Malvagi per il bene comune

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Sephion, pacobillo, Rage

Malvagi per il bene comune

Messaggioda linx » 5 feb 2007, 21:29

Vi è mai capitato di dover essere costretti a giocare in modo cattivo per stimolare l'aggressività degli altri giocatori?
Con il passare del tempo e il consolidarsi delle amicizie spesso ho l'impressione che sempre più persone diventino pacifiste ad oltranza, anche quando, in teoria, stiamo giocando ad un gioco dove l'attacco e la conquista di territori è parte importante dello stesso.
Alcuni giochi danno il meglio di loro se i giocatori FANNO qualcosa invece di continuare a rinforzarsi e costruire nel loro angolino. L'unico modo che ho, spesso, per spingere le persone a sfruttare il lato "Bastardo" del gioco è dar loro una buona motivazione o un buon ( :twisted: ) esempio.
Mi ritrovo così sempre più spesso a fare mosse un filo ardite per "accendere" gli altri e che spesso mi ritrovo a vincere per mancanza di vera reazione o perdere per puro accanimento distante da qualsiasi spirito di sana competizione.
Ormai ho un'aura di sospetto e terrore che circonda ogni mia azione nei giochi cattivi, tanto che spesso il modo migliore di vincere è sfruttare la loro paura per NON attaccarli e lanciarmi in strategie estreme senza coprirmi le spalle.
Come vi comportate voi? Ci sono questi ultrapacifisti nel vostro gruppo? Vi date al male per il bene del divertimento?
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6616
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda genluvi » 6 feb 2007, 17:28

Concordo pienamente! Se da una parte il pacifismo ad oltranza è indice di bontà dei giocatori e degli amici, dall'altra rischia di spegnere un po' il gioco. In particolare l'ho notato tra coppie. Capita addirittura che una persona vinca perchè nessuno ha mai tentato di ostacolarla anche se evitentemente sarebbe stata la mossa più logica e conveniente, e devo ammetterlo a volte costruisco le mie strategie su queste debolezze. Penso che il buon esempio sia la cosa migliore :)! Però io la vedo così, significa che anche per gioco ci vuol troppo bene per farsi del male e questo lo trovo incoraggiante.
La via [...] mi piaceva, ma mi era ancora spiacevole passare per le sue strettoie.
- S. Agostino, Le Confessioni -
Offline genluvi
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 436
Iscritto il: 14 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: Venezia
Mercatino: genluvi

Messaggioda donbega » 6 feb 2007, 17:48

E' un grosso rischio ed è vero sopratutto quanto i giochi lo permettono. Mi spiego meglio: la prima edizione di Twilight Imperium era costruita in modo tale da incoraggiare, suo malgrado, una strategia di tipo "attendista" dove colui che vinceva, spesso, era quello che si era esposto meno. Così facendo il gioco tendeva a stagnare poichè ognuno voleva costruirsi il suo "orticello" cercando di non dar troppo nell'occhio. Con la terza edizione tutto questo non è più possibile, poichè il perseguimento di obiettivi, per ottenere punti vittoria, obbliga tutti ad un gioco più aggressivo. Chi cerca di costruirsi l'angolino isolato, sicuramente solidifica il suo impero, ma è quasi certo che perderà la partita. Da questo si deduce, che devono essere i regolamenti ad incentivare l'inerazione. Anche quella "bastarda". Se, al contrario, le regole incoraggiano la non belligeranza, è chiaro che prevalga la politica del buon vicinato. Per quanto riguarda le coppie, invece, la questione è più complicata. E trovo assolutamente diseducativo, proprio per la coppia stessa, aiutare il partner a vincere. E' indice di insicurezza e di scarsa fiducia nei confronti del/la priprio/a compagno/a. :!:
<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it
Offline donbega
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 359
Iscritto il: 27 marzo 2006
Goblons: 700.00
Località: Bagno a Ripoli (FI)
Mercatino: donbega

Messaggioda IlProfessore » 6 feb 2007, 18:41

Si, talvolta gioco contro ultrapacifisti ed è terribile. So già che se mai dovranno danneggiare qualcuno sicuramente non lo faranno mai tra di loro e concentreranno i loro attacchi su di me solo perché sanno che guardo in faccia a nessuno... A parte questo, sono della teoria che un ultra pacifista non possa essere convinto a giocare in maniera più aggressiva in modo da vivacizzare un po' le partite, cercando di scatenarne la reazione...in questo modo semplicemente non si divertirà :cry:

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Re: Malvagi per il bene comune

Messaggioda romendil » 6 feb 2007, 19:05

linx ha scritto:Vi è mai capitato di dover essere costretti a giocare in modo cattivo per stimolare l'aggressività degli altri giocatori?

Capita anche a me, nel mio gruppo. La cosa più antipatica sono le alleanze che vanno al di fuori del gioco e che sfociano nel metagaming. Ad esempio mi è capitato da poco che a Mare Nostrum il Romano e il Greco si sono promessi pace eterna per cui uno dei due non ha deliberatamente attaccato mai l'altro che aveva lasciato ampiamente il fianco scoperto... E mi sono trovato io a dover attaccare per non far finire la partita nella banalità più completa. Che tristezza! :-(
RòmeNdil (goblin chierico), ultimamente ho giocato a:
Immagine
"L'importante non è né vincere, né partecipare: è divertirsi, davvero!"
Offline romendil
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 7417
Iscritto il: 25 ottobre 2004
Goblons: 1,235.00
Località: Roma
Utente Bgg: romendil
Board Game Arena: romendil
Yucata: romendil
Mercatino: romendil
Android Netrunner Fan Through the ages Fan Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins Tifo Roma Io faccio il Venerdi GdT!

Messaggioda linx » 6 feb 2007, 20:01

IlProfessore ha scritto:A parte questo, sono della teoria che un ultra pacifista non possa essere convinto a giocare in maniera più aggressiva in modo da vivacizzare un po' le partite, cercando di scatenarne la reazione...in questo modo semplicemente non si divertirà :cry:


Ma non si diverte neanche se gioca senza attaccare a determinati giochi!
Come fai a giocare al trono di Spade senza attaccare! E' uno dei pochi giochi dove puoi addirittura fare attacchi senza perdita da ambo i lati!

Elasund se lo giochi senza insidiare l'un l'altro gli edifici altrui è insulso.

E così anche altri giochi. Se attaccando non si divertono non lo fanno neanche non facendolo. Se faccio lo sborone attaccando in modo spensierato magari qualcuno comincia ad imitarmi.
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6616
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Flad-Nag » 6 feb 2007, 20:20

genluvi ha scritto:[...] In particolare l'ho notato tra coppie [...]


Già: a me è capitato di vedere lui che non carica il mais a Puerto Rico perchè lo deve caricare la sua bella, facendole fare 7 pv... oppure sempre lui con lo sguardo da triglia chiedere a lei: "amore, ti posso attaccare?"... oppure ho visto infinite indecisioni sul giocare una carta "bastarda" solo perchè il bersaglio è l'amata... o lei fulminare con lo sguardo il proprio lui perchè le ha chiuso una città a Carcassonne... o il soldato a Citadels distruggere un quartiere di chi ne aveva solo 5 (indovinate chi ne aveva 7?) ...

:cry: :cry: :cry:


FN
Offline Flad-Nag
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 17 ottobre 2005
Goblons: 0.00
Località: Omate, a Est di Monza (MB)
Utente Bgg: Flad-Nag
Board Game Arena: Flad-Nag
Facebook: matteo.torricelli
Mercatino: Flad-Nag

Messaggioda genluvi » 6 feb 2007, 21:39

Flad-Nag ha scritto:
Già: a me è capitato di vedere lui che non carica il mais a Puerto Rico perchè lo deve caricare la sua bella, facendole fare 7 pv... oppure sempre lui con lo sguardo da triglia chiedere a lei: "amore, ti posso attaccare?"... oppure ho visto infinite indecisioni sul giocare una carta "bastarda" solo perchè il bersaglio è l'amata... o lei fulminare con lo sguardo il proprio lui perchè le ha chiuso una città a Carcassonne... o il soldato a Citadels distruggere un quartiere di chi ne aveva solo 5 (indovinate chi ne aveva 7?) ...

:cry: :cry: :cry:


FN


Già già...la cosa che capita più spesso a me è lei che chiede consiglio al suo ragazzo, mostrandogli pure le carte o cos'altro deve tenere nascosto, se deve attaccarlo non lo fa, oppure a parità di costo-beneficio sceglie sempre qualcun altro. Ho notato però che succede più spesso in giochi un po' più complessi, dove magari lei non ha la padronanza completa del regolamento...quasi non volesse far male a chi potrebbe poi aiutarla...in questo senso è anche comprensibile.

Cmq tornando al discorso del dare l'esempio io ne ho visto i frutti...il mio boy quando può non ha riserve nel attaccarmi o nel mettermi in svantaggio :cry: e così stanno imparando anche gli altri...
La via [...] mi piaceva, ma mi era ancora spiacevole passare per le sue strettoie.
- S. Agostino, Le Confessioni -
Offline genluvi
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Messaggi: 436
Iscritto il: 14 gennaio 2005
Goblons: 0.00
Località: Venezia
Mercatino: genluvi

Messaggioda donbega » 6 feb 2007, 23:17

genluvi ha scritto:Cmq tornando al discorso del dare l'esempio io ne ho visto i frutti...il mio boy quando può non ha riserve nel attaccarmi o nel mettermi in svantaggio :cry: e così stanno imparando anche gli altri...

Cara genluvi, permettimi di dirtelo: il tuo boy è un grande!! E' così che si fa, e non potrebbe essere diversamente. Credimi, è una grossa dimostrazione di affetto da parte sua. Anch'io, con mia moglie, mi comporto in maniera simile. Diciamo pure, che qualche volta se l'è anche un pò presa, all'inizio, ma ora ha capito e quando vede certi "favoritismi" fra le altre coppie, si sdegna proprio!! (non so se anche te fa lo stesso effetto...) ;)
<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it
Offline donbega
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 359
Iscritto il: 27 marzo 2006
Goblons: 700.00
Località: Bagno a Ripoli (FI)
Mercatino: donbega

Messaggioda Ciaci » 7 feb 2007, 0:54

E' un problema diffuso ed ho riscontrato anch'io che solitamente ciò accade se al tavolo ci sono coppie o donzelle.
Io sono arrivato al compromesso di non proporre giochi che richiedano di interferire nelle azioni dell'avversario se ho al tavolo un certo tipo di persone, in questo caso mi butto verso un cooperativo o titoli tipo Carcassonne (che può essere giocato docilmente) o Alhambra (in cui coltivi il tuo orticello).
Io mi diverto un po' meno, però passiamo comunque un'oretta piacevole.

I problemi sorgono quando al tavolo hai un paio di giocatori aggressivi (dal punto di vista ludico) e gli altri pacifisti. Di solito ne esce una partita noiosa con qualcuno che storce il naso (per un verso o per l'altro).

Io trovo che se il gioco lo richiede non bisogna guardare in faccia nessuno e giocare "bastardi". Il gioco deve essere un momento in cui l'individuo esce dalla sua realtà e si cala in una nuova dimensione ludica, in un altro mondo, lasciando fuori tutto quello che riguarda i sentimenti, i principi morali e gli scrupoli, gestendo sempre e comunque le proprie azioni all'interno di una serie di regole. Terminata la partita si ritorna amici come prima pronti ad una nuova sfida.

Trovo che questo comportamento sia indice di grande civiltà, serva per imparare la cultura della sconfitta e sia di sfogo allo strress che accumuliamo nella vita di tutti i giorni. Applicando questo concetto ad altri campi sono convinto che potremmo avere un mondo migliore. ;)
Offline Ciaci
Maestro
Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 981
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 510.00
Località: Spilimbergo (PN) e dintorni
Mercatino: Ciaci

Messaggioda donbega » 7 feb 2007, 11:25

Ciaci ha scritto:Io trovo che se il gioco lo richiede non bisogna guardare in faccia nessuno e giocare "bastardi". Il gioco deve essere un momento in cui l'individuo esce dalla sua realtà e si cala in una nuova dimensione ludica, in un altro mondo, lasciando fuori tutto quello che riguarda i sentimenti, i principi morali e gli scrupoli, gestendo sempre e comunque le proprie azioni all'interno di una serie di regole. Terminata la partita si ritorna amici come prima pronti ad una nuova sfida.

Trovo che questo comportamento sia indice di grande civiltà, serva per imparare la cultura della sconfitta e sia di sfogo allo strress che accumuliamo nella vita di tutti i giorni. Applicando questo concetto ad altri campi sono convinto che potremmo avere un mondo migliore. ;)

Coloro che giocano "duri" sono i veri giocatori. Sono coloro che sono riusciti a calarsi nella parte. Non esistono vie di mezzo: sarebbe come andare al cinema e non riuscire e guardare un film senza coinvolgimento. Ne risulterebbe un'esperienza meramente noiosa. Nel gioco (come anche nel sesso 8-O ) bisogna sapersi far "prendere" altrimenti non saremo mai ingrado di apprezzarli sino in fondo. Sono d'accordo che ci vuole anche un pò di "allenamento", ma è vero anche che esistono degli individui che ci marciano sopra e fanno di tutto per restare "freddi" al richiamo selvaggio del gioco bastardo. :evil:
<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it
Offline donbega
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 359
Iscritto il: 27 marzo 2006
Goblons: 700.00
Località: Bagno a Ripoli (FI)
Mercatino: donbega

Messaggioda Cuchulain » 7 feb 2007, 14:06

A dire il vero mia moglie non ci pensa minimamente se è il caso di giocare contro o meno: lo fa (e secondo me con grande piacere :lol: ) e basta!
Anzi, anche giocando con altre persone al tavolo aveva l'abitudine di ostacolarmi comunque, pur non essendo necessario o addirittura tatticamente dannoso.
Adesso sta imparando che l'importante è giocare al meglio delle proprie possibilità e non è sfogarsi perchè ho lasciato tutti i piatti da lavare!
E' veramente terribile... :dry_sm:

Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzû)

Offline Cuchulain
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 361
Iscritto il: 15 gennaio 2005
Goblons: 20.00
Località: Collegno (TO)
Mercatino: Cuchulain

Messaggioda linx » 7 feb 2007, 14:17

Cuchulain ha scritto:Adesso sta imparando che l'importante è giocare al meglio delle proprie possibilità e non è sfogarsi perchè ho lasciato tutti i piatti da lavare!


:lol: :lol: :lol: :lol:
Insomma per giocare con donne agguerrite bisogna far montare loro un pò di rabbia da sfogare in sano divertimento? :-?
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Messaggi: 6616
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Mercatino: linx
Agricola fan Membro della giuria Goblin Magnifico Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Cuchulain » 7 feb 2007, 14:21

linx ha scritto:Insomma per giocare con donne agguerrite bisogna far montare loro un pò di rabbia da sfogare in sano divertimento? :-?


Per quanto riguarda mia moglie è genetico, ma diciamo che l'idea di fornire loro un pretesto per essere aggressive non è poi così male! :cool_sm:

Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzû)

Offline Cuchulain
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
 
Messaggi: 361
Iscritto il: 15 gennaio 2005
Goblons: 20.00
Località: Collegno (TO)
Mercatino: Cuchulain

Messaggioda IlProfessore » 7 feb 2007, 16:15

linx ha scritto:
IlProfessore ha scritto:A parte questo, sono della teoria che un ultra pacifista non possa essere convinto a giocare in maniera più aggressiva in modo da vivacizzare un po' le partite, cercando di scatenarne la reazione...in questo modo semplicemente non si divertirà :cry:


Ma non si diverte neanche se gioca senza attaccare a determinati giochi!
Come fai a giocare al trono di Spade senza attaccare! E' uno dei pochi giochi dove puoi addirittura fare attacchi senza perdita da ambo i lati!

Elasund se lo giochi senza insidiare l'un l'altro gli edifici altrui è insulso.

E così anche altri giochi. Se attaccando non si divertono non lo fanno neanche non facendolo. Se faccio lo sborone attaccando in modo spensierato magari qualcuno comincia ad imitarmi.

E invece (non so neanch'io come) si divertono così, ANZI se fai lo sborone iniziano a provare anche del risentimento nei tuoi confronti...
aiuto...ho sentito gente dirmi che gioca solo per stare in compagnia (nemmeno per giocare!)Aaaarghh...
Personalmente gioco per stare in compagnia, per giocare e per VINCERE! :twisted:

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

Offline IlProfessore
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
TdG Moderator
 
Messaggi: 3286
Iscritto il: 03 novembre 2004
Goblons: 0.00
Località: Pisa
Mercatino: IlProfessore

Prossimo

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti