Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Moderatori: pacobillo, Sephion, Dera

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 1 dic 2015, 22:24

donhaldo ha scritto:Veramente io non ho detto che non puoi esprimere un'opinione, ma ribadisco che se affermi "usare con responsabilità" unito
a "bambino di 10-12 anni", non sai proprio di cosa parli...


Dati e fatti usare con responsabilità presuppone un soggetto terzo, purtroppo l'italiano a differenza di altre lingue, prevede soggetti non sempre conclamati nella costruzione di una frase, in questo caso, forse per un errore mio, l'ho omesso pensando fosse ovvio che il soggetto terzo fossero i genitori che devono "vegliare" sui propri figli. Poi c'è da aggiungere che sempre i genitori devono stabilire e valutare la maturità di un figlio che non sempre anzi quasi mai procede con la crescita fisica. Per cui (e sto per fare un iperbole a scanso di equivoci) un bambino potrebbe essere maturo a 6 anni ed avere la fiducia dei genitori per usare sotto la loro supervisione un tablet/smartphone e allo stesso modo non esserlo un 17enne. Alla fine il nocciolo della questione, a mio avviso, che ne la tv ieri ne gli smartphone/tablet oggi possono essere delegati a fare da baby sitter dei figli, gli educatori principali sono e devono essere sempre i genitori.
Ma ribadisco il concetto forte, che la tv ieri e gli smartphone/tablet oggi, sono un mezzo, un semplice mezzo e come tale va visto e usato, non demonizzato!
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda donhaldo » 2 dic 2015, 17:52

computerman ha scritto:Alla fine il nocciolo della questione, a mio avviso, che ne la tv ieri ne gli smartphone/tablet oggi possono essere delegati a fare da baby sitter dei figli, gli educatori principali sono e devono essere sempre i genitori.


Di uno smartphone regalato ad un figlio come ne controlli l'utilizzo quando non è con te, cioè la maggior parte del tempo?
Glielo facciamo lasciare a casa? Ok, ma allora è perfettamente inutile e non ha senso averlo.
Del resto, i software di "parental control" sono ancora più abominevoli perché di fatto rimarcano la mancanza di fiducia
dei genitori nei confronti dei figli: un'ottima cosa nell'età dello sviluppo...
Quindi, a mio avviso, il presunto controllo per un uso responsabile non è di fatto realizzabile con i dispositivi mobili.
Sarebbe molto più sensato riconoscere che di uno smartphone o di un tablet, un ragazzino di 10-12 anni (ma anche qualche anno
di più) non ne ha assolutamente bisogno e tutto filerebbe molto più liscio.

In secondo luogo, molti studi mettono in luce diversi problemi cognitivi legati all'uso dei media digitali:
vero che ce ne sono altri di segno contrario, ma proprio questa ambivalenza scientifica dovrebbe mettere
in guardia ed evitare di sacrificare ogni cosa in modo acritico sull'altare dell'innovazione tecnologica.
Immagine
Offline donhaldo
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2290
Iscritto il: 24 marzo 2014
Goblons: 100.00
Località: Modena
Utente Bgg: donhaldo
Mercatino: donhaldo

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 2 dic 2015, 19:15

donhaldo ha scritto:
computerman ha scritto:Alla fine il nocciolo della questione, a mio avviso, che ne la tv ieri ne gli smartphone/tablet oggi possono essere delegati a fare da baby sitter dei figli, gli educatori principali sono e devono essere sempre i genitori.


Di uno smartphone regalato ad un figlio come ne controlli l'utilizzo quando non è con te, cioè la maggior parte del tempo?
Glielo facciamo lasciare a casa? Ok, ma allora è perfettamente inutile e non ha senso averlo.
Del resto, i software di "parental control" sono ancora più abominevoli perché di fatto rimarcano la mancanza di fiducia
dei genitori nei confronti dei figli: un'ottima cosa nell'età dello sviluppo...
Quindi, a mio avviso, il presunto controllo per un uso responsabile non è di fatto realizzabile con i dispositivi mobili.
Sarebbe molto più sensato riconoscere che di uno smartphone o di un tablet, un ragazzino di 10-12 anni (ma anche qualche anno
di più) non ne ha assolutamente bisogno e tutto filerebbe molto più liscio.

In secondo luogo, molti studi mettono in luce diversi problemi cognitivi legati all'uso dei media digitali:
vero che ce ne sono altri di segno contrario, ma proprio questa ambivalenza scientifica dovrebbe mettere
in guardia ed evitare di sacrificare ogni cosa in modo acritico sull'altare dell'innovazione tecnologica.


Perdonami però o non leggi quello che scrivo o lo interpreti a modo tuo...quindi sorvolando sulla prima parte a cui ho già risposto, ti dico il mio pensiero sulla seconda parte, ovvero non ci sono studi degni di tale nome. Il fenomeno è troppo recente e questi pseudo studi mi ricordano quelli in cui a me si diceva che la calcolatrice era diseducativa e che non permetteva agli studenti di imparare le tabelline o a "fare di conto" come si usava dire un tempo.
Se ci vogliamo basare sugli studi, non dovremmo neanche usare il cellulare perchè le microonde potrebbero friggerci il cervello, le onde elettromagnetiche delle televisioni, ripetitori dell'asciugacapelli o il wifi...poi altri studi dicono tutto l'esatto contrario; insomma non siamo pronti per sapere cosa fanno e che effetto avranno su di noi.
Una considerazione...nel medioevo si diceva NO a tutto quello che non si conosceva, l'uomo moderno, deve provare, testare, sperimentare per capire e comprendere, per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato ;)
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda Maxwell » 2 dic 2015, 19:22

computerman ha scritto:per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato ;)

dubbio ;
vuoi mettere sullo stesso piano 1 oggetto inanimato e ed 1 essere vivente ?
il mio mercatino scambio\cerco 2015 :

https://www.goblins.net/content/modena-p ... tminiature
Offline Maxwell
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1042
Iscritto il: 22 novembre 2012
Goblons: 0.00
Località: Modena
Mercatino: Maxwell

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda donhaldo » 2 dic 2015, 19:45

No, sull'uso responsabile e su come garantirlo non mi sembra proprio tu abbia fornito
una risposta convincente e praticabile nei fatti, ma fa lo stesso.

Sul resto, ho scritto che gli effetti dei media digitali sulle capacità cognitive dei soggetti
che ne fanno uso non sono ad oggi chiari, perché ci sono ricerche con risultati preoccupanti.
Questo di per sé non è sufficiente per decidere alcunché, ma dovrebbe bastare per investigare
più a fondo e capire se l'uso acritico che se ne comincia a fare anche nella scuola abbia un
senso oppure no. Anche perché eventuali effetti negativi potrebbero essere riscontrabili
solo quando rischierebbe di essere troppo tardi per porvi rimedio.
Stiamo parlando di esseri umani (bambini in età scolare) in una fase particolarmente
delicata del loro sviluppo cerebrale.

Però se tutto viene interpretato con il criterio che se la tecnologia ci piace allora va
sempre bene, è fin inutile discutere!

L'ho già scritto, ma lo ripeto: a me la tecnologia piace e ci lavoro, ma da qui a prenderla
e usarla sempre e comunque in modo non ponderato ce ne passa, soprattutto quando si parla di bambini.

Ah, un'ultima cosa: come mai alle elementari continuano ad insegnare le tabelline a memoria
e la calcolatrice non la fanno utilizzare? Medioevo?
Immagine
Offline donhaldo
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2290
Iscritto il: 24 marzo 2014
Goblons: 100.00
Località: Modena
Utente Bgg: donhaldo
Mercatino: donhaldo

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 2 dic 2015, 20:07

Maxwell ha scritto:
computerman ha scritto:per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato ;)

dubbio ;
vuoi mettere sullo stesso piano 1 oggetto inanimato e ed 1 essere vivente ?


Assolutamente no ovviamente :approva:
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda massi_x » 3 dic 2015, 16:47

computerman ha scritto:Una considerazione...nel medioevo si diceva NO a tutto quello che non si conosceva, l'uomo moderno, deve provare, testare, sperimentare per capire e comprendere, per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato ;)


Quindi se non dai lo smartphone ad un ragazzino questo ti diventa razzista? Mi pare un'esagerazione.
Lo smartphone non è una diversità: è un lusso. La domanda è: i nostri bambini ne hanno veramente bisogno?
Offline massi_x
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 199
Iscritto il: 03 novembre 2015
Goblons: 0.00
Località: Antibes (France)
Utente Bgg: massi_x
Board Game Arena: massi_x
Yucata: massi_x
Facebook: massimo.gengarelli
Twitter: gengaro
Mercatino: massi_x

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 3 dic 2015, 19:02

massi_x ha scritto:
computerman ha scritto:Una considerazione...nel medioevo si diceva NO a tutto quello che non si conosceva, l'uomo moderno, deve provare, testare, sperimentare per capire e comprendere, per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato ;)


Quindi se non dai lo smartphone ad un ragazzino questo ti diventa razzista? Mi pare un'esagerazione.
Lo smartphone non è una diversità: è un lusso. La domanda è: i nostri bambini ne hanno veramente bisogno?

Comincio seriamente a pensare di aver problemi di comunicazione. Dove ho scritto che il ragazzino senza telefono diventa razzista? Please rileggere con attenzione :)

Inviato dal mio LG G2 utilizzando tapatalk
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda massi_x » 4 dic 2015, 11:32

computerman ha scritto:Comincio seriamente a pensare di aver problemi di comunicazione. Dove ho scritto che il ragazzino senza telefono diventa razzista? Please rileggere con attenzione :)

Confermo che hai problemi di comunicazione, forse dettati da un uso scorretto della punteggiatura.

"L'uomo moderno deve provare, testare e sperimentare per capire, comprendere e non farci fermare dalle diversità"

Fino a qui sono d'accordo con te: chi non lo sarebbe? Poi però dici una cosa strana.

per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato

Quel "che" dopo la virgola lega la frase secondaria alla primaria e si riferisce alla diversità.
In maniera implicita dici quindi quattro cose diverse:
  1. Oggi la diversità che l'uomo deve testare e sperimentare per capire, comprendere e non farsi fermare è lo smartphone. Ovviamente non sono d'accordo poiché lo smartphone non rappresenta una diversità ma un lusso. Ho lo smartphone perché me lo sono potuto permettere e perché sono maturo abbastanza da farne un uso corretto. Non vedo in che modo chi non lo ha per scelta sia diverso.
  2. L'immigrato farà parte della diversità che l'uomo dovrà testare e sperimentare per capire, comprendere e non farsi fermare. Onestamente non vedo come si possa testare e sperimentare un immigrato e vengono quasi spontanee battute a sfondo sessuale che non farò. In linea di fondo e per quanto il concetto sia stato espresso in malo modo mi trovi d'accordo. Non si capisce molto il rapporto fra smartphone e immigrato.
  3. Il sillogismo logico ed evidente dei due concetti espressi sopra è che se oggi non riusciamo a testare e sperimentare gli smartphone ci faremo fermare dalle diversità delle quali l'immigrato fa parte. Ergo, farsi fermare dagli smartphone oggi significa farsi fermare dall'immigrato domani. Ho molti colleghi che non hanno smartphone e non sono razzisti quindi ti posso già dire che hai torto, ma proseguiamo.
  4. Più volte nel corso del thread hai detto che è giusto dare in mano a degli adolescenti gli smartphone. Ricollegando i tre punti sopra, chi oggi non da lo smartphone alle proprie creature le sta implicitamente condannando ad una vita di razzismo.

Questo è il ragionamento che si evince dai tuoi post.
Offline massi_x
Novizio
Novizio

Avatar utente
 
Messaggi: 199
Iscritto il: 03 novembre 2015
Goblons: 0.00
Località: Antibes (France)
Utente Bgg: massi_x
Board Game Arena: massi_x
Yucata: massi_x
Facebook: massimo.gengarelli
Twitter: gengaro
Mercatino: massi_x

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda Sephion » 4 dic 2015, 13:57

Massi credo che computerman intendesse che i pregiudizi devono essere superati, sugli smartphone come una volta i pregiudizi erano sugli immigrati (e qualcosa persiste pure ora). Secondo computerman ci sono molti pregiudizi sugli smartphone, questo è quello che ho capito io dal discorso ;-)

Inviato dal mio D2303 utilizzando Tapatalk
I know I was born and I know that I'll die, but in between is mine.

Aiutaci a creare il gioco della Tana dei Goblin!
http://www.goblins.net/phpBB3/la-tana-d ... 61-90.html

Immagine
Offline Sephion
Saggio
Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Organization
 
Messaggi: 2329
Iscritto il: 27 novembre 2011
Goblons: 20.00
Località: Fiumicello (UD)
Mercatino: Sephion
Sei iscritto da 5 anni. Sono un Goblin Ho partecipato alla Play di Modena Berserk fan Birra fan Playstation fan Cloud Strife fan Ventennale Goblin

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 4 dic 2015, 18:44

Che su di un forum ci possano essere problemi di comunicazione lo si mette in preventivo, ma che una eventuale virgola sbagliata (e non è questo il caso) possa addirittura disintegrare tutto l'argomento di fondo ed il contesto di un discorso fatto in precedenza mi fa restare perplesso :pippotto:
Mi dispiace e chiedo scusa se in qualche modo è stato frainteso il mio discorso e mi preme una considerazione prima della spiegazione; non vuole essere un topic di botta e risposta con me, altrimenti vi lasciavo il mio numero di cellulare e ci potevamo "insultare" ( :asd: ) a voce, ma è un modo pensavo carino per disquisire di un altro argomento, diverso da quello principale che si propone di affrontare il sito/forum. Mi chiedo sinceramente anche come siamo riusciti a passare dagli "Internet of Things" agli smartphone...ma tant'è...

Sephion ha scritto:Massi credo che computerman intendesse che i pregiudizi devono essere superati, sugli smartphone come una volta i pregiudizi erano sugli immigrati (e qualcosa persiste pure ora). Secondo computerman ci sono molti pregiudizi sugli smartphone, questo è quello che ho capito io dal discorso ;-)

Inviato dal mio D2303 utilizzando Tapatalk


Perfetto mi fa piacere che il senso generale ed il contesto tu sia riuscito a coglierli e cerco di ampliare le tue parole, la mia provocazione voleva solo portare a dire che se oggi, nel 2015, ci sono persone fra di noi che nutrono dei pregiudizi sull'utilizzo di una tecnologia, qualunque essa sia, sono delle persone probabilmente chiuse e non aperte al mondo. E queste persone rispecchiano neanche tanto lontanamente quelle persone chiuse che si trovano in tanti talk show che dicono che l'immigrato "ci ruba il lavoro" e amenità simili. Da questo a dire "se non hai uno smartphone allora sei un razzista" ce ne passa e non lo penso e mi dispiace se qualcuno si è sentito "toccato" ma ribadisco non è un mio pensiero. Il mio pensiero è più generale, nel cercare di allargare i nostri orizzonti, di distogliere lo sguardo dal nostro orticello o dall'odiosa frase "qui per X anni si è sempre fatto così". La tecnologia o eliminiamo questa parola, l'innovazione ci deve portare a questo, a non fossilizzarci sulle nostre credenze e convinzioni, ma andare avanti, capire di che beneficio è una eventuale notizia letta oggi sul giornale o sull'ansa e cosa questo porterà. È un giochino molto interessante, leggete una notizia, sia questa di sport/finanza/politica/tecnologia e cercate di immaginare come questo potrà cambiare voi ed il mondo che vi circonda.
Fare una cosa da 10-20-40 anni non vuol dire che sia la soluzione migliore e una macchina che prende il posto di un operaio non è per forza deleteria, non sta rubando il lavoro come alcuni sindacati/talk show vogliono far credere. Ma qui ci sarebbe da aprire una dissertazione filosofica che nulla ha a che vedere con lo scopo e l'argomento principale di questo topic.

massi_x ha scritto:
"L'uomo moderno deve provare, testare e sperimentare per capire, comprendere e non farci fermare dalle diversità"

Fino a qui sono d'accordo con te: chi non lo sarebbe? Poi però dici una cosa strana.

per non farci fermare dalla diversità, che oggi è lo smartphone e domani è l'immigrato. Io credo sia tutto collegato

Quel "che" dopo la virgola lega la frase secondaria alla primaria e si riferisce alla diversità.
In maniera implicita dici quindi quattro cose diverse:
  1. Oggi la diversità che l'uomo deve testare e sperimentare per capire, comprendere e non farsi fermare è lo smartphone. Ovviamente non sono d'accordo poiché lo smartphone non rappresenta una diversità ma un lusso. Ho lo smartphone perché me lo sono potuto permettere e perché sono maturo abbastanza da farne un uso corretto. Non vedo in che modo chi non lo ha per scelta sia diverso.
  2. L'immigrato farà parte della diversità che l'uomo dovrà testare e sperimentare per capire, comprendere e non farsi fermare. Onestamente non vedo come si possa testare e sperimentare un immigrato e vengono quasi spontanee battute a sfondo sessuale che non farò. In linea di fondo e per quanto il concetto sia stato espresso in malo modo mi trovi d'accordo. Non si capisce molto il rapporto fra smartphone e immigrato.
  3. Il sillogismo logico ed evidente dei due concetti espressi sopra è che se oggi non riusciamo a testare e sperimentare gli smartphone ci faremo fermare dalle diversità delle quali l'immigrato fa parte. Ergo, farsi fermare dagli smartphone oggi significa farsi fermare dall'immigrato domani. Ho molti colleghi che non hanno smartphone e non sono razzisti quindi ti posso già dire che hai torto, ma proseguiamo.
  4. Più volte nel corso del thread hai detto che è giusto dare in mano a degli adolescenti gli smartphone. Ricollegando i tre punti sopra, chi oggi non da lo smartphone alle proprie creature le sta implicitamente condannando ad una vita di razzismo.

Questo è il ragionamento che si evince dai tuoi post.


Ho in parte già risposto credo ad alcuni tuoi dubbi, semmai è errato un concetto di fondo che ribadisco (resto sull'argomento per una migliore comprensione, pur avendo già spiegato che non penso a no smartphone uguale razzismo), non è colui che eventualmente non riceve lo smartphone a diventare razzista, ma colui che non da lo smartphone ad "essere razzista". Ora smartphone e razzismo insieme in una discussione di tecnologia centrano poco, specialmente la seconda parola, ma come ho scritto in precedenza il concetto che voglio far passare è di non essere chiusi a prescindere.
Quindi frasi come "Oggi la diversità che l'uomo deve testare e sperimentare per capire, comprendere e non farsi fermare è lo smartphone" non le esprimo ne le approvo ne penso, ne hanno alcun senso per me. In verità non sono d'accordo neanche quando parli che lo smartphone è un lusso, forse il caro vecchio cellulare 10 anni fa lo era, oggi ci sono sistemi android che trovi anche a 50€ e fanno sostanzialmente quello che fanno i loro fratelli maggiori che paghi 600€ (ovviamente con le dovute proporzioni e qualità differenti).

Spero quindi di aver chiarito il dubbio sul perchè smartphone ed immigrato non siano legati se non dal fatto che anche un immigrato se lo possa comprare :D

Torniamo allora in topic ed aggiungiamo un po di carne al fuoco...mi piacerebbe capire da chi frequenta e legge il topic dove vogliamo andare a parare. Nel senso, vi do qualche notiziola da commentare insieme, tipo le macchine Tesla che hanno ricevuto un aggiornamento software e hanno alcune funzioni che permettono loro di andare automaticamente (e quindi discutere sia sul beneficio che ci continuano a portare gli Internet of things, con auto che ricevono aggiornamenti e nuove funzioni anche dopo averle acquistate ma anche delle auto del futuro a guida autonoma e se voi siete favorevoli/contrari).
Oppure preferite indirizzare il topic verso argomenti più di uso quotidiano...esempio:

Spesso mi viene chiesto nella vita reale o in altri forum leggo questa domanda "Qual'è il miglior smartphone/console/tablet/affettatrice/ferro da stiro?" E qui potrebbe esserci la risposta e la perla che do un po a tutti quelli che mi fanno questa domanda e che condivido con voi "Cosa ci devi fare?" Se si prosegue su questo argomento poi magari vi dico anche perchè la mia prima risposta è questa e non indico che so un prodotto o non gli chiedo quanto vuole spendere.
Ovviamente nessuna delle cose esclude l'altra...possiamo commentare news tecnologiche per capire da qui a 3 anni dove saremo e possiamo anche cercare di districarci nella scelta del miglior prodotto tecnologico che fa al caso nostro :grin:
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda donhaldo » 4 dic 2015, 19:14

computerman ha scritto:se oggi, nel 2015, ci sono persone fra di noi che nutrono dei pregiudizi sull'utilizzo di una tecnologia, qualunque essa sia, sono delle persone probabilmente chiuse e non aperte al mondo. E queste persone rispecchiano neanche tanto lontanamente quelle persone chiuse che si trovano in tanti talk show che dicono che l'immigrato "ci ruba il lavoro" e amenità simili.


Spero proprio tu stia scherzando!... :Straeyes:
Immagine
Offline donhaldo
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2290
Iscritto il: 24 marzo 2014
Goblons: 100.00
Località: Modena
Utente Bgg: donhaldo
Mercatino: donhaldo

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda computerman » 4 dic 2015, 19:30

donhaldo ha scritto:
computerman ha scritto:se oggi, nel 2015, ci sono persone fra di noi che nutrono dei pregiudizi sull'utilizzo di una tecnologia, qualunque essa sia, sono delle persone probabilmente chiuse e non aperte al mondo. E queste persone rispecchiano neanche tanto lontanamente quelle persone chiuse che si trovano in tanti talk show che dicono che l'immigrato "ci ruba il lavoro" e amenità simili.


Spero proprio tu stia scherzando!... :Straeyes:


Be una persona chiusa è chiusa...se vuoi cancelliamo la parola immigrato e ci mettiamo la parola fax meglio delle email o che i fax/email rubano il lavoro ai postini. Oppure è meglio il cavallo che l'automobile perchè l'automobile ruba il lavoro alle diligenze (questo si diceva ad inizio del 900)...passa il tempo, si spostano gli oggetti delle nostre preoccupazioni ma una persona che non guarda più in là del proprio naso la si riconosce in qualunque epoca.
Offline computerman
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 1872
Iscritto il: 14 gennaio 2015
Goblons: 150.00
Mercatino: computerman
Telegram Fan

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda Sephion » 4 dic 2015, 19:47

Ragazzi fermi un minuto è evidente che qua si sta creando un grosso equivoco. Il punto di vista di Computerman è che non bisogna essere ostili verso le nuove tecnologie mentre quello di Donhaldo è semplicemente quello di non affrettare i tempi con le nuove tecnologie. Difatti in un precedente messaggio ha detto che fa largo uso della tecnologia ma per bambini di quell'età è troppo presto. Mettiamo da parte gli equivoci ;-) scusate se il messaggio non ha un bell'italiano ma lo sto dettando al telefono mentre vado ad allenamento. Per favore non fatemi schiantare con la macchina o peggio saltare l'allenamento :-)
I know I was born and I know that I'll die, but in between is mine.

Aiutaci a creare il gioco della Tana dei Goblin!
http://www.goblins.net/phpBB3/la-tana-d ... 61-90.html

Immagine
Offline Sephion
Saggio
Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Organization
 
Messaggi: 2329
Iscritto il: 27 novembre 2011
Goblons: 20.00
Località: Fiumicello (UD)
Mercatino: Sephion
Sei iscritto da 5 anni. Sono un Goblin Ho partecipato alla Play di Modena Berserk fan Birra fan Playstation fan Cloud Strife fan Ventennale Goblin

Re: Ma vogliamo parlare un po di tecnologia?

Messaggioda Rage » 6 dic 2015, 12:11

Io sono con Computerman per certi versi, e Donhaldo per altri. Diciamo che la verità sta nel mezzo ed il bello di tutto ciò è che possiamo ascoltare le idee di tutti, non accettarle, ma discuterne sempre con toni di rispetto.
La tecnologia avanza, vero, bisogna essere al passo coi tempi o si viene tagliati fuori, anche a volte nel mondo del lavoro. Ma ci sono persone "deboli" che vanno salvaguardate, vedi bambini, anziani, persone con handicap intellettivi che faticano a comprendere il bene e il male che tutto ciò comporta. Perché anche la tecnologia non porta solo qualcosa di positivo, agevolandoci magari le nostre abitudini quotidiane, ma porta con sé anche strumenti che possono essere causa di danno, a volte anche serio (vedi il crescere del cyberbullismo). Credo che non serva la censura a priori o il demonizzare alcuni strumenti, ma basta sempre il buon senso.
Mio padre non mi ha mai comprato una console negli anni 80 perché per lui era il male. Io vedevo i miei amici giocare con C64 Amiga e Atari. Sapete cosa ho fatto con il primo stipendio? Il mio primo PC. Sapete cosa sono per me oggi i VG a 40? Il miglior svago dopo i boardgames. Ma sopratutto ho saputo la verità: mio padre mi privò dei VG perché lui stesso provava "magnetismo" e aveva paura che se fosse entrata una consolle il casa, lui avrebbe distolto l'attenzione alla sua famiglia. Oggi lui videogioca con il suo Medieval Total War felice e contento. Come vedete, spesso censurare divertimento ai bambini non serve, censurare ciò che noi riteniamo sia un male, non è neanche giusto. Magari conoscere certi strumenti e utilizzarli INSIEME è meglio, perché a volte si pensa che cellulare, consolle o VG sostituiscano la figura di educatore. Chi ha la mia età ricorda come veniva demonizzata la TV... Vi invito a riflettere e a discuterne, senza cambiare la vostra idea, ma magari, condividerla sapendo che l'altro comunque non la penserà come voi

Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk
Immagine
Offline Rage
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Organization
 
Messaggi: 1318
Iscritto il: 28 luglio 2004
Goblons: 70.00
Località: Ronchi dei Legionari (GO)
Utente Bgg: R@ge
Facebook: Mancaugi
Mercatino: Rage
Recensioni Minute  Fan Sgananzium Fan 10 anni con i Goblins Sei nella chat dei Goblins Ho partecipato alla Play di Modena Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col verde Tifo Inter Frush fan Star Wars fan Ho contribuito alla Visibility della Play 2016! Podcast Maker Telegram Fan Ventennale Goblin

PrecedenteProssimo

Torna a Sproloqui e chicche varie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron