.

Questa scelta è stata fatta sia per la valorizzazione del centro storico (altrimenti letteralmente ignorato dalla manifestazione) sia per ragioni di spazio visto che Lucca è una citta molto piccola e la sua area fieristica è dimensionata per i suoi abitanti. Tant'è che negli ultimi 5 anni dell'area expo & fiera fu invaso anche il palazzetto dello sport per dare spazio agli stand in perenne crescita con risultati organizzativi persino peggiori dell'ultima edizione (vi parlo di gente completamente bloccata nella bolgia di fronte ad uno stand di fumetti incapace di muoversi in qualunque direzione).

L'uso della città e dell'enorme parco che circonda la città (il fuori-mura) dava nuove opportunità organizzative sia per la separazione degli stand (dividendo in parte la folla) sia per l'ampliamento della struttura stessa (ogni anno ci sono sempre più espositori, eventi, manifestazioni).

C'è stata anche una forte novità quest'anno: l'area Citadel interamente gratuita (ticket free) posizionata nello storico luogo dedicato al cosplay. Questo potrebbe fare da precedente ad una separazione anche gestionale degli stand (gratuiti-ticket) che potrebbe portare ad una doppia manifestazione: quella culturale e quella mercato, a libera discrezione dei partecipanti.

Ma Lucca prima di ogni altra cosa è una grande manifestazione culturale di un mondo che, pur in crescita, è sempre molto di nicchia. E' un grande ritrovarsi, conoscere novità, esibirsi in cosplay o grv, avvicinarsi a mondi simili ma distanti (es. gdt e videogames). E' una grande mescolanza di microculture che in quei giorni si trovano, si scontrano e si mescolano.

Credo che solo per questo motivo, per questa preservazione e scoperta (contestuali) meriti il prezzo del biglietto. Non lo merita assolutamente per la logistica che è semplicemente male organizzata e nulla ha a che vedere con città-fuori città.

Sarebbe sufficiente incentivare l'acquisto online e, con adeguate combinazioni di tarriffe ferroviarie-aeree e gestione del traffico a cura della municipale, scaglionare gli ingressi in città. Ci sono da anni progetti organizzativi ben diversi da quanto proposto, ma non vengono assolutamente valutati. Probabilmente perché, come sempre, il Kaos (e non _Kaos_ :roll: ) attira più fondi e attenzioni di qualcosa di ordinato e funzionante (almeno in Italia).

Questa è la mia opinione. Per quel che vale.
Offline Crow
Maestro
Maestro

 
Messaggi: 965
Iscritto il: 08 novembre 2010
Goblons: 260.00
Località: Lucca
Mercatino: Crow

Messaggioda mattnik » 9 nov 2010, 12:21

Crow mi è piaciuto l'intervento, soprattutto per quanto riguarda il discorso sui giochi che incontrano i videogiochi: oggi in prima pagina sulla Tana c'è l'annuncio che Bang sarà su I-Pod, I-Pad, etc...

In barba a tutti quelli che dicono che i giochi in scatola e i videogame non possono convivere e a Lucca dovrebbero essere divisi in rispettivi padiglioni!

Ovviamente, sono d'accordo col fatto che si debba dare più spazio ad entrambi, migliorando afflusso e gestione del sistema.

Il fattore "K" è...Bandito!

Offline mattnik
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
Top Uploader
TdG Auctioneer Level 1
 
Messaggi: 2848
Iscritto il: 23 agosto 2006
Goblons: 560.00
Località: Castiglione d'Adda (LO)
Mercatino: mattnik

Precedente

Torna a Lucca Comics & Games

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti